A Venezia arrivano i varchi metallici per gestire i visitatori ed evitare l’invasione del turismo di massa

A Venezia arrivano i varchi metallici per gestire i visitatori ed evitare l’invasione del turismo di massa

A Venezia sono stati introdotti tornelli metallici per gestire il flusso dei turisti (Ph courtesy Luca Ferrari) 

Non piacciono, hanno fatto discutere ma sono stati ritenuti necessari. Il sindaco Luigi Brugnaro ha firmato l'ordinanza che ha predisposto l’installazione di varchi metallici per bloccare e deviare in percorsi alternativi il flusso di turisti che dalla terraferma vogliono raggiungere San Marco. 
 
Nel lungo ponte del primo maggio, Venezia ha accolto i visitatori con il primo piano “anti-invasione”. I tornelli non hanno lo scopo di escludere qualcuno ma semplicemente di regolare l'accesso al centro storico con una serie di deviazioni e sensi unici per impedire la calca. La volontà è stata quella di veicolare i turisti in più direzioni, evitando il verificarsi di una concentrazione eccessiva di persone in alcune zone di Venezia.
 
Un sistema di gestione degli ingressi che ha fatto il paio con le misure di pubblica sicurezza. 
Come funzionano? Quando i parcheggi per le auto e i pullman a piazzale Roma e al Tronchetto risultano pieni, il ponte della Libertà viene temporaneamente chiuso. Un blocco per i pedoni è stato invece posto al ponte di Calatrava. Quando i turisti risultano oltrepassare i limiti, il comandante della Polizia municipale ha la facoltà di decidere la chiusura dei tornelli. In caso di calca per il ponte di Calatrava e davanti alla stazione ferroviaria, può transitare solo chi è in possesso della carta Venezia Unica. I turisti "mordi e fuggi" sono cioè costretti a seguire altri itinerari. Solo veneziani e lavoratori, mostrando un semplice documento, possono sempre transitare liberamente. I gruppi di turisti sono invece deviati lungo il Ponte degli Scalzi e indirizzati verso il percorso di San Polo e Rialto, o per Santa Margherita e l'Accademia.
 
Interessati dalle limitazioni anche gli itinerari per Cannaregio e la porzione del sestiere di Castello limitrofa a San Giovanni e Paolo. Le alternative sono San Rocco, Frari, San Polo, Sant'Aponal, Rialto e Santa Margherita, San Barnaba, Accademia Santo Stefano, San Maurizio, Calle larga XXII marzo, San Moisè, San Marco.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Bressanone, l’intramontabile sapore della tradizione che profuma di pane e strudel di mele

Bressanone, l’intramontabile sapore della tradizione che profuma di pane e strudel di mele

È la più antica città del Tirolo con una ricca storia millenaria alle spalle. L’imponente Duomo barocco e il centro storico medievale sono un...
A Montepulciano per uno dei più celebri capolavori dell’architettura rinascimentale italiana

A Montepulciano per uno dei più celebri capolavori dell’architettura rinascimentale italiana

Le celebrazioni del V centenario dell’edificazione del Tempio di San Biagio a Montepulciano, uno dei più celebri capolavori dell’architettura...
A piedi per 407 metri sulla laguna: dopo 69 anni, torna il Ponte Votivo verso il cimitero di San Michele

A piedi per 407 metri sulla laguna: dopo 69 anni, torna il Ponte Votivo verso il cimitero di San Michele

A Venezia è tornata l’antica tradizione del ponte di barche che collega le Fondamenta Nove con l’entrata monumentale del cimitero di San Michele...
Da San Pietro della Jenca a Collemaggio: l'Abruzzo si svela

Da San Pietro della Jenca a Collemaggio: l'Abruzzo si svela

La Marcia del Perdono e della Pace ha segnato l’inizio della festa della Perdonanza Celestiniana. Ha preso le mosse dalla chiesetta santuario di San...
La storia si svela nell’arte: Novio Plauzio, primo scultore di Roma

La storia si svela nell’arte: Novio Plauzio, primo scultore di Roma

Sono tanti i personaggi di Roma che occupano una casella nel libro delle vicende e della storia romane: ve ne è uno che, grazie alla professione...

Weekly in Italian

Recent Issues