Messina, the neglected capital

Golden statue of the `Madonna della Lettera` on an obelisk at the entrance of the harbor of Messina Sicily

Messina in north eastern Sicily is a sadly forgotten capital of the Italian island. Cruise ships arrive, and their passengers are whisked off to nearby tourist Mecca Taormina, while other tours leave it off their itinerary completely. This city, with its naturally formed port, lives wedged between the Peloritani mountains and the Strait of Messina looking out onto mainland Italy. Many people think there isn’t much left of the original city after the 1908 earthquake, tsunami and World War Two. In reality, it has been lovingly rebuilt by the Messinese and still offers many things for visitors.

Beautiful view of Messina old city


The mythological and metaphorical giants of Messina, rather than destroying it, have been absorbed into its identity, making it a city full of life which continues to pay respect to its history, folklore and religion. Despite the suffering it has been through, this place is redeemed by a deeply ingrained faith and determination to reinvent itself.

Today, Messina’s wide streets are welcoming, lined with ornamental trees and filled with an eclectic mixture of architectural styles, from modern, to Art Nouveau and Medieval.

These are the statues of mithological founders of the city of Messina, in Sicily, Italy. They are called Mata and Grifone. On the background you can see the city hall


Slipping off the ferry from the mainland, every passenger is only a short walk to the centre of town. Cruise ships stop practically in front of the town hall (municipio) at Palazzo Zanca. The palatial building is open to the public, so they can marvel at its impressive neoclassical architecture and ornate marble interior. It is only a few minutes walk from  Piazza Duomo, which literally is the beating cultural heart of the city.  

Next door to the town hall is the Teatro Vittorio Emanuele II, an intimate classical style  theatre, one of many buildings reconstructed after the earthquake. Inside the theatre, there is a surprising fresco by well known Sicilian artist Renato Guttuso, depicting the myth of Cola Pesce. The legend of Cola is retold all over Europe, the Sicilian version tells of the half man half fish and his adventures which take him under the island, diving with mermaids and dolphins.

A significative black and white image of the religious proceccison of La Vara. It Happens in Messina, Sicily, Italy, the 15th of August, and represents the Assumption of the Virgin


The bell tower peaks over the other buildings behind the town hall and naturally draws you into the main square where the stunning cathedral and fountain of Orion occupy the sun filled Piazza Duomo. The fountain is dedicated to the legendary Greek hunter Orion, son of Poseidon, and it commemorates his participation in the mythology of Messina. Orion with his great strength built the promontory which forms the natural harbor so central to the city’s identity. At the apex of the tower, right near the main bells, there is the lion symbol of Messina, complete with royal crown and flag, that proudly roars out over Piazza Duomo while waving his flag at the tourists below.

Golden statue of the `Madonna della Lettera` on an obelisk at the entrance of the harbor of Messina Sicily


The Duomo, with its elegant Norman façade filled with intriguing decorations, is at the centre of the piazza. The ornamentation continues inside the cathedral with elaborate floor patterns, Romanesque columns, hand painted wooden beams and numerous white marble statues dedicated to saints. The Christ the Redeemer mosaic at the front apex of the church recalls the precious Sicilian mosaic style of many other famous churches on the island.  The cathedral also houses one of the largest organs in Europe and, downstairs, there is a museum which displays many precious gold and silver pieces of altar ware and religious artwork, recovered from the original sanctuary.

White horse in front of Messina Duomo Cathedral


Most of the salvaged artworks rescued from the many churches and palazzi after 1908 are housed in the Regional Museum,  along with some precious early Medieval religious works, a piece by Renaissance  master Antonello da Messina and two masterpieces painted by Caravaggio on his visit to the city in the early 1600’s,  The Adoration of the Shepherds and the Resurrection of Lazarus.

Sicilian cannoli, the best known pastry to eat in Sicily


Across from the Duomo is the Church of the Santissima Annunziata dei Catalani, which is several steps below the street and is one of the few buildings to have survived the 1908 earthquake. This beautiful little church is an example of the unique mixture of Arab and Norman architecture only found in Sicily and Spain. The Normans built various constructions in a style incorporating the best practices of Arab and Byzantine details and ornamentation into their own neoclassical style. The church of the Catalani,in fact, looks like a mosque with characteristic stone work and windows.

As a university town, Messina is dotted with characteristic palazzi, ornamental churches, cute little bookstores, takeaway food joints and boutique restaurants. It is a perfect place to simply leisurely walk and explore. The central shopping district begins around Piazza Cairoli, near the ferry, and it continues further south after the piazza with a stream of elegant stores in a commercial hub of fashion.

