It’s an Italian gelato celebration in West Hollywood with Gelato Festival

It’s an Italian gelato celebration in West Hollywood with Gelato Festival

Alex Alvino, di Gelato-Go e Antonio Arminio (Copyright: Gelato Festival America)

“I grew up with a passion for gelato and, as an adult, I became obsessed with the idea of sharing my love for this frozen dessert with the whole world,” says Gabriele Poli, founder and President of Gelato Festival, a worldwide competition that took place in West Hollywood on September 28 and 29, at the Pacific Design Center.

In its third edition, the event’s goal is to spread the culture of artisanal gelato throughout the United States. “Even though our roots are in Italy, here in the US the purpose of Gelato Festival runs much deeper than simply making fantastic gelato” continues Poli. “It’s also about celebrating and sharing the culture, chefs, and community behind this time-honored craft. There are still very few true gelato stores in the US, but we’re part of a movement to change that—and raise the bar for the whole industry.”

Born in Florence, Italy, in 2010, Gelato Festival is founded on the belief that gelato is a universal symbol of happiness—and that there are few pleasures in life greater than the feeling of having a truly delicious scoop. Over the past ten years, Gelato Festival hosted more than 100 decadently fun fairs across the world where over 3,000 of the most accomplished gelato chefs compete with their original flavors.

The idea to go international and focus on the American market was born when Poli saw that gelato is universally enjoyed and infinitely adaptable. “The result of being here in America will be a one-of-a-kind, experiential bridge between the tradition and culture of the Florentine Renaissance and the vibrancy of West Hollywood. We have also seen that gelato chefs create new flavors that reflect their cultural backgrounds and their traditional ingredients,” Poli underlines. A few examples include a chef from Syria who brought pistachio baklava gelato, a chef from Japan who brought uni miso, and an American who competed with apple Pie gelato.

Not only does the art of making gelato enter new markets effortlessly by assimilating local traditions and flavors as more cultures get involved, it also serves — especially in the USA — as a framework for cultural exchange, where diverse people can innovate the  scene by getting inspired by their history.

The winner of this year contest for best flavor was “seamist” by Stefano Mosi, of Mosi in Victoria, BC Canada. Other prizewinners included “purple clouds” by Alfonso Jarero of Ozio in Mexico City, Mexico, and Italian Romance by Antonio Arminio of Gelato Go in Beverly Hills, CA.

Arminio also got the most award nominations and was the first winning gelato franchise in America. “The sorbet I prepared is made with water from organic handmade roses wrapped in a mixture of variegated blueberries with wild berry spice for an elegant, romantic and healthy taste, “ he explains. “It represents our true Italian romantic spirit.”

Gelato Festival is the world’s most prestigious event dedicated to gelato. This year, the  event celebrates its ten years of activity, during which it organized more than 100 festivals around the world and presented over 3,000 of the world’s best gelato makers.

While authentic gelato parlors in the  US are not many, yet, gelato is nevertheless a growing industry and, unlike ice cream, it contains less fat and considered a healthier choice.
“Gelato-go started in 2013 with locations across Florida and California.” Alex Alvino, owner and founder of the gelato chain, Gelato-go, which was awarded as the first winning gelato franchise in America. “We just opened out third one in Califonia, in El Segundo, after our Beverly Hills and Santa Monica locations.”

“Our Gelato chefs are from Italy and we decided to move our business to the States because, even if it is more risky, here you compete with ice cream and frozen yogurt. It is a different challenge and we are happy to do it,” Alvin conitnues. “Especially in California, customers are very health-conscious so it is about the calories and dairy free products like sorbet. So that’s why we have developed a vegan line just for the California market.”

After giving life to the Gelato Festival, which visits many Italian and European cities every year to celebrate quality artisan gelato, Poli focused on the American market by investing over a million dollars in two years to launch the tour festivals in the United States (15 highly successful festivals have been organized in major American cities since 2017) and set up an experiential store on iconic Melrose Avenue.

The 3,000 square foot flagship store of the Gelato Festival serves a rotating Hall of Fame menu of award-winning flavors, with plenty of space for a live production workshop, a classroom and a museum. Visitors can discover artisan gelato and Italian coffee in all its aspects, from tasting to creating. Master Chefs interested in experimentation and innovation will visit the open laboratory, where guests can admire all the steps of the gelato making process, with recipes like strawberry and pepper or pecorino with caramelized pears and Sulla honey, plus ice-cream cakes and popsicles, as well as high-quality Italian coffee. 

