When life should mirror food: eating and living with Italian gusto

Just like the arts, and culture in general, food is one of the shiniest precious stones in Italy’s own regal crown

Saying that food, in Italy, is more than simple nutrition means stating the obvious: years and years of Sunday lunches and holiday feasts at nonna’s place didn’t simply made our childhood memories sweeter, but taught us this little secret about our country. Eating means a lot, in Italy: it speaks of conviviality and love, of history and local heritage, of a past that shapes the future, of something we remain profoundly and undeniably proud of.  

Just like the arts, and culture in general, food is one of the shiniest precious stones in Italy’s own regal crown, unique and breathtaking in its simplicity. Indeed Italian food, just like the clearer of diamonds, doesn’t need much to cast its brightness around: pure ingredients, simple concoctions, respect for the past and a lot of love. And mind, as trite as the pairing food-love may appear, there is truth in it, especially in Italy, where eating becomes convivial joyousness, and offering food a sign of welcoming, of affection, sometimes a means to ease sorrow and pain, even.  

The soul of Italy has been, for centuries and centuries, agricultural and it is in the rhythms and habits of the mondo contadino we find the origin of much of our traditional dishes


A recent book by Matt Goulding, Pasta, Pane, Vino: Deep Travels Through Italy’s Food Culture (published by Harper Wave/Anthony Bourdain) brought me to make some considerations on how the philosophy of Italian food truly could - and should - work for our lives, too: a philosophy where simplicity is key, where one’s own identity rests solidly into tradition, only to bloom creatively and with flair, in a way typical of the people of the Mediterranean. A philosophy where the secret of happiness is learning how to make do, sometimes, with what’s at hand, because the most beautiful surprises may come from the humblest of things. In the kitchen, just as in life.  

Just like the arts, and culture in general, food is one of the shiniest precious stones in Italy’s own regal crown


And so, Goulding tells us how, in Italy, “every meal counts:” it counts because it becomes, day in day out, the central moment for the community - may it be a family, a group of friends, a couple - to take time to gather. A meal in Italy, as it is very much throughout the Mediterranean world, is a moment of profound conviviality, of sharing and discussion. You eat, and enjoy the warmth of those you love the most. Have you ever wondered why “eating alone” is such a dreadful thing for an Italian? Because eating is more than nutrition, eating is family, union, sharing. And indeed, our Roman ancestors, and before them the Greeks and the Jewish communities of the Middle East, all understood the importance of sharing food and gathering around a table: it is from them we inherited the habit. In the world of social media and smartphone relationships, taking a leaf from this well ingrained Italian food habit could make many rediscover the pleasure of true human contact.  

Eating means a lot, in Italy: it speaks of conviviality and love, of history and local heritage, of a past that shapes the future


The art of make-do and an adamant appreciation for what’s essential are central to the beauty and taste of Italian cuisine, Goulding continues: how true! How many times have we seen our mothers and grandmothers opening the fridge and throwing together a feast from leftovers, or from a bunch of old vegetables? Well, the very heart of Italian cuisine is just in that, in the old adagio “non si butta via niente,” because all, but truly all, can be turned into something delicious. The soul of Italy has been, for centuries and centuries, agricultural and it is in the rhythms and habits of the mondo contadino we find the origin of much of our traditional dishes: and so, out comes our cuisine’s penchant for simple ingredients and seasonal concoctions, for things that fill you up from morning to evening, that comfort the stomach just as much as they soothe the soul. Very rarely Italian food asks for quirky ingredients, very rarely it involves complex, overly fancy preparations: it is all down to understanding the beauty of what we have and discovering the treasures of what’s around us. And if this is not a lesson to learn for life as well, then I don’t know what is.  

A recent book by Matt Goulding, Pasta, Pane, Vino: Deep Travels Through Italy’s Food Culture (published by Harper Wave/Anthony Bourdain)


But Italians - boy, isn’t it true - are pleasure lovers! And food is one of the pleasures we love the most. Take, for example, the uncanny habit we have to start the day with incredibly decadent breakfasts: in Piemonte, during the winter, you may well switch your cappuccino with a hot chocolate with cream and the cornetto with a handful of cornmeal and butter cookies; in Sicily, a brioche with ice cream or granita is a favored start for the day, and always remember our morning cornetti come in a million varieties which include custard and chocolate cream. What does Italy’s morning sweet tooth tell us about life?

