Meet the Italians: five types of women you’ll find in the Bel Paese

Beautiful and charming, impeccably dressed: here’s some stereotypes about Italian women. But they are also resilient, chatty and they love eating. Always!

La donna Italiana: timeless like la Loren, mesmerizing like Milva, beautiful like la Bellucci, intelligent like la Montalcini, strong like la Fallaci. Good in the kitchen like all nonne, eternally charming, she knows how to be a leader without forgetting femininity, she is a temptress, but never forgets her evening prayers. 

"In a world of raw diets, intermittent fasting and shrinking sizes, we still enjoy a big plate of pasta over a leafy salad without dressing"


Yes, Italian women are all that: in the world’s collective imagination, that is. As much as I wish, as a proud daughter of Italy, to be all that we are believed to be, reality is much more prosaic and less picture perfect than words. We are more Bridget Jones than Jackie Kennedy, just like girls and women all over the world, although, let me be honest here, there are certain things, among all those stereotypes, that do contain a shred of truth. 

"Italian women are not always sexy and they are not always beautiful. As all Italians though, they know how to laugh, avoiding to take themselves - and all those silly stereotypes - too seriously"


We are volitive and certainly comfortable in our skin. In a world of raw diets, intermittent fasting and shrinking sizes, we still enjoy a big plate of pasta over a leafy salad without dressing and know how to cook properly at least two or three dishes for each course of a proper meal. Italian women are not always sexy and they are not always beautiful. As all Italians though, they know how to laugh, avoiding to take themselves - and all those silly stereotypes - too seriously: that’s why I feel I won’t offend any of my female compatriots if I write about our little manias and idiosyncrasies and how they turn sometimes, and mostly with a lot of love and affection, into the trait our friends like to define us with. 

La donna Italiana: timeless like la Loren, mesmerizing like Milva, beautiful like la Bellucci, intelligent like la Montalcini, strong like la Fallaci


So, enters…

L’ossessionata dal pulito
Years before Obsessive Compulsive Cleaners became an international hit, we all knew already a friend’s mom who would expect you to take off your shoes when visiting, or would offer you a pair of pattine, thick fleece rectangles in a variety of colors, you were  required to slide on when moving about the house. Staples of the ossessionata del pulito’ s home, yesterday as today, are bleach, a powerful hoover able to suck up people’s souls and, of course, Saturdays dedicated solely to cleaning. Her home is always pristine and free of clutter: she likes white and gray, because that way cleanliness shows better. She has no books, no trinkets on the shelves, nothing that could potentially harbor dust or, god forbids, germs. Her obsession shows also when eating out: she would never use a restaurant’s toilet and usually inspects carefully cutlery and cookery before eating. If you visit her, she probably hitches for you to go quickly: she needs to sanitize the chair you’re sitting on, pronto. 

L’attiva in politica
Social and political awareness is more than essential, it is a duty. Even our Constitution says it when declaring, for instance, that voting is not only a right, but also a duty. Being politically active is good, then, but only when it’s done with sense. L’attiva in politica sometimes looses contact with reality: she is driven by her ideals and lives in a world made of Marx and second-wave feminism. Her partner is bearded and skinny, he probably cycles everywhere and may or may not (or pretend to) be a writer. She likes her hair long and her clothes made from organic cotton. Even if she is forgetful about the fact we are no longer in the 1960s - and that she wasn’t even born then - her friends like her idealism, but learned how to tune off her raging monologues about the Italian government a long time ago. 

La fatalona
Attenzione. La fatalona isn’t a femme fatale, nor a beautiful, warm temptress à la Lollo circa 1955. La fatalona thinks to be all that, but she is not. Although usually pleasant to the eye, she lacks natural charm and attracts solely on the basis of how over-the-top she looks. Make up is heavy and the rule to show either décolletage or legs is lost on her; she thinks to be the new Marylin, but she really is only a cringeworthy caricature of the myth. Mind, though, la fatalona is not a negative character, because she usually has a good heart and tends to always, always fall in love with the men she dates. Unfortunately for her, it never last.Thankfully, she has a very close-knit group of girlfriends who listen to her misadventures as if it were an episode of The Bold and the Beautiful, offering support, love, advice and, usually, chocolate. 

L’eterna giovane
A few years ago, a journalist writing for the Sunday Times Magazine coined the expression 1661 to define this type of woman: 16-61, as in “16 from behind, 61 from the front.” Indeed, Italy seems to be replete with them. We are talking about women of a certain age who are good looking, but have been denying the fact they are spring chickens no more. L’eterna giovane is very much recognizable by the way she dresses, as her outfits belong on people at least 25 years her junior; to be fair, l’eterna giovane is usually very good looking for her age and can carry shorts and tight tops better than much younger women. Beware though,  she is not quite the same thing as a cougar, because chasing after younger men is not a top priority for her. She is often happily married, she loves her children and the way she looks makes her happy, regardless of what men think. Thinking of it, I like l’eterna giovane a lot: youth is a state of mind, right? And if you still have legs like those of a twenty year old, why not flaunting them every now and then?

