Italian Conductor, Maestro Riccardo Frizza, Returns to San Francisco with Roberto Devereux

Maestro Frizza conducting at Teatro Grande. Courtesy of Riccardo Frizza

San Francisco has attracted world class talent, artists from every genre, for many decades and the month of September 2018 was no exception. The city by the bay had the distinct pleasure of welcoming internationally acclaimed conductor, Maestro Riccardo Frizza.  
 
The Maestro made his fourth appearance, a collaboration with the San Francisco Opera, this year with Gaetano Donizetti’s iconic tragedia lirica (tragic opera) Roberto Devereux. He took the baton on September 8th followed by seven additional performances through September 27th. 

Frizza conducting at the Teatro La Fenice in Venice. Courtesy of Riccardo Frizza


Maestro’s three previous San Francisco Opera appearances were productions of Lucrezia Borgia in 2011, I Capuleti e i Montecchi in 2012, and Tosca in 2014. Of his fourth production, the San Francisco Opera said, “We are thrilled to welcome him back to San Francisco to share his talents once again!” And well they should be as, by all accounts, Frizza once again stunned audiences with his galvanic presence on the podium, inspiring performances as exhilarating as they are expressive.

Frizza is known for his operatic repertoire, which encompasses a vast array of diverse works, including Verdi, Puccini, Mozart, Rossini and many others. The Maestro is the first Musical Director of the Donizetti Festival, whose inaugural season takes place in November 2018.  

Riccardo Frizza is known for his operatic repertoire, which encompasses a vast array of diverse works including Verdi, Rossini, Mozart and many others © Joan Tomás - Fidelio Artist


A Conversation with Maestro Riccardo Frizza
L’Italo Americano was fortunate to meet and speak with the celebrated Maestro, and had the opportunity to explore his love of music, opera and Donizetti. Through this conversation, his passion for music clearly illustrates how his extraordinary talent developed and has grown into an illustrious career. 

Maestro shared his thoughts and feelings about the art of conducting. “The action of conducting is based on one’s own sensibilities. Music is inside your heart. Take, for example, the influence of the artist in such a way as Puccini was influenced by Wagner. When I heard Mozart’s Requiem at the age of 14, it left a lasting impression. At age 17 I began composing. It was my destino.

Maestro Frizza conducting at Teatro Grande. Courtesy of Riccardo Frizza


“It is our manner to communicate using gestures, and in conducting, gesture is the final outcome. As for the author the words are his tools, for me the orchestra is my instrument. The composer creates the opera, but the conductor is the conduit for the interpretation. Conducting is similar to the way an author interprets words or a painter colors and brushes. And so for me, much of the performance is about the preparation leading up to the actual performance.”

Did you chose the opera Roberto Devereux for this performance or do you collaborate with a team? 
“The San Francisco Opera decided they wanted to stage this particular piece and then they went about deciding which would be the best artist to serve this purpose. It was at that point that I was invited to be the conductor and, of course, I said yes because my schedule allowed for this and it is in my repertoire. So it was the casting manager, the artistic administrator, that asked me and also it is he who chooses the singers. A cast is set up for each of the roles, and then we all meet to begin working together.”

“I like to perform all composers” says Frizza of his work as a conductor. © János Posztós


Two of the four times you were selected by the San Francisco Opera it was to conduct Donizetti. Do you have a particular affinity for his work and if so, why?  
“I like to perform all composers. You should know that Donizetti, Rossini, Verdi, and Puccini are all in the top five composers world-wide. For example between 2012 and 2017, Donizetti was the fourth most performed composer in the world.  And, of course, out of the top five, four are Italians. In my career I have done 21 of Verdi’s 27 operas, so I have almost completed the whole cycle of his operatic works. To complete this… is something I would like to accomplish.”

You have performed four times in San Francisco.  Is that because you have a particular affinity for the San Francisco Opera?
“San Francisco Opera is the second major opera house in the United States, behind only to New York.  It is a great venue with all the potential needed to be consistently brilliant; a great chorus, great orchestra and they are able to acquire the best artists in the world, so it is a natural choice for world-class talent and appreciative audiences. I came here for the first time in 2011 and fell in love with the War Memorial Opera House. Also, when you feel that you fit well working with the other artists, it is particularly enjoyable and so you come back very happily.

