Alto Adige Pinot Noir

Alto Adige Pinot Nero is known for an enchanting bouquet of red cherries and wild berries intertwined with floral notes (violets)

Chances are good you’re aware that Italy’s northernmost province of Alto Adige, the self-governing region tucked away in Italy’s northeast, shouldered-up against Austria and Switzerland, has a reputation for producing a number of superb white wines. But it may surprise you to know that Alto Adige, or Südtirol, as it’s known by the local German-speaking population, is a focal point for the production of red wine made from Pinot Noir grapes.

The reputation of Pinot Noir as a communicator of even minute differences in terroir is well established. So distinctly has Pinot Noir demonstrated its terroir-reflective talent, principally set against the background of France’s Burgundy wine region, that to talk of Pinot Noir from elsewhere makes easy work of imagining “elsewhere” to be a hopeful second best comparison.

Whatever are one’s preferences, however, it’s important to understand that non-Burgundian terroirs are not really second best. It is a more accurate position to recognize that, for a given locale, Pinot Noir simply does what it does best, that is to say, Pinot Noir will express its unique qualities relative to place.

Alto Adige Pinot Nero has an enchanting bouquet or red cherries and wild berries, intertwined with floral notes


Which brings us, then, to why it is that Pinot Noir in Alto Adige - its cultivation there and the wines made from it - is of so much interest.

Not to get too far ahead of myself, I should first provide you a bit of relevant background.

Trentino Alto Adige is usually known for its whites, but the region’s Pinot Nero should be tried


Better known by its international name of Pinot Noir, the variety is referred to in Italian as Pinot Nero. I’ll use Pinot Nero, then, for the remainder of this article. Technically an international grape variety, Pinot Nero has been cultivated in Alto Adige for more than 100 years. Most would agree that the variety can produce divine wines. Agreement regarding the vine’s tendency to be finicky and difficult to cultivate could be reached just as easily. Too damp, and Pinot Nero’s thin skin is susceptible to rot; too warm, acidity may suffer; not quite content with its vineyard situation, and Pinot Nero loses its enthusiasm for achieving the sublime.

Alto Adige provides the delicate and over-particular Pinot Nero a sympathetic growing environment with characteristics for the making of excellent wines. In fact, the vine has adapted incredibly well to the elevation and climate of Alto Adige, especially in the Bassa Atesina and Oltradige areas. The region’s medium to high altitudes help to develop a higher level of acidity, something that at lower elevations or in climates too warm the vine struggles to do. When planted on sunny Alto Adige hillsides, Pinot Nero finds enough light and heat to encourage slow and even ripening. Perhaps most importantly, the fluctuation of diurnal temperatures contributes to the heady aromatics for which Pinot Nero is so well-known, one its greatest attributes.

The reputation of Pinot Noir as a communicator of even minute differences in terroir is well established

Alto Adige Pinot Nero is known for an enchanting bouquet of red cherries and wild berries intertwined with floral notes (violets)


In addition to being an expressive communicator of terroir, Pinot Nero is an adept and equally expressive reporter of any shortcomings in quality it may encounter. This is an especially interesting point inasmuch as in Alto Adige viticulture and winemaking tradition, Pinot Nero finds the high standards necessary to solicit one of its best performances, a result, perhaps, of embedded Germanic discipline and technical prowess.

Alto Adige Pinot Nero is known for an enchanting bouquet of red cherries and wild berries intertwined with floral notes (violets). The wines are finely textured, with a delicious sense of bitter almond that contributes to overall harmony. Good acidity provides framing and elegance –not to mention remarkable versatility with food - balanced by soft tannins. Pinot Nero can be enjoyed young and many wines have enough structure for cellar aging.

You will find Pinot Nero a grand accompaniment to a wide range of foods. It can be enjoyed with fish, poultry, roasted meat, game and light cheeses.

