The art of Italian aperitivo

Campari, on its own or as an ingredient, remains one of the most popular drinks for aperitivo

“Salute!” — the clink-clink of glasses resounds like church bells throughout Italy as the late afternoon begins to dissolve towards evening. It’s aperitivo time – that glorious hour or two (or three) when the busy-ness of the day is set aside for drinks,  nibbles and elbow rubbing with friends.  

But you won’t see any neon signs glowing with “2 for 1” or “Half Price Drinks” — this is not your hometown Happy Hour. The bella figura of socializing, aperitivo time in Italy is a ritual of passage, even if we’re talking about the passage of a few hours.  

Any season, any day, anywhere – the art of aperitivo is as ingrained a part of Italian culture as a multi-course meal

The modern structure of aperitivo is somewhat of a new-kid-on-the-block phenomenon. Rewind to 1786 in the city of Turin. The story goes that Antonio Benedetto Carpano created vermouth, a low alcohol white wine infused with botanicals. This lighter tonic was seen as an enjoyable way to nudge the appetite and prepare the digestive tract for the evening’s meal. In fact, the word aperitivo derives from the Latin aperitivum, meaning to open up. Whether Carpano was actually the father of vermouth is however up for debate, as many believe he was more the marketing genius behind its popularity. And if that’s the case, he was a good one: the ritual of a dose of vermouth or other drink and unwinding after work quickly found favor and spread across Italy.  

As with preferred pasta sauce or the crimp style of tortellini, the region in which you partake of aperitivo can make a difference in style. Northern Italy, in particular Turin and Milan, are considered the heavy weights of aperitivo creation and presentation. Bars proudly offer up lavish spreads of stuzzichini – what we might call heavy hors d’oeuvres – that can include an assortment of cured meats, cheese, vegetables, bread, and even pasta and small pizzas. There’s no happy hour style discount on a drink here, however, and prices are set to factor in the food offerings. But the flipside is you can nibble to your heart’s content…and are actually encouraged to do so! This method of aperitivo has become so popular in northern regions that many city dwellers bypass cena (dinner) altogether, choosing instead to satisfy their hunger with what’s cleverly called apericena.  

Campari, on its own or as an ingredient, remains one of the most popular drinks for aperitivo

Moving south down the peninsula, aperitivo style simplifies; these quasi-buffets are less popular. You might stumble across a simple affettati misti of cured meats and local cheese in a larger bar, but the standard aperitivo is more likely accompanied by a small assortment of olives, chips, or other snackables that are finger ready. 

The ritual of aperitivo is flexible, of course; however, even the anti-traditionalist would agree that certain drinks qualify as “musts” for this twilight time of day. So just which cocktails make the short list?  

The modern structure of aperitivo is somewhat of a new-kid-on-the-block phenomenon. Rewind to 1786 in the city of Turin

Venice is credited as the birthplace of one of Italy’s most popular aperitivo refreshements: the Spritz. During Austrian rule over Venice, the Hapsburg soldiers found local Venetian wines too strong for their taste. Solution? Temper them a bit with a squirt (spritzen in German) of bubbly water… and alles ist gut.   

But the story doesn’t end there. Aperol, a low alcohol blend of oranges, herbs, roots, and other secret ingredients, was created in the early 1900’s in Milan, and eventually found its way as an indispensable part of a Venetian Spritz during the 1950’s. A highly effective marketing campaign got the word out, and the Spritz, now a combination of prosecco, Aperol or Campari, and seltzer, found fame.  Many American bars currently serve a classic Spritz, thanks to another successful international campaign upon acquisition of the Aperol brand by Gruppo Campari, makers of Campari aperitivo.  

And speaking of Campari, I’d be amiss not to mention its stand-alone acclaim as a revered Italian aperitivo. Developed in the late 1800’s by the young Gaspare Campari at Milan’s famous Bar Basso, the recipe is a complex blend of up to 60 spices, herbs, and fruits steeped in alcohol. Brilliantly red, the trademark color of Campari was actually the result of a dye made from crushed insects – a bit of trivia that I’d guess wasn’t a big part of their marketing strategy! This practice ended in 2006, however. A low alcohol “bitter” concocted to bolster digestion, Campari is still a quintessential Italian beverage and mixer.  

The Negroni is another celebrity of the aperitivo stage.  Proper etiquette of 1920’s Italy decreed a pre-dinner tipple be tamed with the addition of soda water. While on a visit to his native Florence, Count Camilio Negroni, an illustrious fellow whose credits include a stint as an American Wild West show clown, wanted something heftier in his “Americano” cocktail. Rather than settle for the standard combo of Campari, sweet vermouth, and soda water, Negroni requested gin in place of the water – and the Negroni cocktail was born. The drink rocketed to fame, and its following today in Italy and abroad has reached an almost cult-like status. 

