One Brunello, unmeasured

Producer team Giovanna Neri (mother) and her daughter Diletta Pieraccini. Credit: Col di Lamo

I first met Giovanna Neri, proprietor of Col di Lamo winery, on one of those raw and rainy New York days when the city takes on the monochromatic tone of a black and white photograph.  Along with daughter Diletta Pieraccini, Giovanna makes impressive examples of the iconic Tuscan red wines known as Brunello di Montalcino and Rosso di Montalcino.

“What makes the Col di Lamo wines special is Giovanna's ability to transmit to her products the exclusive love that only a woman, a mother, can feel for a child.”


On that inclement day in New York City, during the trade event known as Benvenuto Brunello, a wine fair that principally introduces the new vintage of Brunello di Montalcino and Rosso di Montalcino to wine trade and press, Neri’s wines immediately grabbed my attention. Even in the noisy, distracting trade show environment, the wines seemed to communicate on their own special channel.

Although Torrenieri is indeed part of the Brunello vineyard register, its compact clay soil, simply put, is deemed by many as unsuitable for cultivation of Sangiovese, the native Italian wine grape used in the production of Brunello and Rosso di Montalcino


Neri’s wines have garnered good scores from a variety of wine critics. For me, however, the wines would inspire a rather different angle of consideration. Allow me a brief meander in order to attempt an explanation: a top Tour de France cyclist, I’d read, annoyed when data from the heart rate monitor he wore disturbed the tranquility of a mountain training ride, discarded the device along the roadside and continued the ride “au naturel.” As a cyclist myself, I can tell you that when you are in a state of oneness with the ride, connected to cycling’s physical and emotional thrills, its agonies and rhythms, you have little patience for that which doesn’t obliterate whatever isn’t about the ride.

What I mean to say is, in considering Col di Lamo Brunello di Montalcino and Rosso di Montalcino, I found it best to discard some of what’s been written (and said) about Brunello, Montalcino, etc., and ride, as it were, “au naturel.” To further make my point, however, I should need to relate to you a bit of background surrounding Torrenieri, an area tucked in against the northeast corner of Montalcino’s growing zone, and home to Col di Lamo.

Torrenieri is something of an outlier among Brunello zones. Its terroir has been the topic of some debate.


Torrenieri is something of an outlier among Brunello zones. Its terroir has been the topic of some debate. Although Torrenieri is indeed part of the Brunello vineyard register, its compact clay soil, simply put, is deemed by many as unsuitable for cultivation of Sangiovese, the native Italian wine grape used in the production of Brunello and Rosso di Montalcino. Some believe that point to be especially true when the area’s soil intersects with Torrenieri sites of very low altitude. Criticisms, some of which have been rather unfairly leveled at Torrenieri in general, include that Torrenieri Sangiovese can show brutish tannins and exhibit a degree of inelegance. And it is there that I must toss the heart rate monitor to the roadside.

Diletta Pieraccini. Credit: Col di Lamo


Neri’s wines transcend the (sometimes contentious) debate surrounding Torrenieri terroir and the invented framework used by wine critics to score them. The wines are more profound than the liquid holograms portrayed by wine scores, they are a testament to what can be done well in Torrenieri.  

Col di Lamo Brunello di Montalcino and Rosso di Montalcino have an uncanny ability to self-describe. They overcome the illusion one encounters when trying to comprehend in a 90-something point award what is only a reflection of their true message. Neri’s Brunello and Rosso communicate over high frequency, focusing attention on the taster, probing shores of an emotional world like a river following its banks. And I want to flow along with them, undisturbed, like the Tour de France rider, allowing the wines to obliterate all that is not wine, so that I may stay connected to their story and to that which defies measurement, the unmeasurable thing which remains out of factual reach.
From the Col di Lamo website: “What makes the Col di Lamo wines special is Giovanna's ability to transmit to her products the exclusive love that only a woman, a mother, can feel for a child.”

Producer team Giovanna Neri (mother) and her daughter Diletta Pieraccini. Credit: Col di Lamo


Perhaps what I’ve been trying to say all along, in a single sentence.

Great wines whisper. They ask you to pay attention. They invite you to go deeper. The greatest wines of all can change the way you think. Neri’s wines do no less. And in those most spectacular of ways, Neri’s wines remain, for me, fundamentally unmeasured.

Tasting Note
Col di Lamo Brunello di Montalcino
Sensuously ripe, irresistibly elegant, this is a Brunello of impeccable grace and poise. Aromas and flavors of well-ripened red fruit, florals, warm spice, hint of saddle leather. Plump and fleshy, the palate is energized with delicious acidity. Refined tannins knit into a finish that doesn’t hurry away. The wine will age well, yet is one of the more approachable young Brunello examples you will find.

Ho incontrato per la prima volta Giovanna Neri, proprietaria dell'azienda vitivinicola Col di Lamo, in uno di quei giorni grigi e piovosi di New York, quando la città assume il tono monocromatico di una fotografia in bianco e nero. Insieme alla figlia Diletta Pieraccini, Giovanna produce impressionanti vini rossi tipici della Toscana noti come Brunello di Montalcino e Rosso di Montalcino.  

In quel giorno inclemente a New York, durante l'evento commerciale noto come Benvenuto Brunello, una fiera enologica che introduce principalmente la nuova annata del Brunello di Montalcino e del Rosso di Montalcino al commercio enologico e alla stampa, i vini di Neri hanno immediatamente attirato la mia attenzione. Anche nel rumoroso e disturbato ambiente fieristico, i vini sembravano comunicare sul loro canale speciale.  

