San Pedro officially has its own historic Little Italy

San Pedro's Little Italy as it will be: finally LA will have its corner of Belpaese recognized

In the 1800s,Los Angeles used to have a vibrant Little Italy located in the historic center of the city, a place today known as El Pueblo de Los Angeles. In this very area two streets were named after two Italian pioneers, Nicola Quierolo and Giuseppe Garibaldi, leaders of the Italian unification and, starting from the 1900s, the Italian community  began expanding into present-day Chinatown, Lincoln Heights, Elysian Park, all the way to San Pedro. Nowadays, however, little is left of the Italian American heritage and history in this area, except St. Peter’s Church and Casa Italiana. 

It is hard to believe that in California - the third US state for number of Italian Americans, after New York and New Jersey - and in a city like Los Angeles - the 5th metropolitan area in the US for number of Italian American residents, after New York, Philadelphia, Boston and Chicago – there was no publicly identified Little Italy. 

Something has recently changed after council member Joe Buscaino introduced a motion to have a section of San Pedro named Historic Little Italy. “The neighborhood in San Pedro is home to the region’s largest concentration of persons of Italian ancestry. It is appropriate the city honors this vibrant enclave of Italian Americans, which is such an important part of our city’s history and multicultural fabric,” underlines Buscaino. 

San Pedro represents one of the few visible local Italian communities


San Pedro in fact represents one of the few visible local Italian communities. Due to the presence of the port and to what was formerly a significant fishing industry, this southern part of the city witnessed the arrival of two main groups of Italian immigrants who, throughout the years, had an important role in the growth of the local fishing industry. They came from the fishing communities of Ischia and Sicily.  Although the first migrations took place in the early 20th century, with the arrival of the Sicilians only later, the solid identity of this community, along with its close-knit nature, fostered in time the preservation of an true Italian reality in San Pedro. 

Indeed, preserving such Italian identity was a priority of council member Joe Buscaino, representative of the San Pedro area. 

San Pedro's Little Italy as it will be: finally LA will have its corner of Belpaese recognized


Of Sicilian descent, Buscaino has been actively working to support cultural preservation and commemoration through various community initiatives and public works. The most recent is clearly represented by the motion that was approved in a 13-0 vote on Wednesday June 27, and that officially designated a Historic Little Italy in San Pedro, and includes also the installation of street signs at key intersections.

When did the idea of the motion came into being?
Considering their history and the contribution Italians gave to San Pedro, it was obvious that a new square called Little Italy had to become a reality here, also in light of all we’ve been doing in the  area. 

What are you doing?
Downtown San Pedro is currently experiencing a renaissance. We have begun the $150 million redevelopment of the Los Angeles Waterfront in San Pedro, a large commercial development that will become a new attraction for Los Angeles. There are already 1,000 new apartments, either planned or already being built, in downtown San Pedro. A few years ago, the city’s Harbor Department completed the $35 million downtown San Pedro Harbor. We have begun the process of redeveloping the Rancho San Pedro public housing development, which will add 22 acres to the estate, and more housing for all income levels. Our aim is to make of downtown San Pedro a new destination in Los Angeles. The idea is to attract new businesses,  which is also a way to support existing commercial activities in the area. 

Councilman Joe Buscaino fought to see the Italian heritage of San Pedro acknowledged


Why was it so important for you? 
Creating a Little Italy serves as a mechanism to preserve Italian culture.
Italians had an immense impact on San Pedro’s history and economy during the past century. While many Italian families have assimilated into American culture, they have also been showing a renewed desire to be connected to their roots. 

Did any other Little Italy in the US inspired you?
Yes! The model that San Diego used to establish and grow its Little Italy is impressive. I have brought its creator on board as a consultant to help us shape our San Pedro.

What will the impact of this new Italian district be on an economic and social level? 
The preservation and promotion of Italian culture and cuisine is an important aspect of this initiative. Developing a strategy to attract and support Italian businesses in San Pedro is also a solid approach for local economic development. San Diego has been tremendously successful at using the concept of Little Italy: they transformed it in a compelling branding and marketing tool. In San Pedro, we will learn from this approach and adapt it to support our own downtown development’s goals.

Are you planning any new constructions in the area? 
Yes! Currently, there are approximately 1,000 new apartments, planned or already being built, within one and a half mile of where Little Italy’s square will be. 

What’s the key factor to make Little Italy successful?
The Little Italy model requires density to be successful: it is necessary to support the current economic activity around the square, as well as all those which will be created thanks to it.  

Additionally, adjacent to downtown San Pedro is the Rancho San Pedro public housing development where there are currently 479 housing units on 22 acres. We have begun the redeveloping process by increasing the site’s density thanks to the creation of new housing for all income levels. This redevelopment will contribute to increase density in downtown San Pedro, which will ensure that existing and new businesses thrive.

