Ten signs you’ve become fully Italian

If you’ve broken off the mold of spritz and peanuts for your aperitivo, beware: you may be on the way to become 100% Italian

Indeed, it can happen to the best of us. It can be genetics or simple love, but when Italy gets into you, it shows. Here are ten easy-to-spot signs demonstrating to the world il Bel Paese is not only in your genes and soul, but has finally pushed its way into your daily habits!

Coffee comes in one size only: la tazzina


1. Coffee comes in one size only: la tazzina
Unless it’s a cappuccino you’re after, il caffé is rigorously short, even when it’s a  lungo, and it always fits all into that small, perfect cup we Italians call tazzina. That’s it. You also think more and more often of “Americano” as an aperitivo rather than a coffee and latte, to you, means nothing more than milk.  

Bread must be crusty and has names like ciabatta, sfilatino, rosetta e pagnottella


2. You no longer consider square loaves real bread
Looking at a square loaf makes you think of pan carré which, incidentally, means just that, square bread. And we all know pan carré is not real bread at all: it’s good for stuzzichini and some fancy aperitivo snacks involving mayonnaise, olives and smoked salmon. No, bread must be crusty and has names like ciabatta, sfilatino, rosetta e pagnottella,  and there’s no lying about it.  

Negroni is your tipple of choice when you know you are heading out


3. You venture in the land of aperitivi like a pro
Since aperitivo has become international, more and more people enjoy this Italian tradition, but you went a step further and finally broke out of the Aperol Spritz and prosecco mold: Negroni is your tipple of choice when you know you are heading out, even though a simpler Martini Bianco with ice and lemon may be favored on a quieter evening. Gone are also the fruit juices or the mineral water for those nights when alcohol is not an option: it’s Sanbitter and Crodino on ice all the way. And the food? God forbid they bring you chips and peanuts: a decent aperitivo must at least have a platter of salatini, pizzette, focaccia, frittatine, cold cuts and cheeses, otherwise you may as well ask for your money back.  

4. The idea of wearing sportswear outside of the gym makes you cringe
This may be one of the hardest things to cope with once you have turned fully Italian, because sportswear is so incredibly comfortable and, in recent times, it has become very fashionable indeed. But no: what goes in the gym, stays in the gym, exception made for some types of sneakers like Chuck’s, Puma’s or New Balance, but you don’t really wear those while training anyway, right?  

More and more often, you buy your food at local stores instead of supermarkets


5. More and more often, you buy your food at local stores instead of supermarkets
Fruit and vegetables cannot come from the supermarket: they must come from the greengrocer’s. And the ham? The ham comes from the deli store and the bread from the bakery down the corner because that’s just the way it works, dear. Also, all of the above must be bought daily, never mind it means running like an olympian to get to the store before it closes after work. 

You know you’re fully Italian when owning an expensive perfume becomes a necessity, better still if it is a classic


6. Designer scents are the most precious of accessories
Who doesn’t like to smell nice? As the land home to the first professional perfume makers in history, Italy takes it a step further. You know you’re fully Italian when owning an expensive perfume becomes a necessity, better still if it is a classic. Mind, natural essences are ok for everyday use, but when it comes to special occasions or nights out, it’s either original Dolce e Gabbana and Aqua di Parma or nothing. For goodness’ sake, stay away from the fake bottle.  

7. No more shortcuts in the kitchen
Fresh, homegrown, homemade: if this is your kitchen trinity, you may as well ask for full citizenship. A long time ago, you may have made the mistake of buying that already-shredded lettuce or those tubs of pizza dough you get at the cold counter at the supermarket, but that’s no longer your world. If you want pizza, you make it. If you want grated carrots, you grate them: cheating in the kitchen is no longer an option.

8. Judging people’s aesthetics is your new job
With a past filled with world changing artists and a series of names still leading the game in design and the arts  today, it comes as no surprise that your metamorphosis into a full Italian involves a heightened sense of beauty.  And that’s why you silently judge people’s own taste in clothing, furniture, music and literature without even noticing it.  Anyone unable to match colors properly, or to recognise a well made garment from a “Made in China” one goes straight onto your bad books. In your defense, you never openly criticise and, let’s face it, your style and taste are always impeccable.  

