Viva la 500! The iconic car makes history at MoMa

500 was created by FIAT engineer Dante Giacosa  © Angelo Cordeschi | Dreamstime.com

The iconic FIAT 500, symbol of Italy’s post war economic renaissance, became part of MoMA’s permanent collection last year, but 2019 brings even more lustre to the tiny Italian four-wheels, as it will be one of the centrepieces of The Value of Good Design exhibition. The kermess will take place from the 10th of February to the 27th of May and will tell the amazing story of industrial design, a story made of beauty, history and exceptional versatility.  

Even today, it’s not unusual to see a 500 around the streets of Italy © 22tomtom | Dreamstime.com


What a great achievement for our beloved 500, a car whose image still  speaks to  the years of the Italian economic boom, times of carefree happiness after decades of poverty, war and anguish. Martino Stierli, the Philip Johnson Chief Curator of Architecture and Design at MoMA declared to La Repubblica that “Fiat 500 is a true icon if automotive history that managed to change the way cars were designed and produced in Italy. This is why,” Stierli continues, “we decided to add this masterpiece of daily life to our collection: it allows us to widen MoMA’s storytelling about automotive design.” MoMA made a statement also in the choice of which 500 car to exhibit, picking a series F model - one of the most common - that well represents the beauty and extraordinary innovation it embodied when it first appeared.  

500 was created by FIAT engineer Dante Giacosa © Angelo Cordeschi | Dreamstime.com


But in these early days of 2019, FIAT 500 makes the headlines, as said, especially for its presence in The Value of Good Design exhibition, where the most influential and life-changing creations of the past 80 years take the stage, from home appliances to cars, all the way to glass, ceramics, sport equipment and toys. Taking inspiration from MoMA exhibits  from the 1930s to the 1950s, the idea of curators is to show how good design went hand in hand with technological innovation to create products that were finally widely available to all: a celebration of beauty, then, but also of the typically modern phenomenon of market’s democratization. By placing an accent on the central values of  20th century society, The Value of Good Design wants to be thought-provoking and engage the public with considerations about what we consider to be “good design” today.  

Compact, simple and fun: this are, still today, the most striking characteristics of FIAT 500


FIAT 500 is a real symbol of the amazing value of design in a social context. Price wise, it  was the first car accessible to all, thanks to a wise choice of economic but quality materials used to create a reliable product. Production began in 1957, with more than 4 million models sold around the world between then and 1975. Design choices were essential to make it so popular, because FIAT 500 wasn’t only cheaper than other cars, but also extremely appealing from an aesthetic point of view: it was fun and colorful,  just what the world needed after the gloom and pain of years of war and economic struggles.  

FIAT 500 is a real symbol of the amazing value of design in a social context © | Dreamstime.com


The mind behind it was that of Dante Giacosa, who started working for FIAT in 1927 and who had already ideated the original FIAT Topolino, the precursor of 500; in his mind, 500 had to be the ultimate city car, small and easy to drive and park, but with plenty of space to meet the needs and necessities of a booming and suddenly wealthier society. In spite of its small dimensions, 500 packed loads of internal space, enough to sit 4 passengers. The soft, compact design of its body made it a hit also from an aesthetic point of view: it wasn’t only functional, it was beautiful and people bought it because of that, too. FIAT rode high the hype about its tiny new car, creating a variety of models, including a cabriolet version, a real treat to see and drive.  

FIAT 500 is not only a symbol of Italian design’s excellence, but also of the typically post-war attitude to seek and find the sunny, positive side of life © Lucag75 | Dreamstime.com


Today, the original design 500 is a collector’s piece, with millions of fans everywhere in the world; in Italy, it’s not unusual to come across 500 Fan Clubs and festivals, where keen owners drive and show their restored and perfectly maintained models to a community of estimators.  