Messina has always been a mix of many cultures and styles: its unique geographical position connects it to the Italian peninsula and places it at the centre of the Mediterranean. The port connected Sicily to the Holy Land, the Middle East and North Africa. The knights of the crusades departed from here in the Middle Ages, silk worms were imported from China  through trade routes along the Far East, giving birth to the now famous textile industry of Italy’s North. Infamously, the black plague made its way through Europe after infected rats found their way on board of a ship sailing to Messina.

At the entrance of the port of Messina, the Virgin Mary stands with open arms to greet and bless everyone who enters the city.

At 5.21 am on the 28th of December 1908 Messina was destroyed by a terrible earthquake and tsunami, the most devastating in Italy’s history. An estimated 80,000 people were buried under the rubble of the city, others surviving the initial earthquake were swept away by a six meter high wave. Bodies of tidal wave victims were discovered in the Greek Islands and in the Persian gulf in Asia: from that moment Messina changed forever.

Over ninety percent of the city was obliterated, buildings were destroyed, the very streets disappeared as the mountains slipped down on top of the city in giant land slides. Messina had gone from a bustling metropolis to literally ruble and ruin.

It is amazing to see today, one hundred and ten years later, how the historical city of Messina  managed to rebuild itself. The many disasters and gigantic traumas which earned it the nickname of  “the city of ghosts,” have not extinguished the place’s  spirit. Despite these catastrophic events Messina continues to exist and thrive thanks to the tenacity of its inhabitants and her eternal soul.

Messina nella Sicilia nord orientale è un capoluogo tristemente dimenticato dell'isola italiana. Le navi da crociera arrivano e i loro passeggeri vengono portati alla vicina mecca turistica di Taormina, mentre altri tour la tagliano completamente fuori dal loro itinerario. Questa città, con il suo porto naturale, vive incuneata tra i monti Peloritani e lo Stretto di Messina che si affacciano versa la terraferma dell’Italia. Molte persone pensano che non sia rimasto molto della città originale dopo il terremoto del 1908, lo tsunami e la Seconda Guerra Mondiale. In realtà, è stata ricostruita amorevolmente dai messinesi e offre ancora molte cose per i visitatori.

I giganti mitologici e metaforici di Messina, invece di distruggerla, sono stati assorbiti nella sua identità, rendendola una città piena di vita che continua a rispettare la sua storia, il suo folklore e la sua religione. Nonostante la sofferenza che ha attraversato, questo posto è riscattato da una fede profondamente radicata e dalla determinazione a reinventarsi.  

Oggi le ampie strade di Messina sono accoglienti, fiancheggiate da alberi ornamentali e piene di una miscela eclettica di stili architettonici, dal moderno, all'Art Nouveau e al medioevale.

Scendendo dal traghetto in arrivo dalla terraferma, ogni passeggero è a pochi passi dal centro della città. Le navi da crociera si fermano praticamente di fronte al municipio di Palazzo Zanca. Il sontuoso edificio è aperto al pubblico, in modo da poter ammirare la sua imponente architettura neoclassica e gli interni decorati in marmo. È a pochi minuti a piedi da Piazza Duomo, che letteralmente è il cuore culturale pulsante della città.

Accanto al municipio si trova il Teatro Vittorio Emanuele II, un intimo teatro in stile classico, uno dei tanti edifici ricostruiti dopo il terremoto. All'interno del teatro, si trova un sorprendente affresco del noto artista siciliano Renato Guttuso, raffigurante il mito di Cola Pesce. La leggenda di Cola è raccontata in tutta Europa, la versione siciliana racconta dell’uomo metà pesce e delle sue avventure che lo portano sotto l'isola, ad immergersi con sirene e delfini.  

Il campanile domina gli altri edifici dietro al municipio e ti trascina naturalmente nella piazza principale dove la splendida cattedrale e la fontana di Orione occupano lo spazio di Piazza Duomo. La fontana è dedicata al leggendario cacciatore greco Orione, figlio di Poseidone, e commemora la sua partecipazione alla mitologia di Messina. Orione con la sua grande forza costruì il promontorio che forma il porto naturale così centrale per l'identità della città. All'apice della torre, proprio vicino alle campane principali, c'è il leone simbolo di Messina, completo di corona reale e bandiera, che ruggisce orgogliosamente su Piazza Duomo mentre sventola la bandiera ai turisti sottostanti.