Frizza conducting at the Teatro La Fenice in Venice. Courtesy of Riccardo Frizza


“ I come here with my idea, my musical interpretation, and I feel that the orchestra and the chorus respond well to me so the affinity is good and having these elements in place is the best way to reach the highest level of performance. Also, there is a connection with the audience and how they are enjoying the music and, therefore, they are enjoying you!”

The San Francisco Bay Area Italian community is deeply connected to their Italian roots. When you visit us, do you get a sense of that connection? 
 “I am here to say that especially in this opera house the legacy with the Italian opera is strong and goes back in history. Gaetano Merola founded the opera in San Francisco in 1923 and was its first general director so the legacy with the Italian repertoire is very strong and you can feel that. 

“I can also feel a connection especially this year because I am staying in an apartment in North Beach. It’s the first of the four visits that I am living in North Beach and I can feel the Italianità.  With so many Italian restaurants, I can see the community is very strong. I did a lecture at the Italian Cultural Institute on August 27 and the audience was full of Italians that came to listen to me talk about Donizetti. It was very interesting to introduce the audience to this somewhat lesser known composer and it was well received. I have also recognized that there are many successful Italians living and working here in the Bay Area.”

At your recent Italian Cultural Institute presentation, you shared your passion for the culinary arts. Tell us more about that.  
“My work takes me all over the world, travelling for months, so I found going to a restaurant every day was not ideal for me. It was then that I began cooking and found that it is very close to conducting. It is similar because, in both cases, you create and each time the results are a bit different. This is similar to conducting because at times the orchestra is different or sometimes the singers are different, just like cooking. But each time, ultimately, you strive for the same result. You prepare, you gather all the ingredients and you create. They are both creative arts. When you cook and when you create music, it’s all in the details!”

The Maestro’s favorite dish to prepare is risotto and L’Italo Americano was pleased to receive much appreciated advice as to the best way to prepare this quintessential Italian dish.

You were born in Brescia, grew up in a nearby countryside village, and became interested in music at such an early age. What brought you from playing piano as a child to the top of your field now, as an adult?  
“At the beginning, at age five or six, I was taking piano lessons and was enjoying being able to play something well. The ability to play for people who clearly enjoyed it gave me energy to keep going. During my teenage years, with the distractions that come at that age, my family was very important because they kept me focused, supporting me and keeping me going. By the time I attended the Giuseppe Verdi Conservatory in Milan, it became easier because it was as if we were “eating the same food” meaning we were all immersed in the same artistic environment. 

When I was younger, I was actually a pianist and so a very important step was when I decided to become a conductor. Although piano had been my instrument, I then discovered the orchestra as my instrument. One of the first pieces of music played by an orchestra I listened to was Mozart’s Requiem. It was a cassette given to me in the 1980s. I became fascinated. I didn’t decide I wanted to be a conductor until I was 14, when I went to Vienna with my family for Easter vacation. We went to Stephansdom (St. Stephen’s Cathedral) where the orchestra was playing Mozart. The conductor left such an impression on me and it was right there that I decided I wanted to be a conductor, too.”

After serving as Music Director to the Symphonic Orchestra of Brescia from 1994 to 2000, it was in 2001 that Frizza launched his international career with breakthrough performances at two Italian festivals. Today, he is a leading exponent of Italian repertoire, collaborating with the who’s who of today’s most iconic singers at opera houses from Milan’s Teatro alla Scala to the Metropolitan Opera in New York and also in Paris, Houston and Chicago. The Maestro has also led many illustrious orchestras in Europe and Asia, such as the Maggio Musicale Fiorentino, Rome’s Accademia di Santa Cecilia, London’s Philharmonia Orchestra, the Bavarian State Opera Orchestra, ORF Radio Symphony of Vienna, Wiener Symphoniker, Staat-skapelle Dresden, Tokyo Symphony Orchestra and Tokyo Philharmonic. 

