Dina Morrone’s “The Italian in Me” wins the Valley Theatre Award

Entirely written and performed by Dina, "The Italian in me" recently won the Valley Theater Award for Best One Person Show. Photo for The Eden Magazine by Kate Younger (La Dolce Vita series)

“Call me! Federico Fellini wants to see you.” When actress Dina Morrone received this message from her agent, she didn’t think much of it and believing it was just a joke, she didn’t call her back. But the famous Italian director was indeed looking for a blonde girl for his first ever commercial. It was for Banca di Roma, and he wanted to audition the Italian-Canadian actress who, at that time, was living in Rome.  

“When I found out it was true, I bought a dress, put on a scarf and went to Cinecittà to meet him,” Dina recalls with emotion. “I didn’t get the part, which made me sad: when you are going through things you think ‘why did it not work out?’ Only later in life you realize that there’s always a silver lining. And in that case,  it was my show.” The story of her encounter with Federico Fellini, in fact, became the motivation to write her first one-woman show, The Italian in Me. Entirely written and performed by Dina, the show recently won the Valley Theater Award for Best One Person Show.  

Morrone’s show was entirely constructed around her meeting with Federico Fellini. Photo: Ed Krieger


Dina, it looks like this show is autobiographical.  
It is semi autobiographical. 70% of my show is pretty much what happened and how it happened. The third act is more of a fantasy about something that I wanted to do, and I am glad now that I didn’t do. The whole show comes full circle: it’s about a young Italian-Canadian raised in Canada with her grandmother, who wants to go working in Italy, in the world of cinema. She manages to do it, and then comes back home. During the show, she meets Federico Fellini. He was the man everybody wanted to work with. 

Tell me more about this encounter.  
When we met for the audition, he opened up to me about his life. I was there to talk about my work and myself, and it became about him! But not in the way one would think, considering he was so famous, but in a very humble and self-deprecating way. He was at a point in his life where he felt like work was about to slow down. I was sitting there, wondering why he was telling me all those personal things.  


How did that meeting become the motivation to write The Italian In Me? 
I told the story of that meeting over and over again from the day it happened! Everybody would say: “Have you ever written a one-woman show? Your stories are so fascinating and this Federico Fellini story is amazing.” So I started writing all my stories, all told in the first person. I thought I could do something with that,  so I took the Fellini story and I built the whole show around it. I didn’t know I had a piece of gold sitting in my lap. There is a great punch line in the show that he said during our meeting!  

Dina's encounter with Federico Fellini, in fact, became the motivation to write her first one-woman show, The Italian in Me. Photo: Ed Krieger


Can you tell us more about this punch line? 
I can’t reveal too much about it. You have to come see the show to hear it in Fellini’s voice. Fellini had a great sense of humor. One of the things we Italians have is our sense of humor, no matter the circumstances! And I grew up with that. He reminded me a lot of my grandfather.  

How was the process of writing it?  
The show wrote itself when I moved to LA, which is where “The Italian in Me” was developed. It was a collection of all of my experiences. I have been playing this character and it has been growing for 10 years! And I continue to work on it.  

How did it change over these years? 
For example, I talk about Silvio Berlusconi, in the context of an episode that happened to me. Back in the day, people in Los Angeles didn’t know who he was so I had to explain, now they all do and wrap up in laughter! 

Photo for The Eden Magazine by Kate Younger (La Dolce Vita series)


What kind of audience do you usually have?  
My audience is primarily Americans who love theater, Italy, and all things Italian. I also have a lot of film people, who understand my show because it is about people who want to work in this sector. There are also many Italians and they are my best audience, because when I say something in Italian they burst into laughter. My favorite audience is the one who gets the Italian jokes right off the bat: even if they are not Italian, they still get the references. I do translate some funny Italian words throughout the show.  

What was the best compliment you got?  
My favorite compliment was from Mel Brooks. He came to see my show one year ago. His late wife was Anne Bancroft, a brilliant Italian/America actress I so admired. He gave me the best quote, “One of the truly funniest nights I’ve spent at the theater.” Another compliment came from Doris Roberts, who played the mother in Everybody loves Raymond.  She was 91 years old when she came to see the show, and with emotions and tears in her eyes, she grabbed my hands and went on to compliment me about my work as an actress and the show. I was so overwhelmed by her outpouring of emotions and compliments. Especially because they came from a woman who had been a star in Broadway, on the silver screen and on TV. 

