Pizza Pascalina, a slice of health

Fresh, healthy, colorful, just like the Mediterranean diet it symbolizes. Photo courtesy of Scatti di Gusto

Pizza is the ultimate comfort food: it’s filling, it’s versatile, it’s perfect for sharing but also great to have on your own. A night on front of the tv screen is not the same without pizza and every typical Italian night out starts with a trip down a local pizzeria for a “pizza e una birretta.” Rich in flavor and comforting, it’s easy to forget that pizza, in its essence, is pretty nutritious stuff and not that bad for you, either. 

Neopolitan Gino Sorbillo making pizza pascalina. Photo courtesy of Scatti di Gusto


When made with fresh ingredients and from scratch, pizza can be a very healthy dish indeed: packed with good carbs, vitamins, fibers and proteins, it’s easy to digest and can be enjoyed even when on a diet. Forget about pepperoni and sausage, of course, but who says a lighter slice cannot be just as tasty? In Italy, pizza Margherita remains a staple of healthy eating: fresh tomato and mozzarella, hand kneaded dough, a dash of extra virgin olive oil and basil are the only ingredients needed to prepare this light, nutritious, yet highly satisfying delicacy. In case you fancy something more adventurous than this century old classic without missing out on its health benefits, fear not: most modern pizzerias offer wholewheat pies, topped with fresh, organic vegetables and proteins. 

Fresh, healthy, colorful, just like the Mediterranean diet it symbolizes. Photo courtesy of Scatti di Gusto


In Naples, the Istituto Nazionale dei Tumori Fondazione Pascale has recently gone a step further and created Pascalina, a  pizza born to fight cancer. Its story is fascinating and ties into the personal experience of Gianluca Passeggio and Mara Mincione, owners of the Don Beppe pizzerias in Naples: when a loved one was diagnosed with cancer, Gianluca and Mara got acquainted with the oncology ward of the Istituto Pascale and its amazing staff. Struck by the professionalism, humanity and hard work of the team, the restaurateurs decided to introduce a special pizza on their menu, and to devolve part of the profits from its sales to the Pascale Institute. Chuffed by the project, the people at the Institute took it even further, using state of the art research on nutrition and cancer prevention to develop a special pizza: an anti-cancer pizza. And thus, Pascalina was born. Behind its “traditionally innovative” recipe are the minds of Attilio Bianchi, general director of the Fondazione Pascale, Maurizio Montella, director of the Institute’s epidemiology unit, Paolo Delrio, director of the colon-rectal surgery unit and nutritionist Livia Augustin. For each Pascalina sold, 1 euro goes in support of research to fight cancer. 

Launched at the Napoli Pizza Village last month, pizza Pascalina has been created following the principles of the Mediterranean diet and paying attention to the World Cancer Research Fund’s guidelines on healthy eating. Photo courtesy of Scatti di Gusto


Launched at the Napoli Pizza Village last month, pizza Pascalina has been created following the principles of the Mediterranean diet and paying attention to the World Cancer Research Fund’s guidelines on healthy eating; good  and nutritious, it can be consumed twice a week as part of a well balanced diet and it is considered a valid support to the prevention of many forms of cancer. So, what’s its secret? Well, it’s all in the ingredients: type 1 flour (a bit coarser than your average pizza flour), friarielli or cime di rapa (turnip greens), San Marzano or Corbara tomatoes, Caiazzo olives, walnuts, Cilento’s extra virgin olive oil, garlic and chillies. Each of them, epidemiological studies shows, have proven to be beneficial for the prevention of various types of cancers: tomatoes can reduce the risk of colon,  stomach and prostate cancer (20%, 57% and 16%); cruciferous greens, such as broccoli, friarielli and turnip greens, also reduce the risks of colon cancer and can protect from breast cancer. The same can be said of olive oil, which also protects against stomach, colon and pancreas malignant tumors. 

Neopolitan Gino Sorbillo making pizza pascalina. Photo courtesy of Scatti di Gusto


Pizza Pascalina contains a full portion of vegetables, 15 grams of fiber and it’s rich in mono- and poli- unsaturated fats, all factors making it a staple of the Piramide Alimentare Pascaliana, a nutrition pyramid ideated by the Istituto Pascale following the basic principles of Italy’s own Mediterranean diet, as well as the already mentioned guidelines of the World Cancer Research Fund. Much like your average food pyramid, the Piramide Alimentare Pascaliana shows all foods we should eat to maintain our organism healthy and to protect it from cancer: at the bottom those to consume on a daily basis, at the top those to avoid or consume sparingly. Our pizza Pascalina has become part of the Piramide and can be consumed once or twice a week, just like lean fish, legumes and soy products. Pizza Pascalina, as you may have noticed, is also 100% vegan, which will certainly make plenty of animal lovers happy. 