When asked about his upcoming schedule and future plans, the Maestro shared, “Now my first goal is to do the complete Verdi catalog.” He adds that he looks forward to this year’s third edition of the Donizetti Opera, the international festival dedicated to the composer from Bergamo, which takes place from November 21 to December 2, 2018. “I have been named the Music Director and I can give my contribution in rediscovering his operas, a ‘Donizetti Renaissance.’ “  

Riccardo Frizza currently lives in Brescia, Italy, with his wife, Spanish opera soprano, Davinia Rodriguez, and their daughter, Sofia. 

For more information about the Fondazione Donizetti in Bergamo and the festival, go to their website at http://www.donizetti.org/fd2016/festival-2018.  For an in depth look at Riccardo Frizza and his art, visit his website at http://www.riccardofrizza.com.
 

Da molti anni San Francisco attrae talenti di livello mondiale, artisti di ogni genere, e il mese di settembre 2018 non ha fatto eccezione. La città sulla Baia ha avuto il grande piacere di accogliere l’acclamato direttore d’orchestra di fama internazionale, il maestro Riccardo Frizza. 

Per la sua quarta volta, una collaborazione con la San Francisco Opera, è tornato con la simbolica tragedia lirica di Gaetano Donizetti “Roberto Devereux”. La prima l’8 settembre, poi altre sette performance fino al 27 settembre. Le tre precedenti apparizioni del maestro alla San Francisco Opera sono state con le produzioni di Lucrezia Borgia nel 2011, I Capuleti e i Montecchi nel 2012, e Tosca nel 2014. Della sua quarta produzione, la San Francisco Opera ha detto, “Siamo entusiasti di dargli il bentornato a San Francisco per condividere ancora una volta il suo talento!”. E a detta di tutti, è andata così: Frizza ancora una volta ha sbalordito il pubblico con la sua presenza galvanica sul podio, ispirando prestazioni tanto esaltanti quanto espressive. 

Frizza è conosciuto per il suo repertorio operistico, che comprende una vasta gamma di opere diverse, compresi Verdi, Puccini, Mozart, Rossini e molti altri. Il maestro è il primo direttore musicale del Festival di Donizetti, la cui stagione inaugurale si svolge nel novembre 2018.

L’Italo Americano ha avuto la fortuna di incontrare e parlare con il famoso maestro, e ha avuto l’opportunità di conoscere il suo amore per la musica, l’opera e Donizetti. Attraverso questa conversazione, la sua passione per la musica mostra chiaramente come il suo straordinario talento si sia sviluppato e sia diventato un’illustre carriera. 

Il maestro ha condiviso i suoi pensieri e sentimenti riguardo l’arte della direzione. “La conduzione è basata sulla sensibilità personale. La musica è nel tuo cuore. Prendi, per esempio, l’influenza dell’artista nel modo in cui Puccini fu influenzato da Wagner. Quando ho sentito il Requiem di Mozart, all’età di 14 anni, mi ha lasciato un’impressione duratura. A 17 anni ho iniziato a comporre. Era il mio destino”.

“Usare i gesti è il nostro modo di comunicare, e nel condurre, il gesto è il risultato finale. Come per lo scrittore le parole sono il suo strumento, per me lo strumento è l’orchestra. Il compositore crea l’opera, ma chi la dirige è colui che ne guida l’interpretazione. Dirigere è simile al modo in cui uno scrittore interpreta le parole o un pittore usa colori e pennelli, e quindi per me, gran parte della performance riguarda la preparazione che porta alla performance”.

Ha scelto l’opera Roberto Devereux per questa performance o in collaborazione con un gruppo? 
La San Francisco Opera ha deciso che volevano mettere in scena questo particolare pezzo e poi dovevano decidere quale sarebbe stato il miglior artista allo scopo. E’ stato a quel punto che sono stato invitato a essere il direttore e, naturalmente, ho detto di sì, perché il mio programma ne lo permetteva e l’opera è nel mio repertorio. Così è stato il casting manager, il direttore artistico, che me lo ha chiesto ed è stato sempre lui a scegliere i cantanti. Un cast è stato messo su per ciascuno dei ruoli, successivamente ci siamo incontrati tutti per iniziare a lavorare insieme.

