Retiring in Italy: it may no longer be only a dream

La Lega proposed a 10 year tax break to those pensioners, Italian and from abroad, willing to move to the South of Italy © Gandolfo Cannatella | Dreamstime.com

Regardless of their age, Italians have one huge preoccupation these days: retiring. With income taxes among the highest in Europe and pensions often just covering the costs of bare necessities, many citizens of the Bel Paese have been jumping on the private pension schemes’ bandwagon, in an attempt to create a safer future for themselves and their families once the time to finally retire comes.  

La Lega proposed a 10 year tax break to those pensioners, Italian and from abroad, willing to move to the South of Italy


However, things may be changing soon, at least if an interesting new proposal ends up being approved by the current Government which, however, has quite a lot on its plate at the moment. That is to say, let’s not hold our breath waiting for a quick approval, because it may take a while. Nevertheless, the news are certainly a welcome change to the usual talks of gloom and struggle we usually associate with the word pensionamento and, what’s even more surprising, it may end up benefiting not only Italians but also people from abroad who have been toying with the idea of retiring under the Mediterranean sun.  

The idea is to increase population rates by granting a 10 years tax break to retirees willing to relocate and live for at least 6 months and one day every year in one of the three trial regions.


Lonely Planet has recently reported that La Lega, Italy’s far-right populist movement currently leading the Government along with Cinque Stelle, proposed to guarantee pensioners willing to relocate in selected regions a 10 year long tax break, with the aim of repopulating certain areas of our South. The three regions chosen are Sicily, Calabria and Sardinia, beautiful for sure, but long struggling with economic issues and rampaging depopulation. The idea is to increase population rates by granting a 10 years tax break  to retirees willing to relocate and live for at least 6 months and one day every year in one of the three trial regions. The hope is to get at least 600.000 people moving to the South, to enhance economy and commerce, but also to bring life back in some of the many wonderful, but almost empty, villages of our Meridione.  

The three regions chosen are Sicily, Calabria and Sardinia, beautiful for sure, but long struggling with economic issues and rampaging depopulation


There are of course, a series of caveats: first of all, you can’t just choose the town or the village you want. Indeed, only urban areas with less than 4000 inhabitants, and which have experienced a population decline of at least 20% in the past 10 years, are eligible. They must also have a good and well functioning health care system - comparable to that of Northern regions such as Lombardia, Piemonte and Emilia Romagna - an up and running and efficient waste recycling system, safe streets and, possibly, they should also provide easy access to plenty of natural amenities.  

So, let’s stick that idea of moving tax free to Palermo back into the drawer.  

The regions chosen for the project are Sicily, Calabria and Sardegna, which are among the richest in history and heritage of the peninsula


Studies conducted to support the proposal claim that the average retiree couple would spend and invest an average of 20.000 to 25.000 euro per year in the regions they move to (roughly between 23.400 and 29.000 USD), boosting local economy and potentially helping the area to improve commerce and employment: a small, but important first step towards bringing even more people to live and invest in the South.  

Retirees would not only enjoy the afore mentioned tax break, but would also have access to low-cost properties and, of course, would enjoy for life the nature, art, culture and food of three of the richest Italian regions when it comes to heritage, history and traditions. And  although the project would be open also to Italians, it seems La Lega had especially foreign Italophiles in mind: “We think it could appeal to foreigners, as Italy is a beautiful country,” said Salvini’s economic advisor, Alberto Brambilla, the mind behind the proposal itself. And Italian Americans could also add it would give to many of them the opportunity to return “home” and enjoy in freedom, and with a bit more cash in their pocket, the places where their family history began.  

Retirees would not only enjoy the afore mentioned tax break, but would also have access to low-cost properties and, of course, would enjoy for life the nature, art, culture and food of three of the richest Italian regions when it comes to heritage, history and traditions


To be truthful, Brambilla didn’t come up with anything new, if you consider that Portugal  and the Canary Islands have been successfully running a similar project for a number of years; in fact, La Lega openly declared it hopes to reduce dramatically the number of Italian pensioners moving to these Atlantic-kissed shores each year in name of the advantageous tax breaks put in place to attract retirees. “The tax break would not only be available to countries like Germany, the UK and Sweden, which have already signed bilateral agreements with Portugal and Spain (for the Canaries), but also to all the countries our Foreign Affairs Ministry will contact,” Brambilla explains.  

