Rocca Imperiale, the scent of lemons at sea

Rocca Imperiale is a small town in the province of Cosenza, in the Calabria region, on the border with Basilicata

For a new angle on Italy, ditch the car and try sailing off on the Ionian Sea along the coast off Rocca Imperiale, a bijou-size borgo that just joined the club of the most beautiful villages of Il Bel Paese.

A sojourn in Rocca Imperiale is particularly pleasant because it’s not just a seaside resort but also a genuine old Calabrian small town high up on a panoramic promontory about 200 meters above sea level. With a population of 3,500, the village is the gate to Calabria on the Basilicata border, set amid beautiful rural Cosenza province, yet just a 50-minute drive from Matera, Basilicata.

Within Rocca’s appealing medieval centre, small churches and chapels are dotted around. Photo credit: VINCENZO DI MATTEO


Rocca’s steep winding streets lead to a massive medieval castle built by Holy Roman Emperor Frederick II in 1225.

Speaking six languages (Latin, Sicilian, Old Germanic, Langues d’oil, Greek and Arabic) Frederick was an avid patron of science and the arts who played a major role in promoting literature through the Sicilian School of poetry. And wherever he went, Frederick II left a trail of castles, included Rocca’s imposing fortress.

Our Lady of Nova, celebrated on the 2nd of July, is the town’s main feast. Photo credit: VINCENZO DI MATTEO


Within Rocca’s appealing medieval center, small churches and chapels are dotted all around. On the main piazza, Federico II, a mother church with its Romanesque bell tower stands in its simple splendor.

“In the spring months, our cathedral hosts the painting of our patron saint the Madonna della Nova, which illustrates Mary’s visitation to Elizabeth. It is a painting from the Baroque age that is very dear to us,” explains Vincenzo Di Matteo, a resident of Rocca Imperiale and local tour guide. “This sacred image freed us from the raid of the Turks in 1644.”

Rocca’s steep winding streets lead to a massive medieval castle built by Holy Roman Emperor Frederick II in 1225


“We celebrate Our Lady of the Nova on July 2, when we bring the sacred painting in a chapel in the countryside of Rocca.” The Second of July Festival kicks off the summer season with processions, concerts and fireworks.

Rocca Imperiale is a grand fortified town important in Medieval times but now is also devoted to seaside fun. The Ionian Sea is a palette of blues ranging from nearly green and azure to indigo.

Rocca Imperiale is a small town in the province of Cosenza, in the Calabria region, right on the border with Basilicata


The sandy beach sprinkled with pebbles more than five kilometers long is blissed defined.

“Rocca is amazing for people who love tranquility, nature and escape from standard tourism. It is a small paradise,” says Vincenzo. “Americans would love it here,” he says. “They could catch some peace and quiet. They could relax on our beaches and smell the zagare (an exotic word originally passed from Arabic into Italian that translates as citrus blossom) in our lemon groves.”
 The lemon of Rocca Imperiale is as succulent as that from Sorrento. It earned its own Protected Geographical Indication recognition (IGP) and is sold on the mainland and exported to Northern Europe.

The castle is composed of a cylindrical tower to the west, the Frangivento (Windbreak) tower from the Aragonese period to the northwest, the Polveriera (Powder store) tower to the northeast, a great tower to the southeast, and finally by surrounding walls and drawbridges


Naturally, such fruit is not waxed, and if you finely pare or grate its skin, you will release its intensely lemony aromatic oils. “Our lemons are very rich in limonene that confers a sweet taste and intense scent,” Vincenzo says.

A dish of pasta tossed with Rocca lemon zest, parsley, garlic and extra-virgin olive oil is heavenly. So it is the local lemon cream cake.

Rocca Imperiale is best known for its excellent lemons, which find here an ideal climate, mitigated by the proximity of the Ionian Sea


If you like eating lamb, the local restaurants will show you why it’s a local favorite, while the frizzuli con la mollica is a typical primo piatto made with homemade pasta, fresh sausage sauce and pepper powder. In Rocca you can enjoy the exclusive specialties from Lucania.

Several villagers emigrated to the Americas — away from the grinding poverty, brigandage and widespread malaria that were prevalent in the past.

