Lena&Steve, un matrimonio degno dell'Italian Heritage Month

Lena&Steve, un matrimonio degno dell'Italian Heritage Month

Sono partiti in cento da New York per festeggiare a Orsogna (Chieti) il matrimonio di due giovani di origine italiana nati e cresciuti ad Astoria, quartiere che ha accolto gran parte degli orsognesi emigrati nella Grande Mela.
Il legame con la terra d’origine è ancora oggi così forte, anche tra i giovani che in Italia non hanno mai vissuto, da avere spinto Lena Carlucci, avvocato, e Steve Tricarico, commercialista, entrambi 32enni, a dire il fatidico sì nella stessa chiesa in cui si erano sposati gli antenati di Lena. Difficile immaginare un atto di amore più grande per le proprie origini, reso ancora più significativo dalla disponibilità di amici e parenti a partecipare a una sorta di “esodo biblico” per non mancare all’appuntamento.

Lena Carlucci è figlia di Tony, orsognese emigrato a New York negli anni Settanta, e di Anna, originaria di Cassino; mentre i genitori di Steve Tricarico sono Tony e Nancy, originari della Calabria.
L’anno scorso i due giovani erano stati in Italia per il matrimonio della sorella della sposa, celebrato a Firenze. Nell’occasione avevano visitato Orsogna e se ne erano innamorati entrambi, decidendo che proprio qui si sarebbero sposati, senza alcun dubbio. Le nozze sono state celebrate dal parroco di Orsogna, don Giuseppe Liberatoscioli.

Lena e il suo papà all’ingresso della Chiesa parrocchiale di San Nicola di Bari hanno trovato ad accoglierli anche il sindaco di Orsogna, Fabrizio Montepara, il quale ha espresso gli auguri dell’intera cittadinanza agli sposi e agli ospiti statunitensi, che ha ringraziato per “avere scelto di celebrare qui il matrimonio, a sottolineare il legame indissolubile tra gli orsognesi d’Abruzzo e d’America. È un riconoscimento importante alla bellezza del nostro paese, luogo incantevole per le nozze, e allo spirito di accoglienza della nostra comunità - ha detto Montepara -. Mantenere saldi rapporti e lavorare in simbiosi con i nostri compaesani negli Usa è fondamentale per l’intero Abruzzo ed è compito di noi amministratori favorire iniziative sociali ed economiche che ci consentano di lavorare insieme”.

Su 140 persone presenti in chiesa, un centinaio arrivavano dagli Stati Uniti. Alcuni sono partiti una settimana fa e hanno approfittato per visitare l’Abruzzo e altre regioni italiane. Gli altri sono giunti appositamente a Orsogna dove si tratterranno ancora qualche giorno. Alcuni sono ospiti in casa di parenti, altri hanno trovato accoglienza negli alberghi e bed and breakfast del paese. Dopo la cerimonia, amici e parenti sono andati tutti insieme a festeggiare in una elegante struttura di Orsogna, con le modalità e i tempi indicati dalla tradizione.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Riuniti in un solo biglietto i Fori di Roma per un tour unico in tre millenni di storia antica

Riuniti in un solo biglietto i Fori di Roma per un tour unico in tre millenni di storia antica

D’ora in poi basterà un solo ticket per visitare il Foro Romano e i Fori Imperiali di Roma. L’intesa, siglata dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni...
La storia al microscopio: dentro al micro-campo di concentramento di Casoli

La storia al microscopio: dentro al micro-campo di concentramento di Casoli

Solo un esperto di ricerca scientifica a livello di informatizzazione digitale poteva presentare la diagnosi d’un micro-campo di concentramento come...
San Benedetto, il patrono d’Europa che con il suo 'Ora et labora' rivaluta il lavoro

San Benedetto, il patrono d’Europa che con il suo 'Ora et labora' rivaluta il lavoro

L’undici luglio ricorre la commemorazione di San Benedetto, morto il 21 marzo del 547, Patrono d’Europa. San Benedetto, con il suo insegnamento, con...

Mattarella: Ustica, una tragedia indelebile nella memoria e nella coscienza dell'Italia

"Trentanove anni dopo, la ferita di Ustica richiama, ancora una volta, il Paese ad un sentimento di forte solidarietà verso i familiari delle 81...
In memoria di 4 caduti e 15 sopravvissuti abruzzesi che indossarono la divisa a Stelle e Strisce

In memoria di 4 caduti e 15 sopravvissuti abruzzesi che indossarono la divisa a Stelle e Strisce

Antonio Del Sordo fu soldato del 315° Reggimento Fanteria – Compagnia B – 79° Divisione A.E.F., Forza di Spedizione Americana in Europa durante la 1...

Weekly in Italian

Recent Issues