It seems, at least on paper, a win-win idea, but not everyone is convinced. The Basilicata representatives of UIL Pensionati, one of Italy’s retirees’ trade unions, recently declared that, in their region, the number of local pensioners moving abroad to enjoy a better quality of life with their pension money has been increasing and that, according to their data, at least 400.000 Italian pensioners relocated abroad - especially in Portugal, the Canary Islands and Eastern Europe - to make more with their money and live more comfortably.  

So, is it a good idea or a useless idea?  

Well, it may not be simple to implement, but it could provide a solution to some of Italy’s most dramatic issues, that of depopulation and slow economy in the South, and that of Italian pensioners moving away from their own country. The examples of Portugal and Spain should lead the way and should stand as a vivid example of the fact that “it is possible.

Indipendentemente dall’età, gli italiani hanno una grande preoccupazione in questi giorni: andare in pensione. Con le imposte sul reddito tra le più alte in Europa e le pensioni che spesso coprono solo i costi di prima necessità, molti cittadini del Bel Paese sono saltati sul carrozzone dei regimi pensionistici privati, nel tentativo di assicurarsi un futuro più sicuro per se stessi e le loro famiglie una volta che arriva il momento di andare finalmente in pensione.

Le cose però potrebbero cambiare presto, se una nuova interessante proposta finirà per essere approvata dall'attuale governo che, tuttavia, al momento ha molte cose che bollono in pentola. Vale a dire, non trattenete il respiro in attesa di una rapida approvazione, perché potrebbe volerci un po' di tempo. Ciononostante, le novità rappresentano certamente un gradito cambiamento nei soliti discorsi di tristezza e di lotta che abitualmente associamo alla parola pensionamento e, cosa ancora più sorprendente, potrebbero finire per avvantaggiare non solo gli italiani, ma anche persone provenienti dall'estero che hanno in mente di trascorrere la pensione sotto il sole del Mediterraneo.

Lonely Planet ha recentemente riferito che La Lega, il movimento populista di estrema destra che attualmente guida il governo insieme ai Cinque Stelle, ha proposto di garantire ai pensionati disposti a trasferirsi in regioni selezionate un’esenzione fiscale di 10 anni, con lo scopo di ripopolare alcune aree del nostro Sud. Le tre regioni scelte sono Sicilia, Calabria e Sardegna, sicuramente belle, ma da tempo alle prese con problemi economici e di intenso spopolamento. L'idea è di aumentare i tassi di popolazione concedendo un’esenzione fiscale di 10 anni ai pensionati disposti a trasferirsi e vivere per almeno 6 mesi e un giorno all'anno in una delle tre regioni di prova. La speranza è di far arrivare almeno 600.000 persone nel Sud, per migliorare l'economia e il commercio, ma anche per riportare la vita in alcuni dei tanti meravigliosi, ma quasi vuoti, villaggi del nostro Meridione.

Ci sono, naturalmente, una serie di obblighi: prima di tutto, non si può semplicemente optare per la città o il villaggio che si desidera. In effetti, si possono scegliere solo aree urbane con meno di 4000 abitanti e che hanno registrato un declino della popolazione di almeno il 20% negli ultimi 10 anni. Devono inoltre disporre di un sistema sanitario valido e ben funzionante - paragonabile a quello delle regioni settentrionali come la Lombardia, il Piemonte e l'Emilia Romagna - un sistema efficiente e funzionante di riciclaggio dei rifiuti, strade sicure e, possibilmente, dovrebbero anche fornire un facile accesso ad un sacco di bellezze naturali.

Quindi, rimettiamo nel cassetto l'idea di trasferirsi senza tasse a Palermo.