The store has a calendar of events, including special visits by award-winning gelato makers, tastings for children and fun challenges. There are spaces for contemporary art installations (the first of which has gigantic recycled plastic spoons) and even a mini piazza inside to enjoy ice cream in an open space. The store also serves as a hub for innovation, not only bringing the best gelato makers to West Hollywood to experiment with new flavors and push the boundaries of taste further, but also by exposing Made in Italy state-of-the-art technology, taste and design created by project partners Carpigiani, ISA, Rancilio, PreGel America, Caffè Vergnano, Weker. In short, an authentic and unique experiential bridge between the tradition and culture of the Florentine Renaissance and the vibrancy of West Hollywood. 

Held in collaboration with strategic partners Carpigiani Frozen Dessert University and Sigep – Italian Exhibition Group, Global Partner Air Italy,  main sponsors PreGel and WhyGelato,com, and technical pponsor ISA, Gelato Festival West Hollywood 2019 artisans created and served more than two tons of gelato to thousands of guests using cups by packaging sponsor Stanpac.

"Sono cresciuto con la passione per il gelato e, da adulto, sono diventato ossessionato dall'idea di condividere con il mondo intero il mio amore per questo dolce ghiacciato", dice Gabriele Poli, fondatore e presidente di Gelato Festival, un concorso mondiale che si è svolto a West Hollywood il 28 e 29 settembre al Pacific Design Center.

Alla sua terza edizione, l'obiettivo della manifestazione è diffondere la cultura del gelato artigianale in tutti gli Stati Uniti. "Anche se le nostre radici sono in Italia, qui negli Stati Uniti lo scopo del Gelato Festival va ben oltre la semplice produzione di un fantastico gelato" continua Poli. "Si tratta anche di celebrare e condividere la cultura, gli chef e la comunità che sta dietro a questo mestiere d'altri tempi. Ci sono ancora poche gelaterie vere e proprie negli Stati Uniti, ma facciamo parte di un movimento che vuole cambiare e alzare il livello dell'intero settore".

Nato a Firenze nel 2010, Gelato Festival si fonda sulla convinzione che il gelato è un simbolo universale di felicità e che ci sono pochi piaceri nella vita più grandi della sensazione di avere un cucchiaino di pura delizia. Negli ultimi dieci anni, Gelato Festival ha realizzato più di 100 fiere del gelato in tutto il mondo, dove oltre 3.000 tra i più affermati gelatieri competono con i loro sapori originali.

L'idea di internazionalizzarsi e focalizzarsi sul mercato americano è nata quando Poli ha visto che il gelato è universale e adattabile all'infinito. "Il risultato di essere qui in America sarà un ponte esperienziale e unico nel suo genere tra la tradizione e la cultura del Rinascimento fiorentino e la vivacità di West Hollywood. Abbiamo visto come i gelatieri creano nuovi sapori che riflettono il loro background culturale e i loro ingredienti tradizionali", sottolinea Poli. Alcuni esempi mostrano uno chef siriano che ha portato il gelato al pistacchio baklava, uno chef giapponese che ha portato uni miso e un americano che ha gareggiato con il gelato alla torta di mele.

L'arte di fare il gelato non solo entra senza fatica in nuovi mercati assimilando le tradizioni e i sapori locali man mano che vengono coinvolte più culture, ma serve anche - soprattutto negli Stati Uniti - come quadro di scambio culturale, dove persone diverse possono innovare la scena ispirandosi alla loro storia.

Il vincitore del concorso di quest'anno per il miglior sapore è stato "seamist" di Stefano Mosi, di Mosi a Victoria, BC Canada. Tra gli altri premiati ci sono le "nuvole viola" di Alfonso Jarero di Ozio a Città del Messico, in Messico, e l'Italian Romance di Antonio Arminio di Gelato Go in Beverly Hills, CA.

Arminio ha ottenuto anche il maggior numero di nomination ai premi ed è stato il primo negozio franchise di gelato a vincere in America. "Il sorbetto che ho preparato è fatto con acqua di rose biologiche fatta a mano avvolto in una miscela di mirtilli variegati con spezie di frutti di bosco per un gusto elegante, romantico e sano", spiega. "Rappresenta il nostro vero spirito romantico italiano".

Gelato Festival è l'evento più prestigioso al mondo dedicato al gelato. Quest'anno l'evento celebra i suoi dieci anni di attività, durante i quali ha organizzato più di 100 festival in tutto il mondo e ha presentato oltre 3.000 tra i migliori gelatieri del mondo.

