Tuscany, Umbria and Sicily! But don’t forget about Emilia Romagna

Italy is all beautiful, but it’s undeniable that outside national borders some regions are more popular than others: topping the world’s preferences are usually Tuscany, Sicily and Umbria, followed by the regions where our most famous cities are: Campania for Naples, Lazio for Rome and Veneto for Venice. If undeniably home to some of the most amazing places in the country, these are far from being the only beautiful regions in the peninsula. As an Alpine born Piedmontese, I obviously have a soft spot for my own birth region, but each and every one of the twenty has something special, wonderful and unique.

Yet again, just as in the case of food, there is so much more: the famous towers of Bologna


So I was happy to see the beauty of our country celebrated with a bit of - so to speak - creativity, by popular tourist guide publisher Lonely Planet, which chose Emilia Romagna as the number one destination in Europe for the year. Of course, Italians and Italy lovers know Emilia Romagna is a jewel, home to some of our best cities, most notorious food and incredible artists (Ludovico Ariosto and Giuseppe Verdi, just mention two like that, off the top of my head).  

Ravenna, Emilia Romagna, Italy: landscape of the wetland in the nature reserve Po Delta Park with small boats and fishing huts in the river


One of the main reasons cited by Lonely Planet for its choice is, of course, food: it mentions ragù, Bologna’s own favored meat sauce, prosciutto di Parma and balsamic vinegar from Modena, also home to über trendy and three Michelin starred Osteria Francescana. It reminds us that Emilia Romagna is also the birthplace of Parmigiano Reggiano and that FICO, a unique food themed park, has recently opened its doors in Bologna. But there is so much more: this is the region of tortellini, the most creative of pasta because filled with so many different things and of mortadella, that humble yet delicious cold, quintessential soul of this region: simple, traditional and inimitable. And speaking of mortadella, how can we forget the best of all street food, piadina? The simplicity of this flavorsome flatbread that Giovanni Pascoli - alas, another artist of the region - called “il pane dei Romagnoli,” the bread of Romagna’s people, is perfect to exalt the delicious aroma of mortadella, of course, but also of prosciutto crudo, culatello or squaquerone, a cheese typical of the region.  

Parma, capital of Italian culture for the year 2020, is another incredible location which adds, to its many architectural sites of interests, the fact of being the home of Giuseppe Verdi


But Emilia Romagna is also culture and art: Lonely Planet mentions Ferrara’s National Museum of Italian Judaism and Shoah, and the recently restored Cinema Fulgor in Rimini, which will soon be home to a museum dedicated to the city’s most famous child, Federico Fellini. Yet again, just as in the case of food, there is so much more: the famous towers of Bologna and the Basilica of San Petronio with its 22 chapels, are only some of the things you can see in the region capital. Then there is Ravenna, for a time head of the Roman Empire, with its Basilica of San Vitale, part of the UNESCO World Heritage Site of the Early Christian Monuments of Ravenna, the Mausoleum of Theodoric and also the grave of Il Poeta, Dante Alighieri. Not far from here is Faenza, a quaint town of about 60.000, known for its majestic cathedral, its medieval streets and beautiful majolicas, famous all over the world. So much so, in fact, that here you’ll find the International Museum of Ceramics, where local works are exhibited along with pieces by great artists such as Chagall and Picasso.  

Ravenna, for a time head of the Roman Empire, with its Basilica of San Vitale, part of the UNESCO World Heritage Site of the Early Christian Monuments of Ravenna


Parma, capital of Italian culture for the year 2020, is another incredible location which adds, to its many architectural sites of interests, the fact of being the home of Giuseppe Verdi: to him, the Teatro Regio di Parma dedicates a full festival every Fall.  

A little more out of the ordinary, certainly dear to all literature and cinema lovers, but also to the most nostalgic among us, is the little town of Brescello, some 16 miles away from Reggio Emilia and about 50 from Bologna. Here, Italian writer Giovannino Guareschi set his Don Camillo novels, and always here Gino Cervi and Fernandel brought his characters to life for the silver screen. A small, typically Emilian country village, Brescello is not only a go to destination for Don Camillo and Peppone aficionados, but also for those longing for a little slice of old style Italy.  