What was the reaction of the locals in San Pedro when the motion was approved? 
Locals in San Pedro are very aware of the contributions of Italians and their history in town, and appreciate the efforts being made to establish a Little Italy. Locals understand the economic benefits a Little Italy will bring to downtown San Pedro and, ultimately, to them as residents.

Is the Italian community in San Pedro going to celebrate?
Italians are always eager to celebrate the many things life brings us. Births, weddings, birthdays, Saints’ Days, and even family time on Sundays, so there is no doubt that a Little Italy in San Pedro will be a cause for celebration.

The area of Historic Little Italy will be marked with signs at various intersections, including Ninth Street and Gaffey Street, Ninth Street and Pacific Avenue, Sixth Street and Pacific Avenue, Sixth Street and Mesa Street, 12th  Street and Gaffey Street, 12th Street and Mesa Street, 13th Street and Gaffey Street, 17th  Street and Gaffey Street, 13th  Street and Mesa Street, and 17th  Street and Mesa Street.
 

Nel 1800 una parte del centro storico di Los Angeles era chiamata Little Italy, la stessa zona che oggi è conosciuta come la storica El Pueblo de Los Angeles. Proprio in questa area due strade portavano il nome di due pionieri italiani, Nicola Quierolo e Giuseppe Garibaldi, sostenitori dell’Unità d’Italia, e dal 1900 in poi la comunità italiana si era espansa in quella che è l’attuale Chinatown, a Lincoln Heights e Elysian Park, fino a San Pedro. 

Ma al giorno d’oggi in questa parte della città, a parte la Chiesa di San Pietro e Casa Italiana, sono rimasti pochi segni del passaggio degli italiani e della storia italo-americana.

Ed è difficile credere che in California, il terzo stato negli Stati Uniti con il maggior numero di italo americani dopo New York e il New Jersey, e in una città come Los Angeles, la quinta area metropolitana negli Stati Uniti con il maggior numero di italoamericani dopo New York, Philadelphia, Boston, e Chicago, nessuna area venga ufficialmente riconosciuta come Little Italy.
In questo senso però qualcosa è recentemente cambiato: a seguito della mozione presentata dal consigliere comunale Joe Buscaino una sezione di San Pedro verrà rinominata Historic Little Italy. 

“Il quartiere di San Pedro ospita la più grande concentrazione di persone con discendenza italiana di tutta la regione. È giusto che la città onori questa vibrante enclave di italo-americani che costituiscono una parte importante della storia della nostra città e del tessuto multiculturale” sottolinea Buscaino.

San Pedro rappresenta infatti una delle poche comunità locali di italiani. Questa parte meridionale della città, per via della presenza del porto e per il fatto di essere considerata una zona fondamentale per l’industria ittica, ha registrato l’arrivo di due gruppi di immigrati italiani che negli anni hanno avuto un ruolo importante nell’industria locale, due gruppi che venivano da due comunità isolane di pescatori: Ischia e la Sicilia. Sebbene le prime migrazioni siano avvenute nei primi anni del Ventesimo secolo, con il successivo arrivo dei siciliani, la solida identità di questo gruppo e la sua radicata compattezza hanno favorito nel tempo la conservazione di una realtà italiana a San Pedro.

Ed è proprio la conservazione dell’identità italiana la priorità nell’agenda del consigliere Joe Buscaino, rappresentante dell’area di San Pedro. Di origine siciliana, Buscaino ha lavorato attivamente per il mantenimento e la celebazione culturale attraverso varie iniziative e opere pubbliche. La più recente è chiaramente rappresentata dalla mozione che è stata approvata con 13-0 voti, mercoledì 27 giugno e che stabilisce ufficialmente la designazione di una storica Little Italy a San Pedro, inclusa l’installazione di segnali stradali negli incroci principali.

Quando è nata l’idea di fare una mozione?
Considerando la storia e il contributo degli italiani a San Pedro, era ovvio che una nuova piazza chiamata Little Italy sarebbe dovuta nascere qui, considerando anche tutto ciò che stiamo facendo nel centro di San Pedro. 

Cosa state facendo?
Il cuore di San Pedro attualmente sta attraversando una fase di rinascita. Abbiamo iniziato una riqualificazione da 150 milioni del lungomare di Los Angeles qui a San Pedro, un grande sviluppo commerciale che diventerà una nuova attrazione per Los Angeles. Ci sono già 1.000 nuovi appartamenti che sono stati progettati o che sono già in costruzione nel centro di San Pedro. Alcuni anni fa, il dipartimento portuale della città ha completato il porto di San Pedro, per il valore di 35 milioni. Abbiamo iniziato il processo di riqualificazione dello sviluppo dell’edilizia residenziale di Rancho San Pedro, che creerà uno sviluppo di ulteriori 22 acri, più alloggi per tutte le fasce di reddito. L’obiettivo è creare una nuova destinazione per Los Angeles nel centro di San Pedro. L’idea è quella di attirare nuovi affari nel centro di San Pedro, un modo per sostenere le attività commerciali esistenti in centro.

