Three Tuscan “P” excursions not to miss

After all the fabulous exhibits one can see in the heart of Florence, it is possible that a little fresh air in the countryside might just be the ticket to take a breather and relax a bit? After all, how many beautiful frescoes and wonderful palaces unlike any to be seen anywhere else can you take in on your trip?

So then, what’s next? 

Well, there are three “P’s” that can help add a sense of Renaissance balance to our modern life styles. Any visitor to Florence can easily achieve this by taking a ride on a bus; yes, a bus! Fortunately, there is a commuter bus station just across the piazza from the train statio you probably used to get to Florence. A ride on one of these buses will have you meet Italians going home after a day’s work and/or shopping, or some others who simply want to get some fresh air on a short ride through the exquisite countryside surrounding the beautiful City of the Flowers.

The San Zeno cathedral in Pistoia, the first P of the itinerary © Alkan2011 | Dreamstime.com


The first stop on these “P’” rides would be Pistoia. This is an ancient city that offers both medieval events and modern attractions, depending on the season. If you are traveling in July, you will want to join the multitudes gathering together in the large piazza of the Pistoia Duomo for the Blue Jazz Festival. Drawing people of all ages from all over the European Union and other countries, this is an event not to miss as it is always on the cutting edge of new music, featuring small bands and big names, Italian and foreign.

And when, after those noisy grand concerts and others, you stroll around and find yourself on Via Atto Vannucci, you certainly will want to stop in at the Menichini Musical Instrument Emporium, either for some fabulously crafted lute-guitars of absolute pre-modern sounds or some other instruments that will rock your socks off for their fine craftsmanship.
Then, continuing to stroll further to nearby Via Silvano Fedi, you will not want to miss the opportunity to visit one of the smallest churches in Pistoia, built in the 14th century: the Chapel of the Knights of the Tau. Its frescoes depicting scenes from the Book of Genesis will absolutely blow you away, as will others in the multiplex arched ceiling of the small church: they trace human history, from the creation of Adam and Eve to their life after expulsion from the Garden of Eden.  

Pescia is the second stop of this Tuscan adventure © Chantalnathalie | Dreamstime.com


The second “P” excursion will take you, again by bus - if you did not get off at Pistoia .  to the small town of Pescia, situated along the banks of a river and nestled between rolling hills and mountains which will impress you as a perfect landscape for a revival production of the Sound of Music. 

But the “music” you will find here will be caused by the hustle and bustle of the open-air market that takes place every Saturday across the river in the Piazza Mazzini that leads up to the town hall. You will want to drop in the offices there to see the wall painting of the town’s most famous citizen, Coluccio Salutati, who in 1374 was appointed Chancellor of Florence. His twenty years of tenure as the city’s highly effective secretary of state have caused several modern scholars to style him a Renaissance “Henry Kissinger.”

Of note also are the many banks on practically every street corner since, from time immemorable, the town has been the wholesale market for all types of flowers that flow into it from all over Europe. You can observe the hundreds of huge, perfumed market tents brimful of carnations and other flowers from the Hotel dei Fiori situated nearby there.

Pinocchio, the third P of our Tuscan Itinerary: you’ll find him in Collodi © Dragan Jovanovic | Dreamstime.com


But before leaving all this behind and getting on the bus again, you should continue your stroll past the city hall and go along the river until reaching the excellent hospital where you will take the bridge across the river. This will lead you right in front of the small church which contains the quasi contemporary painting of St. Francis of Assisi, done in 1235 by Bonaventura Berlinghieri just nine years after the saint’s death. And if you’re lucky, it won’t be on loan to the magnificent church of Santa Croce in Florence, so you can take your time here in examining the six exquisite border panels of scenes from the saint’s life without having to fuss with heavy tourist crowds.

The third and final “P” day trip does not bring you to a city whose name starts with the letter “P” but channels you to 14th century Collodi, whose name was used by the author of the legendary story of Pinocchio, the long-nosed trans-human puppet. After buying your ticket, you can enter the Land of Toys which is an exquisite minor Disney World known as Pinocchio Park, replete with many statues of the story’s strange characters, among which a whale with sharp teeth ready to swallow you up. But passing by this carefully, you can enjoy all the garden’s metal figurines drawn from the adventures of father Geppetto’s courageous little guy. Be sure also to find your way to the Osteria del Gambero Rosso (The Red Shrimp Inn), a restaurant where the excellent tasty food offered is a worthy match for the exceptionally amazing architecture of the place.

