Il paese delle cupole: Alberobello, il geniale esempio di architettura spontanea

Il paese delle cupole: Alberobello, il geniale esempio di architettura spontanea

Il nome deriva dal tardo greco τρούλος, ovvero “cupola” e indica delle antiche costruzioni coniche in pietra a secco di origine preistorica. La pietra usata per le costruzioni era ricavata dalle rocce calcaree dell’altopiano delle Murge.

I Trulli, presenti principalmente nella Valle d’Itria, situata tra le province di Brindisi, Bari e Taranto, sono utilizzati ancora oggi come abitazioni e costituiscono un geniale e longevo esempio di architettura spontanea.

Alberobello, cittadina dell’entroterra barese, rappresenta senz’altro la capitale dei Trulli: il centro storico è integralmente costituito da questi particolari edifici di forma piramidale che lo rendono unico al mondo. E' uno dei 53 siti italiani inseriti dall’Unesco nella World Heritage List. I trulli sono un esempio unico di costruzione antica che sopravvive ed è utilizzata ancora oggi.  Visitare la stupenda Alberobello è come fare un viaggio in un paese senza tempo.

Secondo alcuni studi i trulli di Alberobello risalirebbero alla metà del XIV secolo; all'epoca infatti era comune abbattere e ricostruire gli edifici dissestati, piuttosto che ripararli. La costruzione a secco, senza malta, sembra sia stata imposta ai contadini nel XV secolo dai Conti di Conversano, per sfuggire a un editto del Regno di Napoli che imponeva tributi a ogni nuovo insediamento urbano. Tali edifici risultavano perciò costruzioni precarie, di facile demolizione e non tassabili.

In verità i trulli sono tutt’altro che precari: la struttura interna, seppur priva di elementi di sostegno e collegamento, possiede infatti una straordinaria capacità statica.

La pianta del trullo è approssimativamente circolare; sulla base di roccia naturale si innesta la pesante muratura in calce. Generalmente i trulli sono unità modulari: gli ambienti interni sono distribuiti intorno al vano centrale. Lo spessore delle mura e la scarsa presenza di finestre assicurano un ottimale equilibrio termico: calore in inverno e fresco in estate. Il tetto è composto da una pseudo-cupola di lastre calcaree orizzontali posizionate in serie concentriche sempre più piccole - le cosiddette “chianche” (all’interno) e le più sottili “chiancarelle” (all’esterno). Importantissima la chiave di volta, spesso decorata con motivi  di carattere esoterico, spirituale o propiziatorio. Ingegnosa la presenza di un cornicione sporgente dal tetto utilizzato per la raccolta delle acque piovane in apposite cisterne.

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Le Cronache ispirate a Narni non raccontano la bontà del Ciliegiolo, vitigno tenace già noto agli antichi Romani

Avete mai sentito parlare di Narnia? È un mondo immaginario popolato da maghi, streghe e personaggi fantastici, creato dallo scrittore britannico...
Il gusto domina le colline di Valdobbiadene dove appena 108 ettari regalano il prosecco superiore di Cartizze

Il gusto domina le colline di Valdobbiadene dove appena 108 ettari regalano il prosecco superiore di Cartizze

Acqua, terra e storia. Impasta il tutto e aggiungi i profumi inconfondibili del radicchio tardivo e della casatella. Mentre sali in bicicletta sulle...
Il cielo fa da tetto all’Abbazia cistercense di San Galgano e una spada nella roccia sfida i puri di spirito

Il cielo fa da tetto all’Abbazia cistercense di San Galgano e una spada nella roccia sfida i puri di spirito

Toscana arcaica. Toscana d’arte. Nel piccolo comune di Chiusdino, le grandi mura di un antico edificio religioso rimandano a un antico splendore...
Scoprire il Molise attraverso i suoi vigneti e le uve che donano il Tintilia

Scoprire il Molise attraverso i suoi vigneti e le uve che donano il Tintilia

Tintilia! Tintilia!! Tintilia!!! E’ un vino da sei punti esclamativi, come nella leggenda di Enrico V di Germania. Si narra che nell'anno 1111 Enrico...
Tra Langhe e Monferrato colline e strade dolci come il miele di Roero, dove si allevano famiglie di api

Tra Langhe e Monferrato colline e strade dolci come il miele di Roero, dove si allevano famiglie di api

Langhe, Roero e Monferrato. Sono pochi quelli che non conoscono questi tre territori piemontesi inseriti dall’Unesco tra i patrimoni dell’Umanità...

Weekly in Italian

Recent Issues