La Marzocco: the coffee machine behind Italy’s best caffé

Marzocco coffee machines are excellent for preparing coffee and unique for their design

It takes a lot of things to prepare a good cup of coffee: obviously, a good coffee blend and a good machine, to say the least.

There’s a brand that is known all over the world for its excellence in coffee machines and you have probably noticed it several times at your favorite bar or maybe even in a movie. La Marzocco is easily recognizable for its logo, a lion sitting with the emblem of the Lily of Florence, also associated with Italy for the name.

La Marzocco machines remained a handmade reality, with a huge attention placed on design and quality. Ph La Marzocco


Founded in 1927 by Giuseppe and Bruno Bambi, La Marzocco company made their first coffee machines within the city of Florence before moving their artisanal workshop to Pian di San Bartolo, on the top of a hill near the city. 

The first commissioned model was named Fiorenza and designed by one of Bambi’s customers. After that first machine, Giuseppe decided to design and build his own machines and, with his brother Bruno, established the Officina Fratelli Bambi. He put a little lion inspired by Donatello’s Marzocco, the symbol of the ancient Republic of Florence, on the top of the first machine and then decided to call the new factory “La Marzocco.”

The first commissioned model was named Fiorenza and designed by one of Bambi’s customers. Ph La Marzocco


In 1939, La Marzocco designed and patented the first horizontal boiler coffee machine, imposing a world standard. This was the first of a long series of innovations, such as the double boiler system with saturated delivery groups. Designed and manufactured by Giuseppe Bambi, it featured two groups, a vertical boiler and a polygonal body with 12 faces. The upper cap bore the bronze-cast Marzocco symbol. 

It functioned with hot water and steam pressure, generated by a vertical boiler, distributed on ground coffee by a 3-way tap. The tap, working by rotating a hand lever, was placed on the group’s body. When the machine was not used, the tap allowed for the release of the pressure created in the filter-holder during coffee brewing.
Estimated production: 30-35 units. 

Tradition, research, quality and reliability are factors that have always distinguished the Florentine company. Ph La Marzocco


Tradition, research, quality and reliability are factors that have always distinguished the Florentine company.

Marzocco coffee machines are excellent for preparing coffee and unique for their design all at once, always evolving through the decades and the centuries. Even, when the company moved into a bigger factory to expand production using the most innovative technologies, La Marzocco machines remained a handmade reality, with a huge attention  placed on design and quality. Still today, highly specialized personnel supervise each stage of the production of every single machine, hand-crafted to order for each and every client. In this way, Giuseppe Bambi’s great experience and professional pride have continued to live on for well over 90 years.

La Marzocco mission today is to preserve the manufacture of the finest specialty coffee equipment, while encompassing people, heritage, technology and design. Ph La Marzocco


The second generation of the Bambi family is represented by Piero, Giuseppe’s son, now an octogenarian you can still find at work every day. He designed the new Linea Mini, a coffee machine for domestic use, handmade with the same components used in the commercial machines to ensure the same durability and quality in preparing coffees and cappuccinos.

It’s exciting to think that in every corner of the world, while having a beloved cup at  a favorite bar, someone is in fact enjoying a coffee prepared with one of the machines manufactured in Scarperia, a small town outside of Florence, also famous for its ancient tradition of knife making.

Piero Bambi, son of La Marzocco’s founder, Giuseppe. Ph La Marzocco


La Marzocco mission today is to preserve the manufacture of the finest specialty coffee equipment, while encompassing people, heritage, technology and design. One thing that struck me as I toured the head office and factory was the sense of family among the employees. Many have worked here  for a long time, and each has a sense of pride for the company and the bespoke machines they are creating.

It’s hard to look at a coffee machine the same way after you understand what goes into making that perfect espresso. You may have excellent coffee beans and may have ground them correctly, but unless the machine you are using has the capabilities of forcing the hot water through the coffee with enough pressure to ensure your espresso is the right drinking temperature ,and also has the signature “coffee-froth” on the surface, you might just be better off visiting your local barista for a guaranteed good brew.

