Papa Francesco e la Lettera al Popolo di Dio

Papa Francesco e la Lettera al Popolo di Dio

Nella sua lunga storia la Chiesa ha conosciuto molti momenti critici, ma la sconvolgente inchiesta dell’Investigating  Grand Jury della Pennsylvania  che in 1300 pagine  accusa 301 sacerdoti di aver abusato di più di  mille minori  ha suscitato  lo sdegno di oltre 140 teologi, educatori e cattolici laici che hanno sottoscritto una petizione per chiedere ai vescovi degli Stati Uniti di dimettersi.

Un’ Apocalisse per la credibilità di tutta la Chiesa, una catastrofe, rivelazione di una  realtà spesso coperta e  nascosta. Lo  scandalo  ha indotto l’attuale Pontefice  a scrivere una Lettera al popolo di Dio,all’intera comunità cattolica dunque, dove  esprime il  suo grido di dolore davanti a un crimine  così vergognoso.Si tratta di  una lettera drammatica, senza precedenti, perché nessuno può chiamarsi fuori da una vicenda  così angosciosa, nessuno è assolto, siamo tutti coinvolti. 

“Negli ultimi giorni – scrive Papa Francesco – è stato pubblicato un rapporto in cui si descrive l’esperienza di almeno mille persone che sono state vittime di abusi sessuali, di potere e di coscienza per mano di sacerdoti, in un arco di circa settant’anni. Benché si possa dire che la maggior parte dei casi riguarda il passato, tuttavia, col passare del tempo, abbiamo conosciuto il dolore  di molte delle vittime  e constatiamo che le ferite non spariscono mai e ci obbligano a condannare con forza queste atrocità, come pure a concentrare gli sforzi per sradicare questa cultura di morte; le ferite ‘non vanno mai prescritte’.  

E ancora  “Il dolore di queste vittime è un lamento che sale al cielo, che tocca l’anima e che per molto tempo è stato ignorato, nascosto o messo a tacere. Ma il suo grido è stato più forte di tutte le misure che hanno cercato di farlo tacere o anche hanno preteso di risolverlo con decisioni che ne hanno accresciuto la gravità cadendo nella complicità”. E’ questo  uno dei punti cruciali dello  scritto,  quando parla di complicie non solo di quelli che si sono  comportati  da padroni delle vite e delle sensibilità altrui: sono egualmente colpevoli coloro che  hanno favorito le azioni criminose voltando la testa da un’altra parte. Non è dunque più possibile, dopo questa drammatica Lettera, chiamarsi fuori, circoscrivere le responsabilità e andare oltre, non bastano denunce e punizioni, tribunali o commissioni speciali.

Nessun perimetro di colpe, nessuna auto assoluzione è più possibile: l’abuso sessuale, oltre ad essere un peccato gravissimo, è anche un crimine. Poiché si tratta  di abuso di potere da parte di chi si erige a giudice  dei comportamenti, delle sensibilità  e dei pensieri degli altri, Francesco accusa, e non è certo la prima volta,  il clericalismo di chierici e laici. E qui accenniamo , per dovere di cronaca, alle accuse dell’ex  nunzio apostolico negli Stati Uniti, mons. Carlo Maria Viganò, che il 28 agosto  ha pubblicato su diverse testate conservatrici un comunicato di 11 pagine nel quale accusa tre Papi (Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco), oltre a numerosi vescovi, cardinali, segretari di Stato di avere ignorato o coperto le denunce emerse nel corso degli anni a carico del cardinale  Theodore McCarrick, arcivescovo emerito di Washington oggi 88enne, colpevole di abusi sessuali a danno  di diversi seminaristi compiuti nei decenni passati. Venuto a conoscenza dei fatti, Papa Francesco ha  tolto recentemente  la porpora  a McCarrick. Sulle folli  accuse di Viganò  all’attuale Papa, di cui ha anche chiesto le dimissioni (ma Bergoglio all’epoca dei fatti contestati  non era neppure Cardinale  e nulla conosceva  di ciò che avveniva in Vaticano),  e in attesa dei risultati dell’indagine internache il Pontefice  ha appena disposto  per far luce sul passato di Mc Carrick  e capire come  abbia potuto fare carriera  negli ultimi 18 anni,ci limitiamo a fare nostre  le parole dello  storico Alberto Melloni : “Che un vecchio prelato, furibondo per non avere fatto carriera, covi risentimento verso il Papa è l’abc del cattolicesimo romano. Che usi i giornali per vendicarsi è un déjà vu, dai tempi in cui il cardinale Ottaviani affidò a Indro Montanelli carte per denigrare Papa Giovanni”.

