Cinema Italian Style opens with Dogman, Matteo Garrone’s movie running for the Oscars

Valeria Golino, Marcello Fonte e Sabrina Impacciatore sul Black Carpet della prima di Dogman, all’Egyptian Theatre, Hollywood. Foto: Stefania Rosini

“I have no expectations. I’m not the kind of person who expects anything from life, but I think the American audience will be able recognize a movie made with both heart and guts.” The Calabrian actor Marcello Fonte officially opened the 2018 edition of the Cinema Italian Style festival on November 13th with an intense speech from the stage of the Egyptian Theater in Hollywood. Main character in the movie Dogman by Matteo Garrone, and winner of the Palme d’Or as Best Actor at the last Cannes Film Festival, Fonte was warmly welcomed by the audience gathered for the opening night of the festival,  dedicated to the best of contemporary Italian cinema. 

Created in 2004 by Camilla Cormanni and Gwen Deglise, produced and organized by Istituto Luce Cinecittà and the American Cinematheque, Cinema Italian Style started off with Matteo Garrone’s film, which is the Italian candidate for the next Oscars as Best Foreign Language Film. 

“I had so much pleasure, like never before” said Fonte before the screening, recalling the shooting of the movie that took place in Pinetamare, Caserta.  

Andrea Brusca, Marco Scotuzzi e Andrea Italia alla prima in LA di Dogman. Foto: Stefania Rosini


“I didn’t want anything else in my life, I wanted to find a person like Matteo Garrone who has been a teacher for me and gave me the opportunity to look deeply into myself and my life. Before I lived on the surface, but he made me go deep. I’ve improved both as an actor and as a person, I’m even more handsome! I advise all of you to let this story take you completely.” 

The evening was held in collaboration with AFI FEST, the prestigious international festival organized by the American Film Institute, which this year, thanks to its partnership with the Istituto Luce Cinecittà, includes in its program: Daughter of Mine by Laura Bispuri, Happy As Lazzaro by Alice Rohrwacher and a preview of the first two episodes of My Brilliant Friend by Saverio Costanzo. 

Annabelle Attanasio, Marcello Fonte, Sabrina Impacciatore at Cinema Italian Style press conference at The Hollywood Roosevelt


In addition to Dogman, awarded in Italy with eight Nastri D’Argento and applauded in dozens of international festivals, the CIS 2018 program includes eight movies selected by Laura Delli Colli, the artistic curator of the festival, along with Gwen Deglise. Of particular interest, Valeria Golino’s movie Euphoria,  with Golino answering questions after the screening at the Aero Theater in Santa Monica. 

The Italian actress, producer and director Valeria Golino was also honored during the opening night with the Cinecittà Key Award for Achievement in Media, while Annabelle Attanasio was honored with the Cinecittà Key Rising Star Award. Attanasio, an Italian American actress, writer and director, is known for her role in the CBS procedural-drama Bull, while Valeria Golino is best known to American audiences for her role in a string of popular films in the late-80s to mid-90s, including Rain Man, Hot Shots! Hot Shots! Part Deux, Immortal Beloved and Leaving Las Vegas. She made her Hollywood debut in 1988 with starring roles in Big Top Pee-Wee and Rain Man, which would go on to be the highest-grossing film of the year, and won Best Picture at the 1988 Academy Awards and the Golden Bear prize at the Berlin International Film Festival.  

Marcello Fonte and Valeria Golino at the Cinema Italian Style Press conference at the Hollywood Roosevelt . Foto: Stefania Rosini


“We decided to give the award this year to two recipients at different stages of their career because it was important to us to not only recognize achievement, but also to encourage its development,” said Roberto Cicutto, president and CEO of Luce-Cinecittà. “Valeria is a recognizable figure and a Cannes Film Festival staple, who has been able to make a successful shift to directing feature films: certainly an example for other filmmakers to follow. Annabelle career is just starting to take off and she’s build her own path; which is very admirable and should be encouraged.”  