Gli studi condotti a sostegno della proposta affermano che una coppia media di pensionati spenderebbe e investirebbe in media tra 20.000 e 25.000 euro l'anno nelle regioni in cui si sposterebbe (all'incirca tra 23.400 e 29.000 USD), incrementando l'economia locale e potenzialmente aiutando la zona a migliorare commercio e occupazione: un piccolo, ma importante primo passo per portare ancora più persone a vivere e investire nel Sud.

I pensionati non solo godrebbero della suddetta riduzione delle tasse, ma avrebbero anche accesso a proprietà a basso costo e, naturalmente, godrebbero per tutta la vita la natura, l'arte, la cultura e il cibo di tre delle regioni italiane più ricche in materia di patrimonio, storia e tradizioni. E sebbene il progetto sia aperto anche agli italiani, sembra che La Lega abbia in mente soprattutto gli italofili stranieri: "Pensiamo che potrebbe attrarre gli stranieri, visto che l'Italia è un Paese bellissimo", ha detto il consigliere economico di Salvini, Alberto Brambilla, la mente dietro la proposta. E anche gli italoamericani potrebbero aggiungere che questo darebbe a molti l'opportunità di tornare "a casa" e di godere in libertà, e con un po' più di denaro in tasca, dei luoghi in cui la loro storia familiare è iniziata.

Ad essere sinceri, Brambilla non ha inventato nulla di nuovo, se si considera che il Portogallo e le Isole Canarie hanno gestito con successo un progetto simile per un certo numero di anni; infatti, La Lega ha dichiarato apertamente di sperare di ridurre drasticamente il numero dei pensionati italiani che si trasferiscono ogni anno in queste spiagge baciate dall'Atlantico in nome delle agevolazioni fiscali messe in atto per attirare i pensionati. "La riduzione delle tasse non sarebbe disponibile solo per Paesi come la Germania, il Regno Unito e la Svezia, che hanno già firmato accordi bilaterali con il Portogallo e la Spagna (per le Canarie), ma anche per tutti i Paesi che il nostro Ministero degli Affari esteri contatterà" spiega Brambilla.

Sembra, almeno sulla carta, un'idea vincente, ma non tutti sono convinti. I rappresentanti della UIL Pensionati di Basilicata, uno dei sindacati italiani dei pensionati, hanno recentemente dichiarato che, nella loro regione, il numero dei pensionati del posto che si spostano all'estero per godere di una migliore qualità della vita con la loro pensione è aumentato e che, secondo i loro dati, almeno 400.000 pensionati italiani si sono trasferiti all'estero - soprattutto in Portogallo, nelle Isole Canarie e nell'Europa orientale - per fare di più con i loro soldi e vivere con maggiori comfort.

Quindi, è una buona idea o un'idea inutile?

Beh, potrebbe non essere semplice da implementare, ma potrebbe fornire una soluzione ad alcune delle questioni più drammatiche dell'Italia, quella dello spopolamento e dell'economia lenta del Sud, e quella dei pensionati italiani che si allontanano dal proprio Paese. Gli esempi di Portogallo e Spagna dovrebbero aprire la strada e mostrarsi come un vivido esempio del fatto che "è possibile".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Word of the Day: Fanfara

…And indeed it does, because the Italian word fanfara comes from the French fanfare which originated from the onomatopoeic sounds of a brass band...

Word of the Day: Cappuccino

The word cappuccino means, literally, small hood, but of course we think of coffee when we hear it. Or friars, and the link is not haphazard at all...

A world without Venice: a nightmare more real than we think

Last month Venice suffered the fourth highest floods in its history. Water seeped up through the drains, over the canal sides and into the houses,...

Botteghiamo, Rome and the soul of Italian heritage

Today, I feel like to write about Rome and Italian heritage, but for once - our regular readers may be aware of my penchant for classical history - I...

Le Marche, Ascoli and the magic of Olives all’Ascolana

As big as a Robin’s egg, mildly tart with a hint of sweetness, and just-perfect chewy only begins to describe an Ascolana olive. Biting into one is a...

Weekly in Italian

Recent Issues