A Vanessa Redgrave il 75° Leone d’oro alla carriera

A Vanessa Redgrave il 75° Leone d’oro alla carriera

E’ stato attribuito alla grande attrice britannica Vanessa Redgrave il Leone d’oro alla carriera della 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

La decisione è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, che ha fatto propria la proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera. Si tratta del secondo Leone d’oro alla carriera della 75° Mostra. Il Leone destinato a un regista è già stato attribuito, come noto, a David Cronenberg. Ogni anno la Biennale assegna due Leoni d’Oro alla carriera della Mostra del Cinema: a un regista, e a un attore o un’attrice.

Vanessa Redgrave, nell'accettare la proposta, ha dichiarato: “Sono sbalordita e straordinariamente felice di sapere che sarò premiata col Leone d’oro alla carriera dalla Mostra di Venezia. La scorsa estate stavo girando proprio a Venezia The Aspern Papers. Molti anni fa ho girato La vacanzanelle paludi del Veneto. Il mio personaggio parlava solo in dialetto veneziano. Scommetto di essere l’unica attrice non italiana ad aver recitato un intero ruolo in dialetto veneziano! Grazie infinite cara Mostra!”.

A proposito di questo riconoscimento, Alberto Barbera ha dichiarato: “Unanimemente considerata tra le migliori interpreti femminili del cinema moderno, la Redgrave è un’attrice sensibile e capace di infinite sfumature, interprete ideale di personaggi complessi e non di rado controversi. Dotata di naturale eleganza, innata forza di seduzione e di uno straordinario talento, è potuta passare con disinvoltura dal cinema d’autore europeo alle fastose produzioni hollywoodiane, dalle tavole del palcoscenico alle produzioni televisive, offrendo ogni volta risultati di assoluta eccellenza. Le sue apparizioni, distribuite in sessant’anni di attività, emanano autorevolezza e piena padronanza dei ruoli, generosità senza limiti ed estrema raffinatezza, qualità non disgiunte da una buona dose di audacia e combattività che costituiscono uno dei tratti più evidenti della sua personalità umana e artistica”.

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Cinema, minoranze e diritti umani nel docufilm ‘Adriatico. Il mare che unisce’

Cinema, minoranze e diritti umani nel docufilm ‘Adriatico. Il mare che unisce’

Il docu-film sulle minoranze etnico-linguistiche croato-albanesi presenti in Molise a partire dal XV secolo “Adriatico. Il mare che unisce”, scritto...
Prix Italia, torna a Roma la finestra sul mondo audiovisivo italiano

Prix Italia, torna a Roma la finestra sul mondo audiovisivo italiano

"Forse sarebbe stata una buona idea fornire delle cartine" è stato il commento di Karina Laterza (nella foto), segretario generale del Prix Italia,...
Venezia, dal cinema alla moda sul filo della creatività

Venezia, dal cinema alla moda sul filo della creatività

Anche quest’anno si è conclusa la 76esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia sul lido, un prestigioso ed ambito evento che segna fortemente...

Dai red carpet ai bagni di folla: quando andare in Laguna a settembre offre l’occasione di incontri ‘stellari’

Un uomo in missione nell’ignoto per salvare il Pianeta e, forse, il padre cosmonauta scomparso decenni or sono. A Venezia va in scena Ad Astra. Sul...
A Ferrara Uto Ughi, uno dei massimi esponenti della scuola violinistica italiana

A Ferrara Uto Ughi, uno dei massimi esponenti della scuola violinistica italiana

Concerto a Ferrara del violinista Uto Ughi accompagnato al pianoforte dal maestro Alessandro Specchi nell’ambito della XXVI edizione del Salone...

Weekly in Italian

Recent Issues