Roman actress Sabrina Impacciatore was also attending the opening night and, in the name of the whole cast, she presented to America There Is No Place Like Home, Gabriele Muccino’s latest family-centered comedy/drama. Also part of the program the international version - with its two chapters in a single film - of Loro by Paolo Sorrentino, which was particularly loved by the Los Angeles audience. People will also be able to enjoy Boys Cry, by twin brothers Damiano and Fabio D’Innocenzo, that tells the story of two best friends living on the outskirts of Rome who accidentally run someone over, only to find out the man was a mafia informer. 

Other great movies arriving in Los Angeles are Naples in Veil, a psychological thriller by Ferzan Ozpetek, the social comedy Like A Cat on a Highway by Riccardo Milani, Nome di Donna by Marco Tullio Giordana, which deals with the theme of sexual harassment, and The Stolen Caravaggio by Roberto Andò, another female story in a male world. 
The selection also includes two short films: Magic Alps by Andrea Brusa and Marco Scotuzzi and Bismillah by Alessandro Grande. Two short yet powerful movies telling stories about migration. 

Marcello Fonte and Valeria Golino at the Cinema Italian Style Press conference at the Hollywood Roosevelt . Foto: Stefania Rosini


This year, Cinema Italian Style is also introducing a student short film contest. Students from Santa Monica College, University of Southern California, Chapman University, and New York Film Academy Los Angeles, were prompted to create shorts, under 5 minutes, inspired by, or paying homage to, classic Italian cinema.  

The short films will be screened between November 15th and November 17th, preceding the feature film(s). Three finalists will be chosen by audience ballot to move forward to the final round for a chance to win a 4-day trip to Rome and a private guided tour of the Luce Cinecittà Studios.  

“We are very proud of this year’s diverse lineup of films,” said Roberto Cicutto. “They represent the wide breadth of stories being told in contemporary cinema in Italy, while remaining rooted in the traditions of the great Italian classics.” 

“This selection reflects the absolutely heterogeneous nature of contemporary  Italian cinema and marks the ability of our authors, also the very young ones, to face in an original and lively way the current issues through the art of cinema, focusing on family, politics, history, violence, betrayed legality, human relationships and much more,” underlined Laura Delli Colli, responsible for the selection of the films in the festival. 

In addition to films and shorts, the event will also bring to Los Angeles the photographic and multimedia exhibition La Dolce Vitti, produced by Istituto Luce Cinecittà, and one of the most acclaimed exhibition this year in Rome. Dedicated to one of the most loved divas of our history, the exhibition is curated by Nevio De Pascalis, Marco Dionisi and Stefano Stefanutto Rosa, and will be open until February 15th 2019 at the Italian Cultural Institute of Los Angeles directed by Valeria Rumori. 

Not only cinema, but also cuisine. As highlighted by Consul General Antonio Verde, who is about to leave California for his new diplomatic mission in Egypt, Cinema Italian Style coincides with the Week of Italian Cuisine in the World, in Los Angeles. “Many of our events summarize and at the same time highlight the synergy between stars of Italian cinema and stars of Italian cuisine, as the Gala organized in October by Cinecittà did. It was attended by famous chef Felice Sgarra, guest of the Italian consulate in LA.”

“Non ho nessuna aspettativa. Non sono quel tipo di persona che si aspetta qualcosa dalla vita, ma credo che il pubblico americano sappia riconoscere un film fatto di pancia e con il cuore”. È stato l’attore calabrese Marcello Fonte ad aprire ufficialmente l’edizione 2018 del festival Cinema Italian Style martedì 13 novembre con un discorso toccante dal palco dell’Egyptian Theater di Hollywood. Protagonista del film Dogman di Matteo Garrone e vincitore della Palma d’Oro come Miglior attore all’ultimo Festival di Cannes, Fonte è stato accolto calorosamente dal pubblico presente alla serata di apertura del festival dedicato al meglio del cinema italiano contemporaneo. 