In better times another Rocchese, Don Tonino Fortunato, moved to the US. “He has been living there for decades. As a Mercedarian priest, he was assigned to a parish in Philadelphia,” says Vincenzo.

There’s a “novel worthy” story behind every person with the small village of Rocca Imperiale, a sort of book town.

Il Federiciano, an annual poetry contest named in honor of the Holy Roman Emperor Frederick II, celebrates life in Rocca Imperiale. The tenth edition will take place at the end of August, run by Alietti publishing with entries about any aspect of life accepted. Renowned writers and lyricists such as Dacia Maraini, Alessandro Quasimodo and Mogol contributed to previous editions.

“The winning poem will be featured on a ceramic tile to decorate the façade of a house in the old town, which already has some 40 houses beautified with a poem,” Vincenzo says.

The movie industry has also been fascinated with Rocca. Pupi Avati directed his Le Nozze di Laura here and also Totò’s movie Destinazione Piovarolo was partly set in Rocca Imperiale.

In 1931 Maurits Cornelis Escher, an artistic genius who created some of the most memorable images of the 20th century, made two prints depicting the monastery of the Franciscan friars minor that today hosts a weird wax museum owned by Professor Giuseppe Tufaro. This strange but wonderful place makes you travel through time. Constantly updated, it has representations of the most prominent figures of the last two centuries.

This area of Calabria, on the Basilicata border, is an undiscovered delight with heaps to see and do.
 

Per avere una nuova prospettiva sull'Italia, abbandonate l'auto e provate a navigare sul Mar Ionio lungo la costa di Rocca Imperiale, un bijou di borgo che è appena entrato nel club dei borghi più belli del Bel Paese. Un soggiorno a Rocca Imperiale è particolarmente piacevole perché non è solo una località balneare, ma è anche un vero e proprio centro storico calabrese posto in alto su un promontorio panoramico a circa 200 metri sul livello del mare. Con una popolazione di 3.500 abitanti, il paese è la porta della Calabria al confine con la Basilicata, incastonato nella splendida provincia rurale di Cosenza, a soli 50 minuti di auto da Matera, Basilicata.  

Le ripide strade tortuose di Rocca conducono ad un imponente castello medievale costruito dall’imperatore del Sacro Romano Impero Federico II nel 1225. Parlando sei lingue (latino, siciliano, antico germanico, lingua d’oil, greco e arabo) Federico era un avido mecenate della scienza e delle arti e ha svolto un ruolo importante nella promozione della letteratura attraverso la Scuola di poesia siciliana. E dovunque andasse, Federico II ha lasciato una scia di castelli, inclusa l'imponente fortezza di Rocca.

Nell'affascinante centro medievale di Rocca, piccole chiese e cappelle sono disseminate ovunque. Sulla piazza principale, Federico II, c’è una chiesa madre con un campanile romanico di semplice splendore. "Nei mesi primaverili, la nostra cattedrale ospita il dipinto della nostra santa patrona, la Madonna della Nova, che illustra la visita di Maria ad Elisabetta. È un dipinto di età barocca a noi molto caro", spiega Vincenzo Di Matteo, residente a Rocca Imperiale e guida turistica locale. "Questa sacra immagine ci ha liberati dalla retata dei turchi nel 1644." "Celebriamo la Madonna della Nova il 2 luglio, quando portiamo il dipinto sacro in una cappella nelle campagne di Rocca". Il Festival del 2 luglio celebra la stagione estiva con processioni, concerti e fuochi d'artificio.  

Rocca Imperiale era una grande città fortificata, importante in epoca medievale, ma ora è anche dedicata al divertimento balneare. Il Mar Ionio è una tavolozza di blu che spazia dal quasi verde all’azzurro all’indaco. La spiaggia sabbiosa cosparsa di ciottoli lunga più di cinque chilometri è meravigliosa. "Rocca è straordinaria per le persone che amano la tranquillità, la natura e la fuga dal turismo standard. È un piccolo paradiso", dice Vincenzo. "Gli americani la adorerebbero", dice. "Potrebbero stare in pace e tranquillità. Potrebbero rilassarsi sulle nostre spiagge e sentire il profumo delle zagare (parola esotica originariamente passata dall'arabo all'italiano che si traduce come fiore di agrumi) nei nostri limoneti".

