La guerra, lo sterminio degli ebrei, l’8 settembre nel libro dei ricordi di una famiglia abruzzese

La guerra, lo sterminio degli ebrei, l’8 settembre nel libro dei ricordi di una famiglia abruzzese

Un anno a Rovere è il titolo del libro di ricordi della famiglia Camiz: Paolo (5 anni), Elena e Vito, i genitori.

Rovere è una frazione del comune di Rocca di Mezzo, provincia dell’Aquila. L’autore principale, Paolo, ha ora 80 anni, ex docente universitario di Fisica teorica,  ha deciso di raccontare, attraverso i suoi temi di allora, i suoi disegni, le sue canzoni, i ricordi dei genitori, quel periodo della guerra trascorso in Abruzzo.

Un bambino di cinque anni che sapeva già leggere e scrivere, alla scuola dei suoi genitori. Padre ingegnere, un po’ anche poliglotta, madre intelligente e culturalmente apertissima. Un trio familiare così affiatato che affronta gravissime difficoltà, senza mai prostrarsi. Ebrei, ma con alto senso della propria dignità umana.

Il libro non vuole essere uno dei tanti che hanno speso fiumi d’inchiostro per raccontare le vicende degli ebrei perseguitati e finiti nei campi di sterminio. Consapevoli della loro situazione familiare critica non si arrendono, ma si adattano a tutte le condizioni di disagio materiale e psicologico. Nella frazione di Rovere, dove arrivano subito dopo l’8 settembre, trovano accoglienza e amicizia sincera. Lui è l’ingegnere. Il personaggio più qualificato del paese, capace di difendere i contadini perfino parlando con i tedeschi nella loro stessa lingua.

La narrazione procede con innumerevoli inserti di temi scritti dal piccolo Paolo. Anche lui un genietto, capace di apprendere il dialetto e di scriverlo, di stabilire amicizie profonde e significative con tutti, coetanei e donne anziane. Ne esce la descrizione della piccola frazione nei suoi aspetti più caratteristici, dal luogo con le case e le stalle alla gente semplice e gentile.
La madre, Elena, afferma: “La mia teoria era che non bisognava far vedere che si aveva paura, che ci si doveva mostrare il più disinvolti possibile e che, se si riusciva a stabilire un rapporto umano c’era qualche speranza di farla franca”.

Infatti, in un freddo e piovoso pomeriggio di novembre, un tedesco spalanca la porta ed entra. Elena lo accoglie chiedendogli se desidera una tazza di caffè. Ringrazia e chiede: “Ma lei conosce il tedesco?”, dal momento che Elena aveva cercato di rispondere un po’ in tedesco. Subito dopo entrano nella  cucina anche il marito e il figlio.  Vito, il marito, che conosce bene il tedesco parla a lungo con l’ospite che dichiara di essere sergente, ma anche professore di filosofia e appassionato di musica.

Nasce quindi un rapporto intenso e amichevole, anche per il fatto che Vito conosce la musica e suona il violino. Uno strumento col quale più volte Vito riesce a rallegrare i tedeschi e a renderseli amici.
Anche a Rovere, pur essendo una frazione sull’altipiano delle Rocche, passano le truppe della Wermacht e i prigionieri di guerra alleati fuggiti dai campi di concentramento e si verificavano  episodi di tedeschi che si spacciavano per prigionieri fuggiaschi, mentre ricercavano famiglie di italiani che li avevano  accolti per distruggerne poi le abitazioni.

Passano così i nove mesi della guerra in Abruzzo, con la fame che si cercava di lenire dividendo il pane che non c’era e con la forza d’animo di non cedere mai allo scoraggiamento e all’umiliazione. Nel mese di luglio del 1944, la famiglia Camiz ha la possibilità di tornare a Roma e di riprendere una nuova vita: non più quella di tentare in tutti i modi di emigrare nelle nazioni europee o sudamericane per evitare di essere arrestati dai nazisti e spediti nei forni crematori, ma la vita di tutti gli uomini degni di questo nome.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Dalle lotte per il lavoro al Nobel per la Deledda: 70 anni di emancipazione femminile tra Otto e Novecento

Dalle lotte per il lavoro al Nobel per la Deledda: 70 anni di emancipazione femminile tra Otto e Novecento

Quest'anno le Gallerie degli Uffizi celebrano l’8 marzo con una mostra dedicata all’impegno professionale e al talento delle donne in Italia, tra...
La trasformazione della società italiana raccontata a tre generazioni

La trasformazione della società italiana raccontata a tre generazioni

Per qualcuno rappresenta la sintesi di un’epoca difficile ma piena di fervore, per altri il ricordo di un periodo intriso di speranza dopo le...
Don Gianico, educatore al servizio del Molise e dei molisani all’estero

Don Gianico, educatore al servizio del Molise e dei molisani all’estero

All’indomani del secondo conflitto mondiale la popolazione residente in Trivento (Campobasso) superava i seimila abitanti; più della metà abitava...
Italia che cambia: il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano

Italia che cambia: il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano

C'è un'Italia che cambia volto con l'integrazione ma risulta che il 90 % dei figli della seconda generazione si sente al 100% italiano. L’...
La Villa Visconti Borromeo Litta, i giardini all’italiana e la musica rinascimentale

La Villa Visconti Borromeo Litta, i giardini all’italiana e la musica rinascimentale

Dedicato alla storica Villa Visconti Borromeo Litta il duplice evento in programma a Washington DC, nella sede dell’Ambasciata d’Italia composto di...

Weekly in Italian

Recent Issues