All this is witness to the true success of Giacosa’s work and of the concept behind it: an attentive choice of materials, associated with innovative yet practical design makes for products that are not only bound to be successful, but also to last in time; after years when 500’s style changed completely and the car looked nothing like the original, today’s models are nothing more than a modern reinterpretation of the beautifully balanced car Giacosa conceived all those years ago, with the same appeal and, if you ask me, with the same ability to put a smile on the face of whoever sees and drives them. Because, let’s not forget it, one of the winning points of the original FIAT 500 was just that: it would put a smile on your face. It was the first car to abandon the elegant but stern designs of 1930s and 1940s models such as Balilla, Ford 7W or Citroën 7, to embrace a breezier approach to automotive aesthetics, an approach made of soft lines, colors and comfort finally available to the mass market.  

FIAT 500 is not only part of MoMA’s permanent collection, but is also at the heart of The Value of Good Design exhibition © Giovanni Gagliardi | Dreamstime.com


The world of the 1950s came from 20 years of struggle and war, during which faith in the future had been lost and fear had become the norm. Then the war ended and economic and social reconstruction began: suddenly, there was hope for a better life. With it came a whole new approach to everyday life and a thirst for improvement, for novelty, for progress: there was a true need to live life to the full, finally without fear for the future. It is in this incredible atmosphere that FIAT 500 was conceived and its design is mirror to it: it was sturdy and built to last, but it came with a small price tag, so that all could enjoy the practical advantages of owning a car. It was small and easy to take care of, but packed a lot of space so that a whole family of four could travel in it, making short breaks to the countryside, or even to the sea, easier to achieve. With its compact, rounded appearance, FIAT 500 had a friendly, unimposing look that appealed and captivated consumers and  well embodied the needs and tastes of a society seeking a bit of lighthearted fun after the gloom of war.  

Design choices were essential to make it so popular, because FIAT 500 wasn’t only cheaper than other cars, but also extremely appealing from an aesthetic point of view © Theendup | Dreamstime.com


The reasons for FIAT 500’s presence in MoMA’s permanent collection and in The Value of Good Design’s exhibition are many, but maybe it is really in this socially innovating and somehow liberating aspects of its design we should seek its most profound value. In 1957, Giacosa showed that good design could be for all and that beauty, usefulness and quality could be accessible to all pockets. I dare say there is something very ancient - and somehow very Italian - in this attitude, something that bring us back to our forefathers and the way they would get the best from the humblest of things and make beauty with the sole wealth of their creativity and practical sense.  

This is why FIAT 500 is not only a symbol of Italian design’s excellence, but also of the typically post-war attitude to seek and find the sunny, positive side of life: driving it, in those years, was just like smiling at the future.  

Looking at an old FIAT 500 brings back a bit of that sense of awe and faith in what’s to come characteristic of the 1950s and 1960s:  something we, without a doubt, need greatly today.  

The Value of Good Design  is part of  MoMA’s Spring calendar. It is opening on the 10th of February 2019 and will run until the 27th of May. For more information and tickets see www.moma.org.

L'iconica FIAT 500, simbolo del rinascimento economico post-bellico italiano, è entrata a far parte della collezione permanente del MoMA lo scorso anno, ma il 2019 porta ancora più lustro alla piccola quattroruote italiana, in quanto sarà uno dei pezzi centrali della mostra The Value of Good Design. L’esibizione si terrà dal 10 febbraio al 27 maggio e racconterà la straordinaria storia del design industriale, una storia fatta di bellezza, storia ed eccezionale versatilità.

Un grande risultato per la nostra amata 500, un'auto la cui immagine parla ancora degli anni del boom economico italiano, dei momenti di spensierata felicità dopo decenni di povertà, guerra e angoscia. Martino Stierli, Philip Johnson Chief Curator of Architecture and Design del MoMA, ha dichiarato a Repubblica che “La Fiat 500 è un’icona della storia dell’automobile che ha cambiato per sempre il modo di disegnare e di produrre auto in Italia. Per questo – ha continuato Stierli - abbiamo aggiunto questo capolavoro quotidiano alla nostra collezione: ci consente di ampliare il racconto del MoMA sulla storia del design automotive”. Il MoMA si è espresso anche con la scelta della 500 da esporre, selezionando un modello di serie F - uno dei più comuni - che rappresenta bene la bellezza e l'innovazione straordinaria che l’auto incarnava quando apparve per la prima volta.