Il Duomo, con la sua elegante facciata normanna piena di decorazioni intriganti, è al centro della piazza. L'ornamento continua all'interno della cattedrale con elaborati motivi pavimentali, colonne romaniche, travi in legno dipinte a mano e numerose statue in marmo bianco dedicate ai santi. Il mosaico del Cristo Redentore nell’abside centrale della chiesa richiama il prezioso stile mosaicale siciliano di molte altre famose chiese dell'isola. La cattedrale ospita anche uno dei più grandi organi d’Europa e, al piano di sotto, c'è un museo che espone molti preziosi pezzi in oro e argento di oggetti d'altare e opere d'arte religiose, recuperati dal santuario originale.

La maggior parte delle opere salvate recuperate dalle numerose chiese e palazzi dopo il 1908 sono ospitate nel Museo Regionale, insieme ad alcune preziose opere religiose altomedievali, un’opera del maestro rinascimentale Antonello da Messina e due capolavori dipinti da Caravaggio durante la sua visita in città nei primi anni del 1600, L'adorazione dei pastori e La risurrezione di Lazzaro.  

Di fronte al Duomo si trova la Chiesa della Santissima Annunziata dei Catalani, che si trova a pochi passi sotto la strada ed è uno dei pochi edifici sopravvissuti al terremoto del 1908. Questa bellissima chiesetta è un esempio della miscela unica di architettura araba e normanna che si trova solo in Sicilia e in Spagna. I Normanni costruirono vari edifici in uno stile che incorporava le migliori pratiche dei dettagli e delle decorazioni arabi e bizantini nel loro stile neoclassico. La chiesa dei Catalani, infatti, sembra una moschea con caratteristiche opere e vetrate in pietra.  

Città universitaria, Messina è disseminata di caratteristici palazzi, chiese ornamentali, graziose piccole librerie, negozi di cibo da asporto e ristoranti boutique. È un luogo perfetto in cui passeggiare e da esplorare in tranquillità. Il quartiere centrale dello shopping inizia intorno a Piazza Cairoli, vicino al traghetto, e continua più a sud dopo la piazza con una serie di eleganti negozi in un distretto commerciale della moda.

Messina è sempre stata un mix di molte culture e stili: la sua posizione geografica unica la collega alla penisola italiana e la colloca al centro del Mediterraneo. Il porto collegava la Sicilia con la Terra Santa, il Medio Oriente e il Nord Africa. I cavalieri delle Crociate partirono da qui nel Medioevo, i bachi da seta furono importati dalla Cina attraverso rotte commerciali verso l'Estremo Oriente, dando vita all’industria tessile del Nord Italia oggi famosa. Purtroppo, la peste nera si fece strada attraverso l'Europa dopo che topi infetti si diffusero a bordo di una nave che andava a Messina.  

All'ingresso del porto di Messina, la Vergine Maria si erge a braccia aperte per salutare e benedire tutti coloro che entrano in città.  

Alle 5,21 del 28 dicembre del 1908 Messina fu distrutta da un terribile terremoto e da uno tsunami, il più devastante della storia d'Italia. Si stima che 80.000 persone siano state sepolte sotto le macerie della città, altre sopravvissute inizialmente al terremoto furono spazzate via da un'onda alta sei metri. I corpi delle vittime delle maree furono scoperti nelle isole greche e nel golfo persico in Asia: da quel momento Messina cambiò per sempre.  

Oltre il novanta percento della città venne cancellato, gli edifici distrutti, le stesse strade scomparvero mentre le montagne scivolarono sopra la città in gigantesche slavine di terra. Messina era passata da essere una vivace metropoli a essere letteralmente distruzione e rovina.  

È incredibile vedere oggi, centodieci anni dopo, come la storica città di Messina sia riuscita a ricostruirsi. I numerosi disastri e i giganteschi traumi che gli valsero il soprannome di "città dei fantasmi" non hanno estinto lo spirito del luogo. Nonostante questi eventi catastrofici Messina continua ad esistere e a prosperare grazie alla tenacia dei suoi abitanti e alla sua anima eterna.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Word of the Day: Cappuccino

The word cappuccino means, literally, small hood, but of course we think of coffee when we hear it. Or friars, and the link is not haphazard at all...

Botteghiamo, Rome and the soul of Italian heritage

Today, I feel like to write about Rome and Italian heritage, but for once - our regular readers may be aware of my penchant for classical history - I...

La Marzocco: the coffee machine behind Italy’s best caffé

It takes a lot of things to prepare a good cup of coffee: obviously, a good coffee blend and a good machine, to say the least. There’s a brand that...

We still miss you: 25 years without Federico Fellini

It was All Souls’ Day, and Rome had woken up under the rain. It makes you wonder, sometimes, the way Nature manages to read into the heart of the...

3 Best Places to Visit in Florence

Are you planning a trip to Florence for the next holiday? Hop in as we take you through a handful of ways to have fun in one of the most significant...

Weekly in Italian

Recent Issues