Il limone di Rocca Imperiale è succulento come quello di Sorrento. Ha guadagnato il riconoscimento di indicazione geografica protetta (IGP) e viene venduto in Italia ed esportato nel Nord Europa. Naturalmente, il frutto non è cerato, e se si taglia o si grattugia finemente la sua pelle, rilascerà i suoi intensi oli aromatici al limone. "I nostri limoni sono molto ricchi di limonene che conferiscono un sapore dolce e un profumo intenso", dice Vincenzo. Un piatto di pasta con la scorza di limone di Rocca, prezzemolo, aglio e olio extravergine d'oliva è divino. Come lo è la torta di crema al limone locale. Se vi piace mangiare l'agnello, i ristoranti locali vi mostreranno perché è un piatto preferito, mentre i frizzuli con la mollica sono un tipico primo piatto fatto con pasta fatta in casa, salsiccia fresca e pepe in polvere. A Rocca potete gustare le esclusive specialità lucane. Diversi abitanti del villaggio sono emigrati nelle Americhe - lontano dalla povertà, dal brigantaggio e dalla malaria diffusa che erano prevalenti in passato.  

In tempi migliori un altro rocchese, Don Tonino Fortunato, si è trasferito negli Stati Uniti. "Vive lì da decenni. Come prete mercedario, è stato assegnato a una parrocchia di Philadelphia ", dice Vincenzo. C'è una storia "degna di un romanzo" dietro ogni persona nel piccolo villaggio di Rocca Imperiale, una sorta di città del libro. Il Federiciano, concorso annuale di poesia intitolato all’imperatore del Sacro Romano Impero Federico II, celebra la vita a Rocca Imperiale. La decima edizione si svolgerà a fine agosto, gestita da Alietti, con la pubblicazione di voci su qualsiasi aspetto della vita. Scrittori famosi e parolieri come Dacia Maraini, Alessandro Quasimodo e Mogol hanno contribuito alle precedenti edizioni. "La poesia vincitrice sarà immortalata su una piastrella di ceramica per decorare la facciata di una casa nella città vecchia, che ha già 40 case abbellite con una poesia", dice Vincenzo. Anche l'industria cinematografica è stata affascinata da Rocca. Pupi Avati ha diretto qui le sue “Nozze di Laura” e anche il film di Totò “Destinazione Piovarolo” è stato in parte ambientato a Rocca Imperiale.

Nel 1931 Maurits Cornelis Escher, un genio artistico che ha creato alcune delle immagini più memorabili del XX secolo, ha realizzato due stampe raffiguranti il monastero dei frati minori francescani che oggi ospita uno strano museo delle cere di proprietà del professor Giuseppe Tufaro. Questo strano ma meraviglioso posto fa viaggiare nel tempo. Costantemente aggiornato, ha rappresentazioni delle figure più importanti degli ultimi due secoli.

Questa zona della Calabria, al confine con la Basilicata, è una delizia da scoprire con un mucchio di cose da vedere e da fare.

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

“Lumi in aria,” lights in the air: expression of art and beauty

Since the beginning of time, light has been a recurrent symbol in Christianity and, from a liturgical point of view, it refers directly to God. Light...

Scirocco and Wind Rose markers in St Peter's Square

When Juno, Queen of Olympus, needed to vent her spleen, she visited Aeolus, god of the winds, on his draughty island off Sicily. Juno was outraged...

Venice locks up its gates to tourists: is this really the right solution?

A couple of weeks ago, we learnt about Florence, right on these pages, right off the pen - well, keyboard - or yours truly. Today, is Venice to...

Italian Heritage Month: Celebrating the History of our Roots

Every time the month of October rolls around, many people think about the change of the seasons, from summer to now true fall. The holidays are just...

60 years of Milanese style: the touch that drives an industry

Sometimes clothes tell me about humanity more than philosophers, scholars or gurus. I love fashion, and if you want to live and breathe fashion, you...

Weekly in Italian

Recent Issues