Il registra abruzzese Davide Lupinetti dalla San Francisco State University al corto ‘50 e 50’

Il registra abruzzese Davide Lupinetti dalla San Francisco State University al corto ‘50 e 50’

E’ un patto, un accordo. Una idea che nasce dall’intelligenza di una bambina, Giovanna, per sfuggire a un dovere. Un piccolo stratagemma, forse furbo e un po’ disonesto, con il quale oltre a riuscire nel suo intento, restituirà il sorriso a Gennaro, un insegnante di arte disoccupato. Questa in sintesi la storia narrata in “50 e 50”, primo e già premiato cortometraggio del giovane e talentuoso regista di Silvi (TE) Davide Lupinetti. Il 12 maggio scorso, infatti, il lavoro è stato uno dei film selezionati al festival di Trieste "I corti dei fabbri" dove ha ottenuto ben due riconoscimenti: premio per la miglior attrice non protagonista alla giovanissima allieva dell’associazione teatrale teramana Spazio Tre, Alessandra Riccio, e il premio del pubblico come miglior cortometraggio. Inoltre il 13 maggio è stato uno dei lavori selezionati nell’edizione 2018 di Teramo Comix ottenendo il riconoscimento per la migliore regia. Il lavoro è una produzione NuovoImaie, con il supporto di Itaca - Agenzia per lo Sviluppo Locale, di Officina Azzurra e con CL Assistenza Tecnica. Le musiche originali sono dell’atriano Gianluigi Antonelli.

Il cortometraggio 50 e 50 si avvale della sceneggiatura dell’abruzzese Pietro Albino Di Pasquale, impegnato anche nel cast, oltre che dello stesso regista, ed è dedicato ai 700mila docenti precari della scuola italiana. Il lavoro ha per protagonista Gennaro (Danil Aceto) un giovane professore di arte, talentuoso, ma disoccupato. Su consiglio di una collega, si convince a guadagnare qualcosa provando a impartire ripetizioni di arte ai bambini. Così un giorno riceve la visita della piccola Giovanna, (Alessandra Riccio) che, proponendogli una collaborazione particolare, riuscirà a cambiare la sua vita ottenendo anch’essa un piccolo vantaggio. Oltre ad Aceto, Riccio e Di Pasquale fanno parte del cast Aniello Senatore e Eugenia Rofi.

“Sono molto orgoglioso dei primi riconoscimenti che questo lavoro sta avendo – commenta il 23enne regista Lupinetti - un progetto frutto di tanto impegno e passione e che ha anche un taglio internazionale dato che hanno fatto parte della troupe due ragazzi provenienti dalla San Francisco State University: il russo Vladimir Ponomarev e giapponese Riki Ikushima oltre a due ragazzi provenienti dalla Nuova Accademia delle Belle Arti (NABA) di Milano, Alessandro Fiori e Stefano Marullo. La fotografia è stata curata da Emiliano Dante, le fotografie di scena sono di Marco Cordone e Diego Feliciani, mentre il montaggio è stato affidato a Matteo Di Simone. Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in questo progetto e hanno scelto di sostenerlo in ogni forma. I primi riconoscimenti avuti sono un grande stimolo per proseguire su questa strada”.

“Ho conosciuto Lupinetti – aggiunge Mauro Vanni presidente dell’Associazione Itaca che ha promosso il corto - nel 2016 quando si è occupato della realizzazione del backstage del cortometraggio “Timballo” del regista Maurizio Forcella, che abbiamo prodotto. Un ragazzo talentuoso che poi, nel 2017 ha vinto una borsa di studio alla San Francisco State University, in California, dove ha realizzato un interessante documentario dal taglio sociale "Disconnected Clouds", un giovane abruzzese con un progetto chiaro e capacità indubbie che abbiamo deciso di sostenere. Hanno collaborato al corto altri validissimi professionisti con i quali lavoriamo da anni, come Pietro Albino Di Pasquale e Gianluigi Antonelli, e sono certo che questi primi riconoscimenti sono solo i primi di una lunga serie”. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

In un docufilm presto a Los Angeles 'Addio Italia, non tornerò. I nostri giovani, gli emigranti degli anni 2000'

In un docufilm presto a Los Angeles 'Addio Italia, non tornerò. I nostri giovani, gli emigranti degli anni 2000'

“Addio Italia, non tornerò. I nostri giovani, gli emigranti degli anni 2000” è il titolo del docufilm prodotto dalla Fondazione Paolo Cresci a cura...
La razzia. Roma, 16 ottobre 1943. Il cinema per il Giorno della Memoria

La razzia. Roma, 16 ottobre 1943. Il cinema per il Giorno della Memoria

Il 16 ottobre 1943 le forze naziste arrestano nella città di Roma oltre 1250 ebrei. Le vittime devono preparare le valigie e abbandonare le loro case...
Film italiani al Palm Springs International Film Festival

Film italiani al Palm Springs International Film Festival

L’edizione 2019 del Palm Springs International Film Festival (PSSIFF) ancora una volta punta i riflettori sull’opera di nuovi talenti emergenti e di...
La Passione per la lirica del siciliano di Jonathan Cilia Faro non conosce confini

La Passione per la lirica del siciliano di Jonathan Cilia Faro non conosce confini

La scelta di Jonathan Cilia Faro, tenore di fama internazionale, di vivere all’estero non è da leggersi come l’ennesima fuga di cervelli dal nostro...
La catanese Tiziana Caruso è Tosca, diva e donna dai valori indissolubili

La catanese Tiziana Caruso è Tosca, diva e donna dai valori indissolubili

L’ultima opera portata in scena è "Tosca" con la direzione musicale del Maestro Gianluigi Gelmetti e la regia di Claire Servais. Nel ruolo della...

Weekly in Italian

Recent Issues