L'influenza della rivoluzione digitale sulla generazioni di artisti che l'ha vissuta: Visio a Firenze

L'influenza della rivoluzione digitale sulla generazioni di artisti che l'ha vissuta: Visio a Firenze

L’arte contemporanea torna a Palazzo Strozzi dal 13 novembre al 1 dicembre con la mostra Visio. Moving Images After Post-Internet, che riunisce le opere dei 12 artisti under 35 partecipanti alla VIII edizione di Visio. European Programme on Artists’ Moving Images - progetto promosso e realizzato dallo Schermo dell’arte Film Festival e curato da Leonardo Bigazzi.

“Lo schermo dell’arte Film Festival rappresenta una realtà importante nel panorama culturale fiorentino, una delle tante eccellenze presenti in città con le quali Palazzo Strozzi ama collaborare da sempre” – afferma Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi – “In particolare il progetto VISIO curato da Leonardo Bigazzi si è già rivelato una delle più interessanti iniziative sull’arte delle immagini in movimento e dal 13 novembre al 1 dicembre gli spazi della Strozzina di Palazzo Strozzi ne ospiteranno una nuova edizione dal titolo Moving Images After Post-Internet, che riunisce opere di 12 artisti under 35. Promuovere i giovani artisti è un’occasione che si pone coerentemente all’interno della politica culturale di Palazzo Strozzi, che è sempre di più punto di riferimento per l’arte del presente. Questa collaborazione conferma la nostra naturale vocazione a fare sistema sul territorio, creando opportunità di scambio e di confronto con altre istituzioni, confermando l'ambizione di Palazzo Strozzi di essere sempre più piattaforma multidisciplinare di Firenze”.

“La mostra Visio. Moving Images After Post-Internet – spiega il curatore Leonardo Bigazzi - intende riflettere sull'influenza che la rivoluzione digitale dell'ultimo decennio e il fenomeno post-internet hanno avuto sulla generazioni di artisti che ha vissuto questi cambiamenti negli anni della propria formazione. Le opere selezionate affrontano temi fondamentali del nostro tempo come la normalizzazione della violenza, l’identità di genere, le politiche dei confini, la privatizzazione della conoscenza, il limite tra reale e virtuale, il valore della memoria, la relazione tra uomo e animale e il senso di precarietà costante dell’esistenza. In mostra si ritrovano elementi tecnici e concettuali tipici delle pratiche post-internet, come l’uso di realtà virtuale (VR), immagini CGI, videogiochi e video appropriati dalla rete. Ci sono però anche artisti che concettualmente hanno deciso di distanziarsi da questo tipo di estetica, attraverso un linguaggio più cinematografico, film in pellicola e found footage.

Negli ultimi anni la rivoluzione digitale e l’accelerazione imposta dai nuovi mezzi di comunicazione, hanno profondamente cambiato il linguaggio delle moving images e i loro modelli espositivi. Gli schermi dei computer e degli smartphone sono diventati il mezzo principale con cui le immagini e i video vengono condivisi, ridefinendo così la relazione tra pubblico e opera d’arte. Si è assistito all’ascesa della cosiddetta “condizione post-internet”, definizione adottata a partire dalla fine del primo decennio del 2000 per descrivere una pratica del fare arte che non poteva più prescindere dal confronto con la crescente iperconnettività della rete, sia in termini concettuali, che produttivi e distributivi. Tuttavia il significato dell’espressione post-internet è variato alla stessa rapidità della tecnologia a cui era associato, diventando obsoleto e controverso, e riducendosi per lo più alla categorizzazione, spesso dispregiativa, di una vasta tipologia formale di opere. Un’estetica patinata influenzata dalla retorica visiva della pubblicità digitale, della computer grafica e del corporate branding. La mostra intende approfondire queste trasformazioni, l’eredità del fenomeno post-internet e le eventuali cause di un suo definitivo superamento.

 

 

 

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano in mostra a Prato

Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano in mostra a Prato

"Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano nelle collezioni di Palazzo Pretorio e della Fondazione De Vito" è il titolo della mostra organizzata dal...
Corrado Cagli, l’esilio americano e il suo laboratorio eclettico

Corrado Cagli, l’esilio americano e il suo laboratorio eclettico

C'è tutto il suo eclettico laboratorio di idee in questo percorso ricco di circa 200 opere fra dipinti, disegni, sculture, ceramiche, illustrazioni,...
Dopo un secolo di attesa Modigliani torna nella sua Livorno

Dopo un secolo di attesa Modigliani torna nella sua Livorno

Si è appena aperta la grande mostra retrospettiva di Amedeo Modigliani (1884-1920) a Livorno, città natale dell'artista, in occasione del centesimo...

Opere monumentali sul mistero ultimo dell’artista visivo Mario Vespasiani 

Al MuMi Museo Michetti di Francavilla al Mare, Chieti, mostra personale di Mario Vespasiani dal titolo Eschatology - opere monumentali sul mistero...
Inside Magritte, mostra multimediale a Firenze tra reale e immaginario

Inside Magritte, mostra multimediale a Firenze tra reale e immaginario

Un’esperienza tra reale e immaginario, tra evocazione di un mondo onirico e racconto della vita concreta di uno dei massimi artisti del XX secolo e...

Weekly in Italian

Recent Issues