Cooperazione scientifica tra l’Italia e Uc Davis: agroalimentare, biotecnologia, zootecnia e ingegneria sismica

Dopo Washington, dove ha incontrato Sonny Perdue, neo Segretario all'Agricoltura dell'amministrazione americana, il Ministro per le politiche agricole e alimentari Maurizio Martina è volato a San Francisco dove ha visitato il campus universitario di UC DAVIS.

Qui è stata “ufficializzata la firma del protocollo di cooperazione scientifica tra questa prestigiosa Università, specializzata in campo agroalimentare, biotecnologico, zootecnico e nel campo dell'ingegneria sismica, con il nostro Crea, Centro per la ricerca e l'economia agraria”.

Uc Davis, osserva Martina, “è senza alcun dubbio tra le migliori università al mondo per il settore, basta fare una breve visita al campus per capirne l'importanza e il valore. Possiede il più importante laboratorio di ricerca in campo vinicolo e attività su tutte le più importanti frontiere della ricerca e della tecnologia di settore: dell'agricoltura di precisione, alla zootecnia, dalla genetica e genomica vegetale alla chimica degli alimenti. Abbiamo incontrato alcuni dei ragazzi italiani che fanno ricerca qui, con una straordinaria passione per il loro lavoro e un grande desiderio di continuare a collaborare con il nostro Paese”.

“La partnership con il Crea – conclude il Ministro – penso possa essere un'occasione unica per sviluppare nuove relazioni internazionali sul versante della ricerca sempre più all'altezza del patrimonio agricolo e agroalimentare italiano riconosciuto e molto apprezzato anche a queste latitudini”.

A San Francisco, il Ministro, accompagnato dal console generale Lorenzo Ortona, ha anche visitato il Maria Manetti Shrem Museum of  Art. Quindi, in Consolato generale, ha assistito alla presentazione del progetto AgriOpenData di Ez Lab, start fondata da Massimo Morbiato.

AgriopenData, si legge sul sito di EzLab, “mira a creare un sistema di supporto decisionale per il settore agricolo che aiuterà e sostenere le aziende agricole per gestire correttamente i trattamenti erbicidi e fertilizzanti, attraverso la raccolta e lo sfruttamento dei dati aperti, integrati con le informazioni raccolte durante il lavoro sul campo”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Il Made in Italy agroalimentare conferma la sua leadership negli Usa. Italia Country Partner a San Francisco

Il Made in Italy agroalimentare conferma la sua leadership negli Usa. Italia Country Partner a San Francisco

Il Made in Italy agroalimentare conferma la sua leadership negli Usa e nella manifestazione Winter Fancy Food, al Moscone Center di San Francisco...
Le orecchiette di Bari Vecchia lanciano la destinazione Puglia a New York e negli Usa

Le orecchiette di Bari Vecchia lanciano la destinazione Puglia a New York e negli Usa

Quando è scoppiata la querelle sulle orecchiette vendute a Bari vecchia senza denominazione di provenienza, il New York Times, che nel 2019 aveva...
Il turismo in Italia: 360 milioni di notti trascorse dagli stranieri nella Penisola (pari a 40 miliardi)

Il turismo in Italia: 360 milioni di notti trascorse dagli stranieri nella Penisola (pari a 40 miliardi)

L’Italia sfoggia i suoi primati e si prepara al 2020 con una strategia orientata a nuovi mercati e segmenti. Stando all’Ufficio Studi Enit sono oltre...
Pitti Immagine Uomo. La moda italiana apre le passerelle 2020

Pitti Immagine Uomo. La moda italiana apre le passerelle 2020

Pitti Immagine Uomo ha portato a Firenze dal 7 al 10 gennaio i player più importanti del menswear e del lifestyle contemporanei. Una pluralità di...
Il 2019 chiude con un record storico per l'export del Made in Italy alimentare

Il 2019 chiude con un record storico per l'export del Made in Italy alimentare

È record storico per il Made in Italy alimentare sulle tavole delle festività di tutto il mondo con l’export di vini, spumanti, panettoni, formaggi,...

Weekly in Italian

Recent Issues