Due delle quattro volte che è stato selezionato dalla San Francisco Opera è stato per condurre Donizetti. Ha una particolare affinità per il lavoro e, in tal caso, perché? 
Mi piace interpretare tutti i compositori. Dovreste sapere che Donizetti, Rossini, Verdi e Puccini sono tutti tra i primi cinque compositori al mondo. Ad esempio tra il 2012 e il 2017, Donizetti è stato il quarto compositore più rappresentato al mondo. E, naturalmente, tra i primi cinque, quattro sono italiani. Nella mia carriera ho fatto 21 delle 27 opere di Verdi, quindi ho quasi completato l’intero ciclo delle sue composizioni operistiche. Completare il ciclo... è qualcosa che vorrei realizzare.

Si è esibito quattro volte a San Francisco. È perché ha una particolare affinità con la San Francisco Opera?   
La San Francisco Opera è il secondo miglior teatro d’opera negli Stati Uniti, secondo solo a New York: è un luogo eccezionale con tutte le potenzialità per essere costantemente eccellente, un grande coro, una grande orchestra e sono in grado di scritturare i migliori artisti al mondo, quindi è una scelta naturale per i talenti di livello mondiale e per un pubblico riconoscente. Sono venuto qui la prima volta nel 2011 e mi sono innamorato della War Memorial Opera House. Inoltre, quando senti che lavori bene con gli altri artisti, è particolarmente piacevole e quindi ritorni molto felicemente. 

Vengo qui con la mia idea, la mia interpretazione musicale, e sento che l’orchestra e il coro rispondono bene, quindi l’affinità è buona e avere questi elementi sul posto è il modo migliore per raggiungere il più alto livello di prestazione. Inoltre, c’è un legame con il pubblico: quando apprezzano la musica, ti stanno apprezzando!

La comunità italiana della Baia di San Francisco è profondamente legata alle radici italiane. Quando ci fa visita, percepisce il senso di questo legame? 
Sono qui per dire che, specialmente in questo teatro d’opera, il legame con l’opera italiana è forte e si lega al passato. Gaetano Merola ha fondato l’Opera di San Francisco nel 1923 e ne è stato il primo direttore generale così che il legame con il repertorio italiano è molto forte e lo si può sentire. 

Posso sentire un altro legame particolare, quest’anno, perché vivo in un appartamento a North Beach. E’ la prima delle quattro volte che vivo a North Beach e posso sentire l’Italianità. Con così tanti ristoranti italiani, posso vedere che c’è una comunità molto forte. Ho tenuto una conferenza presso l’Istituto Italiano di Cultura, il 27 agosto, e il pubblico era pieno di italiani che sono venuti ad ascoltarmi parlare di Donizetti. E’ stato molto interessante presentare al pubblico questo compositore un po’ meno conosciuto ed è stato ben accolto. Mi sono anche reso conto che ci sono molti italiani di successo che vivono e lavorano qui nella Bay Area.

Nella sua recente presentazione all’Istituto Italiano di Cultura, ha condiviso la sua passione per le arti culinarie. Ci dica di più a riguardo.
Il mio lavoro mi porta in giro per il mondo, a viaggiare per mesi, ma ho scoperto che andare al ristorante ogni giorno non è l’ideale per me. Così ho iniziato a cucinare e ho scoperto che la cucina è molto vicina alla conduzione. È simile perché, in entrambi i casi, si crea e ogni volta i risultati sono leggermente diversi. Assomiglia alla conduzione perché a volte l’orchestra è diversa o, a volte, sono diversi i cantanti, proprio come in cucina. Ma ogni volta, alla fine, ti sforzi per avere lo stesso risultato. Ti prepari, raccogli tutti gli ingredienti e crei. Sono entrambe arti creative. Tutto sta nei dettaglia sia quando cucini che quando crei musica!

Il piatto che il maestro preferisce preparare è il risotto e L’Italo Americano è stato lieto di ricevere molti consigli sul modo migliore di preparare questo piatto italiano per eccellenza.