La rassegna, ideata nel 2004 da Camilla Cormanni e Gwen Deglise, prodotta e organizzata da Istituto Luce Cinecittà in collaborazione con l’American Cinematheque, ha preso il via proprio con il film di Matteo Garrone, candidato italiano agli Oscar come Miglior film in lingua straniera. 

“Ho goduto come non mai” ha continuato Fonte dal palco prima della proiezione ricordando le riprese del film avvenute a Pinetamare, in provincia di Caserta. “Non aspettavo altro nella mia vita, volevo trovare una persona come Matteo Garrone, che è stato un maestro per me e mi ha dato la possibilità di immergermi dentro la mia vita. Prima stavo sempre in superficie, e con lui sono andato in profondità. Sono migliorato sia come attore che come persona, sono anche più bello! Consiglio a tutti voi di immergervi completamente in questa storia”.

La serata si è svolta in collaborazione con AFI FEST, il prestigioso festival internazionale dell’American Film Institute, che programmerà al suo interno, grazie alla partnership culturale con Luce Cinecittà, il film Figlia Mia di Laura Bispuri, Lazzaro Felice di Alice Rohrwacher e in anteprima le prime due puntate de L’Amica Geniale di Saverio Costanzo. Oltre a Dogman, premiato in Italia con ben otto Nastri d’Argento e applaudito in decine di festival internazionali, il cartellone di CIS 2018 prevede altri otto titoli, selezionati da Laura Delli Colli in sintonia con Gwen Deglise. In particolare Euforia di Valeria Golino, che vedrà la regista presente al confronto con il pubblico all’Aero Theater di Santa Monica dopo la proiezione. 

E sempre l’attrice, regista e produttrice italiana Valeria Golino è stata premiata nel corso della serata con il Cinecittà Key Award, insieme a Annabelle Attanasio, premiata con il Cinecittà Key Rising Star Award. Quest’ultima, attrice, scrittrice e regista italo-americana, è nota per il suo ruolo nel dramma procedurale della CBS, Bull, mentre l’italiana Valeria Golino è già nota al pubblico americano per i suoi ruoli in una serie di film molto popolari tra la fine degli anni '80 e la metà degli anni '90, tra cui Rain Man, Hot Shots! Hot Shots! Part Deux, Immortal Beloved e Leaving Las Vegas. La Golino fece il suo debutto a Hollywood nel 1988 con ruoli da protagonista in Big Top Pee-Wee e Rain Man, film che ottenne il maggior incasso l’anno in cui uscì, e che vinse il premio come Miglior film agli Oscar e l’Orso d'oro al Festival internazionale del cinema di Berlino. 

"Quest’anno abbiamo deciso di estendere il premio a due persone che stanno vivendo delle diverse fasi della loro carriera, perché era importante per noi non solo riconoscere il successo, ma anche incoraggiarne lo sviluppo", ha dichiarato Roberto Cicutto, presidente e CEO di Luce-Cinecittà. "Valeria è un'attrice famosissima che è stata in grado di passare con successo alla regia di lungometraggi; sicuramente un esempio da seguire per altri cineasti. La carriera di Annabelle invece sta appena iniziando a decollare, una cosa molto ammirevole che dovrebbe essere incoraggiata".

Presenta alla serata di apertura anche l’attrice romana Sabrina Impacciatore, che a nome di un cast corale, porta in America A casa tutti bene, l’ultima commedia drammatica di Gabriele Muccino. In selezione anche la versione internazionale – i due capitoli in un unico film – di Loro di Paolo Sorrentino, particolarmente amato dal pubblico losangelino e La terra dell’abbastanza dei fratelli gemelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, che racconta la storia di due amici che vivono alla periferia di Roma e che accidentalmente investono una persona, che scopriranno essere un informatore della mafia.

Altri grandi successi sbarcati a Los Angeles: Napoli velata, il thriller psicologico di Ferzan Ozpetek, la commedia sociale Come un gatto in tangenziale di Riccardo Milani, Nome di donna di Marco Tullio Giordana, che tratta il tema delle molestie sessuali, tema di grande richiamo per il mondo cinematografico statunitense, e Una storia senza nome di Roberto Andò, altro racconto al femminile in un mondo maschile.