L’esterofila
Italian is a beautiful language and it has plenty of words to express all feelings and ideas or to describe every concept or place. Yet, when it comes to fashion and make up, some among us decided using English words is better. Of course, this is a widespread trend in all fields and among men, too, but because of the growing importance of international beauty gurus in Italy women, especially the young ones, became slaves of the “English word.” So, il trucco is always make up, il fard turned into blush and l’illuminante is rigorously called highlighter. Unsatisfied with the simple use of specific terminology, l’esterofila also ventures into social media posts in English: because her knowledge of the language tends to be minimal, results are funny at best, but pathetic when she attempts to write about serious stuff. 

Good in the kitchen like all nonne, eternally charming, she knows how to be a leader without forgetting femininity, she is a temptress, but never forgets her evening prayers


Alas, don’t take offense if you recognize yourself in one of our groups: it was all done for fun and with great affection. One last thing, I’d like to say, though. All Italian women have something in common: they’re resilient and they make amazing friends. Maybe it’s because they love talking and eating or maybe, as an Italian blogger said, it’s because they are so warm and used to live in large families: whichever the reason, an Italian girl always find a way to smooth difficulties, to give support and never, never gives up on those she loves. 
 

La donna italiana: senza tempo come la Loren, ipnotizzante come Milva, bella come la Bellucci, intelligente come la Montalcini, forte come la Fallaci. Capace in cucina come tutte le nonne, eternamente affascinante, sa essere leader senza dimenticare la femminilità, è tentatrice ma non dimentica mai di recitare le preghiere della sera.  

Sì, le donne italiane sono tutto questo: perlomeno nell'immaginario collettivo mondiale. Per quanto desideri, da orgogliosa figlia d'Italia, essere tutto ciò che crediamo di essere, la realtà è molto più prosaica e meno perfetta delle parole. Siamo più Bridget Jones che Jackie Kennedy, proprio come le ragazze e le donne di tutto il mondo, anche se, permettetemi di essere onesta, ci sono alcune cose, tra tutti gli stereotipi, che contengono un pizzico di verità.  

Siamo volitive e sicuramente siamo a nostro agio nella nostra pelle. In un mondo fatto di diete, digiuno intermittente e dimensioni che si riducono, sappiamo ancora preferire un bel piatto di pasta a foglie d'insalata senza condimento e sappiamo cucinare correttamente almeno due o tre piatti per ogni portata di un pasto adeguato. Le donne italiane non sono sempre sexy e non sono sempre belle. Come tutti gli italiani però, sanno come ridere, evitando di prendere se stesse - e tutti quegli stupidi stereotipi - troppo sul serio: è per questo che mi sento di non offendere nessuna delle mie connazionali se scrivo delle nostre piccole manie e idiosincrasie e come a volte si trasformino, soprattutto con tanto amore e affetto, nel modo in cui i nostri amici amano definirci. Quindi, iniziamo ...

L'ossessionata dal pulito  
Anni prima delle pulitrici ossessive compulsive diventate un successo internazionale, tutti noi conoscevamo la mamma di un amico che si aspettava che ti togliessi le scarpe quando ne visitavi la casa, o che ti offriva un paio di pattine, sottili rettangoli di lana in una varietà di colori, su cui bisognava scivolare per muoversi in casa. Requisiti delle case delle ossessionate del pulito, oggi come ieri, sono candeggina, un potente aspirapolvere in grado di aspirare anche le anime delle persone e, naturalmente, il sabato dedicato esclusivamente alla pulizia. La loro casa è sempre incontaminata e priva di confusione: piace il bianco e il grigio, perché in questo modo la pulizia si vede meglio. Non hanno libri, né ninnoli sulle mensole, niente che potrebbe potenzialmente ospitare polvere o, Dio non voglia, germi. La loro ossessione si mostra anche quando si mangia fuori: non userebbero mai la toilette di un ristorante e abitualmente ispezionano attentamente posate e quanto cucinato prima di mangiare. Se fate loro una visita, probabilmente vi spingono ad andare via in fretta: hanno bisogno di sterilizzare subito la sedia su cui ti sei seduto.

L'attiva in politica  
La consapevolezza sociale e politica è più che essenziale, è un dovere. Anche la nostra Costituzione lo dice quando dichiara, ad esempio, che votare non è solo giusto, ma anche un dovere. Essere politicamente attivi va bene, quindi, ma solo quando se lo si fa con criterio. L'attiva in politica a volte perde il contatto con la realtà: è guidata dai suoi ideali e vive in un mondo fatto di Marx e di un femminismo della seconda ondata. Il suo compagno è barbuto e magro, probabilmente va in bicicletta dappertutto e può o non può (o dovrebbe) essere scrittore. Le piacciono i capelli lunghi e gli abiti in cotone biologico. Anche se dimentica che non siamo più negli anni '60 - e che lei allora non era nata - i suoi amici o il suo idealismo, ha imparato a sintonizzare i suoi monologhi furiosi sul governo italiano molto tempo fa.  

