Studio italiano rivela: banda larga riduce il sonno

Studio italiano rivela: banda larga riduce il sonno

L'accesso a Internet a banda larga è una delle cause della carenza di sonno che affligge i paesi dell’Occidente, e che si fa più pronunciata nei periodi di transizione tra le vacanze e la ripresa lavorativa. Queste le conclusioni dello studio condotto da Francesco Billari e Luca Stella (Università Bocconi), con Osea Giuntella (Università di Pittsburgh), che, finanziato dallo European Research Council, è stato appena pubblicato sul “Journal of Economic Behavior and Organization” (Francesco C. Billari, Osea Giuntella, Luca Stella, Broadband internet, digital temptations, and sleep, in Journal of Economic Behavior and Organization, 153 (2018) 58-76).

Per verificare la loro tesi, i ricercatori collegano i dati sull’introduzione della banda larga in Germania a indagini in cui gli individui riferiscono la durata del loro sonno e concludono che l'accesso a Internet ad alta velocità riduce la durata e la soddisfazione del sonno nelle persone con vincoli di orario al mattino per motivi di lavoro o familiari.

“Le persone con una linea DSL tendono a dormire 25 minuti in meno rispetto alle loro controparti senza DSL. È molto meno probabile che dormano tra le 7 e le 9 ore, la quantità raccomandata dalla comunità scientifica, e sono meno soddisfatti del loro sonno”, dice Francesco Billari, ordinario di Demografia all'Università Bocconi di Milano e principal investigator del progetto DisCont, finanziato dallo European Research Council, nell'ambito del quale è stata condotta la ricerca.

L'effetto, osservano gli autori, è in gran parte spiegato dagli individui che devono affrontare vincoli di orario al mattino e dall'uso di dispositivi elettronici la sera (non dal loro uso durante l’intero arco della giornata). “Le tentazioni digitali possono ritardare l’orario in cui si va a letto, riducendo la durata del sonno di chi non è in grado di compensare svegliandosi più tardi la mattina”, dice Billari.

Le tentazioni a cui gli individui sono sensibili variano a seconda dell'età, affermano gli studiosi. Tra gli adolescenti e i giovani adulti (13-30 anni), esiste un'associazione significativa tra il sonno insufficiente e il tempo dedicato ai giochi elettronici e alla visione di Tv o video la sera, mentre per gli adulti più anziani (31-59 anni) la correlazione è con l'uso del computer e degli smartphone.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Robotica made in Italy:in 100 storie l'Italia che vince la sfida della tecnologia

Robotica made in Italy: in 100 storie l'Italia che vince la sfida della tecnologia

Dai robot domestici a quelli per lo spazio. 100 storie italiane dal sud al nord che raccontano di tecnologie pronte a migliorare la vita delle...
Luca Parmitano torna sulla Terra dopo 6 mesi di missione Beyond

Luca Parmitano torna sulla Terra dopo 6 mesi di missione Beyond

Luca Parmitano è tornato sulla Terra. L’astronauta dell’Esa ha rimesso i piedi sulla crosta terrestre, in Kazakistan, dopo 201 giorni trascorsi in...
Leonardo Award 2020 per ricercatori italiani nella Bay Area

Leonardo Award 2020 per ricercatori italiani nella Bay Area

La Leonardo Da Vinci Society di San Francisco e la sezione della Bay Area dell’ISSNAF - Italian Scientists and Scholars of North America Foundation...
I ricercatori italiani ricostruiscono 120mila anni di storia di ghiaccio marino

I ricercatori italiani ricostruiscono 120mila anni di storia di ghiaccio marino

Uno studio dell’Istituto di scienze polari del Cnr su una carota lunga 584 metri, estratta nel 2015 in Groenlandia, indica che l’estensione media di...
L’Italia si aggiudica la 9ª Coppa del Mondo di Gelateria 2020 davanti a Giappone e Argentina

L’Italia si aggiudica la 9ª Coppa del Mondo di Gelateria 2020 davanti a Giappone e Argentina

L’Italia si aggiudica la 9ª Coppa del Mondo di Gelateria 2020. Il verdetto a Rimini, durante il Sigep e A.B. Tech Expo 2020 di italiana Exhibition...

Weekly in Italian

Attualità

Recent Issues