Consorzi di Tutela per il Made in Italy agroalimentare

Consorzi di Tutela per il Made in Italy agroalimentare

La protezione delle denominazioni DOP Asiago, Grana Padano, Parmigiano Reggiano e Pecorino Romano nel contesto degli accordi commerciali di libero scambio come garanzia dei consumatori e salvaguardia dei produttori: questo il tema affrontato nella conferenza stampa organizzata da AICIG per fare il punto sulle azioni dei Consorzi di Tutela per il Made in Italy. Un incontro che ha visto quindi protagoniste quattro delle principali realtà consortili legate al settore caseario, oltre al Segretario Generale di AICIG Leo Bertozzi infatti vi hanno preso parte il Presidente del Consorzio dell’Asiago Fiorenzo Rigoni, il Direttore del Consorzio Parmigiano Reggiano Riccardo Deserti e il Responsabile del Consorzio del Pecorino Romano Giovanni Galistu.

“Nel contesto dei mercati internazionali – ha spiegato il Segretario Generale di AICIG Leo Bertozzi - i Consorzi di tutela italiani riuniti in Aicig e nella rete internazionale Origin, fanno fronte comune sulla tutela delle denominazioni, in particolare nei confronti di chi, come il Consortium for Common Food Names USA, svolge continuamente azioni per "tutelare" i nomi generici. Un ossimoro che la dice lunga sulle finalità dei colleghi d'oltreoceano”.

Le denominazioni dei prodotti italiani tradizionali sono fra le più note nel panorama agroalimentare mondiale ed in quanto sinonimo di qualità, tradizione, cultura e gastronomia rappresentano un patrimonio che va promosso ed anche salvaguardato da tutti i tentativi di evocazioni, imitazioni o usurpazioni, che danneggiano sia i consumatori - perché non ottengono il prodotto che ricercano - sia i produttori, che debbono far fronte a forme di competizione sleale. A tal proposito, le azioni di monitoraggio sui mercati atte a tutelare le denominazioni d'origine, rappresentano uno degli aspetti più importanti che i Consorzi sono chiamati ad esercitare erga omnes.

La sorveglianza e le relative azioni, anche di natura legale, a tutela delle denominazioni viene svolta sia nel territorio dell'Unione Europea - dove il quadro legale di riferimento è certo - sia sui mercati internazionali, soprattutto laddove le normative a tutela delle Indicazioni Geografiche sono quanto mai difformi e vaghe. Ciò avviene attraverso accordi commerciali di libero scambio dell'Unione Europea con i Paesi Terzi ed in tale contesto i Consorzi svolgono puntualmente azioni di tutela, seguendo attentamente le situazioni di mercato. A partire dal CETA col Canada - entrato provvisoriamente in vigore da un anno – e fino ad arrivare agli Accordi conclusi recentemente, come quello col Giappone, oppure in via di definizione come quello col Messico, o ancora quelli tuttora in discussione come il negoziato con i Paesi Mercosur. Nei suindicati contesti, sono stati effettuati interventi concreti che hanno permesso, attraverso la tutela della denominazioni, di creare situazioni favorevoli per i flussi commerciali, in modo da permettere agli operatori di lavorare in situazioni eque di concorrenzialità.

La conferenza stampa ha quindi rappresentato per le realtà consortili dei formaggi DOP Asiago, Grana Padano, Parmigiano Reggiano e Pecorino Romano, l’occasione per presentare gli specifici interventi da essi posti in essere nel corso dell’ultimo anno ed i rispettivi risultati, che hanno dimostrato di aver portato beneficio a tutto il sistema agroalimentare italiano.
L’incontro si è concluso con una panoramica sulle caratteristiche organolettiche distintive dei quattro formaggi in questione, attraverso una degustazione sensoriale volta ad illustrare e far percepire le specificità che li distinguono dai prodotti similari.

L’Aicig - Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche - è un’associazione senza scopo di lucro costituita tra i Consorzi di tutela riconosciuti dal Mipaaf ai sensi dell’art. 14 della Legge 21 dicembre 1999, n. 526. La maggioranza dei Consorzi di tutela italiani ha individuato nella formula associativa la chiave strategica competitiva per tutelare, valorizzare e promuovere all’unisono le rispettive indicazioni geografiche, espressioni del patrimonio agroalimentare del nostro Paese che rivelano le identità storico - culturali dei distretti di riferimento. AICIG viene istituita nel 2006 con l’obiettivo principale di supportare la politica delle Indicazioni Geografiche in sede nazionale, comunitaria e internazionale, nonché favorire lo sviluppo omogeneo del settore, promuovendo un costante confronto tra tutti i Consorzi Soci.

Ad oggi AICIG rappresenta 64 realtà consortili relative a denominazioni agroalimentari (vini esclusi) italiane, rappresentative di circa il 95% delle produzioni italiane ad indicazione geografica. Ad essere maggiormente rappresentati sono i prodotti caseari (22 denominazioni), gli ortofrutticoli e cereali, freschi e trasformati (22 denominazioni), i prodotti a base di carne (11 denominazioni), gli olii (5 denominazioni), le carni fresche (2 denominazioni) e gli aceti balsamici (3 denominazioni).

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L’inganno a tavola: negli Stati Uniti il 90% dei formaggi di tipo italiano è prodotto in California e Wisconsin

L’inganno a tavola: negli Stati Uniti il 90% dei formaggi di tipo italiano è prodotto in California e Wisconsin

E’ salito ad oltre 100 miliardi il valore del falso Made in Italy agroalimentare nel mondo con un aumento record del 70% nel corso dell’ultimo...
Emilia Romagna, ultima vittima del maltempo estremo di primavera: danni per l'agricoltura italiana

Emilia Romagna, ultima vittima del maltempo estremo di primavera: danni per l'agricoltura italiana

Emilia Romagna in ginocchio: fiumi esondati, frane e smottamenti. Ma è solo l’ultimo dei 175 eventi climatici estremi che, dall’inizio della...
Innovazione nel food: in 10 anni 5mila brevetti made in Italy nell’agroalimentare

Innovazione nel food: in 10 anni 5mila brevetti made in Italy nell’agroalimentare

Dall’apparecchio scuotitore per la raccolta della frutta dagli alberi a quello per la pulitura delle croste di formaggio, dal procedimento per la...
 Filiera Italia a rischio per i dazi Usa: sarà colpito il 50% di alimentari e bevande

Filiera Italia a rischio per i dazi Usa: sarà colpito il 50% di alimentari e bevande

Parte ufficialmente la procedura per far scattare i dazi Usa nei confronti dell’Unione Europea con la richiesta alle parti interessate di partecipare...
Stati Uniti, mercato di riferimento dell’italian food ma c'è il freno dell'Italian Sounding

Stati Uniti, mercato di riferimento dell’italian food ma c'è il freno dell'Italian Sounding

Volano del 10% le esportazioni di cibo Made in Italy nel mondo che a febbraio fanno registrare un balzo record rispetto allo stesso periodo dell’anno...

Weekly in Italian

Recent Issues