In Naples, the Istituto Nazionale dei Tumori Fondazione Pascale has recently gone a step further and created Pascalina, a  pizza born to fight cancer. Photo courtesy of Scatti di Gusto


The first thing that strikes about pizza Pascalina is its simplicity: a wholewheat base made following traditional methods and using either natural yeast or sourdough, topped with fresh, uncooked greens and tomatoes, their fresh flavor enhanced by the addition of extra virgin olive oil, olives, nuts and a hint of garlic and chillies. So simple you could really make it at home, if you fancied, with 160 grams of type 1 flour, yeast, 120 grams of friarielli or broccolis, 120 grams of San Marzano or Corbara tomatoes, 30 grams of extra virgin olive oil, 30 grams of olives, 20 grams of walnuts and as much - or as little - garlic and chillies as you wish. Off it goes into the oven at 450 C for 60 seconds and voilà! La Pascalina is ready. Of course, those temperatures can be reached only in a wood oven, so baking times should be adapted to your own oven.

And if you’re not into cooking, but still like the idea of trying Pascalina and see what it’s all about, head for New York, where you can try it at Keste Wall Street, on Fulton St. 
 

La pizza è il massimo del comfort food: è ricca, versatile, perfetta da condividere ma anche ottima da consumare da soli. Una sera davanti allo schermo non è la stessa cosa senza una pizza e ogni tipica serata italiana inizia in una pizzeria del posto per “una pizza e una birretta". Ricca di sapore e rassicurante, è facile dimenticare che la pizza, nella sua essenza, è un cibo piuttosto nutriente e non è poi così male.  

Quando viene preparata da zero con ingredienti freschi, la pizza può essere davvero un piatto sano: ricco di carboidrati, vitamine, fibre e proteine, è facile da digerire e può essere gustata anche quando si è a dieta. Dimenticate peperoni e salsicce, ovviamente, ma chi dice che una fetta più leggera non possa essere altrettanto gustosa? In Italia, la pizza Margherita rimane un alimento base per una sana alimentazione: pomodoro fresco e mozzarella, pasta fatta a mano, un po’ di olio extravergine di oliva e basilico sono gli unici ingredienti necessari per preparare questa leggera, nutriente ma molto soddisfacente prelibatezza. Nel caso abbiate voglia di qualcosa di più avventuroso di questo classico, vecchio di secoli, senza rinunciare ai benefici per la salute, non temete: le pizzerie più moderne offrono pizze integrali, condite con verdure fresche e biologiche e proteine.

A Napoli l'Istituto Nazionale dei Tumori Fondazione Pascale, ha recentemente compiuto un ulteriore passo avanti e ha creato Pascalina, una pizza nata per combattere il cancro.  

La sua storia è affascinante e si lega all'esperienza personale di Gianluca Passeggio e Mara Mincione, proprietari delle pizzerie Don Beppe di Napoli: quando a una persona cara è stato diagnosticato un cancro, Gianluca e Mara hanno conosciuto il reparto di oncologia dell'Istituto Pascale e il suo straordinario personale. Colpiti dalla professionalità, dall'umanità e dal duro lavoro del team, i ristoratori hanno deciso di introdurre una pizza speciale nel loro menù e di devolvere parte dei profitti dalle vendite all'Istituto Pascale. Felice del progetto, il personale dell'Istituto è andato oltre, utilizzando una ricerca all'avanguardia sulla nutrizione e la prevenzione del cancro per sviluppare una pizza speciale: una pizza anticancro. E così è nata Pascalina. Dietro la sua ricetta "tradizionalmente innovativa" ci sono le menti di Attilio Bianchi, direttore generale della Fondazione Pascale, Maurizio Montella, direttore dell'unità epidemiologia dell'Istituto, Paolo Delrio, direttore dell'unità di chirurgia colon-rettale e la nutrizionista Livia Augustin. Per ogni Pascalina venduta, 1 euro va a sostegno della ricerca per combattere il cancro.

