Cento anni dopo la nascita di Luciano Emmer 'Basta ci faccio un film!'

Cento anni dopo la nascita di Luciano Emmer 'Basta ci faccio un film!'

File:Luciano Emmer, Marina Vlady, Magali Noël en Bernard Fresson (1960)

Per il centenario dalla nascita del grande cineasta Luciano Emmer (Milano, 19 gennaio 1918 – Roma, 16 settembre 2009), la Cineteca Nazionale a Roma ha voluto ricordarlo con una rassegna dei suoi film a cominciare da “Domenica d’agosto” (1950), “Parigi è sempre Parigi” per continuare con “Le ragazze di Piazza di Spagna” (1952) e “Il bigamo” (1955). Infine, il 2 aprile sarà proiettata “La ragazza in vetrina” (1961) nella copia restaurata e con la ricostruzione della versione originale a cura della Cineteca Nazionale, e “Basta! Ci faccio un film”(1990).

Come scrive giustamente Silvio Danese, Emmer“era un cordiale riottoso. Non la mandava a dire a nessuno. E poi il cinema. Francesca Bertini, abbarbicata lasciva a qualche cortina, domina l’atrio di casa Emmer nei primi anni ‘20, quando c’erano ancora i calessi e le lampade a carbone. Emmer, ha scoperto il cinema così, a cinque anni. Ha studiato al liceo, a Milano, con Dino Risi. Ha diretto documentari insostituibili sull’arte, nell’immediato dopoguerra, facendo sobbalzare Mussolini sulla poltrona di Villa Torlonia con la celebre frase “Non eravamo più ignari del dolore e della morte” nel documentario su Predappio. Ha esordito nel 1950: Domenica d’agosto è una commedia che, in pieno neorealismo, sovvertì le regole del racconto, con una fragilità narrativa che diventa forza di verità. Per un decennio Emmer ha lasciato il segno. Poi ha lasciato il cinema.

L’incorruttibile personalità di un autore da rimpiangere si era scontrata con la censura, l’ipocrisia morale dei politicanti, l’indifferenza degli intellettuali. L’addio di Emmer al cinema fu intemperante, cioè profondamente onesto. La vedeva così: “Una bella lapide con una data e un’iscrizione: 1960 (o giù di lì), il cinema italiano è morto qui” [...]. Seduto nel suo minuscolo ufficio tra i prefabbricati anonimi di Saxa Rubra, qualche anno fa ci affidò questa riflessione sul cinema: “La storia del cinema alla mia maniera è la storia di uno che anziché fare l’idraulico ha fatto il cinema. Cioè un mestiere. La gente lo piglia per chi sa che cosa. Io non l’ho mai considerato di più. I film lasciano tracce forti? Come i rubinetti buoni, che fanno la tranquillità di una famiglia. Se un rubinetto funziona per quattro o cinque anni, è stato riparato bene. Ma poi, chi decide se si fa bene o male un film?””.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L'archeologia dialoga con il cinema a Napoli nel Festival Internazionale ArcheocineMann

L'archeologia dialoga con il cinema a Napoli nel Festival Internazionale ArcheocineMann

L'archeologia in dialogo con il cinema, per raccontare il nostro patrimonio culturale grazie a nuovi linguaggi: sarà in programma al Museo...
Successo nazionale al 37° Vancouver International Film Festival, la Hollywood del Nord, con il ‘Focus on Italy’

Successo nazionale al 37° Vancouver International Film Festival, la Hollywood del Nord, con il ‘Focus on Italy’

Si è conclusa a Vancouver la 37° edizione del Vancouver International Film Festival (VIFF), che si inserisce all’interno del programma culturale...
Senti chi parla a L.A.: le 101 frasi più famose del cinema e la storia dei (favolosi) doppiatori italiani

Senti chi parla a L.A.: le 101 frasi più famose del cinema e la storia dei (favolosi) doppiatori italiani

Si intitola "Senti chi parla", raccoglie le 101 frasi più famose del cinema e racconta la storia di chi le ha dette veramente. Cioè i doppiatori...
Oltre 13mila spettatori alla 14° edizione di Italian Film Festival Usa in 12 città americane

Oltre 13mila spettatori alla 14° edizione di Italian Film Festival Usa in 12 città americane

Il Quattordicesimo Italian Film Festival USA di quest’anno ha stabilito il nuovo record di 13.250 spettatori presenti alle 101 proiezioni di 13...
La meravigliosa incoerenza emozionale de Il Trovatore secondo Stefano Vizioli

La meravigliosa incoerenza emozionale de Il Trovatore secondo Stefano Vizioli

"Il Trovatore", opera di Giuseppe Verdi, assieme a "La Traviata" e "Rigoletto" ha segnato profondamente la cultura del XIX secolo. L'amore, l'odio,...

Weekly in Italian

Recent Issues