A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

La città di Caserta terrà a battesimo la prima edizione del Premio internazionale d’Arte, Poesia e Prosa “Caserta 2017 - La Catena della Pace”

La città di Caserta terrà a battesimo, il 20 e 21 aprile 2017, la prima edizione del Premio internazionale d’Arte, Poesia e Prosa “Caserta 2017 - La Catena della Pace”, un evento organizzato dall’Associazione Culturale Verbumlandiart di Lecce, in partnership con l’Associazione Valori & Rinnovamento, e dalla Pro Loco di Caserta, con il patrocinio della Municipalità del capoluogo campano. Numerose le collaborazioni di associazioni culturali, sociali e di solidarietà nello spirito di pace che Verbumlandiart anima con le iniziative promosse in Italia e all’estero, una straordinaria catena che all’arte e alla letteratura unisce la specifica missione di promuovere la Pace, il dialogo e il rispetto reciproco tra popoli e culture.

L’associazione Verbumlandiart si fa portavoce dei valori culturali dei vari Paesi, dei loro sentimenti di amicizia e di pace. Solo nel reciproco rispetto delle specifiche identità nazionali e culturali può affermarsi e crescere una cultura di Pace, dall’empatia con le diversità e dal confronto con l’altro.

E’ nato così il progetto “Catena della Pace”, con la primaria missione di offrire stimoli per la formazione di cittadini d’una società sempre più aperta e multiculturale, che viva in un clima di rispetto e di dialogo continuo. La Cultura della Pace deve uscire dall’interiorità individuale e diventare fenomeno comunitario e sociale, con iniziative d’aggregazione in cui la diversità etnica, religiosa e culturale si viva come un arricchimento e non come problema. Un progetto di buone pratiche che contribuisca a formare i nuovi “cittadini del mondo”, capaci di affrontare e governare con sapienza ed apertura i problemi generati dalla convivenza di culture, religioni e convinzioni politiche diverse, oggi sempre più presenti nelle nostre società.

Regina Resta, infaticabile presidente di Verbumlandiart e fine poetessa, così dichiara: “Ci stiamo organizzando affinché le ragioni della Pace, del dialogo e della collaborazione tra i popoli camminino insieme alla salvezza dell’Ambiente. Ci sono scelte culturali e politiche che possono porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili, che contribuirebbe anche alla fine delle guerre e delle violenze che insanguinano il mondo e fermerebbe i cambiamenti climatici che sono già una drammatica realtà. L’utilizzo di fonti rinnovabili, presenti in maniera diffusa su tutto il pianeta, garantirebbe il diritto all’energia per miliardi d’uomini e donne e ridurrebbe l’inquinamento dell’aria con enormi vantaggi per la salute. Perché tutti gli esseri umani vedano riconosciuto il loro diritto all’energia e perché al tempo stesso siano salvaguardati gli equilibri ambientali e climatici, occorre innanzi tutto superare l’attuale squilibrio, nei consumi energetici, tra Nord e Sud del mondo. La Pace e l’Ambiente sono Beni comuni dell’Umanità: la Pace si costruisce investendo in Cultura e nella salvaguardia dell’Ambiente.

Il Premio internazionale “Caserta 2017” è quindi un’ulteriore tappa del progetto “La Catena della Pace”, che coltiva il dialogo e la cultura di Pace tra i numerosi parteciparti al concorso d’Arte, Poesia e Prosa.

L’importante evento si aprirà Giovedì 20 aprile, alle ore 17, con la mostra d’arte contemporanea, allestita presso la Biblioteca comunale “A. Ruggiero” in via Lodati 9. L’esposizione resterà aperta fino al 3 maggio, con i seguenti orari d’apertura: da lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 18, sabato dalle 10 alle 12:30.

Questi, secondo le decisioni della Giuria per la Letteratura, i Vincitori primi classificati. In lingua italiana: ex aequo Enzo Bacca e Dorotea Matranga per la Poesia e Giuseppe Milella per la Silloge; Paolo Miggiano per la Prosa. In lingua straniera, vincitori assoluti i poeti serbi Mika Vlacovic Vladisavljevic e Borisav Blagojevic.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Pompei gioiello unico: riaprono la Casa del Frutteto, della Nave Europa e dopo 40 anni la Domus degli Amanti

Pompei gioiello unico: riaprono la Casa del Frutteto, della Nave Europa e dopo 40 anni la Domus degli Amanti

La rinascita di Pompei continua. Lo dice con orgoglio il ministro della cultura Dario Franceschini illustrando la fine dei lavori di messa in...
Cataldi e Biondi alla Galleria Nazionale di Roma

Cataldi e Biondi alla Galleria Nazionale di Roma

Quante peripezie per anni hanno afflitto la grandiosa scultura dei ‘Saturnali’ di Ernesto Biondi collocata, sin dagli inizi del 1900, nel chiostro di...
Da Cambiaso a Magnasco: il fascino degli sguardi nella ritrattistica genovese

Da Cambiaso a Magnasco: il fascino degli sguardi nella ritrattistica genovese

Sarà aperta fino al 28 giugno al Palazzo della Meridiana a Genova un'eccezionale mostra dedicata alla ritrattistica genovese dalla metà del...
Modigliani e la sua pittura rivoluzionaria: 100 anni fa scompariva uno dei più influenti interpreti del secolo scorso

Modigliani e la sua pittura rivoluzionaria: 100 anni fa scompariva uno dei più influenti interpreti del secolo scorso

Amedeo Modigliani è stato uno degli artisti più importanti ed influenti del ‘900. Morì cento anni fa in miseria e disperazione nell’ospedale dei...
La divisa di lavoro in 600 scatti: a Bologna 44 fotografi

La divisa di lavoro in 600 scatti: a Bologna 44 fotografi

La Fondazione Mast presenta a Bologna Uniform into the work/out of the work, il nuovo progetto espositivo curato da Urs Stahel dedicato alle uniformi...

Weekly in Italian

Recent Issues