La scultura di Mauro Staccioli a Firenze: racconto d'arte lungo 40 anni

La scultura di Mauro Staccioli a Firenze: racconto d'arte lungo 40 anni

A Firenze, dall'11 maggio al 27 luglio 2018, una mostra monografica dedicata allo scultore Mauro Staccioli. Lo spazio sarà allestito con alcune opere dal 1969 al 2009 e una sintetica selezione di materiali che ne accompagnanoil percorso ideativo.

“Mauro Staccioli lavora seguendo un procedimento peculiare che risponde all’esigenza fondante del suopensiero: leggere il luogo alla luce della storia e lasciare un segno indicativo sulla scorta di questa lettura.Una scelta consapevole si va definendo nell’artista alla fine degli anni ’60: politicamente impegnato, sentel’arte come una risposta doverosa all’esserci, un lavoro partecipe del dibattito. La sua sensibilità all’ambientestorico-sociale emerge a Volterra nel 1972: il luogo, lo spazio urbano, l’edificio, la natura, hanno una propriastoria, un proprio respiro, recano le impronte di vicende antiche o di situazioni socio-ambientali. Pochi annidopo, Staccioli darà alla sua mostra nel castello di Vigevano (1977) il titolo emblematico di  Lettura di un ambiente.

L’artista ‘legge’ il sito prima di porvi un segno, commisurato non soltanto allo spazio, ma allapresenza dell’uomo.Un lavoro intenso e invisibile precede la scultura di Staccioli, perfetta sintesi poetica di ritmo e misura inrelazione con il luogo. I materiali raccolti nello studio-archivio in 40 anni di lavoro, nel testimoniare un’attivitàintensa offrono le chiavi di lettura del suo percorso ideativo. […] Un percorso intellettuale complesso, moltovicino a quello di un architetto: sin dal primo contatto con il luogo, la sua storia, le sue tracce, fissati in unacampagna fotografica, annotati nei taccuini, documenti essenziali per le considerazioni d’impatto e le primeforme ideate in situ.  A   questo   punto   l’immaginazione   dell’artista   può   librarsi   a   partire   da   un   terreno progettuale ben definito, il più possibile fedele alla realtà storico-ambientale del luogo”. (Maria Laura Gelmini, Mauro Staccioli, All’origine del fare/At the roots of sculpting)

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

I carnevali barocchi nelle ultime acquisizioni delle Gallerie degli Uffizi

I carnevali barocchi nelle ultime acquisizioni delle Gallerie degli Uffizi

L’effimero splendore dei carnevali barocchi che ci parla delle mascherate, delle feste, e degli allestimenti barocchi. In mostra a, palazzo Pitti "I...
In 70 fotografie 50 anni di carriera: Carlo Cantini tra realismo e immaginario

In 70 fotografie 50 anni di carriera: Carlo Cantini tra realismo e immaginario

Settanta immagini, per la maggior parte in bianco e nero, per 50 anni di carriera. ‘Carlo Cantini. Tra realismo e immaginario’, aperta fino al 17...
L'arte figurativa genovese del Seicento e la grande influenza di Caravaggio

L'arte figurativa genovese del Seicento e la grande influenza di Caravaggio

Capire l’arte figurativa genovese e comprendere ulteriormente lo stravolgimento artistico di Michelangelo Merisi: ecco lo scopo della mostra”...
L'ottocento italiano a Forlì: la pittura racconta 60 anni tra l’Unità d’Italia e lo scoppio della Grande Guerra

L'ottocento italiano a Forlì: la pittura racconta 60 anni tra l’Unità d’Italia e lo scoppio della Grande Guerra

I Musei San Domenico di Forlì ospiteranno, dal 9 febbraio al 16 giugno, "Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini", a cura di Fernando...
Per la prima volta esposto a Roma il capolavoro del Cristo Portacroce di Giorgio Vasari

Per la prima volta esposto a Roma il capolavoro del Cristo Portacroce di Giorgio Vasari

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma presentano per la prima volta e sino al 30 giugno 2019, nella sede di Galleria Corsini a Roma, un...

Weekly in Italian

Heritage

Recent Issues