Con Italy-America Chamber of Commerce Southeast nuovi strumenti per le startup italiane

Con Italy-America Chamber of Commerce Southeast nuovi strumenti per le startup italiane

Italy-America Chamber of Commerce Southeast (IACCSE) lancia un nuovo servizio per le imprese italiane che vogliono approdare in Florida. A darne notizia è Assocamerestero, spiegando che dal 1 febbraio 2018, sarà disponibile un incubatore di impresa che permetterà alle start-up italiane di appoggiarsi alla Camera di Commercio italiana a Miami per iniziare un percorso di internazionalizzazione negli Stati Uniti, con focus sulla Florida.

Quarta economia negli USA con un Pil di 882.798 milioni di dollari (dati 2015), oggi più che mai, la Florida costituisce un richiamo per aziende innovatrici provenienti da tutto il mondo.
Per avere contezza dell’importanza dei rapporti commerciali tra Italia e Florida, basti pensare che, tra il 2011 e il 2016, le esportazioni italiane verso il Sunshine State sono duplicate (dati Enterprise Florida), passando da 1.070 milioni di $ a 2.200 milioni di $.

Ecco perchè il servizio di incubatore di impresa della IACC – sottolineano da Miami - rappresenta “un’occasione unica per far crescere il proprio business puntando a un vasto mercato (ca. 20 milioni di abitanti), caratterizzato da consumatori con elevato potere d’acquisto e in grado di fungere da hub strategico per chi desideri riesportare verso l’America Latina”.

Le imprese interessate potranno, infatti, scegliere se affittare all’interno della sede camerale, in una location centrale collocata nel cuore economico e finanziario di Miami, una postazione privata o in co-working, usufruendo dei numerosi servizi logicistici, amministrativi, di segreteria e informativo-consulenziali messi a disposizione dalla Camera. Dal 1 febbraio 2018, infatti, saranno disponibili 4 spazi ammobiliati e dotati di wi-fi, fotocopiatrice multifunzione e un’ampia sala conferenze per 4 aziende qualificate che vogliano avviare la propria attività all’interno di un ufficio condiviso in un prestigioso grattacielo di Miami. Il servizio di incubazione ricomprenderà sessioni private di tutoring con consulenti legali, imprenditori e professionisti locali. In questo modo, conclude la Camera, “le start-up verranno introdotte non solo presso altre aziende attive sul territorio ma anche presso i soggetti istituzionali e gli enti di promozione economica locali”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Salvi olio, pasta e vino: gli Usa (principale mercato extraUe) non inaspriranno i dazi sull’agroalimentare made in Italy

Olio, pasta e vino non saranno penalizzati dalla revisione delle liste di merci Ue colpite dai dazi Usa. Il dipartimento del Commercio Statunitense...
Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

Resta il pericolo dazi ma il mercato Usa è necessario, strategico e non sostituibile per l'export italiano

L’Italia esce indenne dall’ultimo giro di valzer sui dazi: nessun nuovo prodotto Made in Italy entra nella lista rivista di quelli soggetti a nuove...
Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Nonostante l'incognita dazi Usa, la produzione dei vini certificati Doc e Docg della Toscana vola sui mercati esteri

Oltre il 50% della produzione certificata DOC e DOCG della Toscana vola sui mercati esteri, rappresentando circa il 19% del totale export di vini DOP...
Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

Nel carrello della spesa delle famiglie italiane sempre più Asiago Dop

La diffusione del coronavirus espone l’economia mondiale e quella italiana ad un crescente rischio di rallentamento. La Cina, dopo Stati Uniti e...
Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

Profondo rosso per l'export dei vini italiani (-7%) a causa dei Dazi Usa

I dazi statunitensi mettono nel caos l’export del vino. E a farne le spese, a dicembre, non sono solo i Paesi penalizzati in dogana ma anche l’Italia...

Weekly in Italian

Recent Issues