San Francisco honors and celebrates October as Italian Heritage Month

San Francisco honors and celebrates October as Italian Heritage Month

Supervisor Stefani at the City Hall with Gina Marie Guglielmoni, Queen Isabelle 2019

October in San Francisco has now a different feeling: the local Board of Supervisors just unanimously approved Supervisor Catherine Stefani’s resolution recognizing October as Italian American Heritage Month.

The announcement took place a few days before the 151st edition of the Italian Heritage Parade, when 150,000 people from all over California gathered around the North Beach neighborhood to honor Italians and Italian-Americans in the Bay. San Francisco joins now the cities of Los Angeles, Boston, and others in this monthly celebration of Italian culture, traditions, and history.

The 2019 Parade saw former San Francisco Fire Department Chief Joanne Hayes-White and San Francisco Giants pitcher Dave Dravecky serving as parade Grand Marshals. Mr Hayes-White was sworn in as Chief of the San Francisco Fire Department, the largest urban fire Department in the world with a female Chief, former Mayor and current Governor of California, Gavin Newsom. Mr Dravecky, of Italian descent, named an All-Star in 1983, played for nine seasons in Major League Baseball. After his career ended early due to cancer, he recovered from arm surgery and began a new career as a motivational speaker.

As every year, the parade began soon after midday at the foot of Jefferson and Stockton Streets in Fisherman's Wharf and ended a two hours later in Washington Square in front of Sts. Peter and Paul Church. Italian and Italian-American dignitaries, music, performances, floats and representatives of Italian and Italian-American organizations and businesses either walked or rode a car or a bicycle, and waved at the crowd.

San Franciscans
The first parade ever took place in 1868 in San Francisco's downtown, featuring the bands and marching units of Italian fraternal organizations, including the Garibaldi Guard, Swiss Guards and Lafayette Guards. Throughout the years, it has remained a legacy for the Italian communities in the Bay Area. The Italian Heritage Parade is the city’s oldest civic event. Diving into its historical origins, there was a time in which thousands of Italian immigrants found themselves without the riches they had anticipated, whereas many others were destitute and in need of assistance. That’s why Nicola Larco, the wealthiest member of the Italian Colony of San Francisco, wanted to provide some relief by founding La Società Italiana di Mutua Beneficenza. That was the first and largest mutual benefit society in San Francisco; today, it is oldest Italian organization in the United States.


After he retired from La Società Italiana di Mutua Beneficenza a decade later, Mr Larco took his next step by launching the First Columbus Day Celebration. Italian-Americans gathered in San Francisco to hold a parade and honor their accomplishments and remember Christopher Columbus.


The handcrafted floats bring together San Francisco Bay Area’s business and community groups, as well as Italian organizations and not Italian-Americans, local high school Italian clubs, and marching bands. This year’s parade also celebrated the Columbus Day Bazaar Cent’ Anni,  with a focus on the neighborhood’s heritage featuring iconic American, Italian, and Asian foods, and Carnival games and activities.

One of the parade’s focal points is for sure Queen Isabella and her Court, outstanding Italian-American young women who represent the ideals of the community for an entire year. Hard work, family and religion, and a love of life are what a panel of judges look for when it comes to choosing Queen Isabella. Also being a member of the court is more than an opportunity to show their own Italian pride. It is a terrific opportunity to celebrate the achievements of Italian-Americans in the community and helps educate others about the multi-faceted Italian culture. All members must represent the ideals of the Italian-American community: hard work, the importance of family and faith, and a love of life. That’s why the selection process is more complex than what imagined: the Court of Queen Isabella is chosen through an interview consisting of a panel of judges looking for generosity, community involvement, speaking skills, and a commitment to their Italian heritage. The members of the Court serve for one year and participate in many events representing their Italian culture.