One of the main reasons cited by Lonely Planet for its choice is, of course, food: it mentions ragù, Bologna’s own favored meat sauce, prosciutto di Parma and balsamic vinegar from Modena, also home to über trendy and three Michelin starred Osteria Francescana


Nature, not only art, reigns above Emilia Romagna: the region is where the Po,  king of Italian rivers, becomes one with the Adriatic Sea, creating an environment so incredibly unique in its kind to be protected: the Valli di Comacchio are 13 thousand hectares of mirror-like lakes, home to an incredibly rich variety of wild birds and presenting some of the most unique landscapes of the region. From the deepest side of Pianura Padana to the gentle slopes of Appennino Modenese, an area where the region discovers its love for mountains inhabited by wild boards and roes, deers and foxes, sparrow hawks and tawny owls, colored and scented by rhododendron and columbine.  

Ferrara, a must see of the Emilia Romagna region


And one can’t say Emilia Romagna without saying Riviera Adriatica: Rimini, Riccione, Cesenatico, Milano Marittima are synonym with holidays, sea and with a longing for the swinging ‘60s of our parents, when boys rode Lambrettas and girls danced the twist. Last but not least, let’s not forget Emilia Romagna is also home to one of the symbols of Italian excellence in the world: Ferrari. Maranello, home to la Rossa, is in the province of Modena and Modena has, indeed, dedicated a museum to Enzo Ferrari and his work.  

Emilia Romagna topping a list of best places to visit in Europe is really not that surprising: the region is rich, varied and beautiful, its people known for their hospitality and good heart. Somehow one wonders how such a jewel of a place is not more popular among tourists, especially outside of Italy: it’s not far at all from its better known cousin, Tuscany, and has certainly a couple of good things to show for herself, as the people at Lonely Planet told us. A place to add to our to-visit list. 

L'Italia è tutta bella, ma è innegabile che al di fuori dei confini nazionali alcune regioni siano più popolari di altre: in cima alle preferenze mondiali ci sono solitamente la Toscana, la Sicilia e l'Umbria, seguite dalle regioni dove ci sono le nostre città più famose: la Campania per Napoli, il Lazio per Roma e il Veneto per Venezia. Se sono indubbiamente sede di alcuni dei posti più belli del Paese, sono ben lontane dall'essere le uniche belle regioni della penisola. Da piemontese delle Alpi, ovviamente ho un debole per la mia regione di nascita, ma ognuna delle venti regioni ha qualcosa di speciale, di meraviglioso e unico.  

Quindi sono stata felice di vedere la bellezza del nostro Paese celebrata con un po' di creatività - per così dire - dalla famosa casa editrice di guide turistiche Lonely Planet, che ha scelto l'Emilia Romagna come destinazione numero uno in Europa per quest'anno. Certo, gli italiani e gli amanti dell'Italia sanno che l'Emilia Romagna è un gioiello, sede di alcune delle nostre migliori città, del cibo più famoso e di artisti incredibili (Ludovico Ariosto e Giuseppe Verdi, ne cito due così, che mi vengono in mente).

Uno dei motivi principali citati da Lonely Planet per la sua scelta è, ovviamente, il cibo: si parla del ragù, del sugo di carne preferito di Bologna, del prosciutto di Parma e dell'aceto balsamico di Modena, sede anche della super trendy Osteria Francescana tre stelle Michelin. Ci ricorda che l'Emilia Romagna è anche la culla del Parmigiano Reggiano e che FICO, un parco tematico unico sul cibo, ha recentemente aperto le porte a Bologna. Ma c'è molto di più: questa è la regione dei tortellini, la pasta più creativa perché ripiena di tante cose diverse, e della mortadella, quell'umile ma assolutamente deliziosa anima tipica di questa regione: semplice, tradizionale e inimitabile. E parlando di mortadella, come dimenticare il meglio di tutto lo street food, la piadina? La semplicità di questa gustosa focaccia che Giovanni Pascoli - ahimè, un altro artista della regione - chiamò "il pane dei Romagnoli", il pane della gente romagnola, è perfetto per esaltare il delizioso aroma della mortadella, ovviamente, ma anche del prosciutto crudo, del culatello o dello squaquerone, un formaggio tipico della regione.  