If you are traveling in July, you will want to join the multitudes gathering together in the large piazza of the Pistoia Duomo for the Blue Jazz Festival


When you had your fill of this wonderland, you must not miss the amazing medieval estate of the Ghibellini Garzoni counts, who were exiled from Guelf Florence in 1339. The villa is famous for its beautiful parks and fountains and especially for its fabulous Butterfly House that boasts an enormous stone and glass enclosed tropical forest that entertains thousands of the most beautiful butterflies from all over the world. And if you are lucky enough to be in Collodi at the end of August, you can take part in the tumultuous medieval spectacle that envelops the entire town in honor of its patron, St. Bartholomew.  

Karacongioli, the elves jugglers, while performing at the Carnival in Veneri (Pescia - Italy) © Oversealand | Dreamstime.com


These last two wonderful trips are easily undertaken in the space of a morning or an afternoon, again by either bus or car, and can be navigated in the space of five or six hours so that you can easily get back to your reserved hotel space in Florence. But the charm you will find on these day trips will so enchant you that it might even be wiser, and cheaper, to book rooms in the many fine hotels on these itineraries. The charm I am suggesting here is that you will likely have contact with many Italian citizens of the “Garden of Italy,” as Tuscany is often called, instead of being jostled around by hordes of eager visitors like yourself, who want to noisily absorb up every tiny bit of Florentine culture possible before reluctantly leaving for home.

Dopo tutte le favolose manifestazioni d’arte che si possono vedere nel cuore di Firenze, è possibile che un po' di aria fresca in campagna possa essere solo il punto di partenza per fare una pausa e rilassarsi un po'. Dopo tutto, quanti meravigliosi affreschi e palazzi, che non si possono vedere altrove, si possono ammirare in un viaggio? Dunque, dove si va? 

Bene, ci sono tre "P" che possono aiutare ad aggiungere un senso di equilibrio rinascimentale ai nostri stili di vita moderni. Chiunque sia in visita a Firenze può facilmente raggiungerlo facendo un giro su un autobus; sì, un autobus! Fortunatamente, c'è una stazione di autobus per pendolari proprio di fronte alla piazza della stazione ferroviaria che probabilmente è stata usata per arrivare a Firenze. Un giro su uno di questi autobus vi farà incontrare italiani che tornano a casa dopo una giornata di lavoro e/o di shopping, o altri che vogliono semplicemente prendere un po' di aria fresca in un breve giro attraverso la splendida campagna che circonda la bellissima Città dei Fiori.

La prima tappa di queste destinazioni con la "P" è Pistoia. E’ una città antica che offre sia eventi medievali che attrazioni moderne, a seconda della stagione. Se la visiterete a luglio, vorrete unirvi alla folla che si raduna nella grande piazza del Duomo di Pistoia per il Blue Jazz Festival. Mescolando persone di tutte le età provenienti da tutta l'Unione Europea e altri Paesi, questo è un evento da non perdere in quanto è sempre all'avanguardia sulla nuova musica, presentando piccole band e grandi nomi, italiani e stranieri.

E quando, dopo quei grandiosi e rumorosi concerti, andrete in giro e vi ritroverete   in via Atto Vannucci, sicuramente vi fermerete all'Emporio degli Strumenti Musicali Menichini, sia per i liuti favolosamente prodotti dai suoni assoluti pre-moderni sia per qualche altro strumento che vi farà impazzire per la qualità artigianale.

Quindi, continuando a passeggiare fino alla vicina via Silvano Fedi, non potrete perdere l'occasione di visitare una delle chiese più piccole di Pistoia, costruita nel 14° secolo: la Cappella dei Cavalieri del Tau. Gli affreschi raffigurano scene del Libro della Genesi e lasceranno assolutamente senza parole, così come altri nel soffitto ad arco multiplo della piccola chiesa: tracciano la storia dell’umanità, dalla creazione di Adamo ed Eva alla loro vita dopo la cacciata dal Giardino dell'Eden.

La seconda escursione con la "P" vi porterà, sempre in autobus, se non siete scesi a Pistoia, alla cittadina di Pescia, situata lungo le rive di un fiume e incastonata tra dolci colline e montagne che vi impressioneranno come il paesaggio perfetto per una una ripresa del film "Sound of Music".

Ma la "musica" che troverete qui sarà causata dal trambusto del mercato all'aperto che si svolge ogni sabato lungo il fiume in piazza Mazzini, che porta al Municipio. Dovrete fare un salto negli uffici per vedere le pitture murali del cittadino più famoso della città, Coluccio Salutati, che nel 1374 fu nominato Cancelliere di Firenze. I suoi vent'anni di mandato quale segretario di stato particolarmente efficace della città hanno indotto molti studiosi moderni a definirlo un "Henry Kissinger del Rinascimento”.