In addition to the celebration, during the Grand Ball & Banquet at the Westin Hotel, Italian Consul General Lorenzo Ortona announced that the Italian President of the Republic, Sergio Mattarella, will be in the Bay Area on October 17th and 18th. The event marks an important moment for the Italian community in the Bay: we need to go back to 1982 to see the Italian Head of State visiting San Francisco and it was when President Sandro Pertini was warmly received by about 500 well-wishers at San Francisco City Hall where Mayor Dianne Feinstein awarded him the key to the city and a declaration proclaiming March 27-29 “President Pertini Day.” On Friday, President Mattarella will be at the Innovation Forum Italy-US at Stanford University, followed by a meeting with Mayor London Breed as well as a ceremony with the Italian community.
If you wish to continue honoring Italian culture, an exhibition with five artists kicked off at the Museo Italo-Americano at the beginning of the month. The exhibit features paintings, sketches, and photographs by five local artists: Sofia Carmi, Art De Fabio, Robert La Rocca, Tito Patri and Carlos Pillado.

Sofia Carmi, a Jerusalem born, with Italian roots on the paternal side, worked the “ Mind Maps ” series, speaking to various investigations of fantasy and mind travel. The artist creates art from vivid memories that interpret and investigate the outer world and diffuse it with her inner world of ideas.
Art Defabio is 100% Italian, with grandparents on both sides of his family having been born in the Molise region of Italy. Faces and Places of Umbria represents a reflection on the emotions and soul of the beautiful region of Umbria, considered the “Green Heart of Italy,” a region rich in agriculture and natural beauty, as well as traditions and families that span many generations. Tito Patri, a landscape architect and planner for over sixty years, taught and lectured in the US and Germany as well as estate planning in Umbria, Italy. His “ Bozzetti Italiani ” are at once unabashedly nostalgic and informative, illustrating the visually comfortable imposition of human systems (e.g. agriculture) on the landscape.
Carlos Pillado, Italian on his maternal side, calls his experience Soul Painting. While painting, the artist experiences an intense desire to manifest himself. As a consequence, the world in which he lives takes over, becoming the minimum requirement of his existence, its only purpose and hope.

Robert La Rocca was born in 1938 and was raised in the North Beach district of San Francisco. Beyond the Edge is the result of Robert’s past design experiences of fountain, plaza, and urban design, a strong geometric design driving his creative process. He explores the space around the canvas and engages the entire wall area as part of the composition.

The exhibit will be at the Museo Italo-Americano until February 2020. For more info, visit https://museoitaloamericano.org/5-artisti/

Ottobre a San Francisco ha un valore in più, adesso: il Consiglio locale delle autorità di vigilanza ha appena approvato all'unanimità la risoluzione di Catherine Stefani, che riconosce ottobre come "Italian American Heritage Month".

L'annuncio è arrivato pochi giorni prima della 151a edizione della Italian Heritage Parade, quando 150.000 persone provenienti da tutta la California si sono radunate intorno al quartiere di North Beach per onorare gli italiani e gli italoamericani nella baia. San Francisco si unisce ora alle città di Los Angeles, Boston e altre in questa celebrazione mensile della cultura, delle tradizioni e della storia italiana.
La parata del 2019 ha visto l'ex capo dei vigili del fuoco di San Francisco Joanne Hayes-White e l'ex lanciatore dei San Francisco Giants Dave Dravecky in qualità di Grand Marshal. Hayes-White ha prestato giuramento come capo dei Vigili del Fuoco di San Francisco, il più grande Dipartimento urbano dei vigili del fuoco del mondo con un capo donna, un ex sindaco e l’attuale governatore della California, Gavin Newsom. Dravecky, di origine italiana, nominato All-Star nel 1983, ha giocato per nove stagioni nella Major League Baseball. Dopo che la sua carriera si è conclusa presto a causa del cancro, si è ripreso da un intervento chirurgico al braccio e ha iniziato una nuova carriera come oratore motivazionale.