La selezione include anche due cortometraggi: Magic Alps di Andrea Brusa e Marco Scotuzzi e Bismillah di Alessandro Grande. Due piccoli grandi film, che raccontano diversamente e in modo sorprendente il tema delle migrazioni.

Una delle più curiose novità di Cinema Italian Style 2018 è la prima edizione del concorso dedicato ai cortometraggi firmati dagli studenti di cinema di varie università degli Stati Uniti: Santa Monica College, USC (University of Southern California), Chapman University, e New York Film Academy, nato dalla volontà di far riscoprire il cinema italiano ai futuri filmmakers. Gli studenti, dopo aver visionato vari titoli del nostro patrimonio cinematografico, sono stati invitati a cimentarsi in un corto a essi ispirato. Il migliore vincerà un viaggio a Roma e un tour privato degli Studi di Cinecittà. L’esperienza ha coinvolto decine di studenti e docenti, mettendo il nostro cinema al centro delle università più prestigiose di Los Angeles.

“Siamo estremamente orgogliosi della variegata selezione di quest’anno” ha commentato Roberto Cicutto. “Questi titoli rappresentano l’ampio ventaglio delle storie raccontate dal cinema italiano contemporaneo che riesce ad avere un respiro internazionale, mantenendo allo stesso tempo una stretta connessione con la tradizione dei grandi classici”.

“Questa selezione dà il senso di una stagione assolutamente eterogenea del cinema italiano e sigla la capacità dei nostri autori, anche giovanissimi, di affrontare con vivacità e sguardo originale i temi di un cinema che tra tradizione e innovazione non dimentica i segnali dell’attualità, in una riflessione collettiva sulla famiglia, la politica, la storia, la violenza, la legalità tradita, i rapporti umani e non solo” ha sottolineato Laura Delli Colli, responsabile della selezione dei film in programma. 

Oltre alle proiezioni di film e cortometraggi, la kermesse ha portato a Los Angeles anche la mostra fotografica e multimediale La Dolce Vitti, prodotta da Istituto Luce Cinecittà, uno degli eventi espositivi più visitati quest’anno a Roma. Dedicata a una delle dive più amate del nostro immaginario, la mostra è curata da Nevio De Pascalis, Marco Dionisi e Stefano Stefanutto Rosa e sarà visitabile fino al 15 febbraio 2019 negli spazi espositivi dell’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles, diretto da Valeria Rumori.

Non solo cinema, ma anche cucina. Come sottolineato dal Console Generale Antonio Verde, in procinto di lasciare la California per la sua nuova missione diplomatica in Egitto, Cinema Italian Style coincide con la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo a Los Angeles. “Molti dei nostri eventi sintetizzano e al contempo evidenziano la sinergia fra le stelle del cinema e le stelle della cucina italiana come il Gala organizzato nel mese di ottobre da Cinecittà al quale ha partecipato lo chef ospite del Consolato di Los Angeles Felice Sgarra”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Perbacco: fine dining beyond the Week of Italian Cuisine

Several weeks prior to the 2018 Week of Italian Cuisine (November 12-17), San Francisco's fine dining establishment Perbacco, offered special guests...

A world without Venice: a nightmare more real than we think

Last month Venice suffered the fourth highest floods in its history. Water seeped up through the drains, over the canal sides and into the houses,...

Botteghiamo, Rome and the soul of Italian heritage

Today, I feel like to write about Rome and Italian heritage, but for once - our regular readers may be aware of my penchant for classical history - I...

The Week of Italian Cuisine highlights Mediterranean diet and Apulia’s traditional food

The Mediterranean Diet as a model of proper eating, as a balanced and sustainable lifestyle for both health and environment, was the main topic of...

2018 New Italian Cinema, a sparkling edition with spotlight on Tuscany

Movie lovers, get ready for a three days of cinema from the Bel Paese! The New Italian Cinema - organized by the Italian Cultural Institute of San...

Weekly in Italian

Recent Issues