Mantova, museo a cielo aperto per appassionati di street art

Mantova, museo a cielo aperto per appassionati di street art

Mantova, oltre ad essere stata Capitale della cultura Italiana 2016 e una delle città nella lista del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, è diventata la nuova meta per eccellenza per gli appassionati della street art.

Grazie alle prime due edizioni del festival “Without Frontiers, Lunetta a colori” e alla alla prima fase del III capitolo, il quartiere Lunetta di Mantova vanta già 15 opere murali che in maniera naturale hanno creato un vero e proprio museo a cielo aperto. Il momento cruciale della terza edizione di Without Frontiers è previsto dal 18 al 24 giugno 2018 e in questa settimana saranno istituiti dei veri e propri Street art tour (visite guidate gratuite su prenotazione) dove sarà possibile chiacchierare con gli artisti coinvolti e con le curatrici che descriveranno le opere che sono già state concluse e i lavori in corso di svolgimento. Difficile trovare in Italia un unico quartiere che vanta così tante e grandi opere murarie a pochi metri l’una dall’altra con artisti di fama internazionale.

Gli street artist italiani e stranieri, che hanno partecipato al festival fino ad oggi sono: Zedz, Etnik, Vesod, Corn79, Elbi Elem, Fabio Petani, Made 514 e gli artisti Bianco-Valente, Panem et Circenses e Perino & Vele; inoltre è appena stata conclusa l’opera dell’urban artist Joys, che ha dipinto la facciata del palazzo di Viale Piemonte situato all’ingresso del quartiere Lunetta di Mantova. Il suo lavoro, dal titolo “TSUNAMY”, è di circa 826 mq ed è la seconda opera più grande dell’artista.

Durante la prima fase del progetto dal titolo “Una nuova pelle”, protagonista di questo importante intervento è stato Joys. L’artista ha realizzato un’opera di circa 800 mq sulla facciata del palazzo di Viale Piemonte. Il palazzo funge da “porta d’ingresso” al quartiere e l’opera di Joys sarà il caldo benvenuto per chiunque entrerà a Lunetta.

L’opera, in linea con lo stile dell’artista, sarà espressione della sua ricerca, caratterizzata da inconfondibili forme tridimensionali che rispondono a regole logiche e geometriche ben precise. L’opera racconta la storia di un lento cambiamento che sta coinvolgendo il quartiere di Lunetta. I palazzi sono diventati un foglio bianco, una pelle sulla quale scrivere per acquistare un’identità unica che sembra esserci stata estirpata dalla società delle omologazioni. Quella pelle che andremo a ridisegnare sarà la frontiera tra il dentro e il fuori delineando i limiti del sé in quel confine che ci apre al mondo (La pelle e la traccia. Le ferite del sé | David Le Breton – Melteni Melusine 2005).

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L’insolito itinerario pugliese alla scoperta dei fenicotteri e delle Saline di Margherita di Savoia

L’insolito itinerario pugliese alla scoperta dei fenicotteri e delle Saline di Margherita di Savoia

Nell'immaginario collettivo una vacanza in Puglia include il Gargano o il Salento, ambite mete estive ottime per godersi sole e mare. Non tutti sanno...
A Santa Severina dove il castello bizantino domina la valle e sorge il più antico edificio religioso della Calabria

A Santa Severina dove il castello bizantino domina la valle e sorge il più antico edificio religioso della Calabria

Al centro di un paesaggio tanto vasto che sembra quasi di essere sospesi nel vuoto, i boschi della Sila scompaiono a poco a poco per lasciare il...
Dopo due anni di restauri riapre la Schola Armaturarum di Pompei

Dopo due anni di restauri riapre la Schola Armaturarum di Pompei

La Schola Armaturarum torna visitabile. Il racconto di questo luogo simbolo della rinascita di Pompei, collassato il 6 novembre 2010, sarà affidato...
Dopo 450 anni torna il castoro in Italia: primi avvistamenti in Friuli

Dopo 450 anni torna il castoro in Italia: primi avvistamenti in Friuli

Dopo 450 anni è tornato il castoro europeo in Friuli: lo conferma un avvistamento nel Tarvisiano di almeno un esemplare di Castor fiber, nella punta...
Sapevate che anche Milano aveva il suo Colosseo? Ora lo riavrà ma di alberi

Sapevate che anche Milano aveva il suo Colosseo? Ora lo riavrà ma di alberi

Forse non tutti lo sanno ma anche Milano aveva il suo Colosseo. Fu distrutto nel sesto secolo dai Goti che invasero la città. Oggi solo alcuni resti...

Weekly in Italian

Recent Issues