Come ogni anno, la parata ha avuto inizio subito dopo mezzogiorno ai piedi di Jefferson e Stockton Streets nel Fisherman's Wharf e si è conclusa due ore dopo in Washington Square di fronte alla Chiesa dei Santi Pietro e Paolo. Autorità italiane e italo-americane, musica, spettacoli, carri allegorici e rappresentanti di organizzazioni e aziende italiane e italoamericane hanno camminato o sono andati in auto o in bicicletta, e hanno salutato la folla.

Gli abitanti di San Francisco
La prima parata ebbe luogo nel 1868 nel centro di San Francisco, con le bande e le unità marcianti delle organizzazioni fraterne italiane, tra cui Garibaldi Guard, Swiss Guards e Lafayette Guards. Nel corso degli anni, è rimasta un'eredità per le comunità italiane nella Bay Area. La Sfilata del Patrimonio Italiano è la più antica manifestazione civica della città. Tornando alle sue origini storiche, c'è stato un periodo in cui migliaia di immigrati italiani si sono trovati senza le ricchezze previste, mentre molti altri erano indigenti e bisognosi di assistenza. Per questo Nicola Larco, il membro più ricco della colonia italiana di San Francisco, volle dare un po' di sollievo fondando La Società Italiana di Mutua Beneficenza. Quella fu la prima e più grande società di mutuo soccorso di San Francisco; oggi è la più antica organizzazione italiana negli Stati Uniti.

Dopo essersi ritirato dalla Società Italiana di Mutua Beneficenza un decennio dopo, Larco fece il passo successivo lanciando la prima celebrazione del Columbus Day. Gli italoamericani si riunirono a San Francisco per tenere una parata e onorare i loro successi e ricordare Cristoforo Colombo.

I carri artigianali riuniscono i gruppi economici e comunitari della San Francisco Bay Area, così come organizzazioni italiane e non italoamericane, club italiani delle scuole superiori locali e bande musicali. La sfilata di quest'anno ha anche celebrato il Columbus Day Bazaar Cent' Anni, con un focus sull'eredità del quartiere con cibi americani, italiani e asiatici, giochi e attività di carnevale.

Uno dei punti focali della sfilata è sicuramente la regina Isabella e la sua Corte: giovani donne italo-americane di spicco rappresentano gli ideali della comunità per un anno intero. Il duro lavoro, la famiglia, la religione e l'amore per la vita sono ciò che una giuria cerca quando si tratta di scegliere la regina Isabella. Anche essere membro della Corte è più che un'opportunità per dimostrare il proprio orgoglio italiano. E' un'ottima occasione per celebrare i successi degli italoamericani nella comunità e aiuta a educare gli altri sulla multiforme cultura italiana. Tutti i membri devono rappresentare gli ideali della comunità italoamericana: il duro lavoro, l'importanza della famiglia e della fede, e l'amore per la vita. Ecco perché il processo di selezione è più complesso di quanto non si pensi: la Corte della Regina Isabella viene scelta attraverso un'intervista affidata ad una giuria che ricerca generosità, coinvolgimento nella comunità, capacità di parlare e impegno per il patrimonio italiano. I membri della Corte prestano servizio per un anno e partecipano a numerosi eventi che rappresentano la cultura italiana.

Oltre alla celebrazione, durante il Grand Ball & Banquet al Westin Hotel, il Console Generale Lorenzo Ortona ha annunciato che il 17 e 18 ottobre il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, sarà nella Bay Area. L'evento segna un momento importante per la comunità italiana nella Baia: bisogna tornare al 1982 per vedere un Capo dello Stato italiano in visita a San Francisco ed è stato quando il Presidente Sandro Pertini è stato accolto calorosamente da circa 500 sostenitori al Municipio di San Francisco dove il Sindaco Dianne Feinstein gli consegnò le chiavi della città e una dichiarazione che proclamava il 27-29 marzo "President Pertini Day". Venerdì, il Presidente Mattarella sarà all'Innovation Forum Italia-USA all'Università di Stanford, poi a un incontro con il Sindaco London Breed e a una cerimonia con la comunità italiana.

