Papaveri rossi ad Ortona per il Remembrance day

Papaveri rossi ad Ortona per il Remembrance day

Il Cimitero di Guerra canadese Moro River, nelle vicinanze di Ortona, è stato teatro della commemorazione del Remembrance Day, che ricorre l’11 novembre, alla presenza dell’ambasciatrice canadese in Italia Alexandra Bugailiskis, accompagnata dal colonnello Tom Endicott e da una folta rappresentanza di militari e civili canadesi. Presenti il sindaco di Ortona, Leo Castiglione, e Mario Pupillo, presidente della provincia di Chieti e sindaco di Lanciano, insieme a numerose rappresentanze di associazioni combattentistiche provenienti da tutta la regione. Nel cimitero sono sepolti 1375 militari canadesi deceduti durante la seconda guerra mondiale, in particolare durante la c.d. Battaglia di Ortona, oltre ad un centinaio di caduti inglesi, tra cui il maggiore Lionel Wigram, insieme a neozelandesi, e di altre nazionalità. Le tombe sono tutte uguali, ma quelle dei canadesi sono caratterizzate dalla presenza della piccola foglia d’acero scolpita, simbolo del Canada.

La celebrazione del Remembrance Day risale al 1919 e coincide con il giorno della cessazione delle ostilità della Prima Guerra mondiale (11 novembre 1918). Cerimonia tradizionalmente anglosassone e dei paesi del Commonwealth, è anche nota come Poppy Day, dal papavero rosso, colore del sangue, che simboleggia l’evento, riprendendo i versi della poesia “Nei campi delle Fiandre”, scritta un secolo fa da un ufficiale canadese, John McCrae. Dopo la seconda guerra mondiale sono diventati due i minuti di silenzio da osservare durante la cerimonia.

La commemorazione ha quindi acquisito un particolare valore simbolico in coincidenza con i cento anni della conclusione della Prima Guerra mondiale e, localmente, con i 75 anni dalla Battaglia di Ortona, con il sacrificio di tanti giovani che riposano proprio nel Moro River Cemetery. La stessa città di Ortona risulta ufficialmente dichiarata “Luogo di interesse storico nazionale del Canada”. Una circostanza che ancor di più rafforza i legami tra Italia e Canada, paese dove peraltro vivono tanti emigrati italiani e abruzzesi.

Papaveri rossi ad Ortona per il Remembrance day

La cerimonia, sempre semplice, essenziale e molto sentita, è stata accompagnata dal Silenzio, e poi dalle note profonde della cornamusa e dal celebre brano di Ennio Morricone tratto dalla colonna sonora del film Mission.  Prima della conclusione, l’apposizione di numerose corone di fiori alla base della grande croce in pietra, anche da parte di discendenti di caduti. Per la prima volta è stata apposta una piccola corona di papaveri rossi in ricordo dei caduti britannici da parte della British Community in Abruzzo, segno emblematico di una presenza stabile di inglesi che negli ultimi anni ha scelto di vivere nella regione. Sempre significativa ed emozionata la partecipazione dei ragazzi della sede di Lanciano del Canadian College in Italy e di una rappresentanza di studenti dell’Istituto Tecnico Nautico di Ortona.

L’Ambasciata del Canada in Italia, con la collaborazione del Canadian Club of Rome, ha anche promosso per l’occasione l’organizzazione di un pullman da Roma, per favorire la partecipazione di canadesi che vivono nella capitale, i quali oltre al Remembrance Day hanno successivamente visitato il Museo della Battaglia di Ortona, in questi anni cresciuto grazie anche a numerose donazioni di reduci canadesi. La splendida giornata di sole nella suggestiva cornice tra il mare e la Maiella ha fatto da accompagnato la commemorazione, occasione di riflessione collettiva che unisce sul tema della pace e dell’amicizia tra i popoli.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Compie 100 anni la Camera dei deputati della Repubblica Italiana

Compie 100 anni la Camera dei deputati della Repubblica Italiana

Il 20 novembre 1918 la prima seduta della Camera dei deputati dopo la fine della Prima guerra mondiale si tiene, solennemente, nella nuova Aula di...
M, il figlio del secolo in un libro-romanzo molto attento alla storia d’Italia

M, il figlio del secolo in un libro-romanzo molto attento alla storia d’Italia

Certamente curioso questo titolo, con la lettera M che campeggia in copertina, al libro-romanzo di Antonio Scurati, oggi tra i più letti in Italia...
Assergi e Camarda: due piccoli borghi d’Abruzzo  nella Grande Guerra

Assergi e Camarda: due piccoli borghi d’Abruzzo nella Grande Guerra

A cento anni esatti dalla fine della Grande Guerra, mi piace ricordare come essa venne vissuta nelle nostre comunità paesane nei suoi aspetti più...
Anthony D’Amore, dalla guerra agli Usa per diventare un maestro della psichiatria infantile

Anthony D’Amore, dalla guerra agli Usa per diventare un maestro della psichiatria infantile

Aveva appena partecipato alla guerra d’Etiopia e nell’anima aveva ancora tante cicatrici di guerra. Per questo decise di guardare al futuro e di...

La Grande Guerra: storia, personaggi e l’immortalità delle vittime

Parlando delle innumerevoli morti della Prima Guerra mondiale, uno storico recentemente scomparso, Alfredo Fiorani, ha scritto “L’immortalità delle...

Weekly in Italian

Recent Issues