Spazi pluriarticolati di architettura innovativa per l’arte del toscano Marco Bagnoli

Spazi pluriarticolati di architettura innovativa per l’arte del toscano Marco Bagnoli

(Ph. courtesy Marco Bagnoli)

Ha aperto i battenti l'atelier Marco Bagnoli, un edificio a Montelupo Fiorentino, che nasce dalla collaborazione tra l’artista Marco Bagnoli e l’architetto Toti Semerano che ne firma il progetto architettonico. L’edificio è il nuovo studio dell’artista: uno spazio pluriarticolato di innovativa concezione che ospita anche l’archivio. Un’opera d’arte in sé.
 
La figura di Marco Bagnoli comincia a delinearsi alla metà degli anni Settanta e da allora la sua presenza è costante sulla scena dell’arte, basti pensare alle sue partecipazioni a grandi mostre, dalla Biennale di Venezia (1982, 1997) a Documenta a Kassel (1982, 1992) e al Sonsbeek di Arnhem (1986); alle sue personali presso prestigiose istituzioni artistiche quali De Appel, Amsterdam (1980 e 1984), Centre d’Art Contemporain, Geneve (1985), Musée Saint-Pierre Art Contemporain, Lyon, (1987), Magasin, Grenoble (1991), Castello di Rivoli (1992), Centro per l’Arte Contemporanea ‘Luigi Pecci’, Prato (1995), Centre del Carme, Valencia (2000), České Muzeum Výtvarných Umění, Praha (2009), Madre, Napoli (2015); ai suoi passaggi in grandi musei, dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma al Centre Georges Pompidou di Parigi.

L’artista ha anche seguito un percorso del tutto personale, realizzando installazioni in situ in luoghi di eccezionale valore artistico e architettonico, storico e spirituale, come la Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino (1981), la Cappella Pazzi (1984), la Sala Ottagonale della Fortezza da Basso (1989) e la Basilica di San Miniato al Monte (1992,1994 e 2012), il Forte di Belvedere (2003 e 2017) e il Giardino di Boboli (2013) a Firenze, e le sale del Palazzo Pubblico di Siena (2001).
Le sue opere si trovano in importanti collezioni internazionali e installazioni permanenti gli sono state commissionate da istituzioni pubbliche e mecenati privati. Tra le opere in permanenza ricordiamo Amore e Psiche (2010) per la Grande Voliera del Parco Mediceo di Pratolino.
 
l'atelier Marco Bagnoli è anche sede dell’Associazione spazioxtempo, un progetto di ampia visione il cui scopo è la realizzazione di attività che contemplino l’interazione fra arte, impresa e territorio. Marco Bagnoli è ideatore e fondatore dell’Associazione, il cui consiglio direttivo è presieduto da Pier Luigi Cecioni, editore e imprenditore, il cui segretario è Alessandro Belisario, organizzatore culturale, già dirigente della Provincia di Firenze, e consigliere Lorenzo Bagnoli, figlio di Marco e manager dell’azienda di famiglia.
 
Se arte, impresa, territorio è, al momento, il fulcro del progetto di attività dell’Associazione, Marco Bagnoli ne è il riferimento imprescindibile. Figura complessa dalle molteplici sfaccettature: di formazione scientifica, è artista e industriale, una presenza sul territorio grazie ad un’operatività che spazia dall’attività di sviluppo nell’azienda fondata dal padre Renzo - a cui la creazione stessa dell’ATELIER vuol rendere testimonianza - a quella specificatamente artistica, che lo colloca in primo piano nel quadro dell’arte internazionale del nostro tempo. Queste caratteristiche rendono l’ATELIER  un’iniziativa unica per ispirazione e tipologia nella cultura contemporanea.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Da Palazzo Strozzi l'arte contemporanea si mette 'in Contatto' con il mondo

Da Palazzo Strozzi l'arte contemporanea si mette 'in Contatto' con il mondo

Palazzo Strozzi a Firenze attraverso il progetto In Contatto ripensa la propria presenza nel mondo digitale cercando di trasformare un periodo di...
Al Museo Nazionale Romano la Giornata Mondiale della Poesia

Al Museo Nazionale Romano la Giornata Mondiale della Poesia

Il 21 marzo, in occasione della Giornata Mondiale della Poesia, il Museo Nazionale Romano presenta, con una diretta dalle ore 12.00 sulla propria...
La collezione degli Uffizi si arricchisce di 82 disegni antichi e 25 acqueforti secentesche

La collezione degli Uffizi si arricchisce di 82 disegni antichi e 25 acqueforti secentesche

Donato al Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi un inestimabile insieme di disegni antichi e acqueforti, riunito con passione nell’arco...
La fortuna degli artisti e dei collezionisti d'inizio Novecento

La fortuna degli artisti e dei collezionisti d'inizio Novecento

Come si sa il collezionismo moderno, quello che fa muovere soldi e opere d’arte e cultura, si è consolidato e diffuso negli Stati Uniti agli inizi...
Le spine bianche di Giagnacovo: riflessione artistica sulla condizione della donna nel terzo millennio

Le spine bianche di Giagnacovo: riflessione artistica sulla condizione della donna nel terzo millennio

A L'Aquila la personale di Donatella Giagnacovo dal titolo “…di bianche spine”. Un’istallazione artistica, curata dalla giornalista e storica dell’...

Weekly in Italian

Recent Issues