Se volete continuare a onorare la cultura italiana, all'inizio del mese ha preso il via al Museo Italo-Americano una mostra con cinque artisti. La mostra presenta dipinti, schizzi e fotografie di cinque artisti locali: Sofia Carmi, Art De Fabio, Robert La Rocca, Tito Patri e Carlos Pillado.
Sofia Carmi, nata a Gerusalemme, con radici italiane dal lato paterno, ha lavorato alla serie "Mind Maps", che parla di un viaggio della fantasia e della mente. L'artista crea arte a partire da vivide memorie che interpretano e indagano il mondo esterno e lo riempiono con il suo mondo interiore di idee. Art Defabio è 100% italiano, con i nonni di entrambi i lati della sua famiglia nati in Molise. Faces and Places of Umbria (Volti e luoghi dell'Umbria) rappresenta una riflessione sulle emozioni e l'anima della bella regione Umbria, considerata il "Cuore Verde d'Italia", una regione ricca di agricoltura e bellezze naturali, così come di tradizioni e famiglie che si estendono su più generazioni. Tito Patri, architetto paesaggista e progettista da oltre sessant'anni, ha insegnato e tenuto conferenze negli Stati Uniti e in Germania, oltre che in Umbria, Italia. I suoi "Bozzetti Italiani" sono allo stesso tempo nostalgici e informativi. Illustrano l'imposizione visivamente confortevole dei sistemi umani (ad esempio l'agricoltura) sul paesaggio. Carlos Pillado, italiano di madre, chiama la sua esperienza Soul Painting. Mentre dipinge, l'artista sperimenta un intenso desiderio di manifestarsi. Di conseguenza, il mondo in cui vive prende il sopravvento, diventando il requisito minimo della sua esistenza, il suo unico scopo e speranza. Robert La Rocca è nato nel 1938 e cresciuto nel quartiere North Beach di San Francisco. Beyond the Edge è il risultato delle esperienze progettuali passate di Robert: fontana, piazza e design urbano, un forte disegno geometrico che guida il suo processo creativo. Esplora lo spazio intorno alla tela e coinvolge l'intera area delle pareti come parte della composizione. La mostra sarà al Museo Italo-Americano fino a febbraio 2020. Per maggiori informazioni, visitate il sito https://museoitaloamericano.org/5-artisti/

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Italian music, food, cinema, opera: San Francisco’s audience gets it all in one week

Italian music, food, cinema, opera: San Francisco’s audience gets it all in one week

Starting November 17th, San Francisco will be home to a series of events about Italian music, food, cinema, and opera. There will be an opportunity...
Director  Lina Wertmüller receives honorary  Oscar and  Walk of Fame Star

Director Lina Wertmüller receives honorary Oscar and Walk of Fame Star

“I am very happy for this honorary Oscar. To all women director? I tell them to do good movies.” Italian writer-director Lina Wertmüller flew all the...
San Francisco welcomes President Sergio Mattarella during a three day visit in the Bay Area

San Francisco welcomes President Sergio Mattarella during a three day visit in the Bay Area

A celebration, a moment to reflect and an opportunity for the future. Between October 17th and 19th, President of the Italian Republic, Sergio...
Italian tradition at the heart of LA: the San Antonio Winery and the history of the Riboli family

Italian tradition at the heart of LA: the San Antonio Winery and the history of the Riboli family

Family life is made of plenty of things: of simplicity and mundanity, of smiles and fights, of daily routine and special moments, of love and many,...

Italy’s iconic United Colors of Benetton is back in the US with a pop-up store

United Colors of Benetton has opened the doors to its first US pop up store in more than 4 years. Located in the Santa Monica Place shopping center,...

Weekly in Italian

Recent Issues