As you undertake to explore Alto Adige Pinot Nero, I shall offer you one bit of unsolicited advice: do not proceed by trying to find wines that taste like Pinot Noir from France. Or elsewhere, for that matter. You will miss the point. Entirely. Not to mention the pleasure of letting Pinot Nero do what it does best: showing you the unique aptitude of a given place – Alto Adige, in this case – to accommodate its exacting, wonderfully hard-to-please, brilliantly expressive character.

Note that Pinot Nero may be labeled, or also labeled, Blauburgunder (German), or Pinot Noir (French). Look for Südtirol / Alto Adige DOC.

Recommended producers include Abbazia Novacella, Castelfeder, Girlan, Gottardi, Franz Haas, Josef Hofstatter, Alois Lageder, St. Michael Eppan, Schreckbichl Colterenzio, Peter Zemmer.

Tasting Note:
Franz Haas Pinot Nero
Red and black cherries, wild berries, notes of pleasantly bitter almond, warm brown spice, and forest floor. Great energy on the palate, refreshing acidity. Extended finish with an aftertaste of marzipan, soft and elegant tannins. Grand. Imported by Empson USA.

Ci sono buone probabilità che sappiate che la provincia più settentrionale d'Italia dell’Alto Adige, la regione autonoma nascosta nel Nord-est d'Italia, confinante con l'Austria e la Svizzera, è nota per la produzione di un certo numero di eccellenti vini bianchi. Ma vi può sorprendere sapere che l'Alto Adige, o Südtirol, come è conosciuto dalla popolazione locale di lingua tedesca, è un punto focale per la produzione di vino rosso ottenuto da uve di Pinot Nero. 

La reputazione del Pinot Nero come comunicatore di differenze anche minime nel terroir è ben nota. Il Pinot Noir ha dimostrato così distintamente il suo talentuoso terroir, soprattutto se confrontato con il vino francese della Borgogna, che parlare di Pinot Noir di altri luoghi lascia facilmente immaginare che "altri luoghi" siano un promettente termine di paragone. 

Qualunque siano le proprie preferenze, tuttavia, è importante capire che i terroir borgognoni non sono davvero il secondo migliore termine di paragone. È meglio riconoscere che, per un dato luogo, il Pinot Noir fa semplicemente ciò che sa fare meglio, vale a dire che il Pinot Nero sa esprimere le sue qualità uniche rispetto al luogo. 

Il che ci porta, quindi, a capire perché il Pinot Nero in Alto Adige - la sua coltivazione lì e i vini prodotti da esso - sia di così grande interesse. Per non andare troppo lontano, dovrei prima dare un po’ di utile background.

Meglio conosciuto con il nome internazionale di Pinot Noir, in italiano la varietà si indica come Pinot Nero. Utilizzerò Pinot Nero, quindi, per il resto di questo articolo. Tecnicamente un vitigno internazionale, il Pinot Nero è coltivato in Alto Adige da oltre 100 anni. La maggior parte sarebbe d'accordo sul fatto che la varietà produce vini divini. Altrettanto facile da raggiungere è anche l'accordo relativo alla tendenza della vite ad essere esigente e difficile da coltivare. Troppa umidità   e la pelle sottile del Pinot Nero marcisce; troppo caldo e l'acidità può soffrirne; poco contenuto nel vigneto, e il Pinot Nero perde il suo entusiasmo per il raggiungimento del sublime. 

L'Alto Adige offre al Pinot Nero, delicato e sofisticato, un ambiente solidale di crescita con caratteristiche per la produzione di vini eccellenti. In effetti, la vite si è adattata incredibilmente bene all'elevazione e al clima dell'Alto Adige, in particolare nelle zone della Bassa Atesina e dell'Oltradige. Le altitudini medio-alte della regione aiutano a sviluppare un livello più elevato di acidità, qualcosa che a basse altitudini o in climi troppo caldi le uve difficilmente raggiungono. Quando viene piantato sulle colline soleggiate dell'Alto Adige, il Pinot Nero trova abbastanza luce e calore per incoraggiare una maturazione lenta e uniforme. Forse, la cosa più importante, la fluttuazione delle temperature diurne, contribuisce agli aromi inebrianti per i quali il Pinot Nero è così famoso, dato che questo è uno dei suoi maggiori attributi.

