Dopo 450 anni torna il castoro in Italia: primi avvistamenti in Friuli

Dopo 450 anni torna il castoro in Italia: primi avvistamenti in Friuli

Dopo 450 anni è tornato il castoro europeo in Friuli: lo conferma un avvistamento nel Tarvisiano di almeno un esemplare di Castor fiber, nella punta più a nord-est d’Italia, in Friuli Venezia Giulia. L’area si dimostra come il più importante corridoio faunistico verso l’Italia e l’intero arco alpino. Nel 2006, nella stessa zona era arrivata la lontra. La scoperta è considerata sensazionale se si considerano la plurisecolare assenza dal nostro territorio e il ruolo chiave del castoro nel creare le condizioni ideali per l’incremento della biodiversità nelle aree fluviali.

Le prove della sua presenza sono state ottenute attraverso le trappole videofotografiche dei ricercatori dell'Università di Torino, allertati da un cacciatore e una guardia forestale che alla fine dello scorso ottobre si erano imbattuti in tracce sconosciute nel fango e anomale rosicchiature su piccoli alberi.
I segni dell’attività del castoro si trovano in un’area di almeno 6-7 chilometri, a ridosso del confine con l’Austria, la nazione da cui è presumibilmente arrivato.   L’area di confine della Carinzia ha già rilevato la presenza del castoro mentre mancano segni nella zona alpina slovena.

Nella Mitteleuropa continentale e nella zona prealpina settentrionale il castoro è scomparso molto più tardi che nella nostra penisola e nelle Alpi meridionali. In Austria la sua presenza è documentata fino alla fine del 1800, poi è scomparso anche lì, come dalla Slovenia. Successivamente è stato reintrodotto in diversi paesi, tra cui in Croazia (1996-1998) lungo la Drava ed è da quel nucleo lì che prenderebbe origine l’individuo ricomparso in Valcanale.

I reperti sub-fossili risalenti a circa 8.000 anni fa testimoniano la presenza del castoro nell’Italia nord-orientale ma la specie si è poi estinta nel corso del sedicesimo secolo. Il motivo della scomparsa in gran parte dell’Europa fu da una parte dovuta all’utilizzo delle sue carni e delle sue pelli, dall’altra all’elevato valore del castoreum, un olio prodotto dalle sue ghiandole. L’unguento veniva utilizzato nell’industria dei profumi, e si riteneva avesse anche proprietà medicamentose.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Abbazia di San Giovanni in Venere: il fascino di una storia che torna indietro fino agli antichi Romani

Abbazia di San Giovanni in Venere: il fascino di una storia che torna indietro fino agli antichi Romani

L'abbazia di San Giovanni in Venere si trova nel comune di Fossacesia. Il complesso monastico di San Giovanni in Venere è composto da una basilica e...
Viterbo, non solo città dei Papi ma scrigno di documenti antichi

Viterbo, non solo città dei Papi ma scrigno di documenti antichi

Ha antiche origini e ha il più vasto centro storico medievale d'Europa, quindi del mondo – con alcuni quartieri medioevali ben conservati – cinto da...
La storia di Bari ancora inesplorata: l'unicum dell'area archeologica di San Pietro

La storia di Bari ancora inesplorata: l'unicum dell'area archeologica di San Pietro

Per la campagna di comunicazione nazionale #iorestoacasa #laculturanonsiferma il Segretariato regionale Puglia presenta, sul canale YouTube del...
Tour virtuale nel Giardino di Boboli, monumento storico anche dal punto di vista botanico

Tour virtuale nel Giardino di Boboli, monumento storico anche dal punto di vista botanico

Inizia su Facebook la domenica “green” delle Gallerie degli Uffizi con un video dedicato alla Limonaia del Giardino di Boboli, per proseguire su...
Le Meraviglie dell’Aquila risplendono, dopo i restauri post-sisma, in un documentario

Le Meraviglie dell’Aquila risplendono, dopo i restauri post-sisma, in un documentario

La mattina del 6 aprile 2009, dopo la terribile notte del sisma e la scia delle implacabili scosse di “assestamento”, era già diventata un’icona del...

Weekly in Italian

Recent Issues