Oltre 45 milioni di dischi venduti nel mondo. Suzi Quatro porta nel cognome il nonno emigrato dall’Abruzzo

Oltre 45 milioni di dischi venduti nel mondo. Suzi Quatro porta nel cognome il nonno emigrato dall’Abruzzo

Suzi Quatro, bassista, cantante e attrice, è considerata un'importante esponente del glam rock degli anni ‘70

Quando emigrò, nel 1908, Michele Quattrocchi non avrebbe immaginato che sua nipote sarebbe diventata una star del firmamento rock. Invece, settanta anni dopo, sul palco  saliva una ragazza che avrebbe lasciato il segno con la sua musica aggressiva eppur melodica e che ancora oggi rappresenta una leggenda vivente della musica: Suzi Quatro. 
 
Nonno Michele  Quattrocchi nacque a Sulmona, nella provincia abruzzese dell’Aquila, figlio di Francesco e Orsola Gentile. Il giovane abruzzese arrivò ad Ellis Island viaggiando sul transatlantico “SS Cretic” e arrivato in America subì il primo trauma. Il suo cognome fu abbreviato e americanizzato in Quatro. 
Anni di duro lavoro in miniera non fiaccarono lo spirito di Michele che dopo pochi anni incontrò e poi sposò l’italo-americana Laura Boscoli. Dal loro matrimonio nacque Arturo, destinato a diventare ingegnere e a lavorare per la “Fisher Body Division” della “General Motors Corp.” di Detroit. 
 
Appassionato di musica, Arthur imparò a suonare il violino e fu definito un “bimbo prodigio”, divenendo negli anni anche un abilissimo ed apprezzato pianista. Suonò in una band jazzistica e tenne concerti di pianoforte a scopo beneficio. Girava per le varie case di riposo suonando per gli ospiti, coronando la sua vita privata con due matrimoni: Gladys Schiffer e poi Helen Szaniszlay (di origini ungheresi). Dal secondo matrimonio nacquero quattro figli e il 3 giugno 1950 arrivò al mondo Susan Kay che fin da bambina dimostrò di aver ereditato il talento musicale del padre.
La sua carriera iniziò a quattordici anni con l’ingresso nei gruppi Pleasure Seekers e Cradle. Nel 1971 venne chiamata dal produttore Micie Most in Inghilterra dove incise la sua prima canzone, Rolling Stone, un brano che non lasciò molte tracce se non in Portogallo dove si classificò primo. Il secondo singolo, Can the Can, raggiunse però la prima posizione in tutte le classifiche europee e australiane, seguito dai successi di 48 Crash, Daytona Demon e Devil Gate Drive. Nel suo paese natale però, Suzi Quatro non ottenne altrettanto successo nonostante la partnership con Alice Cooper.
 
Nel 1978 la sua canzone If You Can't Give Me Love raggiunse i primi posti nelle classifiche britanniche e australiane. Il brano Stumblin' In, registrato in coppia con Chris Norman, arrivò invece al quarto posto negli Stati Uniti. Il 1985 vide Suzi Quatro collaborare con i Bronski Beat,  The Kinks, Eddie & the Hot Rods. 
Nello stesso anno incise anche una versione di Heroes di David Bowie prodotta da Mark Cunningham e realizzata nel 1986 per il documentario Children in Need della BBC. 
Con 45 milioni di dischi, Suzi Quatro si colloca tra i giganti della musica rock ma altrettanto interessante è stata la sua attività di attrice per diverse serie televisive. Apparve in sette episodi del telefilm Happy Days, dove interpretava il personaggio di Leather Tuscadero, e in un episodio de L'ispettore Barnaby (Concerto per un assassino). 
Dopo tre anni di “cammei” regolari a Happy Days, nel 1980 il creatore della serie Garry Marshall offrì alla Quatro una sua propria serie spin-off, ma lei rifiutò. 
Tra i vari impegni professionali va ricordato anche il lavoro in teatro a Londra e la recitazione nella sitcom britannica “Absolutely Fabulous”. Anche The American ospitò il suo programma radiofonico della BBC. 
 
Suzi Quatro è stata sposata con il chitarrista Len Tuckey dal 1976 al 1992, da cui  ha avuto due figli. Si è risposata nel 1993 con Rainer Haas, un organizzatore di concerti tedesco.
Apprezzata bassista, cantante ed attrice, dopo oltre 50 anni di attività, Quatro è tutt’ora amata e seguita da milioni di fan. Nel 2016 Anglia Ruskin University gli ha conferito la laurea di “Dottore in Musica” per il suo straordinario contributo.
 
 
 
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

In un docufilm presto a Los Angeles 'Addio Italia, non tornerò. I nostri giovani, gli emigranti degli anni 2000'

In un docufilm presto a Los Angeles 'Addio Italia, non tornerò. I nostri giovani, gli emigranti degli anni 2000'

“Addio Italia, non tornerò. I nostri giovani, gli emigranti degli anni 2000” è il titolo del docufilm prodotto dalla Fondazione Paolo Cresci a cura...
La razzia. Roma, 16 ottobre 1943. Il cinema per il Giorno della Memoria

La razzia. Roma, 16 ottobre 1943. Il cinema per il Giorno della Memoria

Il 16 ottobre 1943 le forze naziste arrestano nella città di Roma oltre 1250 ebrei. Le vittime devono preparare le valigie e abbandonare le loro case...
Film italiani al Palm Springs International Film Festival

Film italiani al Palm Springs International Film Festival

L’edizione 2019 del Palm Springs International Film Festival (PSSIFF) ancora una volta punta i riflettori sull’opera di nuovi talenti emergenti e di...
La Passione per la lirica del siciliano di Jonathan Cilia Faro non conosce confini

La Passione per la lirica del siciliano di Jonathan Cilia Faro non conosce confini

La scelta di Jonathan Cilia Faro, tenore di fama internazionale, di vivere all’estero non è da leggersi come l’ennesima fuga di cervelli dal nostro...
La catanese Tiziana Caruso è Tosca, diva e donna dai valori indissolubili

La catanese Tiziana Caruso è Tosca, diva e donna dai valori indissolubili

L’ultima opera portata in scena è "Tosca" con la direzione musicale del Maestro Gianluigi Gelmetti e la regia di Claire Servais. Nel ruolo della...

Weekly in Italian

Recent Issues