Well, I think it’s quite simple: it is an invitation to enjoy the earthy pleasures of everyday living with an open heart, albeit without exaggeration, because life is too short to be perennially on a diet or to postpone that little trip, to renounce once more to read that book or to buy that silk tie. Eating the Italian way also teach us a bit of that, in the end: not to say always no to pleasure. It’s not an invitation to debauchery, mind, it’s more of an acceptance of the fact that, in small quantities, even some naughty can do us good.  

The art of make-do and an adamant appreciation for what’s essential are central to the beauty and taste of Italian cuisine


The more I think about it, the more it really seems that learning how to eat like an Italian can teach us a thing or two about how to live a better life as well. Pity there are so many Italians, too, today, who seem to have forgotten the basic, gritty, yet useful teachings of their culinary tradition about how to live life with serenity. Never forget where you come from and respect it; look closer to home when you seek something special, because it’s bound to be around; don’t forget to enjoy pleasures and don’t forget simplicity and love are the key to everything. In the kitchen and in life.  

Matt Goulding’s Pasta, Pane, Vino: Deep Travels Through Italy’s Food Culture (Harper Wave/Anthony Bourdain) is widely available in stores and online, at an average price of 20 USD.

Dire che il cibo in Italia è più di un semplice nutrimento significa affermare l'ovvio: anni e anni di pranzi domenicali e feste natalizie a casa della nonna non hanno semplicemente reso più dolce le nostre memorie d'infanzia, ma ci hanno insegnato questo piccolo segreto del nostro Paese. Mangiare significa molto, in Italia: parla di convivialità e amore, di storia e patrimonio locale, di un passato che plasma il futuro, di qualcosa di cui siamo profondamente e innegabilmente fieri.  

Proprio come le arti e la cultura in generale, il cibo è una delle pietre preziose più brillanti della corona regale italiana, unico e sorprendente nella sua semplicità. In effetti il cibo italiano, proprio come il più scintillante tra i diamanti, non ha bisogno di molto per esprimere la sua luminosità: ingredienti puri, semplici ricette, rispetto per il passato e tanto amore. E badate, anche se sembra banale l’abbinamento cibo-amore, c'è verità in esso, specialmente in Italia, dove mangiare diventa gioia conviviale e offrire cibo è segno di accoglienza, di affetto, e a volte è un mezzo per alleviare la tristezza e perfino il dolore.  

Un recente libro di Matt Goulding, “Pasta, Pane, Vino: Deep Travels Through Italy’s Food Culture” (edito da Harper Wave / Anthony Bourdain) mi ha portato a fare alcune considerazioni su come la filosofia del cibo italiano possa davvero - e dovrebbe - servire anche per le nostre vite: una filosofia in cui la semplicità è la chiave, dove la propria identità si fonda saldamente alla tradizione, solo per fiorire in modo creativo e con stile, in un modo tipico della gente del Mediterraneo. Una filosofia in cui il segreto della felicità sta, a volte, nel saper preparare con ciò che è a portata di mano, perché le sorprese più belle possono venire dalle cose più umili. In cucina, come nella vita.

E così, Goulding ci dice che, in Italia, "ogni pasto conta": conta perché, giorno dopo giorno, diventa il momento centrale per la comunità – sia essa una famiglia, un gruppo di amici, una coppia – ed è un momento per stare insieme. Un pasto in Italia, come in tutto il mondo mediterraneo, è un momento di profonda convivialità, condivisione e discussione. Mangi e godi il calore di coloro che ami di più.  

Ti sei mai chiesto perché "mangiare da solo" è una cosa così terribile per un italiano? Perché mangiare è più che alimentarsi, mangiare è famiglia, è unione, è condivisione. E in effetti, i nostri antenati Romani, e prima di loro i Greci e le comunità ebraiche del Medio Oriente, capivano l'importanza di condividere il cibo e di riunirsi attorno a un tavolo: da loro abbiamo ereditato l'abitudine. Nel mondo dei social media e delle relazioni via smartphone, imparare da questa ben radicata abitudine alimentare italiana potrebbe far riscoprire a molti il piacere del vero contatto umano.  