Perché era così importante per lei?
Creare una Little Italy è un modo per preservare la cultura italiana. Gli italiani hanno avuto un grandissimo impatto sulla storia e sull’economia di San Pedro nel secolo scorso. Anche se molte famiglie italiane si sono assimilate alla cultura americana, stanno mostrando il desiderio di tornare alle proprie radici. 

C’è stata qualche altra Little Italy negli Stati Uniti che l’ha ispirata in particolare?
Sì! Il modello che San Diego ha usato per fondare e far crescere la sua Little Italy è impressionante. Ho assunto l’ideatore come consulente per aiutarci nel creare la nostra a San Pedro.

Quale sarà l’impatto di questo nuovo distretto italiano a livello economico e sociale?
La conservazione e la promozione della cultura e della cucina italiana è un aspetto importante di questa iniziativa. Sviluppare una strategia per attrarre e sostenere le imprese italiane a San Pedro sarà un approccio solido per lo sviluppo economico locale. San Diego ha avuto un enorme successo nell’usare il concetto di Little Italy, per loro è stato uno strumento di branding e marketing molto avvincente. A San Pedro impareremo da questo approccio e lo adatteremo per supportare i nostri obiettivi che riguardano lo sviluppo del centro cittadino.

Sono in progetto nuove costruzioni nella zona?
Sì! Attualmente ci sono circa 1.000 nuovi appartamenti pianificati o già in costruzione nella zona che copre circa un miglio e mezzo nel luogo dove nascerà la piazza di Little Italy. 

Quale fattore chiave è necessario allo sviluppo di questa Little Italy?
Il modello della Little Italy richiede densità abitativa per avere successo. La densità è necessaria per supportare l’attuale attività intorno alla piazza e per supportare nuove attività lanciate con la piazza. Inoltre, adiacente al centro di San Pedro ci sarà lo sviluppo dell’edilizia pubblica di Rancho San Pedro, dove attualmente ci sono 479 unità abitative su un terreno di 22 acri. Abbiamo avviato il processo di riqualificazione di Rancho San Pedro con un aumento significativo della densità attraverso l’aggiunta di nuove abitazioni per tutti i livelli di reddito. Questa riqualificazione contribuirà alla nuova densità abitativa nel centro di San Pedro, che farà sì che imprese esistenti e nuove possano crescere e prosperare.

Qual è stata la reazione degli abitanti di San Pedro quando la mozione è stata approvata?
Gli abitanti di San Pedro sono molto consapevoli dei contributi degli italiani e della loro storia nella città e apprezzano gli sforzi compiuti per creare una Little Italy. La gente del posto comprende anche quali saranno i vantaggi economici che questa riqualificazione apporterà nel centro di San Pedro e l’impatto positivo che avrà per loro. 

La comunità italiana a San Pedro ha in programma festeggiamenti?
Gli italiani hanno sempre voglia di festeggiare le cose belle che la vita ci offre. Nascite, matrimoni, compleanni, santi e persino il tempo trascorso con la famiglia la domenica. Quindi non c’è dubbio che la nascita della nostra Little Italy sarà un’occasione di festa.
L’area della storica Little Italy sarà contrassegnata con cartelli ai vari incroci, ovvero Ninth Street e Gaffey Street, Ninth Street e Pacific Avenue, Sixth Street e Pacific Avenue, Sixth Street e Mesa Street, 12th Street e Gaffey Street, 12th Street e Mesa Street, 13th Street e Gaffey Street, 17th Street e Gaffey Street, 13th Street e Mesa Street, e 17th Street e Mesa Street.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

We still miss you: 25 years without Federico Fellini

It was All Souls’ Day, and Rome had woken up under the rain. It makes you wonder, sometimes, the way Nature manages to read into the heart of the...

Consul General Antonio Verde says goodbye to Los Angeles at the end of his mandate

He had two very specific goals for his term in Los Angeles: to answer as best as possible to the needs of the Italian community, and to support...

Third Annual Week of Italian Cuisine in San Francisco

San Francisco welcomes Puglia’s culinary traditions and one of its best representatives, Chef Cicorella, during the Third Annual Week of Italian...

Dina Morrone’s “The Italian in Me” wins the Valley Theatre Award

“Call me! Federico Fellini wants to see you.” When actress Dina Morrone received this message from her agent, she didn’t think much of it and...

The last lighthouse keeper at Punta Carena

The lighthouse, a mysterious and poetic place, cherished by artists and writers: Virginia Woolf set one of her most popular novels, To the Lighthouse...

Weekly in Italian

Recent Issues