Ma in questi primi giorni del 2019, la FIAT 500 fa titolo, come detto, soprattutto per la sua presenza nella mostra The Value of Good Design, dove salgono sul palcoscenico le creazioni più influenti che hanno cambiato la vita degli ultimi 80 anni, dagli elettrodomestici alle auto, dal vetro alla ceramica, alle attrezzature sportive e ai giocattoli. Traendo ispirazione dalle mostre del MoMA dagli anni '30 agli anni '50, l'idea dei curatori è di mostrare come il buon design sia andato di pari passo con l'innovazione tecnologica per creare prodotti che fossero finalmente alla portata di tutti: una celebrazione della bellezza, quindi, ma anche del fenomeno tipicamente moderno della democratizzazione del mercato. Mettendo un accento sui valori centrali della società del XX secolo, The Value of Good Design vuole stimolare una riflessione e coinvolgere il pubblico con considerazioni su ciò che oggi consideriamo "buon design".

La FIAT 500 è un vero simbolo del sorprendente valore del design in un contesto sociale. Dal punto di vista del prezzo, è stata la prima vettura accessibile a tutti, grazie a una saggia scelta dei materiali, economici ma di qualità, utilizzati per creare un prodotto affidabile. La produzione iniziò nel 1957, con oltre 4 milioni di modelli venduti in tutto il mondo tra quella data e il 1975. Le scelte di design furono essenziali per renderla così popolare, perché la FIAT 500 non era solo più economica di altre auto, ma anche estremamente attraente da un punto di vista estetico: era divertente e colorata, proprio ciò di cui il mondo aveva bisogno dopo l'oscurità e il dolore degli anni della guerra e delle difficoltà economiche.

La mente dietro di essa fu quella di Dante Giacosa, che iniziò a lavorare per la FIAT nel 1927 e che aveva già ideato l'originale FIAT Topolino, il precursore della 500; nella sua mente, la 500 doveva essere la perfetta city car, piccola e facile da guidare e parcheggiare, ma con un sacco di spazio per soddisfare i bisogni e le necessità di una società in forte espansione e improvvisamente più ricca. Nonostante le sue piccole dimensioni, la 500 offriva un sacco di spazio interno, sufficiente per ospitare 4 passeggeri. Il design leggero e compatto del suo corpo ne fece un modello anche dal punto di vista estetico: non era solo funzionale, ma era bella e la gente la comprava anche per quello. La FIAT fu all’altezza delle aspettative con la sua piccola auto nuova, creando una varietà di modelli, tra cui una versione cabriolet, una vera bellezza da guardare e da guidare.

Oggi, il design originale della 500 è un pezzo da collezione, con milioni di estimatori in tutto il mondo; in Italia, non è raro imbattersi in fan club della 500 e in raduni, dove gli appassionati proprietari guidano e mostrano i loro modelli restaurati e perfettamente mantenuti a una comunità di estimatori.

Tutto ciò testimonia il vero successo del lavoro di Giacosa e dell'idea che ne è alla base: un'attenta scelta dei materiali, associata a un design innovativo ma pratico, porta a prodotti che non solo sono destinati ad avere successo, ma anche a durare nel tempo. Dopo anni in cui lo stile della 500 è cambiato completamente e la macchina non assomigliava più all'originale, i modelli di oggi non sono altro che una moderna rivisitazione della vettura meravigliosamente equilibrata che Giacosa aveva concepito tanti anni fa, con lo stesso fascino e, potrei dire, con la stessa capacità di regalare un sorriso sul volto di chi la guardava e la guidava. Perché, non dimentichiamolo, uno dei punti vincenti della FIAT 500 originale era proprio questo: portava un sorriso. È stata la prima vettura ad abbandonare il design elegante ma severo dei modelli degli anni '30 e '40 come la Balilla, la Ford 7W o la Citroën 7, per abbracciare un approccio più bizzarro nell'estetica automobilistica, un approccio fatto di linee morbide, colori e comfort finalmente a disposizione del mercato di massa.