La fatalona  
Attenzione. La fatalona non è una femme fatale, né una bella, calda tentatrice alla maniera della Lollo intorno al 1955. La fatalona pensa di essere tutto ciò, ma non lo è. Anche se di solito è piacevole alla vista, manca di fascino naturale e attrae solo sulla base del suo aspetto esagerato. Il trucco è pesante e non ha doti nel mostrare il décolleté o le gambe; pensa di essere la nuova Marylin, ma in realtà è solo una caricatura del mito. Badate, però, la fatalona non è un personaggio negativo, perché di solito ha buon cuore e tende sempre, sempre, ad innamorarsi degli uomini che frequenta. Purtroppo per lei, non dura mai. Fortunatamente, ha un gruppo molto affiatato di ragazze che ascoltano le sue disavventure come se fossero un episodio di Beautiful, offrendo supporto, amore, consigli e, solitamente, cioccolato.

L'eterna giovane  
Alcuni anni fa, un giornalista che scriveva per il Sunday Times Magazine coniò l'espressione 1661 per definire questo tipo di donna: 16-61 cioè "16 dietro, 61 davanti". In effetti, l'Italia ne sembra piena. Stiamo parlando di donne di una certa età che sono belle, ma negano il fatto che non sono più giovani gallinelle. L'eterna giovane si riconosce facilmente per il modo in cui veste, perchè i suoi abiti andrebbero bene a 25enni; ad essere onesti, l'eterna giovane di solito è molto bella per la sua età e potrebbe portare pantaloncini e top aderenti meglio di molte donne più giovani. Attenzione però, non è esattamente una tardona, perché rincorrere gli uomini più giovani non è una priorità per lei. Spesso è felicemente sposata, ama i suoi figli e il modo in cui appare la rende felice, indipendentemente da ciò che pensano gli uomini. Pensandoci su, mi piace molto l'eterna giovane: la gioventù è uno stato mentale, giusto? E se hai ancora le gambe di una ventenne, perché non sfoggiarle ogni tanto?

L'esterofila  
L'italiano è una lingua bellissima e ha molte parole per esprimere tutti i sentimenti e le idee o per descrivere ogni concetto o luogo. Tuttavia, quando si parla di moda e trucco, qualcuno ha deciso che è meglio usare parole inglesi. Certo, questa è una tendenza diffusa in tutti i campi e anche tra gli uomini, ma per la crescente importanza dei guru della bellezza internazionale in Italia, le donne, specialmente giovani, diventano schiave delle "parole inglesi". Quindi, il trucco è sempre make up, il fard è diventato blush e l'illuminante è rigorosamente chiamato highlighter. Insoddisfatta dal semplice uso di una terminologia specifica, l'esterofila si avventura con l’inglese anche nei post sui social media: poichè la sua conoscenza del linguaggio tende ad essere minima, i risultati sono divertenti nei casi migliori, e patetici quando cerca di scrivere cose serie.  

Ahimè, non offendetevi se vi riconoscete in uno dei nostri gruppi: tutto è scritto per divertimento e con grande affetto. Un'ultima cosa, però, mi piacerebbe dire. Tutte le donne italiane hanno qualcosa in comune: sono resilienti e sono fantastiche amiche. Forse perché amano parlare e mangiare, o forse come un blogger italiano ha detto, perché sono così affettuose e abituate a vivere in famiglie numerose: qualunque sia la ragione, una donna italiana trova sempre il modo di ridurre le difficoltà, di offrire sostegno e non rinuncia mai, mai, a chi ama.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

“Lumi in aria,” lights in the air: expression of art and beauty

Since the beginning of time, light has been a recurrent symbol in Christianity and, from a liturgical point of view, it refers directly to God. Light...

San Francisco celebrates Italian heritage, traditions, and history in a full weekend of events

The first weekend in October will be very busy for locals and visitors in San Francisco. While the Marina will welcome the San Francisco Fleet Week...

Lerici: secrets, solace and sorrows on the Gulf of Poets

There is something at the heart of Lerici that works on my imagination to create magic as interesting things happened in its world of sand and sea,...

Scirocco and Wind Rose markers in St Peter's Square

When Juno, Queen of Olympus, needed to vent her spleen, she visited Aeolus, god of the winds, on his draughty island off Sicily. Juno was outraged...

Venice locks up its gates to tourists: is this really the right solution?

A couple of weeks ago, we learnt about Florence, right on these pages, right off the pen - well, keyboard - or yours truly. Today, is Venice to...

Weekly in Italian

Recent Issues