Do you feel very Italian in your daily life? 
I am very Italian. I grew up with very Italian parents and I started speaking English only when I was 6, when I went to school. Everything was Italian, my way of thinking, the superstitions, and the old fashioned, yet loving parents. When I finally got to Italy everything made sense. When I went to Calabria, where my relatives are from, in Pedace, near Cosenza, to be exact, I got very emotional, especially when I went to the cemetery where I saw all my paternal  relatives, great-grandparents, and grandparents. The one thing about the immigrant experience, about being a child of immigrants, is that you go to this new country and it suddenly becomes your world. You see that everything you do and are comes from those people, some of whom you never even met. My story reflects who I am and these people are all a part of it.  

Give us some details about the show.  
I will be performing on November 10th at 8pm and 11th at 2pm at Theater West, 3333 Cahuenga Blvd West, 90068. The show lasts 75/80 minutes. It’s an evening of laughter and pure entertainment! I take people to Rome without having them get on an airplane. I love doing my show because I get to go to Italy, too. When I rehearse by myself in the dark, in the theater, I remember, reflect, and get to re-live it all over again!

“Chiamami! Federico Fellini vuole vederti”. Quando l’attrice Dina Morrone ricevette questo messaggio dalla sua agente, non ci diede molto peso e, credendo che fosse solo uno scherzo, non la richiamò. Ma il famoso regista italiano stava davvero cercando una ragazza bionda per la sua prima pubblicità in assoluto per la Banca di Roma, e voleva fare un provino all’attrice italo-canadese che all’epoca viveva a Roma. 

“Quando ho scoperto che era vero, ho comprato un vestito, ho indossato una sciarpa e sono andata a Cinecittà per incontrarlo” ricorda Dina con emozione. “Non ho ottenuto la parte, il che mi ha reso triste: quando stai vivendo le cose ti chiedi perché non abbiano funzionato. Solo più tardi nella vita ti rendi conto che c’è sempre un lato positivo. E in quel caso è stato il mio spettacolo”.  

La storia del suo incontro con Federico Fellini è infatti diventata lo stimolo per scrivere il suo monologo per il teatro “The Italian in Me”. Interamente scritto ed eseguito da Dina, lo spettacolo ha recentemente vinto il Valley Theatre Award come miglior One Person Show. 

Dina, questo spettacolo pare essere autobiografico.  

È semi autobiografico. Il 70% del mio spettacolo racconta quello che è successo e come è successo. Il terzo atto è più la fantasia di qualcosa che avrei voluto fare e ora sono contenta di non aver fatto. Lo spettacolo si chiude tornando al punto di partenza; parla di una giovane italo-canadese cresciuta in Canada con la nonna, ma che vuole andare a lavorare in Italia, nel mondo del cinema. Ci riesce e poi torna a casa. Durante lo spettacolo, c’è un incontro con Federico Fellini, l’uomo con cui tutti volevano lavorare. 

Ci dica di più di questo incontro.  
Quando ci siamo incontrati per l’audizione, ha iniziato a parlarmi della sua vita. Ero lì per parlare del mio lavoro e di me, e l’attenzione si è spostata su di lui! Ma non nel modo in cui si potrebbe pensare, considerando quanto era famoso, ma in maniera molto umile e autoironica. Era in un punto della sua vita in cui sentiva che il lavoro stava per rallentare. Ero seduta lì e mi chiedevo perché mi stesse raccontando tutte quelle cose personali.  

In che modo quell’incontro è diventato la motivazione per scrivere “The Italian In Me?”  
Ho raccontato la storia di quell’incontro più e più volte dal giorno in cui è successo! Tutti mi dicevano: “Hai mai scritto uno spettacolo per il teatro? Le tue storie sono così affascinanti e questa storia di Federico Fellini è incredibile”. Così ho iniziato a scrivere tutte le mie storie, tutte raccontate in prima persona. Ho capito che potevo creare qualcosa e così ho preso la storia di Fellini e ci ho costruito attorno il mio spettacolo. Non sapevo di avere un pezzo d’oro tra le mani. La battuta finale dello spettacolo me la disse lui durante il nostro incontro! 

Può dirci di più su questa battuta?  
Non posso rivelare troppo. Bisogna venire a vedere lo spettacolo per ascoltarla, detta con la voce di Fellini. Aveva un grande senso dell’umorismo. Una delle cose che noi italiani abbiamo è il senso dell’umorismo, indipendentemente dalle circostanze! E sono cresciuta con quello, infatti mi ha ricordato molto mio nonno.  