Ma l'Emilia Romagna è anche cultura e arte: Lonely Planet cita il Museo Nazionale dell'Ebraismo e della Shoah italiana di Ferrara e il Cinema Fulgor, recentemente restaurato a Rimini, che ospiterà presto un museo dedicato al figlio più famoso della città, Federico Fellini. Ancora una volta, proprio come nel caso del cibo, c'è molto di più: le famose torri di Bologna e la Basilica di San Petronio con le sue 22 cappelle, sono solo alcune delle cose che si possono vedere nel capoluogo della regione. Poi c'è Ravenna, per un periodo a capo dell'Impero Romano, con la sua Basilica di San Vitale, parte del Patrimonio Mondiale UNESCO dei Monumenti paleocristiani di Ravenna, il Mausoleo di Teodorico e anche la tomba del Poeta, Dante Alighieri. Non lontano da qui si trova Faenza, una pittoresca cittadina di circa 60.000 abitanti, nota per la sua maestosa cattedrale, le strade medievali e le belle maioliche, famose in tutto il mondo. Tanto che, infatti, è qui che troverete il Museo Internazionale della Ceramica, dove sono esposte opere locali insieme a pezzi di grandi artisti come Chagall e Picasso.  

Parma, capitale della cultura italiana per l'anno 2020, è un'altra incredibile location che aggiunge, ai suoi numerosi siti di interesse architettonico, il fatto di essere la casa di Giuseppe Verdi: a lui il Teatro Regio di Parma dedica un intero festival ogni autunno.

Un po' più fuori dall'ordinario, certamente cara a tutti gli amanti della letteratura e del cinema, ma anche la più nostalgico per noi, è la piccola città di Brescello, a circa 16 miglia da Reggio Emilia e a circa 50 da Bologna. Qui, lo scrittore italiano Giovannino Guareschi ha ambientato i suoi romanzi di Don Camillo, e sempre qui Gino Cervi e Fernandel hanno dato vita ai suoi personaggi per il grande schermo. Piccolo paese di campagna tipicamente emiliano, Brescello non è solo un luogo di destinazione per gli appassionati di Don Camillo e Peppone, ma anche per chi desidera un piccolo assaggio di Italia vecchio stile.   

La natura, non solo l'arte, regna in Emilia Romagna: la regione è dove il Po, re dei fiumi italiani, diventa tutt'uno con il mare Adriatico, creando un ambiente così incredibilmente unico nel suo genere da tutelare: le Valli di Comacchio sono 13mila ettari di laghi simili a specchi, che ospitano una varietà incredibilmente ricca di uccelli selvatici e presentano alcuni dei paesaggi più singolari della regione.  

Dal versante più profondo della Pianura Padana alle dolci pendenze dell'Appennino Modenese, un territorio in cui la regione scopre il suo amore per le montagne abitate da cinghiali selvatici e caprioli, daini e volpi, sparvieri e gufi fulvi, colorate e profumate da rododendro e colombina.  

E non si può dire Emilia Romagna senza dire Riviera Adriatica: Rimini, Riccione, Cesenatico, Milano Marittima sono sinonimo di vacanze, di mare e con la nostalgia per lo swing anni '60 dei nostri genitori, quando i ragazzi andavano in Lambretta e le ragazze ballavano il twist. Ultimo ma non meno importante, non dimentichiamo che l'Emilia Romagna è anche la patria di uno dei simboli dell'eccellenza italiana nel mondo: la Ferrari. Maranello, sede della Rossa, è in provincia di Modena e Modena ha dedicato un museo a Enzo Ferrari e alla sua opera.  

L'Emilia Romagna in cima alla lista dei migliori posti da visitare in Europa non è poi così sorprendente: la regione è ricca, varia e bella, la sua gente è nota per l'ospitalità e il buon cuore. In qualche modo ci si chiede come un simile gioiello non sia più popolare tra i turisti, soprattutto fuori dall'Italia: non è lontana dal suo cugino più conosciuto, la Toscana, e ha sicuramente un paio di cose buone per farsi notare, come Lonely Planet ci ha detto. Un posto da aggiungere alla nostra lista di cose da vedere.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

3 Best Places to Visit in Florence

Are you planning a trip to Florence for the next holiday? Hop in as we take you through a handful of ways to have fun in one of the most significant...

The heart and soul of Naples: history and poetry of the Quartieri Spagnoli

“Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e creature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo:” Naples is a thousand...

Legends and ghost stories of Milan

Milan is one of Italy’s most metropolitan and contemporary cities. Attracting travelers and business people from all over the world, it has become...

“Lumi in aria,” lights in the air: expression of art and beauty

Since the beginning of time, light has been a recurrent symbol in Christianity and, from a liturgical point of view, it refers directly to God. Light...

Scirocco and Wind Rose markers in St Peter's Square

When Juno, Queen of Olympus, needed to vent her spleen, she visited Aeolus, god of the winds, on his draughty island off Sicily. Juno was outraged...

Weekly in Italian

Recent Issues