Lanciata al Napoli Pizza Village il mese scorso, la pizza Pascalina è stata creata seguendo i principi della dieta mediterranea e prestando attenzione alle linee guida del World Cancer Research Fund sul mangiare sano; buona e nutriente, può essere consumata due volte alla settimana come parte di una dieta equilibrata ed è considerata un valido supporto per la prevenzione di molte forme di cancro.  

Quindi, qual è il suo segreto? Bene, sta tutto negli ingredienti: farina tipo 1 (un po’ più grossolana della solita farina della pizza), friarielli o cime di rapa, pomodori San Marzano o Corbara, olive Caiazzo, noci, olio extra vergine di oliva del Cilento, aglio e peperoncini. Ognuno di questi, come confermato dagli studi epidemiologici, ha dimostrato di essere utile nella prevenzione di vari tipi di tumori: i pomodori possono ridurre il rischio di cancro del colon, dello stomaco e della prostata (20%, 57% e 16%); le verdure crocifere, come i broccoli, i friarielli e le cime di rapa, riducono anche i rischi di cancro al colon e possono proteggere dal cancro al seno. Lo stesso si può dire per l'olio d'oliva, che protegge anche contro i tumori maligni di stomaco, colon e pancreas.

La pizza Pascalina contiene una porzione completa di verdure, 15 grammi di fibra ed è ricca di grassi mono- e poli-insaturi, tutti fattori che la rendono un alimento base della Piramide Alimentare Pascaliana, una piramide nutrizionale ideata dall'Istituto Pascale secondo i principi base della Dieta mediterranea italiana, così come delle già citate linee guida del World Cancer Research Fund. Proprio come la nota piramide alimentare, la Piramide Alimentare Pascaliana mostra tutti gli alimenti che dovremmo mangiare per mantenere il nostro organismo sano e proteggerlo dal cancro: in fondo quelli da consumare quotidianamente, in alto quelli da evitare o da consumare con parsimonia. La nostra pizza Pascalina è diventata parte della Piramide e può essere consumata una o due volte alla settimana, proprio come pesce magro, legumi e prodotti a base di soia. La pizza Pascalina, come avrete notato, è anche 100% vegana, cosa che renderà felici i molti amanti degli animali. La prima cosa che colpisce della pizza Pascalina è la sua semplicità: una base di grano integrale fatta seguendo metodi tradizionali e usando lievito naturale o pasta madre, condita con verdure e pomodori freschi e crudi, il loro sapore fresco esaltato dall'aggiunta di olio extra vergine di oliva, olive, noci e un pizzico di aglio e peperoncino.

Così semplice che potreste farla a casa, se ne avete voglia, con 160 grammi di farina tipo 1, lievito, 120 grammi di friarielli o broccoli, 120 grammi di pomodori San Marzano o Corbara, 30 grammi di olio extra vergine d'oliva, 30 grammi di olive, 20 grammi di noci e tanto - o poco - aglio e peperoncino secondo il gusto.  
Va in forno a 450° C per 60 secondi e voilà! La Pascalina è pronta. Naturalmente, tali temperature possono essere raggiunte solo in un forno a legna, quindi i tempi di cottura devono essere adattati al proprio forno. E se non sapete cucinare ma vi piace l’idea di provare la Pascalina e vedere di cosa si tratta, andate a New York, dove potete provarla a Keste Wall Street, in Fulton Street.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Word of the Day: Fanfara

…And indeed it does, because the Italian word fanfara comes from the French fanfare which originated from the onomatopoeic sounds of a brass band...

Word of the Day: Cappuccino

The word cappuccino means, literally, small hood, but of course we think of coffee when we hear it. Or friars, and the link is not haphazard at all...

A world without Venice: a nightmare more real than we think

Last month Venice suffered the fourth highest floods in its history. Water seeped up through the drains, over the canal sides and into the houses,...

Botteghiamo, Rome and the soul of Italian heritage

Today, I feel like to write about Rome and Italian heritage, but for once - our regular readers may be aware of my penchant for classical history - I...

Le Marche, Ascoli and the magic of Olives all’Ascolana

As big as a Robin’s egg, mildly tart with a hint of sweetness, and just-perfect chewy only begins to describe an Ascolana olive. Biting into one is a...

Weekly in Italian

Recent Issues