Dopo 450 anni torna il castoro in Italia: primi avvistamenti in Friuli

Dopo 450 anni torna il castoro in Italia: primi avvistamenti in Friuli

Dopo 450 anni è tornato il castoro europeo in Friuli: lo conferma un avvistamento nel Tarvisiano di almeno un esemplare di Castor fiber, nella punta più a nord-est d’Italia, in Friuli Venezia Giulia. L’area si dimostra come il più importante corridoio faunistico verso l’Italia e l’intero arco alpino. Nel 2006, nella stessa zona era arrivata la lontra. La scoperta è considerata sensazionale se si considerano la plurisecolare assenza dal nostro territorio e il ruolo chiave del castoro nel creare le condizioni ideali per l’incremento della biodiversità nelle aree fluviali.

Le prove della sua presenza sono state ottenute attraverso le trappole videofotografiche dei ricercatori dell'Università di Torino, allertati da un cacciatore e una guardia forestale che alla fine dello scorso ottobre si erano imbattuti in tracce sconosciute nel fango e anomale rosicchiature su piccoli alberi.
I segni dell’attività del castoro si trovano in un’area di almeno 6-7 chilometri, a ridosso del confine con l’Austria, la nazione da cui è presumibilmente arrivato.   L’area di confine della Carinzia ha già rilevato la presenza del castoro mentre mancano segni nella zona alpina slovena.

Nella Mitteleuropa continentale e nella zona prealpina settentrionale il castoro è scomparso molto più tardi che nella nostra penisola e nelle Alpi meridionali. In Austria la sua presenza è documentata fino alla fine del 1800, poi è scomparso anche lì, come dalla Slovenia. Successivamente è stato reintrodotto in diversi paesi, tra cui in Croazia (1996-1998) lungo la Drava ed è da quel nucleo lì che prenderebbe origine l’individuo ricomparso in Valcanale.

I reperti sub-fossili risalenti a circa 8.000 anni fa testimoniano la presenza del castoro nell’Italia nord-orientale ma la specie si è poi estinta nel corso del sedicesimo secolo. Il motivo della scomparsa in gran parte dell’Europa fu da una parte dovuta all’utilizzo delle sue carni e delle sue pelli, dall’altra all’elevato valore del castoreum, un olio prodotto dalle sue ghiandole. L’unguento veniva utilizzato nell’industria dei profumi, e si riteneva avesse anche proprietà medicamentose.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Scoprire il Salento attraverso i classici della gastronomia: la tradizione delle ‘pittule’ rinate con lo street food

Scoprire il Salento attraverso i classici della gastronomia: la tradizione delle ‘pittule’ rinate con lo street food

Esistono cibi che nonostante il trascorrere degli anni, persino dei secoli, e il cambio degli usi e costumi, continuano ad essere apprezzati e...
Ostia antica e il Valentino provano  a diventare patrimoni dell’umanità

Ostia antica e il Valentino provano a diventare patrimoni dell’umanità

La Commissione Europea ha pubblicato l’elenco dei siti preselezionati a livello nazionale da candidarsi nell’ambito della selezione 2019 al marchio...
Dopo 10 anni riapre la Domus di Nerone

Dopo 10 anni riapre la Domus di Nerone

Dopo dieci anni di restauri, a Roma riapre al pubblico la Domus Transitoria, la prima reggia di Nerone sul Palatino. Il palazzo si chiama così perchè...
Meglio non aspettare l’estate per scoprire le tante bellezze della Puglia: da Trani ai trulli di Alberobello a Otranto

Meglio non aspettare l’estate per scoprire le tante bellezze della Puglia: da Trani ai trulli di Alberobello a Otranto

Anche se ormai la bella stagione è alle porte, il tema dominante in campo turistico è la destagionalizzazione, un’offerta turistica capace di...
A Busseto, nella tranquilla pianura di Parma, alla scoperta delle origini del grande maestro Giuseppe Verdi

A Busseto, nella tranquilla pianura di Parma, alla scoperta delle origini del grande maestro Giuseppe Verdi

L’immagine ottocentesca del grande maestro Giuseppe Verdi, simbolo dell’Italia Risorgimentale, del sentimento di patriottismo, ma anche del grande...

Weekly in Italian

Recent Issues