Da notare anche i numerosi banchi praticamente ad ogni angolo di strada poiché, da tempo immemorabile, la città è stata il mercato all'ingrosso per ogni tipo di fiore che vi arriva da tutta Europa. Potrete osservare centinaia di enormi e profumate tende mercatali piene di garofani e altri fiori provenienti dall'Hotel dei Fiori situato nelle vicinanze.

Ma prima di lasciare tutto questo dietro di sè e di salire di nuovo sull'autobus, dovreste continuare la passeggiata oltre il Municipio e andare lungo il fiume fino a raggiungere l'eccellente ospedale dove prenderete il ponte. Questo vi condurrà proprio di fronte alla piccola chiesa che contiene una pittura quasi coeva a San Francesco d'Assisi, realizzata nel 1235 da Bonaventura Berlinghieri appena nove anni dopo la morte del santo. E se sarete fortunati, non sarà in prestito alla magnifica chiesa di Santa Croce a Firenze, quindi potrete passare il vostro tempo qui ad esaminare i sei pannelli con le scene della vita del santo senza dover fare i conti con le folle dei turisti.

Ora, la terza e l’ultima gita in giornata con la "P" non vi porterà in una città toscana con un nome che inizia con la lettera "P”. Questa gita vi porterà a Collodi, un paese fondato nel 14° secolo. Il nome di questo paese fu utilizzato dall'autore della storia leggendaria di Pinocchio, il burattino quasi umano dal naso lungo.  Dopo l'acquisto del biglietto, si entra nel “Paese dei Balocchi” che è una squisita piccola DisneyLand conosciuto come il Parco di Pinocchio (eco la terza “P” delle gite).  È un luogo pieno di statue degli strani personaggi della storia, tra le quali una balena, con i denti affilati sempre pronta ad inghiottirvi. Ma oltrepassandola cautamente, potrete ammirare tutte le figurine di metallo nel giardino tratte dalle avventure del piccolo coraggioso figlio di Geppetto. E poi, non dimenticate di trovare la strada che porta all'Osteria del Gambero Rosso, un ristorante che offre piatti dal gusto delizioso che offrono il giusto abbinamento con l’architettura straordinaria del posto.

Insomma, quando vi sentirete abbastanza soddisfatti di questo paese di meraviglie, non potrete perdere una visita alla straordinaria tenuta medioevale dei conti Ghibellini Garzoni che furono esiliati nel 1339 dalla città guelfa di Firenze.  La villa è famosa non soltanto per i suoi bellissimi parchi e fontane ma anche e soprattutto per la sua favolosa Casa delle Farfalle. In pietra e vetro questa “Butterfly House” è enorme e ospita una foresta tropicale che contiene migliaia di farfalle, le più belle da tutto il mondo.  E se per fortuna, vi troverete a Collodi a fine agosto, potrete anche far parte di un tumultuoso spettacolo medioevale che avvolge l'intera città in onore del patrono San Bartolomeo.  

Questi ultimi due viaggi meravigliosi si possono facilmente fare nello spazio di un mattino o di un pomeriggio, di nuovo in autobus o in auto, e richiederanno solo cinque o sei ore così da poter tornare facilmente all’alloggio a Firenze. Ma il fascino che incontrerete con queste gite sarà tale che forse sarebbe più soddisfacente, e meno costoso, prenotare un alloggio in qualche albergo elegante che si troverà facilmente lungo l’itinerario di tutte e tre queste gite. Il fascino che invito a cercare risiede nella sicura probabilità di trovarsi in mezzo a tanti cittadini italiani di questo "Giardino d'Italia", come viene chiamata spesso la Toscana, invece di ritrovarsi travolti da orde di visitatori desiderosi, come voi, di far proprio ogni piccolo aspetto di Firenze prima di lasciare la città e tornare a casa propria.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Lina Wertmüller: an Oscar to an original portrait of Italianness

“I am grateful to have received this award, which I didn’t expect, and that, for this reason, is even more welcome and makes me all the happier. For...
Scenic Anacapri streets at early sunset

A Day at the beach – Italian style

Temperatures are on the rise…and so is the urge to grab the flip-flops and head for the nearest beach. Summer practically insists we enjoy at least...

Great success for the 2019 Italian National Day

On June 3rd 2019 the Italian community of LA celebrated the historic day, back in 1946, when a pivotal referendum decided the fate of Italy about...
The Staff of the Italian Consulate joined Consul General, Lorenzo Ortona, and his wife Sheila for a group photo. Ph Credits Emanuela Quaglia

From Festa della Repubblica to Matera European Capital of Culture

For the 73rd time in their history, Italy and Italians celebrated the Festa della Repubblica , with events across the globe aiming to underline the...

Games of Ancient Rome

I Play is the only way the highest intelligence of humankind can unfold.” - Joseph Chilton Pearce Humans have been playing games forever. Even...

Weekly in Italian

Recent Issues