Firenze con gli occhi di Ramon Van der Ven

Firenze con gli occhi di Ramon Van der Ven

Fino al 19 maggio l’Istituto Universitario Olandese di Storia dell’Arte di Firenze ospita la mostra Italian Hours

Fino al 19 maggio l’Istituto Universitario Olandese di Storia dell’Arte di Firenze ospita la mostra Italian Hours, che raccoglie 28 dipinti realizzati dall’artista olandese Ramón van der Ven, risultato della sua recente residenza all’Istituto. Una selezione di opere realizzate dal vivo, curata dal direttore dell'Istituto Michael W. Kwakkelstein, con cui l’artista ha cercato di catturare lo scorrere del tempo in alcuni dei luoghi più magici e rappresentativi della città di Firenze, rendendo le differenti atmosfere dei vari momenti della giornata ma anche l’alternarsi delle stagioni, grazie a combinazioni intense di colori e ad un utilizzo virtuoso del pennello e di svariate tecniche, che Ramón van der Ven ha acquisito in quasi venti anni di carriera. L'artista ha mostrato predisposizione fin da piccolo e a 18 anni di età ha lasciato gli studi per dedicarsi alla pittura.
 
Scorci dell’Istituto Olandese, degli Uffizi, del Giardino di Boboli e di altri monumenti simbolo di Firenze ma anche vedute di strade panoramiche dei colli fiorentini e di attimi conviviali, in grado di rappresentare perfettamente l'impatto che ha avuto sull’artista la lunga permanenza in città, a stretto contatto con le sue bellezze e con l’ambiente naturale che la circonda. Dipinti che testimoniano l’assoluta sensibilità per la luce di Ramón van der Ven, elemento primario del suo stile, influenzato dal lavoro di grandi maestri del passato e dall’osservazione della realtà.
 
Inoltre, saranno esposti alcuni ritratti in cui l’artista adopera la tecnica pittorica dal vero “sight-size”, molto utilizzata anche dal pittore statunitense John Singer Sargent (Firenze 1856 - Londra 1925), la cui grande capacità di catturare gli effetti sfuggenti della luce, del colore e dell’atmosfera è da sempre fonte di ispirazione per Ramón, affiancati da una scultura e alcuni disegni.
 
Ramón van der Ven è nato a Breda, in Olanda, nel 1980. All'età di 18 anni, invece di scegliere la formazione accademica, ha preferito perfezionare la sua tecnica traendo ispirazione dal lavoro di famosi artisti del passato e dall’osservazione della natura. Operando al di fuori dell’ambiente istituzionale, unisce i tradizionali valori pittorici con la personale percezione dei paesaggi dei molti Paesi che ha visitato. Durante il suo primo soggiorno a Firenze, all'età di 21 anni, ha visitato il Charles H. Cecil Studios, studio privato che offre una formazione nella pratica e nella tradizione del disegno e della pittura dal vero. Al suo ritorno a Breda, nel 2001, ha dato vita alla Fondazione Vanderven con la volontà di creare una realtà dove insegnare le tecniche apprese in Italia ai giovani artisti artisti emergenti, e che rappresenta una valida alternativa alle tradizionali accademie d'arte.
 
Dopo un lungo periodo di viaggi tra l’Europa e il Sud America, Ramón ha tenuto nel 2012 in una galleria di Londra la sua prima mostra personale, che riuniva paesaggi, ritratti, studi di figura, acquerelli, disegni e sculture. Nella primavera del 2016 ha trascorso alcuni mesi di residenza artistica all’Istituto Universitario Olandese di Storia dell’Arte di Firenze, i cui risultati si possono ammirare in questa mostra.
 La mostra è organizzata dall'Istituto Universitario Olandese di Storia dell'Arte, in collaborazione con Miriam Welsing, direttore dell’agenzia MIRacoli www.miracoli.it
L’Istituto Universitario Olandese di Storia dell’Arte di Firenze, fondato nel 1958, promuove la florida tradizione di scambio culturale tra l’Italia e i Paesi Bassi, attraverso un’intensa attività di ricerca sull’arte italiana, l’arte olandese e fiamminga e il lavoro degli artisti olandesi e fiamminghi nel nostro Paese. L’Istituto offre alloggio a studiosi e studenti provenienti dai Paesi Bassi e non solo, mettendo a disposizione numerosi strumenti di ricerca e formazione, tra cui la fornita biblioteca. Vengono pubblicate annualmente opere accademiche e organizzati convegni internazionali, conferenze e corsi di approfondimento. L'Istituto fa parte dell'Università di Utrecht ed è amministrato dal Comitato esecutivo degli Istituti Accademici Olandesi all’estero. Info: www.niki-florence.org
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Modigliana sull’Appennino tosco-emiliano, dove le vigne del Sangiovese sono un lascito dei Romani

A Modigliana sull’Appennino tosco-emiliano, dove le vigne del Sangiovese sono un lascito dei Romani

Il toponimo Modigliana si fa risalire al Castrum Mutilum (poi Mutiliana) di Tito Livio, campo militare in cima al colle dove si trova ora il convento...
Avete mai dormito tra mura medievali? La Casa Torre Ricci-Donati del 1100 restituita a Firenze

Avete mai dormito tra mura medievali? La Casa Torre Ricci-Donati del 1100 restituita a Firenze

Due anni e mezzo di lavori, oltre 2 milioni di euro di investimento e un intervento di recupero e valorizzazione che svela finalmente l'antica...
A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

Atterraggio a Torino e poi di corsa fino al noleggiatore più vicino. Pochi minuti e pochi chilometri dopo, si è già sulla strada con tanta voglia di...
A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

Dalla grande ricchezza del patrimonio italiano affiorano tesori da scoprire, come chiese, palazzi, musei e capolavori, conservati in centri minori...
Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

E’ intenso il colore dello Jonio, al largo, mentre è color perla vicino alla battigia di sabbia dorata. L’acqua trasparente. C’è un senso di amenità...

Weekly in Italian

Recent Issues