L'arte del fare e un deciso apprezzamento per ciò che è essenziale, sono fondamentali per la bellezza e il gusto della cucina italiana, continua Goulding: quanto è vero! Quante volte abbiamo visto le nostre mamme e le nostre nonne aprire il frigo e tirare fuori una prelibatezza dagli avanzi o da un mucchio di vecchie verdure? Bene, il vero cuore della cucina italiana sta proprio in questo, nel vecchio adagio "non si butta via niente", perché tutto, ma veramente tutto, può trasformarsi in qualcosa di delizioso. L'anima d'Italia è stata, per secoli e secoli, agricola ed è nei ritmi e nelle abitudini del mondo contadino che troviamo l'origine di gran parte dei nostri piatti tradizionali: e da qui viene fuori la propensione della nostra cucina per gli ingredienti semplici e le ricette stagionali, per le cose che ti riempiono dal mattino alla sera, che confortano lo stomaco tanto quanto placano l'anima. Molto raramente il cibo italiano richiede ingredienti bizzarri, molto raramente prevede preparazioni complesse e stravaganti: tutto dipende dalla bellezza di ciò che abbiamo e dalla scoperta dei tesori che ci circondano. E se questa non è una lezione da imparare anche per la vita, allora non so quale altra possa essere. Ma gli italiani - non è forse vero? - sono amanti del piacere.  

E il cibo è uno dei piaceri che amiamo di più. Prendiamo, per esempio, l'abitudine inspiegabile di iniziare la giornata con colazioni incredibilmente ricche: in Piemonte, in inverno, puoi sostituire il cappuccino con una cioccolata calda con panna e il cornetto con una manciata di biscotti al burro e mais; in Sicilia, una brioche con gelato o granita è un modo per iniziare bene la giornata, e ricordate sempre i nostri cornetti mattutini in un milione di varietà che comprendono crema pasticcera e crema al cioccolato.  

Che cosa ci dice la dolcezza del mattino italiano sulla vita? Beh, penso che sia abbastanza semplice: è un invito a godersi i semplici piaceri della vita di tutti i giorni a cuor leggero, anche se senza esagerazioni, perché la vita è troppo breve per essere perennemente a dieta o per posporre quel piccolo viaggio, per rinunciare un’altra volta a leggere quel libro o a comprare quella cravatta di seta. Mangiare in stile italiano, alla fine, ci insegna un po' questo: a non dire sempre no al piacere. Non è un invito alla dissolutezza, badate, è più un'accettazione del fatto che, in piccole quantità, anche qualche vizio può farci del bene.

Più ci penso, più mi sembra che imparare a mangiare come un italiano possa davvero insegnarci qualcosa su come vivere una vita migliore. Peccato che ci siano così tanti italiani, anche oggi, che sembrano aver dimenticato gli insegnamenti basilari, grossolani ma utili della loro tradizione culinaria su come vivere la vita serenamente. Non dimenticare mai da dove vieni e rispettalo; guarda più vicino a casa quando cerchi qualcosa di speciale, perché è inevitabile sia lì intorno; non dimenticare di goderti i piaceri e non dimenticare che la semplicità e l'amore sono la chiave di tutto. In cucina e nella vita.

Pasta, Pane, Vino: Deep Travels Through Italy’s Food Culture di Matt Goulding (Harper Wave / Anthony Bourdain) è ampiamente disponibile nei negozi e online, ad un prezzo medio di 20 USD.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

We still miss you: 25 years without Federico Fellini

It was All Souls’ Day, and Rome had woken up under the rain. It makes you wonder, sometimes, the way Nature manages to read into the heart of the...

3 Best Places to Visit in Florence

Are you planning a trip to Florence for the next holiday? Hop in as we take you through a handful of ways to have fun in one of the most significant...

The heart and soul of Naples: history and poetry of the Quartieri Spagnoli

“Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e creature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo:” Naples is a thousand...

Legends and ghost stories of Milan

Milan is one of Italy’s most metropolitan and contemporary cities. Attracting travelers and business people from all over the world, it has become...

“Lumi in aria,” lights in the air: expression of art and beauty

Since the beginning of time, light has been a recurrent symbol in Christianity and, from a liturgical point of view, it refers directly to God. Light...

Weekly in Italian

Recent Issues