9.You know what each of these words mean
Indeed, the safest sign your genes turned fully tricolored is your knowledge and use of the Bella Lingua, in all its nuances. For instance, you know well the meaning of apericena, an aperitivo where loads and loads of aperitivo food is served, and also of fancazzista, the slightly offensive, but oh-so-common word to indicate someone who doesn’t like to work and is not ashamed of admitting it. Similarly, you love the sound and meaning of lavativo, a higher register version of fancazzista, particularly loved when used against a younger individual. And what about the most quintessential of Italian idioms, perché no? Why not: all the good and the bad of my country can be explained by answering this question.  

10. Without a Presepe, it’s not a real Christmas  
And last, but not certainly least, the Presepe. Yes, the Presepe is the ultimate sign you became Italian, because in Italy Christmas is not Christmas without it and we’re pretty much the only nation where the representation of the holy birth has become so essential to the Festivity. The Presepe is a tradition, a form of art and, of course, a reason of pride.  Last year, you may or may not have managed to get your mitts on some original Neapolitan figurines, and you have been already thinking to create a real, tiny waterfall  in it next December, courtesy of your cats’ water fountain and a large amount of aluminum foil.   
Alas, my friends, if you have ticked at least half of the above, you may well ask the Embassy for an Italian passport… unless you own one already, that is!

In realtà può capitare ai migliori di noi. Può essere genetica o semplice amore, ma quando l'Italia ti prende, si vede. Ecco dieci facili segnali da individuare che dimostrano al mondo che il Bel Paese non è solo nei tuoi geni e nella tua anima, ma si è finalmente inserito fra le tue abitudini quotidiane!  

1.Il caffè ha solo una misura: la tazzina
A meno che non si tratti di un cappuccino, il caffè è rigorosamente corto, anche se è un lungo, e sta sempre in quella piccola perfetta tazza che noi italiani chiamiamo tazzina. Questo è tutto. Sempre più spesso pensi a un "Americano" come ad un aperitivo piuttosto che a un caffè e latte, e per te, non significa altro che latte.  

2.Non consideri più pane vero il pane quadrato  
Vedere del pane quadrato ti fa pensare al pan carré che, per inciso, significa proprio questo, pane quadrato. E sappiamo tutti che il pan carré non è affatto pane: è buono per gli stuzzichini e per qualche aperitivo sfizioso che include maionese, olive e salmone affumicato. No, il pane deve essere croccante e ha nomi come ciabatta, sfilatino, rosetta e pagnottella, e su quello non si scherza.

3.Ti avventuri nella terra degli aperitivi come un professionista  
Da quando l'aperitivo è diventato internazionale, sempre più persone apprezzano questa tradizione italiana, ma tu hai fatto un passo in più e sei finalmente andato oltre lo schema dell’Aperol Spritz e del prosecco: il Negroni è la tua scelta preferita quando sai che stai uscendo, anche se un più semplice Martini Bianco con ghiaccio e limone si può preferire in una serata più tranquilla. Sono finiti anche i succhi di frutta o l'acqua minerale per quelle notti in cui l'alcol non è un'opzione: c’è Sanbitter e Crodino con ghiaccio, tutta la vita. E il cibo? Dio non voglia che ti portino patatine e noccioline: un aperitivo decente deve almeno avere un piatto di salatini, pizzette, focacce, frittatine, salumi e formaggi, altrimenti potresti anche chiedere i soldi indietro.

4. L'idea di indossare abbigliamento sportivo fuori dalla palestra ti fa rabbrividire  
Questa potrebbe essere una delle cose più difficili da affrontare una volta che sei diventato completamente italiano, perché l’abbigliamento sportivo è così incredibilmente comodo e, negli ultimi tempi, è diventato davvero molto di moda. Ma no: ciò che va in palestra, resta in palestra, eccezion fatta per alcuni tipi di sneakers come Chuck's, Puma o New Balance, anche se in realtà non li indossi comunque mentre ti alleni, giusto?

5.Sempre più spesso compri cibo nei negozi locali invece che nei supermercati  
Frutta e verdura non possono venire dal supermercato: devono arrivare dal fruttivendolo. E il prosciutto? Il prosciutto arriva dal negozio di gastronomia e il pane dalla panetteria dietro l'angolo perché è così che funziona, caro. Inoltre, tutto quanto sopra deve essere acquistato ogni giorno, non importa se significa correre come un olimpionico per arrivare al negozio prima che chiuda dopo il lavoro.

