Sulle pendici del vulcano più grande d’Europa, a bordo del Treno dei Vini dell’Etna

Sulle pendici del vulcano più grande d’Europa, a bordo del Treno dei Vini dell’Etna

Avete mai pensato di percorrere le pendici dell’Etna, il vulcano più grande d’Europa, a bordo di un treno? Soprattutto, sapevate che a bordo di un’automotrice a scartamento ridotto della Ferrovia Circumetnea, si possono scoprire le strade ferrate del vino siciliano?

Il Treno dei Vini dell’Etna è un modo unico al mondo di vivere la vendemmia e il tempo autunnale, in un luogo unico al mondo.

L’iniziativa partita in aprile, si ripete con cadenza settimanale fino al primo fine settimana di dicembre: il treno fino a settembre partirà dalla stazione di Piedimonte Etneo,poi dalla stazione di Riposto per inoltrarsi poi, con il Wine Bus, (passerà ogni due ore da tutte le fermate) nelle Strade del Vino dell’Etna in modo da scoprire le più belle cantine dell’Etna.

A bordo del treno che percorre da centovent’anni questi luoghi si viaggia al ritmo della montagna, per capire gli ingredienti che danno vita alla vocazione vitivinicola di questa terra: luce, lava, sole, mare, la passione e la gente che abita questa magnifica area dell’isola dalla storia millenaria.

Mentre gli accompagnatori del Treno dei Vini dell’Etna vi raccontano (l'accompagnamento è disponibile in lingua italiana e inglese) gli intrecci culturali, sociali, storici, dal livello del mare si sale sempre più su, dentro i territori del Parco dell’Etna e del Parco Fluviale dell’Alcantara. A destra i Nebrodi, a sinistra il panorama del maestoso versante nord dell’Etna mantre la linea ferrata vi accompagna in un vero paradiso che la vendemmia rende spettacolare.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

Atterraggio a Torino e poi di corsa fino al noleggiatore più vicino. Pochi minuti e pochi chilometri dopo, si è già sulla strada con tanta voglia di...
A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

Dalla grande ricchezza del patrimonio italiano affiorano tesori da scoprire, come chiese, palazzi, musei e capolavori, conservati in centri minori...
Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

E’ intenso il colore dello Jonio, al largo, mentre è color perla vicino alla battigia di sabbia dorata. L’acqua trasparente. C’è un senso di amenità...
A Grado, in Friuli, per lasciarsi avvolgere dall'incanto di un rilassato panorama marinaro

A Grado, in Friuli, per lasciarsi avvolgere dall'incanto di un rilassato panorama marinaro

Un Festival dalla visione innovativa e ricco di contaminazioni e nuove forme d’arte. L’Alpe Adria Puppet Festival organizzato dal CTA - Centro Teatro...
In Basilicata per lasciarsi inebriare dai Palmenti di Pietragalla

In Basilicata per lasciarsi inebriare dai Palmenti di Pietragalla

Il nome del paese deriverebbe da “Pietra Gialla”, in riferimento riferita al colore del materiale impiegato per la costruzione delle case, il tufo...

Weekly in Italian

Recent Issues