Sulle Alpi tra inverni freddi, camini accesi e nevicate dove si tramanda la lingua antichissima dei trovatori

Sulle Alpi tra inverni freddi, camini accesi e nevicate dove si tramanda la lingua antichissima dei trovatori

Alla minoranza linguistica occitana appartengono 37 paesi in provincia di Torino e altri 72 nella provincia di Cuneo

E’ un’Italia di frontiera, una  terra di confine dura e di antiche tradizioni, un fronte di montagne dalla vegetazione lussureggiante e di fresche valli  attraversate da fiumi.
Siamo sulle Alpi, nelle province di Torino e di Cuneo, a meno di un’ora di macchina dai confini con la Francia. Terra di inverni freddi, di  nevicate e di camini accesi, di deliziose frescure d’estate che attirano un turismo selettivo, di persone che amano lunghe passeggiate nei boschi, buone letture e cucina casalinga.

C’è qualcosa di diverso che distingue questi luoghi e la gente che li abita da altre zone montane limitrofe: la lingua. Perché qui si parla una lingua antica e affascinante: la lingua d’oc. In via di estinzione con le nuove generazioni,  non fosse per l’impegno  di giovani e appassionati ricercatori che cercano di riportarla in vita  donando nuova linfa agli antichi cantari.
Con l’occitano siamo alle origini colte della letteratura occidentale. Dopo il latino venne la lingua d’oc che ebbe un’influenza europea. Dai trovatori del ‘200 è arrivata fino a noi per trasmissione orale, anche se non sono mancate le trasmissioni colte, vedi Mistral, il poeta provenzale.

Cultura popolare con grandi titoli di nobiltà, tradizionalmente (ed erroneamente) legata alla musica nordica, in realtà nata sulle sponde del Mediterraneo. Nel Sud dell’Italia resiste ancora  una di queste “isole linguistiche”. E’ Guardia Piemontese, paese a picco sulla costa tirrenica calabrese tra Fuscaldo e Cetraro. Saliti i  ripidi tornanti che in pochi chilometri dal mare conducono ai 514 metri di Guardia, i nomi delle vie sono bilingui e molti parlano  ancora  l’occitano. 

Il paese deve il nome e la fondazione a una colonia di valdesi in fuga dalle persecuzioni e dalle carestie che dalle valli piemontesi si stabilirono lì, trovando rifugio nel XIII secolo e vivendo in armonia con i cattolici.
La Calabria del resto, è da  sempre terra di migrazioni e di rifugio per greci, ebrei, albanesi che si stabilirono sulle montagne dell’interno a metà del quindicesimo secolo. I valdesi di Guardia Piemontese vissero senza conflitti e in armonia con le altre comunità  fino a quando non vennero colpiti dalla crociata decisa dal cardinale  Michele Ghislieri, futuro Papa Pio V. La notte del 5 giugno 1561 vennero massacrati qui e a Montalto Uffugo centinaia di abitanti, uomini, donne, bambini. In seguito fu vietato l’uso della lingua occitana, il matrimonio tra i sopravvissuti e fu installato nelle porte delle case uno spioncino apribile dall’esterno per consentire ai frati domenicani di controllare la vita privata dei superstiti convertiti a forza al cattolicesimo. La comunità fu costretta a piegarsi, ma non si lasciò mai annientare del tutto, in molte famiglie, di padre in figlio, fu mantenuta segretamente la storia e la cultura degli avi e parlata sottovoce la lingua proibita.

La minoranza linguistica occitana in realtà interessa tre Stati: Francia, Spagna e Italia.
Nella nostra penisola abbraccia 12 valli ai confini con la  Francia dove vecchio Piemonte sabaudo, Italia moderna ed Europa protestante si incontrano e circa 180mila abitanti spalmati su 120 Comuni  parlano ancora  quella che i vecchi definiscono “lenga nostra”.

Lingua romanza derivante dal latino, l’occitano deve il nome alla particella oc che in occitano significa sì. Una lingua e non uno dei tanti  dialetti, grazie alla secolare tradizione letteraria, un patrimonio prezioso giunto fino a noi  grazie alla costanza con cui è stato trasmesso oralmente, ma anche alle preziose testimonianze di poeti, trovatori e suonatori di ghironda, strumento usato dai bardi in tutte le corti  d’Europa. 
Nel 1999 con una dichiarazione comune hanno affermato l’appartenenza alla minoranza linguistica occitana 37 paesi in provincia di Torino e ben 72 comuni in provincia di Cuneo, da Argentera ad Entraque, Sambuco, Vinadio, le regie Terme di Valdieri ai piedi del monte Matto. Persiste  in valle Stura, Val Maira, Val Varaita.

Rifacendoci alla storia, fra il 1100 e il 1200 furono i  Trovatori  a fondare la moderna lirica volgare. Cantarono la guerra, la politica, la morale, la religione, ma l’oggetto fondamentale della loro poesia fu l’amore.
L’amore "cortese" nei confronti di una dama d’alto rango, bella e irraggiungibile, una donna  oggetto di venerazione e meta di un viaggio interminabile, metafora dell’affinamento etico e spirituale del poeta.
Ai poeti ed ai  testi trobadorici si interessò anche lo psicoanalista Jacques Lacan che parlò dei trovatori e dell’amor cortese principalmente nel corso del suo Seminario sull’Etica della psicoanalisi (1959-60) per  definire quel nucleo inconoscibile e indicibile che  chiamò “centro del reale”. Immaginario e simbolico, enigma, pulsione, sublimazione: i testi degli antichi trovatori sono ancora oggi, oltre a una straordinaria testimonianza di diversità linguistica sopravvissuta nei secoli, uno stimolante invito all’interpretazione di sentimenti universali come  l’amore e il  desiderio.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Modigliana sull’Appennino tosco-emiliano, dove le vigne del Sangiovese sono un lascito dei Romani

A Modigliana sull’Appennino tosco-emiliano, dove le vigne del Sangiovese sono un lascito dei Romani

Il toponimo Modigliana si fa risalire al Castrum Mutilum (poi Mutiliana) di Tito Livio, campo militare in cima al colle dove si trova ora il convento...
Avete mai dormito tra mura medievali? La Casa Torre Ricci-Donati del 1100 restituita a Firenze

Avete mai dormito tra mura medievali? La Casa Torre Ricci-Donati del 1100 restituita a Firenze

Due anni e mezzo di lavori, oltre 2 milioni di euro di investimento e un intervento di recupero e valorizzazione che svela finalmente l'antica...
A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

Atterraggio a Torino e poi di corsa fino al noleggiatore più vicino. Pochi minuti e pochi chilometri dopo, si è già sulla strada con tanta voglia di...
A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

Dalla grande ricchezza del patrimonio italiano affiorano tesori da scoprire, come chiese, palazzi, musei e capolavori, conservati in centri minori...
Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

E’ intenso il colore dello Jonio, al largo, mentre è color perla vicino alla battigia di sabbia dorata. L’acqua trasparente. C’è un senso di amenità...

Weekly in Italian

Recent Issues