L’emigrato abruzzese imbarcato USS Arkansas BB-33

L’emigrato abruzzese imbarcato USS Arkansas BB-33

Antonio Giuseppe D’Andreagiovanni (Anthony Joseph Daniger) l’abruzzese che combatté le più importanti battaglia della Seconda Guerra Mondiale: lo “Sbarco in Normandia”, la cruenta “Battaglia di Cherbourg”, le leggendarie conquiste di “Iwo Jima” e di “Okinawa” lo videro sempre coraggioso protagonista sulla nave “USS Arkansas BB-33”. Era nato a Montesilvano nel 1925.

Antonio Giuseppe D’Andreagiovanni, negli Stati Uniti divenne Anthony Joseph Daniger, nacque a Montesilvano, il 18 novembre del 1925, da Donato e Concetta. Le sue vicende, legate all’emigrazione, sarebbero state come una delle tante e non dissimili storie. Ma il ragazzo di Montesilvano invece visse, da protagonista, la Seconda Guerra Mondiale e con essa incontrò la Storia.

 Quasi tutti hanno letto dello “Sbarco in Normandia”, della cruenta “Battaglia di Cherbourg”, della leggendaria conquista di “Iwo Jima” e delle operazioni di “Okinawa”. Quasi tutti ne hanno sentito parlare ma Antonio Giuseppe D’Andreagiovanni le visse e combatté davvero.

Imbarcato, come marinaio, sulla “USS Arkansas BB-33” (nave da battaglia della United States Navy) si trovò a vivere da vicino e coraggiosamente vicende destinate a non essere mai più dimenticate. Antonio Giuseppe vide combattere, vide morire e vide issare vittoriosa la bandiera per la quale combatté. Ottenne per questo importanti riconoscimenti militari.

Poi una volta sbarcato dalla sua “USS Arkansas BB-33”, con umiltà e come ogni buon soldato, tornò nel suo piccolo villaggio di South Glens Falls nello Stato di New York. Venne spesso chiamato per ricordare quelle vicende e immancabilmente i suoi occhi si riempivano di lacrime.

Dopo la guerra il suo lavoro fu quello di rappresentante-venditore e in questo l’aiutò la sua proverbiale ed inarrestabile parlantina. Amò i cani e la caccia grazie ai quali, durante i duri anni trascorsi a Mechanicville, riuscì a procurare cibo per la sua famiglia.

Sposò, nel 1957, il grande amore della sua vita, Mary LaClair, dalla quale ebbe tre figli: Daniel, William e Anthony. Antonio Giuseppe D’Andreagiovanni (Anthony Joseph Daniger) morì il 19 novembre del 2015.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

La ricchezza culturale d'Italia anche nei 2200 anni di storia della comunità ebraica di Roma

La ricchezza culturale d'Italia anche nei 2200 anni di storia della comunità ebraica di Roma

“La democrazia esiste perché dà voce alle diversità, ai contributi differenti che vi sono nella società. E il contributo recato dalla Comunità...
Leonardo nella città di Vitruvio: studiosi a confronto sulle celebrazioni del cinquecentenario

Leonardo nella città di Vitruvio: studiosi a confronto sulle celebrazioni del cinquecentenario

Si può fare un primo bilancio culturale, ma non solo, delle molte mostre che in Italia, e in altri Paesi, sono state dedicate a Leonardo nell’anno di...
Settantesimo anniversario della National Science Foundation. L’Italia tra gli ospiti d’onore

Settantesimo anniversario della National Science Foundation. L’Italia tra gli ospiti d’onore

La National Science Foundation ha celebrato i suoi 70 anni di attività con un simposio ed una serata di gala a Washington. L’Italia era tra gli...
A Toronto 50 anni di ritratti italiani

A Toronto 50 anni di ritratti italiani

Jacopo Benassi, Gianni Berengo Gardin, Antonio Biasiucci, Lisetta Carmi, Tano D’Amico, Marco Delogu, Luigi Di Sarro, Marcello Galvani, Fausto...
Enit porta 100mila reperti per i suoi 100 anni: come l'Italia risorse dalla guerra con il turismo

Enit porta 100mila reperti per i suoi 100 anni: come l'Italia risorse dalla guerra con il turismo

Enit a caccia dei tasselli dell’Italia turistica: con oltre 100mila reperti di cui 20mila già digitalizzati inizia un’avventura nel tempo attraverso...

Weekly in Italian

Recent Issues