Frattanto il Consiglio dei Cardinali riunito Santa Marta per elaborare  assieme al Papa la riforma della Curia Romana, ha formulato al Pontefice  “ piena solidarietà a fronte di quanto accaduto nelle ultime settimane, consapevole che nell’attuale dibattito la Santa Sede sta per formulare gli eventuali e necessari chiarimenti”.  

Rimane ancora in sospeso  la situazione di numerosi  vescovi cileni di cui ne sono  già  stati rimossi cinque per  accuse di pedofilia. E’ una mentalità che  deve essere cambiata,annota ancora il Pontefice nella  Lettera al Popolo di Dio : “Se La coscienza del peccato ci aiuta a riconoscere gli errori, i delitti e le ferite procurate nel passato, nel contempo ci permette di aprirci e impegnarci maggiormente nel presente in un cammino di rinnovata conversione”.

Il Papa è ben consapevole  dello sforzo e del lavoro che si compie in diverse parti del mondo per garantire e realizzare le mediazioni necessarie, che diano sicurezza e proteggano l’integrità dei bambini e degli adulti in stato di vulnerabilità, come pure della diffusione della ‘tolleranza zero’ e dei modi di rendere conto da parte di tutti coloro che compiono o coprono questi delitti. 

 

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Dall'Università di Stanford al sindaco di San Francisco: la visita di Mattarella in Usa arriva nella Baia

Dall'Università di Stanford al sindaco di San Francisco: la visita di Mattarella in Usa arriva nella Baia

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a San Francisco, seconda tappa della Visita Ufficiale negli Stati Uniti d’America, ha visitato le...
Mattarella a colloquio con Trump: 'I rapporti tra Stati Uniti e Italia sono caratterizzati da un’amicizia profonda e da comunanza di interessi'

Mattarella a colloquio con Trump: 'I rapporti tra Stati Uniti e Italia sono caratterizzati da un’amicizia profonda e da comunanza di interessi'

"I rapporti tra Stati Uniti e Italia sono caratterizzati da un’amicizia profonda e da comunanza di interessi, rafforzati l’uno e l’altro dalla...
A Pacentro, festa grande per l’emigrato d’eccellenza Mike Pompeo

A Pacentro, festa grande per l’emigrato d’eccellenza Mike Pompeo

E’ stata una festa per tutto il paese ma è stato soprattutto la festa di chi, come i giornalisti di Abruzzo nel Mondo, da quasi 40 anni dedicano...
Il Segretario di Stato Pompeo in visita in Italia, dal Papa e in Abruzzo da dove emigrarono i bisnonni

Il Segretario di Stato Pompeo in visita in Italia, dal Papa e in Abruzzo da dove emigrarono i bisnonni

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Quirinale il Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America, Michael Richard...
Luca Parmitano nuovo comandante della Stazione Spaziale Internazionale. È la prima volta di un astronauta italiano

Luca Parmitano nuovo comandante della Stazione Spaziale Internazionale. È la prima volta di un astronauta italiano

Luca Parmitano è il nuovo comandante della Stazione Spaziale Internazionale. È la prima volta che un astronauta italiano assume il Comando della Iss...

Weekly in Italian

Recent Issues