The Marzocco is the heraldic lion symbol of Florence. Ph La Marzocco


IL MARZOCCO
The Marzocco is the heraldic lion symbol of Florence. In Roman times, the city was consecrated to the god of war Mars, whose name gradually evolved, due to the popularization of the name, into Martocus, little Mars, and then into “Marzocco.” With the advent of Christianity, its role as protector of the city came to an end, but its name remained, taking the shape of an heraldic lion, symbol of the free Republic of Florence during the Middle Ages. 

La Marzocco takes its name from the heraldic lion, in particular from the one sculpted by Donatello in 1418-1420. The lion is seated, with one paw supporting the coat-of-arms of Florence, il Giglio, the lily. Just as the Marzocco statue represented the conquest of neighboring lands at the time of the Florentine Republic, the Marzocco on the company’s coffee machines wanted to symbolize their winning strategy every time a machine was designed, manufactured and sold.

Indeed, at a time when few people drank coffee and even fewer shopkeepers were willing to invest in a machine for a beverage that could not be defined as popular, each sale was a success.

For this reason, Giuseppe and Bruno Bambi adopted the image of the Marzocco, a symbol of victory and conquest, the symbol of Florence.

Ci vogliono un sacco di cose per preparare una buona tazza di caffè: ovviamente, una buona miscela di caffè e una buona macchina, per non dire altro.

C'è un marchio che è conosciuto in tutto il mondo per la sua eccellenza nelle macchine da caffè e probabilmente lo hai notato molte volte nel tuo bar preferito o forse anche in un film. La Marzocco è facilmente riconoscibile per il suo logo, un leone seduto con l'emblema del Giglio di Firenze, associato anche all'Italia per il nome.

Fondata nel 1927 da Giuseppe e Bruno Bambi, l'azienda La Marzocco ha realizzato le prime macchine da caffè nella città di Firenze, prima di spostare la bottega artigianale a Pian di San Bartolo, in cima a una collina vicino alla città.

Il primo modello commissionato è stato chiamato Fiorenza e fu progettato da uno dei clienti di Bambi. Dopo quella prima macchina, Giuseppe decise di progettare e costruire le sue macchine e, con suo fratello Bruno, fondò l'Officina Fratelli Bambi. Mise un piccolo leone ispirato al Marzocco di Donatello, il simbolo dell'antica Repubblica di Firenze, in cima alla prima macchina e poi decise di chiamare la nuova fabbrica "La Marzocco".

Nel 1939, La Marzocco progettò e brevettò la prima macchina da caffè a caldaia orizzontale, imponendo uno standard mondiale. Questa è stata la prima di una lunga serie di innovazioni, come il sistema a doppia caldaia con gruppi di erogazione saturi. Progettata e prodotta da Giuseppe Bambi, presentava due gruppi, una caldaia verticale e un corpo poligonale con 12 facce. La copertura superiore portava il simbolo del Marzocco fuso in bronzo.

Funzionava con acqua calda e pressione del vapore, generato da una caldaia verticale, distribuita sul caffè macinato da un rubinetto a 3 vie. Il rubinetto, che funziona ruotando una leva manuale, è posizionato sul corpo del gruppo. Quando la macchina non è utilizzata, il rubinetto permette il rilascio della pressione creata nel portafiltro durante l'erogazione del caffè.
Produzione stimata: 30-35 unità.

Tradizione, ricerca, qualità e affidabilità sono fattori che hanno sempre contraddistinto l'azienda fiorentina.

Le macchine da caffè La Marzocco sono eccellenti per la preparazione del caffè e uniche per il loro design, sempre in evoluzione attraverso i decenni e i secoli. Anche quando l'azienda si è trasferita in uno stabilimento più grande per espandere la produzione utilizzando le tecnologie più innovative, le macchine La Marzocco sono rimaste una realtà artigianale, con un'enorme attenzione al design e alla qualità. Ancora oggi, personale altamente specializzato supervisiona ogni fase della produzione di ogni singola macchina, fatta a mano su ordinazione per ogni singolo cliente. In questo modo, la grande esperienza e l'orgoglio professionale di Giuseppe Bambi hanno continuato a vivere per oltre 90 anni.