Like a good pizza, cocktails come in any number of variations, and one of the better known is the Negroni Sbagliato – the bungled Negroni. Legend says that a Milanese bartender accidentally grabbed a sparkling white wine rather than gin to add to a Negroni that was under construction, and the results were applauded rather than tossed down the sink. This mistake is one of the most popular aperitivi today.  

Of course, if combining various bitters and other libations just doesn’t excite your digestive juices, don’t fret over looking out of place when you belly up to an Italian bar come aperitivo time. A simple prosecco, vermouth, or Campari over ice are perfectly acceptable drinks for the ritual and enjoyed by many in preparation for the evening meal.  

Any season, any day, anywhere – the art of aperitivo is as ingrained a part of Italian culture as a multi-course meal or an evening passeggiata. Spritz (or whatever suits your fancy) in hand, the mind is able to put aside the day’s worries and relax with friends, while each sip prepares the body and soul for the satisfaction and satiation to come. Choose your potion, raise your glass… cin cin to aperitivo!    

 
“Salute!" - il tintinnio dei bicchieri risuona come le campane della chiesa in tutta Italia quando il tardo pomeriggio comincia a dissolversi nella sera. È l'ora dell'aperitivo - quella gloriosa ora o due (o tre) quando il trantran del giorno è messo da parte per bevande, stuzzichini e socialità con gli amici.  
 
Ma non vedrete nessuna insegna al neon brillare con "2 per 1" o "bevande a metà prezzo" - questa non è la città dell’Happy Hour. La bella figura di socializzare, l'ora dell'aperitivo in Italia è un rituale di passaggio, anche se stiamo parlando del passaggio di qualche ora.  
 
La moderna struttura dell'aperitivo è in qualche modo l’ultimo fenomeno arrivato.  
 
Torniamo al 1786 nella città di Torino. La storia narra che Antonio Benedetto Carpano creò il Vermouth, un vino bianco a basso tenore alcolico, aromatizzato con erbe. Questo tonico più leggero è stato visto come un modo piacevole per sollecitare l'appetito e preparare il tratto digestivo per il pasto della sera. In effetti, la parola aperitivo deriva dal latino aperitivum, che significa aprire. Il fatto che Carpano sia davvero il padre del Vermouth è comunque dubbio, poiché molti credono che lui sia piuttosto il genio del marketing dietro alla sua popolarità. E se questo è il caso, è stato bravo: il rituale di una dose di Vermouth o di un’altra bevanda e il fatto che avvenga dopo il lavoro, hanno trovato rapidamente favore e diffusione in tutta Italia. 
 
Come con il sugo della pasta preferito o il ripieno dei tortellini, la regione in cui si prende l'aperitivo può fare la differenza nello stile.  
 
L'Italia settentrionale, in particolare Torino e Milano, è considerata il peso massimo della creazione e della presentazione dell'aperitivo. I bar offrono con orgoglio un'abbondante quantità di stuzzichini - che potremmo definire grandi antipasti - che possono includere un assortimento di salumi, formaggi, verdure, pane e persino pasta e piccole pizze. Tuttavia, qui non è previsto lo sconto happy hour sul drink, e i prezzi sono impostati per tenere conto delle offerte di cibo. Ma il rovescio della medaglia è che puoi sgranocchiare a volontà ... e in realtà sei incoraggiato a farlo! Questo metodo di aperitivo è diventato così popolare nelle regioni del Nord che molti abitanti delle città bypassano la cena, scegliendo invece di soddisfare la loro fame con ciò che è abilmente chiamato apericena.  
 
Spostandosi verso Sud, lungo la penisola, lo stile aperitivo si semplifica; questi quasi-buffet sono meno popolari. Ci si potrebbe imbattere in un semplice affettati misti di salumi e formaggi locali in un bar più grande, ma l'aperitivo standard è più probabilmente accompagnato da un piccolo assortimento di olive, patatine fritte o altri snack che sono già pronti. 
 
Il rituale dell'aperitivo è flessibile, ovviamente; tuttavia, anche l'anti-tradizionalista sarebbe d'accordo sul fatto che certe bevande si qualificano come "must" per questa luce del crepuscolo. Quindi, quali cocktail fanno parte della short list?  
 
