Il fascino di Cagliari e la sua natura ‘Istranzu’ secondo Guy Tillim

Il fascino di Cagliari e la sua natura ‘Istranzu’ secondo Guy Tillim

Cagliari vista da Guy Tillim. “Istranzu” è un termine bivalente in sardo. Vuol dire ospite, ma anche straniero. Non però una cosa o l’altra: le significa sempre entrambe allo stesso tempo. Le parole della scrittrice, Michela Murgia, ben introducono il lavoro del fotografo sudafricano Guy Tillim: 21 scatti, colti per le strade della città nelle due settimane di residenza di Tillim nel capoluogo. Le fotografie confluiranno nella mostra “Cagliari”, promossa dalla Fondazione di Sardegna e prodotta con la collaborazione della Fondazione Sardegna Film Commission, e nel volume edito da Punctum,arricchito dai testi di Marco Delogu, Francesco Abate e della stessa Michela Murgia.

Il progetto fotografico, tradotto in mostra e sviluppato dall’architetto Maurizio Bosa, rafforza l’invito a vivere un’esperienza immersiva per le strade di Cagliari, una città che il giornalista e scrittore Francesco Abate associa a Babilonia, metafora positiva delle commistioni di luogo e pensiero: “Casteddu. Ognuno cammina per la sua strada, per vie e piazze che sono già state di molti, forse di tutti”.

La mostra “Cagliari” sarà visitabile fino a gennaio 2019.

Cagliari, Istranzu, Guy Tillim, Michela Murgia, Fondazione Sardegna Film Commission

Fotografia di Guy Tillim per la mostra 'Cagliari'

Con “Cagliari”, il curatore Marco Delogu ha dunque rinnovato la collaborazione con la Fondazione di Sardegna interpellando Guy Tillim, artista di caratura internazionale, recentemente insignito del prestigioso Henri Cartier-Bresson Award e le cui opere sono presenti nelle più importanti collezioni del mondo. Scrive Delogu: “Tillim prosegue sul sentiero di un racconto contemporaneo della popolazione, dove assistiamo a scene di vita quotidiana di una città capace di accogliere. […] La centralità di questo lavoro non è quella di andare a trovare le singole comunità di immigrati o di residenti. Piuttosto le stratifica, le mescola come naturalmente avviene nelle strade: da una prima fotografia dove compaiono solo migranti, le fotografie si riempiono successivamente di una popolazione sempre più difficile da definire e la città viva è ora composta senza soluzione di continuità da migranti, cagliaritani e semplici turisti”.

L’artista: Guy Tillim. Nato nel 1962 a Johannesburg, Guy Tillim si è a lungo dedicato a progetti di documentazione visiva e storica, tesi a evidenziare il divario razziale creato dall’apartheid nel suo paese e a produrre testimonianze del conflitto sociale e delle disuguaglianze prevalenti nel continente africano. Freelance per numerose agenzie internazionali, negli anni si è distaccato dall’iconografia del fotogiornalismo di denuncia per adottare un punto di vista più enigmatico, spesso rivolto alla strada. Come nei suoi lavori più recenti, anche in “Cagliari” le sue fotografie si soffermano su gesti e movimenti semplici, comportamenti e situazioni urbane consuete: frammenti sospesi delle vie del capoluogo sardo e dei suoi abitanti che sono al contempo delle finestre aperte verso le strade del mondo, offerte al nostro sguardo come nuovi spazi di riflessione.

Scrive il presidente della Fondazione di Sardegna, Antonello Cabras: “Il progetto “Cagliari” ci conduce in un viaggio verso una sospensione che in qualche modo racconta la stessa condizione attraversata da individui e gruppi di individui che per le ragioni più diverse, in innumerevoli momenti della propria evoluzione, si sono ritrovati a intraprendere un cammino al quale affidare la propria sopravvivenza. E in questa dimensione, è come se ci invitasse a sospendere noi stessi e il nostro giudizio, per osservare il tema con libertà e a occhio nudo”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Scoprire il Salento attraverso i classici della gastronomia: la tradizione delle ‘pittule’ rinate con lo street food

Scoprire il Salento attraverso i classici della gastronomia: la tradizione delle ‘pittule’ rinate con lo street food

Esistono cibi che nonostante il trascorrere degli anni, persino dei secoli, e il cambio degli usi e costumi, continuano ad essere apprezzati e...
Ostia antica e il Valentino provano  a diventare patrimoni dell’umanità

Ostia antica e il Valentino provano a diventare patrimoni dell’umanità

La Commissione Europea ha pubblicato l’elenco dei siti preselezionati a livello nazionale da candidarsi nell’ambito della selezione 2019 al marchio...
Dopo 10 anni riapre la Domus di Nerone

Dopo 10 anni riapre la Domus di Nerone

Dopo dieci anni di restauri, a Roma riapre al pubblico la Domus Transitoria, la prima reggia di Nerone sul Palatino. Il palazzo si chiama così perchè...
Meglio non aspettare l’estate per scoprire le tante bellezze della Puglia: da Trani ai trulli di Alberobello a Otranto

Meglio non aspettare l’estate per scoprire le tante bellezze della Puglia: da Trani ai trulli di Alberobello a Otranto

Anche se ormai la bella stagione è alle porte, il tema dominante in campo turistico è la destagionalizzazione, un’offerta turistica capace di...
A Busseto, nella tranquilla pianura di Parma, alla scoperta delle origini del grande maestro Giuseppe Verdi

A Busseto, nella tranquilla pianura di Parma, alla scoperta delle origini del grande maestro Giuseppe Verdi

L’immagine ottocentesca del grande maestro Giuseppe Verdi, simbolo dell’Italia Risorgimentale, del sentimento di patriottismo, ma anche del grande...

Weekly in Italian

Recent Issues