Oltre ad essere un comunicatore espressivo del terroir, il Pinot Nero è un esperto e altrettanto espressivo reporter delle eventuali carenze qualitative che può incontrare. Si tratta di una qualità particolarmente interessante in quanto nella viticoltura e nell’enologia tradizionale dell’Alto Adige, il Pinot Nero trova gli elevati standard necessari per offrire una delle sue migliori performance, un risultato, forse, di intima disciplina germanica e di abilità tecnica. 

Il Pinot Nero dell'Alto Adige è noto per l'incantevole bouquet di ciliegie rosse e frutti di bosco intrecciati con note floreali (violette). I vini sono finemente strutturati, con un delizioso senso di mandorle amare che contribuisce all'armonia generale. Una buona acidità fornisce struttura ed eleganza, per non parlare della notevole versatilità con il cibo, bilanciata da tannini morbidi. Il Pinot Nero può essere gustato giovane e molti vini hanno una struttura sufficiente per l'invecchiamento in cantina. 

Troverete il Pinot Nero quale ottimo accompagnamento per una vasta gamma di cibi. Può essere gustato con pesce, pollame, carne arrosto, selvaggina e formaggi leggeri. 

Mentre vi impegnerete ad esplorare il Pinot Nero dell'Alto Adige, offrirò un po’ di consigli non richiesti: non provate a cercare vini che assomigliano al Pinot Nero provenienti dalla Francia. O da altri luoghi, del resto. Sbagliereste. Completamente. Per non parlare del piacere di lasciare fare al Pinot Nero quello che sa fare meglio: mostrarvi l'attitudine unica di un luogo - Alto Adige, in questo caso - per accogliere il suo carattere esigente, meravigliosamente difficile da accontentare, e brillantemente espressivo. 

Si noti che il Pinot Nero può etichettare, o anche essere etichettato, Blauburgunder (tedesco) o Pinot Noir (francese). Cercate Südtirol / Alto Adige DOC. 

Produttori raccomandati includono: Abbazia Novacella, Castelfeder, Cornaiano, Gottardi, Franz Haas, Josef Hofstatter, Alois Lageder, San Michele Appiano, Colterenzio Colterenzio, Peter Zemmer. 

Note di degustazione: 
Pinot Nero di Franz Haas 
Ciliegie rosse e nere, frutti di bosco, note di mandorla piacevolmente amara, calda spezia scura e fondo di foresta. Grande energia al palato, acidità rinfrescante. Finale allungato con retrogusto di marzapane, tannini morbidi ed eleganti. Grande. Importato da Empson USA.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

We still miss you: 25 years without Federico Fellini

It was All Souls’ Day, and Rome had woken up under the rain. It makes you wonder, sometimes, the way Nature manages to read into the heart of the...

Consul General Antonio Verde says goodbye to Los Angeles at the end of his mandate

He had two very specific goals for his term in Los Angeles: to answer as best as possible to the needs of the Italian community, and to support...

Third Annual Week of Italian Cuisine in San Francisco

San Francisco welcomes Puglia’s culinary traditions and one of its best representatives, Chef Cicorella, during the Third Annual Week of Italian...

Dina Morrone’s “The Italian in Me” wins the Valley Theatre Award

“Call me! Federico Fellini wants to see you.” When actress Dina Morrone received this message from her agent, she didn’t think much of it and...

The last lighthouse keeper at Punta Carena

The lighthouse, a mysterious and poetic place, cherished by artists and writers: Virginia Woolf set one of her most popular novels, To the Lighthouse...

Weekly in Italian

Recent Issues