I vini di Neri hanno raccolto buoni punteggi da molti critici del vino. Per me, tuttavia, i vini ispirano considerazioni piuttosto diverse. Concedetemi una breve divagazione nel tentativo di dare una spiegazione: un ciclista del Tour de France, ho letto, infastidito quando i dati del cardiofrequenzimetro che indossava disturbavano la tranquillità di una corsa in montagna, aveva gettato il dispositivo lungo la strada e proseguito il viaggio "au naturel". Da ciclista, posso dirvi che quando si è in uno stato di unità con la pedalata, collegati ai brividi fisici ed emotivi del ciclismo, alle sue agonie e ai suoi ritmi, si ha poca pazienza per ciò che cancella ciò che non riguarda la corsa.

Quello che intendo dire è che, nel considerare il Brunello di Montalcino e il Rosso di Montalcino Col di Lamo, ho preferito scartare un po’ di ciò che è stato scritto (e detto) sul Brunello, sul Montalcino, ecc., e pedalare, per così dire, "au naturel". Per rendere ancora più chiaro il mio concetto, però, avrei bisogno di farvi conoscere un po' di background relativo a Torrenieri, un'area nascosta nell'angolo Nord-est della zona di crescita del Montalcino, e sede del Col di Lamo.  

Torrenieri è qualcosa di anomalo nelle zone del Brunello. Il suo terroir è stato l'argomento di alcuni dibattiti. Anche se Torrenieri fa davvero parte del registro dei vigneti del Brunello, il suo terreno argilloso e compatto, in poche parole, è ritenuto da molti inadatto alla coltivazione del Sangiovese, l'uva autoctona italiana utilizzata nella produzione del Brunello e del Rosso di Montalcino. Alcuni ritengono che ciò sia particolarmente vero quando il terreno della zona si interseca con siti di Torrenieri con altitudine molto bassa. Le critiche, alcune delle quali sono state piuttosto ingiustamente estese a Torrenieri in generale, dicono che il Sangiovese Torrenieri può mostrare tannini rozzi e mostrare un grado di ineleganza. Ed è lì che devo gettare il monitor della frequenza cardiaca sul ciglio della strada.  

I vini di Neri trascendono il dibattito (a volte controverso) relativo al terroir di Torrenieri e al quadro inventato che i critici del vino usano per segnalarli. I vini sono più profondi degli ologrammi liquidi ritratti dai punteggi dei vini, sono una testimonianza di ciò che può essere fatto bene in Torrenieri.

Il Brunello di Montalcino e il Rosso di Montalcino Col di Lamo hanno una straordinaria capacità di auto-descrizione. Superano l'illusione che si incontra quando si cerca di comprendere al 90% ciò che è solo un riflesso del loro vero messaggio. Il Brunello e il Rosso di Neri comunicano ad alta frequenza, concentrando l'attenzione sull'assaggiatore, sondando le rive di un mondo emotivo come un fiume che segue le sue sponde. E voglio fluire insieme a loro, indisturbato, come il ciclista del Tour de France, permettendo ai vini di cancellare tutto ciò che non è vino, in modo da poter rimanere in contatto con la loro storia e con ciò che sfida la misurazione, la cosa incommensurabile che rimane fuori portata.  

Dal sito di Col di Lamo: "Ciò che rende speciali i vini del Col di Lamo è la capacità di Giovanna di trasmettere ai suoi prodotti l'amore esclusivo che solo una donna, una madre, può provare per un bambino".  

Forse quello che ho cercato di dire dall’inizio, in una sola frase.  

I grandi vini sussurrano. Ti chiedono di prestare attenzione. Ti invitano ad andare più a fondo. I vini più grandi di tutti possono cambiare il tuo modo di pensare. I vini di Neri non sono da meno. E in quei modi più spettacolari, i vini di Neri rimangono, per me, fondamentalmente non misurabili.  

Note di degustazione  
Brunello di Montalcino Col di Lamo
Sensualmente maturo, irresistibilmente elegante, questo è un Brunello di impeccabile grazia e portamento. Aromi e sapori di frutta rossa ben matura, fiori, spezie calde, sentore di cuoio. Rotondo e carnoso, il palato è energizzato con deliziosa acidità. I tannini raffinati si uniscono in un finale che non sfugge via. Il vino invecchia bene, eppure è uno dei più giovani esempi di Brunello che troverete.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Alto Adige Pinot Noir

Chances are good you’re aware that Italy’s northernmost province of Alto Adige, the self-governing region tucked away in Italy’s northeast,...

Vino for serious “Sangweech”

In your neighborhood, it may be called a “sammich.” But, in the mash-up of English and southern Italian dialect we grew up with, it’s referred to as...

Alto Adige Whites: Simple

Prelude: Tonight, my wife caught me with my hands all over Fiona. That’s what we call our refrigerator. Fiona Frigidaire, actually. Caught in the act...

Italian wine: celebrating drinkability

You might think that with a bottle of fermented grape juice, drinkability comes as standard equipment. But, it just ain’t so. And what exactly is...

Wine scores: pointed in the wrong direction

I’ve always appreciated that the Italian-American experience, whether for survival or success, issues its own good advice. You may recall, for...

Weekly in Italian

Recent Issues