Lei è nato a Brescia, è cresciuto in un villaggio di campagna nelle vicinanze e si è interessato alla musica sin da piccolo. Cosa l’ha portata dal suonare il pianoforte da bambino alle vette del suo campo da adulto? 
All’inizio, a cinque o sei anni, prendevo lezioni di piano e mi piaceva essere in grado di suonare bene qualcosa. La capacità di suonare per persone che mi apprezzavano, mi ha dato l’entusiasmo di andare avanti. Durante la mia adolescenza, con le distrazioni che porta quell’età, la mia famiglia è stata molto importante perché mi ha tenuto concentrato, sostenendomi e facendomi proseguire. Con il tempo ho frequentato il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Lì è stato tutto più facile perché era come se stessimo “mangiando lo stesso pane” nel senso che eravamo tutti immersi nello stesso ambiente artistico. 

Quando ero più giovane, in realtà, ero un pianista e quindi un passo molto importante è stato quando ho deciso di diventare direttore. Sebbene il pianoforte fosse il mio strumento, ho scoperto che anche l’orchestra era il mio strumento. Uno dei primi brani musicali interpretati da un’orchestra che ho ascoltato è stato il Requiem di Mozart. Era una cassetta datami negli anni ‘80. Sono rimasto affascinato. Ma non ho deciso di diventare direttore fino all’età di 14 anni, quando sono andato a Vienna con la mia famiglia per le vacanze di Pasqua. Siamo andati a Stephansdom (la Cattedrale di Santo Stefano) dove l’orchestra suonava Mozart. Il direttore mi ha fatto una tale impressione che è stato proprio lì che ho deciso che volevo fare il direttore d’orchestra anche io. 

Dopo aver prestato servizio come direttore musicale dell’Orchestra Sinfonica di Brescia 1994-2000, è stato nel 2001 che Frizza ha avviato la sua carriera internazionale con performance che hanno segnato la svolta in due festival italiani. Oggi, è un esponente di spicco del repertorio italiano, collabora con i migliori cantanti di oggi nei maggiori teatri d’opera dal Teatro La Scala di Milano alla Metropolitan Opera di New York e anche a Parigi, Houston e Chicago. Il maestro ha condotto anche molte orchestre illustri in Europa e in Asia: come il Maggio Musicale Fiorentino, l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, la Philharmonia Orchestra di Londra, la Bavarian State Opera Orchestra, l’ORF Radio Symphony di Vienna, la Wiener Symphoniker, la Staatskapelle di Dresda, la Tokyo Symphony Orchestra e la Tokyo Philharmonic. 

Quando gli abbiamo chiesto del suo prossimo programma e dei progetti per il futuro, il maestro ci ha detto: “Ora il mio primo obiettivo è fare il catalogo completo di Verdi”. Ha poi aggiunto che non vede l’ora della terza edizione del Donizetti Opera di quest’anno, il festival internazionale dedicato al compositore bergamasco, che si svolgerà dal 21 novembre al 2 dicembre 2018. “Sono stato nominato direttore musicale e posso dare il mio contributo nel riscoprire le sue opere, una ‘Donizetti Renaissance’.

Riccardo Frizza attualmente vive a Brescia, Italia, con la moglie, la soprano spagnola Davinia Rodriguez, e la loro figlia, Sofia. 

Per ulteriori informazioni sulla Fondazione Donizetti di Bergamo e il festival, visitare il sito web http://www.donizetti. org/fd2016/festival-2018. Per uno sguardo più approfondito su Riccardo Frizza e la sua arte, visitate il suo sito web all’indirizzo http://www.riccardofrizza.com.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Superstar chef Massimo Bottura: knowing the past to shape the future of Italian cuisine

A slice of cod placed on julienne-sliced vegetables, served in a squid ink broth and topped with a sprinkling of powdered seaweed and sea urchins...

“Lumi in aria,” lights in the air: expression of art and beauty

Since the beginning of time, light has been a recurrent symbol in Christianity and, from a liturgical point of view, it refers directly to God. Light...

Alto Adige Pinot Noir

Chances are good you’re aware that Italy’s northernmost province of Alto Adige, the self-governing region tucked away in Italy’s northeast,...

San Francisco celebrates Italian heritage, traditions, and history in a full weekend of events

The first weekend in October will be very busy for locals and visitors in San Francisco. While the Marina will welcome the San Francisco Fleet Week...

Lerici: secrets, solace and sorrows on the Gulf of Poets

There is something at the heart of Lerici that works on my imagination to create magic as interesting things happened in its world of sand and sea,...

Weekly in Italian

Recent Issues