Modena capitale dell'antico, dell'antiquariato e del vintage

Modena capitale dell'antico, dell'antiquariato e del vintage

Ben 15.000 mq dedicati all'antiquariato: due padiglioni per accogliere un parterre di oltre 200 espositori italiani e stranieri con i loro oggetti d'altri tempi, rari e preziosi. ModenaFiere ospita la trentaduesima edizione del Gran Mercato dell'Antico. Spazio anche al vintage: tra gli stand rivivono capi unici che hanno fatto epoca, simboli dello stile di un tempo. In fiera è allestita una mostra dedicata al "Rigoletto", dalla prima alla Fenice di Venezia nel 1851 a oggi, con gli spartiti storici, i costumi di scena, locandine e programmi teatrali.

Questo appuntamento conferma Modena come "capitale dell'antico": la manifestazione ogni anno porta qui circa 20 mila visitatori e genera un giro d'affari di 1 milione e 200mila euro, compreso l'indotto di hotel, caffè e locali tipici.

Tra gli stand spiccano le nuove tendenze dell’antico: i giovani che arredano la prima casa sono molto interessati al modernariato, in particolare agli arredi che vanno dagli anni Sessanta agli anni Ottanta; o allo shabby chic, uno stile che propone mobili antichi (o fintamente antichi) ridipinti di chiaro, "rovinati": i segni di usura danno un'aria romantica all'arredamento, ma anche un po' trasandata: l'effetto d'insieme, però, è molto ben curato nei particolari. Ma non è finita: per chi cerca capi e accessori con un passato da raccontare tra gli stand si trovano abiti firmati, ma anche accessori e capi di abbigliamento sartoriali di pregio non griffati: tutti, però, rigorosamente Vintage. 7.8.Novecento, infatti, racconta anche il periodo che va dagli anni '20 agli anni '80, con la moda, gli articoli da collezionismo, i profumi, gli arredi, ma anche gli oggetti d'uso quotidiano in quei decenni.

In fiera c’è anche una mostra dedicata a quella che Giuseppe Verdi la definiva "la sua opera più bella", il Rigoletto, dalla prima alla Fenice di Venezia nel 1851 a oggi. Sono esposti gli spartiti storici, i costumi di scena, locandine e programmi teatrali: una wunderkammer che raccoglie oltre 200 cimeli per ricostruire la storia di una delle espressioni più alte della nostra lirica. Un focus della mostra è riservato ai grandi interpreti: Enrico Caruso, Titta Ruffo, Maria Callas, Luciano Pavarotti.

La Galleria d'arte Ossimoro di Spilamberto propone poi, presso il suo stand nel padiglione A, uno spazio interamente dedicato a Modena, con opere legate sia alla storia passata che a quella più recente; qui sono esposti alcuni arredi estensi, dipinti appartenuti ai conti Molza, mobili del XVII e del XVIII secolo modenesi e numerose opere più recenti di Giuliano Della Casa, Franco Guerzoni, fino ad arrivare a Chiara Tagliazucchi e Roberta Diazzi.

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Hi-tech made in Italy: ecco Yape, il sistema a guida autonoma

Hi-tech made in Italy: ecco Yape, il sistema a guida autonoma

Il richiamo all’automotive. Due ruote che lo rendono estremamente agile e unico nell’inversione di direzione. Ma soprattutto forme arrotondate e...
Richard Ginori, dal 1735 massima espressione dell’eccellenza italiana nella manifattura artistica della porcellana

Richard Ginori, dal 1735 massima espressione dell’eccellenza italiana nella manifattura artistica della porcellana

Ginori, dal 1735 massima espressione dell’eccellenza italiana nell'alta manifattura artistica della porcellana pura, si è aggiudicata il premio...
Governance multilivello e poliglotta contro il Made in Italy: le agromafie valgono 24,5 miliardi di euro (+12,4% nell’ultimo anno)

Governance multilivello e poliglotta contro il Made in Italy: le agromafie valgono 24,5 miliardi di euro (+12,4% nell’ultimo anno)

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Una crescita che...
In Italia si consuma più frutta e verdura ma con un occhio al Made in Italy

In Italia si consuma più frutta e verdura ma con un occhio al Made in Italy

Con l’arrivo del maltempo e la neve la corsa agli acquisti di agrumi contro l’influenza e alla preparazione delle zuppe di verdure e legumi “antigelo...
Viaggi del gusto in Calabria: con Lidia Bastianich per promuovere la destinazione turistico-culinaria

Viaggi del gusto in Calabria: con Lidia Bastianich per promuovere la destinazione turistico-culinaria

Per il terzo anno consecutivo Lidia Bastianich è la testimonial d’eccezione per la Calabria, capace di galvanizzare l'attenzione della Stampa e degli...

Weekly in Italian

Heritage

Recent Issues