Viaggio spirituale lungo la Via Sacra o tra le impronte dei dinosauri: tesori garganici per tutti i gusti

Viaggio spirituale lungo la Via Sacra o tra le impronte dei dinosauri: tesori garganici per tutti i gusti

L’arco naturale dovuto all’erosione calcarea lungo lo scenografico litorale di Vieste, in Puglia

Diciotto comuni, un solo territorio, mille emozioni per una vacanza adatta a tutti. Il Parco  Nazionale del Gargano ha la fortuna di avere al suo interno tutto ciò che una vacanza richiede, cioè mare, natura, montagna, cultura, storia ed enogastronomia.
 
Il Parco del Gargano ricopre un'area di circa 120.000 ettari, al cui interno si trovano una serie di habitat unici nel loro genere. Si passa dalle fitte foreste, alla macchia mediterranea, dai grandi altipiani carsici, alle ripide falesie sul mare, punteggiate da grotte marine, dalle boscose valli che scendono al mare, alle Lagune costiere di Lesina e Varano.
Anzitutto la natura. Il Gargano offre la piacevole opportunità di viverla al massimo: nelle radure, tra i fichi d'India, fioriscono le orchidee selvatiche che sono presenti con circa 85 specie e ne fanno la zona più ricca di Europa. 
Inoltre la Foresta Umbra permette di scoprire un ricco ecosistema dove vivono in  armonia migliaia di specie animali come daini,  caprioli, picchi, donnole e una flora variegata di faggi, querce e lecci.
 
La spiritualità si esprime attraverso un itinerario religioso che non può non contemplare Monte Sant'Angelo e San Giovanni Rotondo, seguendo il percorso della “Via Sacra Langobardorum”, ossia la via Francigena del Sud. 
La strada percorsa dai fedeli provenienti dal Tavoliere settentrionale, vede come prima tappa il Santuario della Madonna di Stignano, del XVI secolo, poi S. Marco in Lamis, con il monastero di S. Matteo Apostolo, la cui biblioteca custodisce preziosi volumi, e reperti archeologici, quindi prosegue verso l’antico centro di S. Giovanni Rotondo, famoso per le opere compiute da Padre Pio. Si giunge così alla tappa successiva di Monte Sant’Angelo per la visita alla Grotta dell’Arcangelo Michele,  sicuramente il luogo più intenso del  percorso religioso,  dove il paesaggio spirituale contribuisce fortemente alla meditazione.
 
Un tuffo nella preistoria e nella paleontologia è possibile a  Borgo Celano, frazione di San Marco in Lamis, con il Parco dei dinosauri.
Alla luce degli eccezionali ritrovamenti di orme di dinosauri rinvenute nel territorio, il museo propone pannelli illustrativi, filmati, diorami e ricostruzioni di luoghi basati su studi scientifici, per preparare il visitatore al percorso esterno. Nel parco è stato allestito un sentiero illustrato da percorrere per poter vivere l’emozione dell’incontro con tracce reali, anche attraverso la ricostruzione di un habitat naturale e incontaminato, tra piante locali e specchi d’acqua, fra tracce e impronte, in cui ci si imbatte in creature in dimensioni reali vissute proprio su questo territorio 120 milioni di anni fa.
 
Altro sito interessante di archeologia, questa volta  industriale, è la dismessa miniera di bauxite di Santa Barbara a San Giovanni Rotondo, in cui la terra in superficie è ancora rossa e i ricordi della gente del posto che ha visto i propri genitori lavorarvi è vivo e drammaticamente raccontato. La miniera è stata attiva dal 1937 al 1973 e ora si è cercato di realizzare un percorso di memoria, tutela e valorizzazione della miniera. Attualmente speleologi e ambientalisti del posto hanno cercato di riqualificare l’area con visite didattiche e soprattutto con la creazione di un allestimento museale che consente al visitatore di conoscere, attraverso archivi e filmati d’epoca, ciò che avveniva  nel ventre della terra.
 
Non si può lasciare questa zona senza aver visitato Vieste, detta la perla del Gargano, la città più orientale del promontorio, che, oltre ad offrire opportunità balneari, custodisce un centro storico medievale, un grazioso dedalo di stradine e abitazioni di un tempo. Vale la pena esplorare il borgo antico, visitare la Cattedrale e raggiungere piazzetta Petrone, splendido belvedere sul litorale, mentre il castello è visibile solo all'esterno. Vieste incanta con le spiagge rosa argento, le acque limpide e cristalline, le alte falesie, le 26 grotte marine e i  trabucchi, antiche strutture dedite alla pesca, spesso ma per fortuna non sempre trasformati in scenografici ristorantini sospesi sull’Adriatico. 
 
Per finire, il palato si delizia da queste parti: le antiche tradizioni gastronomiche pugliesi vengono rigorosamente tramandate e rispettate sulle tavole dei ristoranti con piatti dal gusto inconfondibile, grazie  alla genuinità delle materie prime a km zero.
 
Di certo il simbolo della cucina garganica sono le orecchiette con cime di rapa, ma ci sono anche piatti a base di selvaggina locale, di pesce e di formaggi tipici come il caciocavallo podolico, prodotto con il latte di vacca podolica. Il pane viene utilizzato spesso anche  raffermo per pietanze uniche come il pancotto. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

La roccia calcarea di Ispica e la suggestione di Modica, patrimonio dell’Umanità

La roccia calcarea di Ispica e la suggestione di Modica, patrimonio dell’Umanità

Procura una piacevole trepidazione l’andare verso Modica, specie quando a Rosolini l’autostrada d’improvviso finisce, confluendo in un’arteria di...
Grand tour nello spettacolare Golfo di Napoli: da Capri alla Villa San Michele di Anacapri

Grand tour nello spettacolare Golfo di Napoli: da Capri alla Villa San Michele di Anacapri

La mappa letteraria di Capri è ricca di luoghi che rievocano scrittori, artisti, poeti, personaggi anche molto eccentrici, come il barone Fersen,...
Festa dello Spirito nella Basilica di Collemaggio: si celebra la Perdonanza Celestiniana

Festa dello Spirito nella Basilica di Collemaggio: si celebra la Perdonanza Celestiniana

Il 28 agosto, come tutti gli anni dal 1294, all'Aquila, la nostra stupenda città "di fondazione", fondata cioè con il concorso dei Castelli vicini,...
All’imbocco della Valle d’Aosta, su uno sperone roccioso, svetta l’architettura militare del Forte di Bard

All’imbocco della Valle d’Aosta, su uno sperone roccioso, svetta l’architettura militare del Forte di Bard

Vi si sale per la stretta valle solcata dalla Dora Baltea lungo la Statale 26 che da Ivrea conduce ad Aosta. Dalla cittadina piemontese, dichiarata...
Il verde è il colore del relax: ecco perchè tra boschi e prati, il Subappennino Dauno è perfetto per le vacanze

Il verde è il colore del relax: ecco perchè tra boschi e prati, il Subappennino Dauno è perfetto per le vacanze

La Puglia è una regione che non finisce mai di stupire persino il suo più profondo conoscitore con i suoi colori, che cambiano da zona a zona,...

Weekly in Italian

Recent Issues