Anthony D’Amore, dalla guerra agli Usa per diventare un maestro della psichiatria infantile

Anthony D’Amore, dalla guerra agli Usa per diventare un maestro della psichiatria infantile

Aveva appena partecipato alla guerra d’Etiopia e nell’anima aveva ancora tante cicatrici di guerra. Per questo decise di guardare al futuro e di cercare un’opportunità per il proprio futuro.  

Camillo D'Amore partì portando con sé la medaglia al valore per atti di coraggio durante la guerra d'Etiopia, e lasciò la nativa Rapino per andare in America. Arrivò a New York nel 1913 all'età di 24 anni, sapendo di seguire le tracce migranti di altri due fratelli, emigrati l’uno in Australia e l’altro in Argentina. Camillo ritornò in Abruzzo dopo 10 anni e dopo aver fatto il servizio militare negli Usa, sposò la compaesana Giacinta per poi ripartire di nuovo per l'America e non ritornare mai più. 

A tornare a Rapino, nel 1948, in occasione di un matrimonio, fu però la mamma e nel 1989 il figlio Anthony Valentie D'Amore, nato a Lancaster e laureato in Medicina. Anthony si specializzò in Psichiatria e ricordava alcune parole di italiano per i due anni di studi all'università, i genitori parlavano poco dell'Abruzzo perché quelli vissuti nel paesino alle falde della Majella erano tempi duri e i ricordi erano quasi sempre dolorosi.

Il Dott. D'Amore, secondo di 7 figli (tre dei quali morti da piccoli) fu attratto dalla professione medica durante la guerra di Corea quando prestò servizio in un ospedale militare. Finita la guerra si iscrisse alla facoltà di medicina e, per pagarsi la retta, lavorò come guardia carceraria. Questo perché il padre Camillo, meccanico presso l'Allied Chemical Dye, non poteva finanziare l'università dei figli. Preso il dottorato in medicina, Anthony D'Amore si specializzò in psicologia infantile. Cominciò a lavorare come psicologo di un distretto scolastico e diventò un esperto di problemi mentali dei ragazzi, inclusi gli abusi di stupefacenti e il ritardo mentale, tanto da ricoprire per tre termini la carica di presidente dell'associazione dello stato di New York.

Membro del Consiglio dell'Igiene Mentale dello stato di New York fino all’ultimo giorno di vita, lo psichiatra è morto a Buffalo nei primi giorni del 2018 lasciando 4 figli: MaryJo D'Amore, Thomas  D'Amore, Lisa D'Amore e Marc D'Amore. Due di essi sono avvocati assistenti al pubblico ministero per la città di Dallas (Texas) e per lo stato dell’Arizona, una ha seguito la strada del padre ed oggi è consigliere alla commissione statale dei non vedenti, mentre una figlia è ingegnere chimico.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Gilberto Malvestuto, ultimo ufficiale della gloriosa Brigata Maiella, decorata di Medaglia d'Oro al Valor militare nella guerra di Liberazione dal nazifascismo

Gilberto Malvestuto, ultimo ufficiale della gloriosa Brigata Maiella, decorata di Medaglia d'Oro al Valor militare nella guerra di Liberazione dal nazifascismo

Compie 98 anni Gilberto Malvestuto l'ultimo degli ufficiali superstiti della storica Brigata Maiella. Una persona meravigliosa, 98 anni spesi per la...
75° anniversario del bombardamento che distrusse la città di Cassino e l'antica Abbazia benedettina

75° anniversario del bombardamento che distrusse la città di Cassino e l'antica Abbazia benedettina

Tra le 9,28 e le ore 13 del 15 febbraio 1944, 239 bombardieri angloamericani, decollati dagli aeroporti di Foggia e Napoli, sganciarono 453...
Centenario degli Alpini in adunata a Milano e raduno dei Fanti piumati a Matera

Centenario degli Alpini in adunata a Milano e raduno dei Fanti piumati a Matera

Tre giorni intensi, affollatissimi ma pieni di entusiasmo. Gli Alpini a Milano hanno sfilato in 80mila per 12 ore lungo gli oltre 2 chilometri del...
Sul sentiero della libertà dei prigionieri alleati in fuga dai campi di concentramento

Sul sentiero della libertà dei prigionieri alleati in fuga dai campi di concentramento

Era il sentiero che da Sulmona giungeva a Casoli, valicando la Majella, percorso da migliaia di prigionieri alleati in fuga dai campi di...
La Resistenza umanitatia tra Abruzzo e Vaticano durante la II guerra mondiale

La Resistenza umanitatia tra Abruzzo e Vaticano durante la II guerra mondiale

Alcuni anni fa la stampa internazionale si è occupata di Mons. O’Flaherty, pubblicando il testo di un telegramma di Kappler, inviato a Berlino il 19...

Weekly in Italian

Recent Issues