6. I profumi di design sono il più prezioso degli accessori  
A chi non piace profumare bene? In quanto terra che ospita i primi produttori di profumi professionisti della storia, l'Italia fa un ulteriore passo in avanti. Sai che sei completamente italiano quando possedere un profumo costoso diventa una necessità, meglio ancora se è un classico. Badate, le essenze naturali vanno bene per l'uso quotidiano, ma quando si tratta di occasioni speciali o di serate fuori, è un originale Dolce e Gabbana o una Aqua di Parma o niente. Per l'amor del cielo, state lontani dalle finte bottiglie.

7. Niente più scorciatoie in cucina
Freschi, coltivati in casa, fatti in casa: se questa è la tua triade in cucina, puoi anche chiedere la piena cittadinanza. Molto tempo fa, potevi aver commesso l'errore di comprare quella lattuga già tagliuzzata o quelle vaschette di pasta per pizza che hai preso al banco del supermercato, ma non è più il tuo mondo. Se vuoi la pizza, te la fai. Se vuoi delle carote grattugiate, le grattugi: barare in cucina non è più un'opzione.

8.Giudicare l'estetica delle persone è il tuo nuovo lavoro  
Con un passato pieno di artisti che cambiarono il mondo e una serie di nomi che ancora oggi guidano le danze nel design e nelle arti, non sorprende che la tua metamorfosi in vero italiano implichi un accresciuto senso di bellezza. Ed è per questo che giudichi silenziosamente il gusto della gente nei vestiti, nell'arredamento, nella musica e nella letteratura senza nemmeno accorgertene. Chiunque non sia in grado di abbinare correttamente i colori, o di riconoscere un capo ben fatto da un "Made in China", va dritto sui tuoi libri neri. A tua difesa, non critichi mai apertamente ma, ammettiamolo, il tuo stile e il tuo gusto sono sempre impeccabili

9.Sai cosa significa ciascuna di queste parole  
In realtà, il segno più evidente che i tuoi geni sono diventati completamente tricolori è la tua conoscenza e il tuo uso della Bella Lingua, in tutte le sue sfumature. Ad esempio, conosci bene il significato di apericena, un aperitivo in cui vengono serviti un sacco di aperitivi e anche di fancazzista, una parola un po' offensiva, ma così comune per indicare qualcuno a cui non piace lavorare e non si vergogna di ammetterlo. Allo stesso modo, ami il suono e il significato di lavativo, una versione di registro più alto di fancazzista, particolarmente amato quando usato contro un individuo più giovane. E che dire del più classico degli idiomi italiani, perché no? Perché no: tutto il bene e il male del mio paese possono essere spiegati rispondendo a questa domanda.  

10. Senza un Presepe, non è un vero Natale  
Ultimo, ma non meno importante, il Presepe. Sì, il Presepe è l'ultimo segno del tuo essere diventato italiano, perché in Italia il Natale non è Natale senza di esso e siamo praticamente l'unica nazione in cui la rappresentazione della santa nascita è diventata così essenziale per la festa. Il Presepe è una tradizione, una forma d'arte e, naturalmente, un motivo di orgoglio. L'anno scorso potevi mettere le mani su alcune statuette napoletane originali, e stavi già pensando di creare una vera e piccola cascata nel presepe del tuo prossimo dicembre, grazie alla fontana di acqua dei tuoi gatti e ad una grande quantità di fogli di alluminio.  
Ahimè, amici miei, se avete spuntato almeno la metà di quanto sopra, potreste chiedere all'ambasciata un passaporto italiano ... a meno che non ne possediate già uno!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Bisacquino: birthplace of Frank Capra and goat horn-handled knives

Even today, the hilltop village of Bisacquino is a place for those in search of a forceful Sicilian character all its own. Deep in majestic Mount...

La Marzocco: the coffee machine behind Italy’s best caffé

It takes a lot of things to prepare a good cup of coffee: obviously, a good coffee blend and a good machine, to say the least. There’s a brand that...

Dei Sepolcri: Pasquino rents a tomb

At Campo Verano, Rome’s most exclusive cemetery, the dead keep office hours. Although the grounds are open between 7:30 AM and 6:00 PM, formal...

Retiring in Italy: it may no longer be only a dream

Regardless of their age, Italians have one huge preoccupation these days: retiring. With income taxes among the highest in Europe and pensions often...

We still miss you: 25 years without Federico Fellini

It was All Souls’ Day, and Rome had woken up under the rain. It makes you wonder, sometimes, the way Nature manages to read into the heart of the...

Weekly in Italian

Impresa Italia

Recent Issues