Se le gelaterie autentiche negli Stati Uniti non sono molte, il gelato è comunque un'industria in crescita e, a differenza dell’ice cream, contiene meno grassi e viene considerato una scelta più sana.
"Gelato-go è iniziato nel 2013 con sedi in Florida e in California". Alex Alvino, proprietario e fondatore della catena di gelati, Gelato-go, è stato premiato come il primo negozio in franchising del gelato a vincere in America. "Abbiamo appena aperto la terza sede in California, a El Segundo, dopo quelle di Beverly Hills e Santa Monica".

"I nostri gelatieri sono italiani e abbiamo deciso di trasferire la nostra attività negli Stati Uniti perché, anche se è più rischioso, qui si compete con l’ice cream e lo yogurt surgelato. È una sfida diversa e noi siamo felici di affrontarla", dice Alvin. "Soprattutto in California, i clienti sono molto attenti alla salute, quindi si tratta di calorie e prodotti senza latticini come il sorbetto. Ecco perché abbiamo sviluppato una linea vegan solo per il mercato californiano".

Dopo aver dato vita al Gelato Festival, che ogni anno visita molte città italiane ed europee per celebrare il gelato artigianale di qualità, Poli si è concentrato sul mercato americano investendo oltre un milione di dollari in due anni per lanciare i tour festival negli Stati Uniti (dal 2017 sono stati organizzati 15 festival di grande successo nelle principali città americane) e allestire un negozio esperienziale sull'iconica Melrose Avenue.

Il negozio ammiraglia di 3.000 metri quadrati di Gelato Festival serve un menù a rotazione dei pluripremiati sapori Hall of Fame, con tanto di spazio per un laboratorio di produzione dal vivo, un'aula e un museo. I visitatori possono scoprire il gelato artigianale e il caffè italiano in tutti i suoi aspetti, dalla degustazione alla creazione. Maestri Chef interessati alla sperimentazione e all'innovazione visiteranno il laboratorio all'aperto, dove gli ospiti potranno ammirare tutte le fasi della gelateria, con ricette come fragola e pepe o pecorino con pere caramellate e miele di Sulla, oltre a torte gelato e ghiaccioli, e caffè italiano di alta qualità. 

Il negozio propone un calendario di eventi, tra cui visite speciali di gelatieri pluripremiati, degustazioni per bambini e sfide divertenti. Ci sono spazi per installazioni di arte contemporanea (il primo dei quali ha giganteschi cucchiai in plastica riciclata) e persino una mini piazza all'interno per gustare il gelato in uno spazio all'aperto. Il negozio funge anche da polo di innovazione, portando non solo i migliori gelatieri a West Hollywood per sperimentare nuovi sapori e spingere oltre i confini del gusto, ma anche esponendo il Made in Italy, la tecnologia, il gusto e il design all'avanguardia creati dai partner di progetto Carpigiani, ISA, Rancilio, PreGel America, Caffè Vergnano, Weker. Insomma, un autentico e unico ponte esperienziale tra la tradizione e la cultura del Rinascimento fiorentino e la vivacità di West Hollywood. 

In collaborazione con i partner strategici Carpigiani Frozen Dessert University e Sigep - Italian Exhibition Group, Global Partner Air Italy, main sponsor PreGel e WhyGelato,com, e il referente tecnico ISA, gli artigiani del Gelato Festival West Hollywood 2019 hanno creato e servito più di due tonnellate di gelato a migliaia di ospiti utilizzando le tazze dello sponsor del packaging Stanpac.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Italian music, food, cinema, opera: San Francisco’s audience gets it all in one week

Italian music, food, cinema, opera: San Francisco’s audience gets it all in one week

Starting November 17th, San Francisco will be home to a series of events about Italian music, food, cinema, and opera. There will be an opportunity...
Director  Lina Wertmüller receives honorary  Oscar and  Walk of Fame Star

Director Lina Wertmüller receives honorary Oscar and Walk of Fame Star

“I am very happy for this honorary Oscar. To all women director? I tell them to do good movies.” Italian writer-director Lina Wertmüller flew all the...
San Francisco welcomes President Sergio Mattarella during a three day visit in the Bay Area

San Francisco welcomes President Sergio Mattarella during a three day visit in the Bay Area

A celebration, a moment to reflect and an opportunity for the future. Between October 17th and 19th, President of the Italian Republic, Sergio...
Italian tradition at the heart of LA: the San Antonio Winery and the history of the Riboli family

Italian tradition at the heart of LA: the San Antonio Winery and the history of the Riboli family

Family life is made of plenty of things: of simplicity and mundanity, of smiles and fights, of daily routine and special moments, of love and many,...

Italy’s iconic United Colors of Benetton is back in the US with a pop-up store

United Colors of Benetton has opened the doors to its first US pop up store in more than 4 years. Located in the Santa Monica Place shopping center,...

Weekly in Italian

Recent Issues