La seconda generazione della famiglia Bambi è rappresentata da Piero, il figlio di Giuseppe, ora un ottantenne che puoi ancora trovare al lavoro tutti i giorni. Ha progettato la nuova linea Mini, una macchina da caffè per uso domestico, fatta a mano con gli stessi componenti utilizzati nelle macchine commerciali per garantire la stessa durata e qualità nella preparazione di caffè e cappuccini.

È emozionante pensare che in ogni angolo del mondo, mentre si sorseggia l’amata tazzina nel bar preferito, qualcuno stia di fatto gustando un caffè preparato con una delle macchine prodotte a Scarperia, la piccola città fuori Firenze, famosa anche per la sua antica tradizione della coltelleria.

La missione di La Marzocco è oggi quella di preservare la produzione delle migliori attrezzature professionali per caffè coinvolgendo le persone, il patrimonio storico interno all’azienda, la tecnologia ed il design.

Una cosa che mi ha colpito mentre visitavo la sede centrale e la fabbrica era il senso della famiglia tra i dipendenti. Molti hanno lavorato qui per molto tempo, e ognuno prova orgoglio per l'azienda e le macchine su misura che stanno creando.

È difficile guardare una macchina da caffè nello stesso modo, dopo aver capito cosa serve per preparare un espresso perfetto. Potresti avere dei chicchi di caffè eccellenti e potrebbero averli macinati correttamente, ma a meno che la macchina che stai usando non abbia la capacità di forzare l'acqua calda attraverso il caffè con una pressione sufficiente a garantire che il caffè sia alla giusta temperatura per essere bevuto, e abbia anche la firma della "schiuma di caffè "in superficie, faresti meglio ad andare dal tuo barista locale per una buona infusione.

IL MARZOCCO
Il Marzocco è il leone, simbolo araldico di Firenze. In epoca romana, la città fu consacrata al dio della guerra Marte, il cui nome si evolse gradualmente, grazie alla divulgazione del nome, in Martocus, piccolo Marte, e poi in "Marzocco". Con l'avvento del Cristianesimo, il suo ruolo di protettore della città terminò, ma il suo nome rimase, assumendo la forma di un leone araldico, simbolo della libera Repubblica di Firenze durante il Medioevo.

La Marzocco prende il nome dal leone araldico, in particolare da quello scolpito da Donatello nel 1418-1420. Il leone è seduto, con una zampa che sostiene lo stemma di Firenze, il Giglio. Proprio come la statua del Marzocco rappresentava la conquista delle terre limitrofe ai tempi della Repubblica fiorentina, il Marzocco sulle macchine da caffè dell'azienda voleva simboleggiare la loro strategia vincente ogni volta che una macchina veniva progettata, prodotta e venduta.

Infatti, in un periodo in cui poche persone bevevano caffè e ancora meno negozianti erano disposti a investire in una macchina per una bevanda che non si poteva definire popolare, ogni vendita era un successo.

Per questo motivo, Giuseppe e Bruno Bambi adottarono l'immagine del Marzocco, simbolo di vittoria e conquista, il simbolo di Firenze.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Word of the Day: Cappuccino

The word cappuccino means, literally, small hood, but of course we think of coffee when we hear it. Or friars, and the link is not haphazard at all...

Botteghiamo, Rome and the soul of Italian heritage

Today, I feel like to write about Rome and Italian heritage, but for once - our regular readers may be aware of my penchant for classical history - I...

We still miss you: 25 years without Federico Fellini

It was All Souls’ Day, and Rome had woken up under the rain. It makes you wonder, sometimes, the way Nature manages to read into the heart of the...

3 Best Places to Visit in Florence

Are you planning a trip to Florence for the next holiday? Hop in as we take you through a handful of ways to have fun in one of the most significant...

The heart and soul of Naples: history and poetry of the Quartieri Spagnoli

“Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e creature che saglie chiano chianu e tu saje ca nun si sulo:” Naples is a thousand...

Weekly in Italian

Recent Issues