Il mondo degli anni '50 veniva da 20 anni di lotte e guerre, durante i quali si era persa la fiducia nel futuro e la paura era diventata la norma. Poi la guerra finì e iniziò la ricostruzione economica e sociale: improvvisamente, c'era la speranza di una vita migliore. Con essa arrivò un approccio completamente nuovo alla vita di tutti i giorni e una sete di miglioramento, di novità, di progresso: c'era un vero bisogno di vivere la vita fino in fondo, finalmente senza paura per il futuro. È in questa incredibile atmosfera che è stata concepita la FIAT 500 e il suo design la rispecchia: era robusta e costruita per durare, ma con un prezzo basso, in modo che tutti potessero godere dei vantaggi pratici di possedere un'auto. Era di piccole dimensioni e di facile manutenzione, ma offriva molto spazio in modo che un'intera famiglia di quattro persone potesse viaggiare, per fare brevi gite in campagna, o persino al mare, più facile da raggiungere. Con il suo aspetto compatto e arrotondato, la FIAT 500 aveva un aspetto amichevole e alla mano che ha attratto e affascinato i consumatori e ha ben incarnato i bisogni e i gusti di una società che cercava un po' di spensierato divertimento dopo l'oscurità della guerra. 

Le ragioni della presenza della FIAT 500 nella collezione permanente del MoMA e nella mostra The Value of Good Design sono molte, ma forse è proprio in questo aspetto socialmente innovativo e in qualche modo liberatorio del suo design, che dovremmo cercare il suo valore più profondo. Nel 1957, Giacosa dimostrò che il buon design poteva essere per tutti e che la bellezza, l’utilità e la qualità potevano essere accessibili a tutte le tasche. Oserei dire che c'è qualcosa di molto antico - e in qualche modo molto italiano - in questo atteggiamento, qualcosa che ci riporta ai nostri antenati e al modo in cui ottenevano il meglio dalle cose più umili e creavano la bellezza con l'unica ricchezza della loro creatività e del loro senso pratico.
Ecco perché la FIAT 500 non è solo un simbolo dell'eccellenza del design italiano, ma anche dell'atteggiamento tipicamente postbellico di cercare e trovare il lato positivo e solare della vita: guidarne una, in quegli anni, era come sorridere al futuro.

Vedere una vecchia FIAT 500 riporta un po' di quel senso di ammirazione e fiducia in ciò che verrà, caratteristico degli anni '50 e '60: qualcosa di cui, senza dubbio, oggi abbiamo molto bisogno.

The Value of Good Design (Il valore del buon design) fa parte del calendario primaverile del MoMA. Si aprirà il 10 febbraio 2019 e durerà fino al 27 maggio. Per maggiori informazioni e biglietti visitate www.moma.org.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Vico Equense and the human touch: Springsteen, Franklin and the Neapolitan Enlightenment

There is an under-the-radar town that has a few secrets up its sleeve. Its name is Vico Equense and dates back to pre-Roman times. The picturesque...

Volterra and alabaster: More than 3,000 years of art in stone

The beautiful walled city of Volterra, an ancient Etruscan town some 45 miles southwest of Florence, is famous for its well-preserved medieval...

Italian inventions: the utilitarian table fork, once a “scandalous” innovation

In most western households, forks are a basic part of a table setting — unless you’re all eating is soup. The relationship Italians have with the...

It wasn’t always the Romans: Italians before Romulus and Remus

Rome, caput mundi and glorious mother of western civilization, wasn’t the first power to rule over the peninsula. Naturally enough, a lot happened...

Syracuse Duomo: a story of 4 faiths, 6 conquerors and over 2500 years of history

Nestled on a little island, off the southeastern tip of Sicily stands a gleaming white cathedral. As the hot Mediterranean sun hits its towering...

Weekly in Italian

Recent Issues