A Segusino il presepe che ricorda la Tregua di Natale del 1917

A Segusino il presepe che ricorda la Tregua di Natale del 1917

Natale, tempo di presepi. E di riflessione. A Segusino, oggi piccolo e accogliente paese del Veneto, Natale 2017 fa rima con il 1917 e invita a ricordare il Natale di cento anni prima. Un Natale di guerra. L’ultimo Natale della prima  sanguinosa Guerra Mondiale.

Segusino, Quero, Vas, Alano di Piave, ancora oggi vivono all’ombra del Monte Grappa, ma cento anni fa, tra il 1917 e il 1918 furono teatro di una tragica pagina della storia italiana.  Sulle case di queste quattro borgate, quel tragico inverno del 1917 si sparava per fermare l’avanzata austriaca. E bisognava resistere sulle sponde del Piave. Dal  Monte Grappa, dal Monte Tomba, dal Monfenera partiva il fuoco “amico”, che distruggeva case e beni dei già poveri abitanti delle borgate e il  Natale di quell’anno venne vissuto in trincea. Non ci furono tregue natalizie importanti, come era accaduto nel 1914 tra francesi, inglesi e tedeschi. Ma tra il 1914 e il 1917 era stato versato troppo sangue e il gas nervino di Ypres aveva tolto ogni connotato “umano” a una guerra divenuta totale e straziante.
Eppure, anche tra le pieghe di quei terribili giorni nacquero  rapporti di “amicizia” tra soldati avversari, seppur destinati a durare il tempo della Natività di Gesù bambino.

Col passare degli anni la storia cosiddetta “minore” ha riscoperto diversi racconti usciti dal silenzio della storiografia ufficiale:  il lancio del tabacco da una trincea all’altra tra i militari austro-tedeschi e quelli italiani, in cambio di un po’ di cibo o alcool oppure la storia del soldato tedesco cognato del soldato italiano ospitato a sfamarsi nelle gallerie delle truppe italiane sulla Marmolada: sono solo alcuni dei racconti che ora è possibile rievocare nel Presepio Artistico di Segusino che nell’ edizione 2017 ha deciso  infatti di ricordare la notte del Natale 1917 nelle gallerie e nelle trincee del Monte Grappa, col paese di Segusino sullo sfondo, realizzando  una scena a tema in ricordo proprio della tregua “natalizia” sul Fronte del Piave: una simbolica stretta di mano tra un militare italiano e uno austriaco, sulle cime del freddo e nevoso Monte Grappa.

Corredato di altre scene  in clima puramente natalizio, il Presepe di Segusino  si presenta  con la cura dei particolari fin nel minimo dettaglio, in un allestimento che copre una superficie di circa 100 mq tra le stanze dell’ex casa del cappellano, e utilizzando la tecnica delle scene riflesse tramite abili giochi di specchi per aumentare la prospettiva di ogni profondità scenica, e con una serie di effetti luce unici ed effetti speciali di forte impatto come la neve che cade.

Accanto al Presepe è possibile ripercorrere anche altri eventi legati ai tragici giorni di quel  1917:  dalla  mostra rievocativa-documentale su don Antonio Riva (vice parroco di Segusino durante il profugato a Fregona) e sui profughi della Grande Guerra allestita in Chiesa Parrocchiale dall’associazione “Drìoghe à la Stéla”, alla mostra dal titolo “Per non dimenticare” allestita dal Sig. Franco Canello presso il centro parrocchiale. Una serie di eventi della memoria inserita in un periodo più ampio di celebrazioni sui fatti della Grande Guerra, che inizia a dicembre e si protrarrà fino al 2018, in collaborazione con altre associazioni come il comitato Sagra Santa Lucia, la ProLoco, il gruppo Alpini, l’Amministrazione comunale di Segusino e anche il paese di Fregona (TV).

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Modigliana sull’Appennino tosco-emiliano, dove le vigne del Sangiovese sono un lascito dei Romani

A Modigliana sull’Appennino tosco-emiliano, dove le vigne del Sangiovese sono un lascito dei Romani

Il toponimo Modigliana si fa risalire al Castrum Mutilum (poi Mutiliana) di Tito Livio, campo militare in cima al colle dove si trova ora il convento...
Avete mai dormito tra mura medievali? La Casa Torre Ricci-Donati del 1100 restituita a Firenze

Avete mai dormito tra mura medievali? La Casa Torre Ricci-Donati del 1100 restituita a Firenze

Due anni e mezzo di lavori, oltre 2 milioni di euro di investimento e un intervento di recupero e valorizzazione che svela finalmente l'antica...
A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

A Carmagnola dove la storia piemontese si racconta tra castelli, palazzi e musei racchiusi in un’oasi verde

Atterraggio a Torino e poi di corsa fino al noleggiatore più vicino. Pochi minuti e pochi chilometri dopo, si è già sulla strada con tanta voglia di...
A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

A spasso tra i pescatori del pittoresco rione di El Gogul e le case-torri medievali: ecco Fano, gioiello marchigiano

Dalla grande ricchezza del patrimonio italiano affiorano tesori da scoprire, come chiese, palazzi, musei e capolavori, conservati in centri minori...
Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

Da Corigliano Calabro a Capo Colonna: lo Jonio visto dalla Calabria tra castelli, codici miniati e santuari magnogreci

E’ intenso il colore dello Jonio, al largo, mentre è color perla vicino alla battigia di sabbia dorata. L’acqua trasparente. C’è un senso di amenità...

Weekly in Italian

Recent Issues