La catanese Tiziana Caruso è Tosca, diva e donna dai valori indissolubili

La catanese Tiziana Caruso è Tosca, diva e donna dai valori indissolubili

L’ultima opera portata in scena è "Tosca" con la direzione musicale del Maestro Gianluigi Gelmetti e la regia di Claire Servais. Nel ruolo della protagonista la catanese Tiziana Caruso, che abbiamo intervistato.

Interpretare più volte un personaggio permette a un artista di conoscerlo meglio nelle varie sfaccettature?
Sì, certamente interpretare più volte un personaggio permette di conoscere le sfumature e la profondità di un autore. Il tempo che passa permette anche una conoscenza maggiore di se stessi e di conseguenza anche del ruolo che si affronta.
Che cosa Le piace maggiormente di "Tosca"?
Vedo Tosca non solo come una diva, ma anche come una donna semplice, ricca di emozioni, con valori indissolubili.
Vocalmente Tosca rappresenta una sfida particolare rispetto ad altri personaggi? in che cosa?
Cantare Tosca è un vero piacere; il momento più delicato nella resa vocale e interpretativa è sicuramente l'aria "vissi d'arte, vissi d'amore". Abbiamo lavorato intensamente col maestro Gelmetti e la regista Claire Servais per mettere in evidenza la genuina semplicità di questo personaggio proprio nella sua aria principale.
Per molti "Tosca" rappresenta l'autentica essenza dell'arte pucciniana: è d'accordo?
Credo che molte delle opere del maestro Puccini ne rappresentino l'essenza, ognuna con le sue peculiarità. Quella di Tosca è certamente la romanità che il maestro Puccini coglie perfettamente.
Lei ha ricevuto molti riconoscimenti. Che cosa L'aiuta a mantenere equilibrio e costanza nel suo lavoro?
Oltre alla professionalità aiuta molto avere una famiglia a cui appoggiarsi.
Quale aspetto del suo lavoro Le piace maggiormente?
La musica.
Ha notato un modo di vivere l'opera diverso di Paese in Paese?
È evidente che ogni paese assorbe e apprezza ogni opera in modo diverso. Per quanto mi riguarda cantare Tosca a Liège è una grande emozione, intensificata da un pubblico sensibile che ho già avuto modo di apprezzare nella produzione di Turandot del 2016.
Quando non è impegnata con l'opera, si rilassa oppure pensa sempre al successivo impegno?
Il lavoro dell'artista non dà pause.
Catania e le sue origini siciliane rientrano in qualche modo nel suo approccio all'opera?
Le mie origini influenzano il mio approccio con la vita tutta ed essendo l'opera uno dei suoi aspetti, ne consegue che le mie radici producano una osmosi continua fra il mio animo siciliano e la musica.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Cinema, minoranze e diritti umani nel docufilm ‘Adriatico. Il mare che unisce’

Cinema, minoranze e diritti umani nel docufilm ‘Adriatico. Il mare che unisce’

Il docu-film sulle minoranze etnico-linguistiche croato-albanesi presenti in Molise a partire dal XV secolo “Adriatico. Il mare che unisce”, scritto...
Prix Italia, torna a Roma la finestra sul mondo audiovisivo italiano

Prix Italia, torna a Roma la finestra sul mondo audiovisivo italiano

"Forse sarebbe stata una buona idea fornire delle cartine" è stato il commento di Karina Laterza (nella foto), segretario generale del Prix Italia,...
Venezia, dal cinema alla moda sul filo della creatività

Venezia, dal cinema alla moda sul filo della creatività

Anche quest’anno si è conclusa la 76esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia sul lido, un prestigioso ed ambito evento che segna fortemente...

Dai red carpet ai bagni di folla: quando andare in Laguna a settembre offre l’occasione di incontri ‘stellari’

Un uomo in missione nell’ignoto per salvare il Pianeta e, forse, il padre cosmonauta scomparso decenni or sono. A Venezia va in scena Ad Astra. Sul...
A Ferrara Uto Ughi, uno dei massimi esponenti della scuola violinistica italiana

A Ferrara Uto Ughi, uno dei massimi esponenti della scuola violinistica italiana

Concerto a Ferrara del violinista Uto Ughi accompagnato al pianoforte dal maestro Alessandro Specchi nell’ambito della XXVI edizione del Salone...

Weekly in Italian

Recent Issues