Venezia è considerata la culla di uno dei più popolari aperitivi d'Italia: lo Spritz. Durante il dominio austriaco su Venezia, i soldati asburgici trovarono i vini veneti locali troppo forti per i loro gusti. Soluzione? Temperali un po' con uno schizzo (spritzen in tedesco) di acqua frizzante ... e alles ist gut. 
 
Ma la storia non finisce qui. L’Aperol, una miscela a basso tenore alcolico di arance, erbe, radici e altri ingredienti segreti, è stato creato agli inizi del 1900 a Milano e alla fine si è fatto strada come parte indispensabile di uno Spritz veneziano negli anni '50. Una campagna di marketing molto efficace ha fatto la differenza, e lo Spritz, ora una combinazione di prosecco, Aperol o Campari e seltzer, ha trovato fama. Molti bar americani attualmente servono uno Spritz classico, grazie ad un'altra campagna internazionale di successo in seguito all'acquisizione del marchio Aperol da parte del Gruppo Campari, produttore di aperitivi Campari.  
 
E parlando di Campari, mi spiacerebbe non menzionare il suo successo indipendente quale venerato aperitivo italiano. Sviluppato alla fine del 1800 dal giovane Gaspare Campari al famoso Bar Basso di Milano, la ricetta è una miscela complessa di una sessantina di spezie, erbe e frutta, immerse nell'alcol. Rosso brillante, il colore distintivo del Campari era in realtà il risultato di una tintura fatta di insetti schiacciati - una curiosità che immagino non fosse una componente importante della loro strategia di marketing! Questa pratica, tuttavia, si è conclusa nel 2006. Un "amaro" a basso tenore alcolico, concepito per sostenere la digestione, il Campari è ancora una bevanda e un mixer tipicamente italiano.  
 
Il Negroni è un'altra celebrità del palcoscenico dell'aperitivo. L'etichetta corretta dell'Italia degli anni '20 decretò che una bevanda pre-cena dovesse essere mitigata con l'aggiunta di acqua gassata. Durante una visita a Firenze, sua città natale, il conte Camilio Negroni, personaggio illustre i cui trascorsi includono un periodo in cui si è esibito come clown per l’American Wild West, voleva qualcosa di più pesante nel suo cocktail "Americano". Anziché accontentarsi della combinazione standard di Campari, Vermouth dolce e soda, Negroni chiese gin al posto dell'acqua - e il cocktail Negroni era nato. Il drink è diventato famoso, e il suo seguito in Italia e all'estero ha raggiunto uno status quasi di culto.  
 
Come una buona pizza, i cocktail hanno una serie di varianti, e uno dei più noti è il Negroni Sbagliato. La leggenda dice che un barman milanese accidentalmente abbia afferrato un vino bianco frizzante piuttosto che un gin da aggiungere a un Negroni che stava preparando, e il risultato fu applaudito anziché essere gettato nel lavandino. Questo errore è uno degli aperitivi più popolari di oggi.  
 
Naturalmente, se la combinazione di vari amari e altre bevande non eccita i vostri succhi digestivi, non preoccupatevi di sembrare fuori luogo quando siete in un bar italiano quando viene l’ora dell'aperitivo. Un semplice prosecco, un Vermouth o un Campari con ghiaccio sono bevande perfettamente accettabili per il rituale e godute da molti mentre ci si prepara alla cena.  
 
Ogni stagione, ogni giorno, ovunque - l'arte dell'aperitivo è parte integrante della cultura italiana come un pasto a più portate o una passeggiata serale. Spritz (o qualsiasi altra cosa si adatti alla vostra fantasia) in mano, la testa è in grado di mettere da parte le preoccupazioni del giorno e rilassarsi con gli amici, mentre ogni sorso prepara il corpo e l'anima per la soddisfazione e la sazietà a venire. Scegliete la vostra pozione, alzate il vostro bicchiere ... cin cin all'aperitivo! 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

We still miss you: 25 years without Federico Fellini

It was All Souls’ Day, and Rome had woken up under the rain. It makes you wonder, sometimes, the way Nature manages to read into the heart of the...

3 Best Places to Visit in Florence

Are you planning a trip to Florence for the next holiday? Hop in as we take you through a handful of ways to have fun in one of the most significant...

The heart and soul of Naples: history and poetry of the Quartieri Spagnoli

“Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e creature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo:” Naples is a thousand...

Legends and ghost stories of Milan

Milan is one of Italy’s most metropolitan and contemporary cities. Attracting travelers and business people from all over the world, it has become...

“Lumi in aria,” lights in the air: expression of art and beauty

Since the beginning of time, light has been a recurrent symbol in Christianity and, from a liturgical point of view, it refers directly to God. Light...

Weekly in Italian

Impresa Italia

Recent Issues