Come è stato creare questo spettacolo? 
Lo show si è scritto da solo quando mi sono trasferita a Los Angeles, che è dove “The Italian in Me” ha preso forma. É come una collezione di tutte le mie esperienze. Sto interpretando questo personaggio, che continua a crescere, da ben 10 anni! E continuo a lavorarci sopra. 

Come è cambiato in questi anni?  
Per esempio parlo di Silvio Berlusconi legato ad un episodio vero che mi è successo. In passato a Los Angeles nessuno sapeva chi fosse, quindi dovevo spiegarlo, ora il pubblico lo sa e ride!  

Che tipo di pubblico ha di solito?  
Il mio pubblico è principalmente fatto da americani che amano il teatro, l’Italia e tutto ciò che è italiano. Ho anche un sacco di gente del cinema che capisce il mio spettacolo perché parla di chi vuole lavorare in questo settore. Il pubblico è anche fatto da italiani, e sono il mio miglior pubblico, perché quando dico qualcosa in italiano scoppiano a ridere. Ma il pubblico che preferisco è quello che capisce le battute italiane, anche se non sono italiani, ma capiscono i riferimenti. Durante lo spettacolo traduco alcune parole Italiane divertenti.  

Qual è stato il miglior complimento che ha ricevuto?  
Quello di Mel Brooks. È venuto a vedere il mio spettacolo un anno fa. Sua moglie, ora defunta, era Anne Bancroft, una brillante attrice italo-americana che tanto ammiravo. Mi ha detto la cosa più bella: “Una delle notti più divertenti che abbia mai passato a teatro”. Un altro complimento è arrivato da Doris Roberts, che ha interpretato la madre in “Tutti amano Raymond”. Aveva 91 anni quando è venuta vedere lo spettacolo, e con emozione e le lacrime agli occhi, mi ha preso le mani e ha iniziato a farmi i complimenti per il mio lavoro come attrice e per lo spettacolo. Ero travolta dal suo affetto e dai suoi complimenti, soprattutto considerando che era stata una star di Broadway, di film e serie tv di successo.  

Si sente molto italiana nella sua vita quotidiana?  
Sono molto italiana. Sono cresciuta con genitori molto italiani e ho iniziato a parlare inglese solo a 6 anni quando ho iniziato ad andare a scuola. Tutto era italiano: il mio modo di pensare, le superstizioni e i miei genitori amorevoli ma vecchio stile. Quando finalmente sono andata in Italia tutto ha avuto senso. In Calabria, da dove provengono i miei parenti, a Pedace vicino a Cosenza per essere precisi, mi sono emozionata molto, specialmente quando sono andata al cimitero dove ho visto tutti i miei parenti, bisnonni e nonni paterni. La cosa che hanno in comune tutti gli immigrati e i figli degli immigrati è che quando vai in un nuovo paese, questo diventa il tuo nuovo mondo. Realizzi che tutto ciò che sei e fai deriva dalle persone che lo abitano, alcune delle quali non hai mai nemmeno incontrato. La mia storia rispecchia chi sono e queste persone ne fanno tutte parte. 

Ci dia qualche dettaglio sullo spettacolo.  
Mi esibirò il 10 novembre alle 8 PM e l’11 alle 2 PM al Theater West, 3333 Cahuenga Blvd West, 90068. Lo spettacolo dura 75/80 minuti. È una serata di risate e puro divertimento! Porto il pubblico a Roma senza farlo salire su un aereo! E adoro fare questo spettacolo proprio perché è come andare in Italia. Quando faccio le prove da sola al buio, nel teatro, mi torna tutto in mente e rivivo tutto da capo!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Retiring in Italy: it may no longer be only a dream

Regardless of their age, Italians have one huge preoccupation these days: retiring. With income taxes among the highest in Europe and pensions often...

We still miss you: 25 years without Federico Fellini

It was All Souls’ Day, and Rome had woken up under the rain. It makes you wonder, sometimes, the way Nature manages to read into the heart of the...

Consul General Antonio Verde says goodbye to Los Angeles at the end of his mandate

He had two very specific goals for his term in Los Angeles: to answer as best as possible to the needs of the Italian community, and to support...

Third Annual Week of Italian Cuisine in San Francisco

San Francisco welcomes Puglia’s culinary traditions and one of its best representatives, Chef Cicorella, during the Third Annual Week of Italian...

The last lighthouse keeper at Punta Carena

The lighthouse, a mysterious and poetic place, cherished by artists and writers: Virginia Woolf set one of her most popular novels, To the Lighthouse...

Weekly in Italian

Impresa Italia

Recent Issues